Creato da portamarina.sr il 03/12/2008

Porta Marina

in un edificio del 1400 con un atmosfera elegante lo chef patron Salvo Di Mauro propone la sua cucina marinara rivisitata

 

 

CASA ALICE canale 416 di sky

Post n°79 pubblicato il 28 Novembre 2013 da portamarina.sr

LA PUNTATA DI CASA ALICE CON OSPITE LO CHEF SALVO DI MAURO

ANDRA' IN ONDA GIOVEDI'' 5 DICEMBRE ALLE 18:30

E VENERDI' 6 DICEMBRE ALLE 12:30

 
 
 

Natale

Il 24 dicembre siamo chiusi tutta la giornata.

Il 25 dicembre siamo aperti solo a pranzo con menù alla carta

 
 
 

San Silvestro e Capodanno

Il 31 dicembre siamo aperti a pranzo e cena con menù alla carta.

1 gennaio 2013 siamo aperti solo a pranzo con menù alla carta.

 
 
 
 
 

CASE VACANZE VITTORINI by Ristorante Porta Marina

Post n°71 pubblicato il 02 Settembre 2012 da portamarina.sr

 

WWW.CASEVACANZEVITTORINI.IT

Case vacanze vittorini è composta da tre mini appartamenti ristrutturati recentemente e dotati di tutti i comfort , ubicati in via vittorio veneto 121 in una corte del 1800 e in ronco del pioppo 13, nel cuore del centro storico di siracusa, a poca distanza dagli innumerovoli gioielli di ortigia dichiarata patrimonio mondiale dell’umanita dall’unesco nel 2000 . I nostri Appartamenti sono caratterizzati da archi risalenti al 1400 e pareti in pietra a vista che con il giusto gioco di luci rendono l’ambiente romantico adatto alle coppie che voglio visitare l’incantevole isola di ortigia. In estate a poca distanza dagli appartamenti è fruibile gratuitamente il solarium forte vigliena con discesa a mare che consente di fare una piacevole nuotata nelle acque che lambiscono l’isola.

Case Vacanze Vittorini è dotata di 3 mini appartamenti nel cuore del centro storico di siracusa:

- Appartamento EVENETO in via vittorio veneto 121

- Appartamento LOFT con terrazzo di 25 mq in via vittorio veneto 121

- Appartamento PIOPPO in ronco del pioppo 13

 
 
 

APP GUIDA VERDE SICILIA Touring Club - scaricabile GRATIS

Post n°69 pubblicato il 13 Giugno 2012 da portamarina.sr


ISTRUZIONI:
All’interno della pagina del sito
http://www.touringclub.com/iphone/sicilia.aspx

 

oltre alla descrizione e alle immagini relative all’Applicazione

trovate il link diretto ad App Store per poter effettuare immediatamente il download dell’App.
Venite indirizzati all’anteprima di iTunes,in modo da permetterti
di visualizzare tutte le caratteristiche dell’App, prima di procedere al download. Il download può essere effettuato solo da iTunes ed è
quindi necessario Installare questo programma sul proprio
personal computer prima di procedere.
Se iTunes è già installato,sul pc comparirà una schermata e basterà cliccare consenti per entrare in App Store e effettuare il download gratuito della App Guida Verde.
Se invece possiedi un iPhone o un iPad e stai
visualizzando il sito potrai effettuare il download direttamente sul dispositivo senza bisogno di installare iTunes.
Con pochi click potrai visualizzare la presenza del ristorante porta marina all’interno dell’App Guida Verde.

 
 
 

IL BLOG MOBILE del ristorante porta marina ottimizzato per tutti i cellulari

Post n°68 pubblicato il 05 Giugno 2012 da portamarina.sr

BLOG MOBILE

Il blog del ristorante Porta Marina è ora ottimizzato per tutti i cellulari.

VISITALO DA QUALSIASI SMARTPHONE AL SEGUENTE INDIRIZZO.......


clicca qui

 
 
 

