Creato da pino.bullara il 24/04/2011
Poesie di Pino Bullara

Benvenuti

 

 

Ognuno può esprimere

il proprio parere liberamente.

Le persone fanatiche,

bigotte e volgari

 non sono gradite.

 ------------------

 L’autore delle poesie
di questo blog è
Pino Bullara.
Ai sensi del D.L.196/2003,
il materiale qui contenuto
NON può essere copiato
o utilizzato da altri,
senza il permesso dell’autore.

 

blowing in the wind

 

 

Omino

La disubbidienza civile ( Gandhi)

  «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Gandhi).

 

Ultime visite al Blog

capbat1p.desimone2008pino.bullaragioia58_rxxxl_tuttasuifianchisabbia_nel_ventoansa007abisperiellyslssuperferrarirussoimmobiliaresrllubopoSky_Eaglemakavelikarobi19700
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

http://blog.libero.it

Agrigento: la valle dei templi.

 

L'agnello pasquale di Favara

 

Il mio sito

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

« CleopatraIMU »

Semiramide

Post n°132 pubblicato il 04 Giugno 2012 da pino.bullara

Semiramide

 

«Fui sempre a fianco del mio signore,

in campo di guerra o davanti al camino,

passavo con lui, i miei giorni e le ore:

io Semiramide, lui il re assiro Nino.

 

Combattevamo davanti a una breccia,

di una città dalle mura di grande mole,

qualcuno scoccò dall’alto una freccia:

sparì il mio sposo, al tramonto col sole.

 

Dopo l’esequie, ancora combattimenti

e andai  sicura di vittoria in vittoria.

Divenni regina di vasti possedimenti,

passai nella leggenda, oltre la storia.

 

Dall’Egitto fino alla Media, Babilonia

divenne il centro di un grande regno;

anche l’Etiopia divenne una colonia,

l’India assoggettai sotto il mio segno.

 

Ricostruii Babilonia da cima a fondo:

divennero i giardini pensili e le mura

tra le più belle meraviglie del mondo;

per tutti una legge e giustizia sicura.

 

Ma, per ambizione e sete di ricchezze,

mio figlio, con forza, si prese il potere.

Di me, poi, si diranno tante nefandezze.

Morii  amareggiata, per il dispiacere.»

(Pino Bullara)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog