Creato da pino.bullara il 24/04/2011
Poesie di Pino Bullara

Benvenuti

 

 

Ognuno può esprimere

il proprio parere liberamente.

Le persone fanatiche,

bigotte e volgari

 non sono gradite.

 ------------------

 L’autore delle poesie
di questo blog è
Pino Bullara.
Ai sensi del D.L.196/2003,
il materiale qui contenuto
NON può essere copiato
o utilizzato da altri,
senza il permesso dell’autore.

 

blowing in the wind

 

 

Omino

La disubbidienza civile ( Gandhi)

  «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Gandhi).

 

Ultime visite al Blog

capbat1p.desimone2008pino.bullaragioia58_rxxxl_tuttasuifianchisabbia_nel_ventoansa007abisperiellyslssuperferrarirussoimmobiliaresrllubopoSky_Eaglemakavelikarobi19700
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

http://blog.libero.it

Agrigento: la valle dei templi.

 

L'agnello pasquale di Favara

 

Il mio sito

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

« Scorre il tempoLe dita della mano... e ... »

Ora nel vento...

Post n°222 pubblicato il 24 Gennaio 2018 da pino.bullara

vestito-lager 

Ora nel vento...

 

«Ricordo quand'ero ancora bambino,

il tuo banco di scuola al mio era vicino,

studiavamo tutti la stessa lezione,

ed eravamo tutti una sola nazione.

 

La tua squadra del cuore... era la mia,

la tua casa... era nella mia stessa via;

tuo padre insieme al mio lavorava,

tua madre con la mia spesso stava.

 

Poi un dì, dissero che eri un Ebreo:

un ricercato dalla legge, cioè un reo;

dissero che con me non potevi più stare;

e una notte ti vennero a prelevare.

 

Sei salito su un carro bestiame;

ti han marchiato come un infame;

ti hanno messo un numero di lista,

e da allora, ti ho perso di vista.

 

Poi una notte, prelevarono anche me,

perché volevano sapere ancor di te,

perché non ero nel loro stesso coro;

perché anch'io ero diverso da loro.

 

Sono salito su un carro bestiame,

mi han marchiato, come un infame.

un numero di lista mi hanno dato,

e da allora, non son più ritornato.

 

Fui in un campo di concentramento:

quanta crudeltà! Poi volai nel vento.

Ti rivedo qui, compagno d'istruzione,

ora nel vento... siamo tutti una nazione.»

 

                                                  (Pino Bullara)

 
http://www.nelvento.eu/nelventop.jpg
HOME

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/poemeticando/trackback.php?msg=13600749

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
xxxl_tuttasuifianchi
xxxl_tuttasuifianchi il 25/01/18 alle 02:14 via WEB
Commovente... Ho visto stasera in seconda serata su rai2 un reportage dai campi di sterminio con testimonianze dei sopravvissuti, sono andata poi a letto ma non riuscivo a prendere sonno ripensando ai loro racconti, quindi mi sono alzata e leggo il tuo scritto così consono al mio stato d'animo di questo momento. Grazie. Silvia
(Rispondi)
 
pino.bullara
pino.bullara il 26/01/18 alle 18:08 via WEB
Grazie Silvia In questi versi ho dato la voce a uno dei tanti deportati e trucidati nei campi di sterminio; ho fatto intravedere gli orrori dell’olocausto, ma non me la sono sentito di sottolineare gli orrori che “la belva umana” è capace di commettere. Cordialmente, Pino
(Rispondi)
gioia58_r
gioia58_r il 26/01/18 alle 18:43 via WEB
molto vero...ma molto triste!
(Rispondi)
gioia58_r
gioia58_r il 16/04/18 alle 17:34 via WEB
Se passi di qui...tanto auguri!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.