ARTICOLO sulla rivista be quality & style

Post n°66 pubblicato il 05 Giugno 2012 da portamarina.sr

ARTICOLO COMPLETO presente nella rivista be quality & style

RICERCATEZZA E TALENTO

U’ Scogghiu, lo scoglio, è il nome che i siracusani danno a Ortigia, l’isolotto che costituisce il nucleo originario della città di Siracusa. Superato il Ponte Nuovo, sulla destra il mare, sulla sinistra i resti delle antiche mura spagnole erette nel Cinquecento e abbattute in epoca ottocentesca. La Porta Marina, inserita in questo sistema di difesa, è una delle porte d’ingresso a Ortigia, ma è anche uno dei Ristoranti più prestigiosi e raffinati della Sicilia sud orientale.
È incastonato come una pietra preziosa tra le viuzze del quartiere medievaledi Ortigia e poiché si trova in un tipico dammuso siciliano del 1400,con volte a crociera e pareti in pietra viva giuggiulena – la pietra arenaria, unaroccia sedimentaria gialla con cristalli di quarzo, proveniente dalle cave inprovincia di Siracusa – entrando, il colpo d’occhio è strepitoso.
Un’atmosfera rilassata ed elegante, favorita, oltre che dalla bellezza e dalla particolarità della costruzione, che irradia luminosità ed evoca il calore delle abitazioni rurali di un tempo, anche dal curioso e raffinato gioco di luci delle salette. Nella saletta dei templi un arco di origine sveva posto proprio
all’ingresso del ristorante e dipinti di artisti contemporanei alle pareti accolgono i clienti, mentre nel dammuso vero e proprio la sobria eleganzadi arredi e tovagliato rende l’ambiente suggestivo e raffinato; sulla destra, da un’apertura ricavata anch’essa nella pietra, si accede alla saletta Bacco, un piccolo ambiente decisamente più moderno ed appartato, dove riposano oltre
500 etichette di vini prestigiosi, siciliani di vitigni autoctoni, ma anche italiani e francesi delle migliori cantine in commercio.
Salvatore Di Mauro, detto Salvo, proprietario e chef del Porta Marina,è più di trent’anni che fa questo mestiere e il vino, per esempio, lo vuole assaggiaredi persona; per questo quando c’è un vino nuovo, ci va di persona nelle aziende vitivinicole – e in Sicilia ce ne sono tante – e, se gli piace, se lo porta a casa. Forte di una lunga esperienza nella ristorazione, per molti anni
anche presso lo storico ristorante di Siracusa Fratelli Bandiera, e coadiuvato da moglie e figli, Salvo fa questo mestiere con una passione e una dedizione tali da essersi meritato prestigiosi riconoscimenti da parte di autorevoli guide gastronomiche ma, ci dice, quello che maggiormente lo gratifica è la possibilità di creare, di reiventare i piatti della tradizione siciliana, utilizzando
ogni giorno pesce e materie prime freschissime – rigorosamente locali – e selezionate personalmente da lui, per dar sfogo al suo estro creativo e alla sua originalità.
Nascono così gli spaghetti alla chitarra con tonno fresco, rucola, pomodoro ciliegino e una grattuggiatina di tartufo di Palazzolo – il pregiato bianchetto – dove il tartufo viene prima tritato e messo a conserva sott’olio – solo olio extravergine d’oliva dop dei Monti Iblei! – e soffritto con cipollae prezzemolo tagliati al coltello perché Salvo non usa mixer, e infine anche affettato sugli spaghetti. O il pesce in agrodolce con finocchietto selvatico e
contorno di caponatina – quella alla siracusana, però, innaffiato da un ottimo bianco Albanello Pretiosa – Cantine Enofanusa, solo per citare uno degli
eccellenti vini proposti… Una cucina marinara, di matrice mediterranea ma con una forte caratterizzazione locale, aretusea, per creare accostamenti particolari che diventano piatti nuovi e sempre diversi. E pasta fresca e dolci fatti in casa, come la famosa torta Porta Marina, con crema di ricotta, crema di pistacchi di Bronte e glassa al cioccolato fondente modicano.La passione per questo lavoro Salvo Di Mauro ce l’ha da ragazzino e con i
clienti è cordiale e disponibile, mettendocela tutta per soddisfare al meglio le loro richieste: attori, gente dello spettacolo, turisti o clienti comuni che siano. 
Basti pensare che la scorsa estate, su richiesta di un magnate russo in vacanza a Ortigia – che nella bellissima cornice di Castello Maniace ha fatto ricostruire un’intera città del Trecento – ha preparato una cena in stile medievale per centinaia d’invitati, con tanto di cosce di vitello arrosto, fagiani e maialini al forno spennellati con miele e grasso naturale!

 
 
 
 
 

I 555 MIGLIORI RISTORANTI DEL GOLOSARIO

Post n°61 pubblicato il 11 Febbraio 2012 da portamarina.sr

555 ristoranti eccellenti da non perdere, selezionati da Paolo Massobrio nel corso dei suoi viaggi in giro per l’Italia, 555 nomi buttati giù senza tirare fiato, quasi a occhi chiusi, col solo criterio della felicità del palato. Non c’è democrazia territoriale in queste citazioni, non c’è il ristorante stellato o la trattoria. Ci sono entrambi, basta che abbiano emozionato a tal punto da dire a un amico: Vai lì che ne vale la pena. Ecco quindi cinquecento locali dove provare la stessa, buona emozione di fronte al Gusto con la G maiuscola.

siracusa (Sr)
PORTA MARINA
via dei candelai, 35
tel. 0039093122553
www.ristoranteportamarina.135.it

Riposo settimanale: lunedì
Ferie: febbraio
Prezzo menu: Euro 45
Carte di credito: tutte
Coperti: 60

Se avete scelto come meta Siracusa, nella zona di Ortigia, dovete sapere che la nostra preferenza, oggi, è per la cucina di questo giovane chef, Salvo, che ci ha davvero stupiti. Il locale è familiare e raccolto, lo trovate in un vicolo caratteristico, subito vicino all'ingresso della prima porta che immette, dal porto all'abitato. Non a caso si chiama Porta Marina. Ebbene qui, sappiate che lo chef conosce alla perfezione sia i vini del territorio, sia i piatti della tradizione che lui cucina con grande capacità. Dei nostri assaggi: arancinetti al nero su vellutata di piselli e ricotte, hamburger di tonno con lardo di montagna e marmellata di cipolle, gamberi in cialda di patate, calamari con il loro nero allo zenzero e profumo di limone. Grandiose le fettuccine alla Salvo, piatto che vale il viaggio, ma anche il tonno in agrodolce alla siracusana e il grandioso parfait alla mandorle in chiusura. Siamo stati molto bene. Ci torneremo, anche perché l'offerta dei piatti è davvero ampia, e siamo solo all'inizio. Il menu sorprese di sette portate è a 45 euro, più o meno quanto spenderete alla carta, ma con tre piatti in meno.


 fonte: http://www.clubpapillon.it/ristoranti_golosario3.asp?id=45234246

 
 
 

Il ristorante porta marina approda su twitter

Post n°59 pubblicato il 23 Gennaio 2012 da portamarina.sr

Siamo presenti su twiteer

https://twitter.com/#!/PortaMarinasr

 

 
 
 

rievocazione medievale al castello maniace

Post n°52 pubblicato il 14 Agosto 2011 da portamarina.sr

SICILIA - Rievocazione medievale privata.
articolo sul quotidiano LA SICILIA di Lunedì 01 Agosto 2011



Code al casello autostradale di San Gregorio
Paola Altomonte
Siracusa. Arieti, gogne, catapulte e arredi dell'epoca sono stati portati via sabato sera, subito dopo l'evento. E già all'una, al castello Maniace di Siracusa, non rimaneva nulla della rievocazione del Medioevo, voluta da una facoltosa famiglia straniera con tre figli al seguito.
Soltanto per loro, pare, sia stata organizzata la ricostruzione minuziosa della vita all'interno di un villaggio del ‘300 con tutte le arti e i mestieri dell'epoca. I bambini e gli anziani. In tema, ovviamente, anche la cena, preparata da Salvo del ristorante siracusano «Porta Marina», seguendo scrupolosamente quanto descritto in alcuni trattati medievali. L'evento è stato blindatissimo e top secret. Ma chi ha lavorato alla sua riuscita assicura che parteciparvi avrebbe significato ritrovare la storia e le radici del Medioevo in un angolo suggestivo di Siracusa. Quasi 300 le maestranze e i figuranti, rigorosamente siciliani, che hanno permesso alla facoltosa famiglia di rivivere l'atmosfera medievale in una location unica e suggestiva. Gli sbandieratori di Motta Sant'Anastasia, i tamburini di Buccheri, i giocolieri di Paternò, musicisti di Palermo specializzati in musica medievale e poi ancora il gruppo falconieri di Sicilia e l'associazione «Amico del cavallo» sono infatti state soltanto alcune delle figure impegnate in quella che, come tiene a precisare la «Luise associates Sicily», organizzatrice dell'evento, non è stata una festa, bensì una rievocazione storico-artistica del Medioevo, animata da un nobile intento: quello di promuovere sul mercato internazionale la Sicilia e il suo straordinario patrimonio di figure professionali, qualificate e preparate.
Obiettivo a quanto pare centrato. La facoltosa famiglia è rimasta soddisfatta della riuscita della manifestazione, che si è snodata dalle 18 alle 21. Il nucleo familiare è giunto nella fortezza federiciana via mare, a bordo dello yacht «Were Dreams». Si è mossa tra ali di figuranti in abiti d'epoca per concludere la serata nel salone principale del castello, dove si è tenuta la cena a tema.
L'evento ieri ha lasciato il posto ai pettegolezzi e alle critiche. Ad animare il passaparola in città è stato soprattutto lo stretto riserbo sulla famiglia per cui è stata realizzata la manifestazione. E così la gente ha iniziato a fantasticare. «Si tratta di un principe russo che ha voluto esaudire un desiderio della figlioletta» ha raccontato qualcuno. «Sono americani» ha replicato qualcun altro. Tutti concordi, invece, sul costo dell'operazione, circa 400mila euro, sostengono i soliti ben informati.
L'azienda che ha permesso la realizzazione della rievocazione storica precisa che sabato mattina, durante i preparativi, il castello Maniace ha continuato ad essere fruibile, tanto che turisti spagnoli avevano chiesto di partecipare all'evento come comparse. .


01/08/2011

 
 
 

ristorante porta marina articolo sulla rivista ALIANTE dell'aeroporto di catania

Post n°47 pubblicato il 15 Aprile 2011 da portamarina.sr

 

Equilibrio ideale tra tecnica e sentimento

 L'articolo che parla di noi è alla pag. 51 della rivista bimestrale aliante LINK:http://www.edizionialiante.it/uploaded/allegati/129542.pdf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

60 papilon direttore Paolo Massobrio

Post n°46 pubblicato il 29 Dicembre 2010 da portamarina.sr

 
 
 

pubblicazione settembre ottobre 2010

Post n°45 pubblicato il 29 Dicembre 2010 da portamarina.sr

 
 
 

PAOLO MASSOBRIO - l'assaggio del giorno prima

Post n°43 pubblicato il 26 Ottobre 2010 da portamarina.sr

Siracusa è a tutti gli effetti una città turistica fra le più belle d'Italia. Se poi andate nel quartiere Ortigia, ovvero nella Siracusa vecchia, non esitate a cercare il ristorante Porta Marina da Salvo, un giovane promettente cuoco (via Candelai, 35 - tel. 093122553) che ci ha conquistati. Il piatto in foto, le fettuccine alla Salvo, sono radiosissime. E il resto... su barbabietola.

link alla notizia del giorno


 

L'ASSAGGIO DI IERI. Ma che bella Siracusa, di giorno e di notte, vista dalla terrazza dell' Hotel des Etrangers di Ortigia. In un vicolo abbiamo incontrato dunque la cucina da Salvo, che gestisce il ristorante Porta Marina. Per noi gli arancinetti al nero su vellutata di piselli e ricotte, l'hamburger di tonno con lardo di montagna e marmellata di cipolle, i gamberi in cialda di patate, il calamari con il loro nero allo zenzero e profumo di limone. Grandiose le fettuccine alla Salvo, ma anche il tonno in agrodolce alla siracusana e il grandioso parfait alla mandorle. Come siamo stati bene. Anche la cantina è da premio.

link al blog barbabietola.

(per leggere il commento su di noi scorrere la pagina fino alla data 26102010)

 
 
 

VIA DEI CANDELAI

Post n°41 pubblicato il 11 Giugno 2010 da portamarina.sr

 
 
 

The Travel Editor

Post n°40 pubblicato il 02 Giugno 2010 da portamarina.sr

The Porta Marina da Salvo is one of a growing number of Sicilian restaurants confounding the stereotype Northern Italians lay on this gutsy regional cuisine. Yes, there will always be the freshest catch proudly displayed for diners' approval, it will invariably be preceded by pasta and the food will be only minimally mucked about with - but that doesn't rule out finesse and sophistication.

Porta Marina is up a tiny lane on the historic and beautiful island of Ortigia, the ancient heart of Siracusa, Sicily's archaelogical jewel.  The restaurant, like the island itself, is full of unexpected ruins - its vaulted mediaeval dining room contains an ancient Greek head within its exposed stone walls.

Here, in the most atmospheric surroundings, we ate our fish and pasta in one delightful and unexpected way after another. Chef-owner Salvos di Mauro's inspiration?  He says: "It's a love story - my wife, Maria, is my muse".

A tasting menu started with the most delicate tuna tartare, carefully spiced and moistened with the finest Monte Ibleo olive oil. Then we were served morsels of warm octopus, sauteed with paprika on a little bed of crushed chickpeas. 

Next came Spaghetti Salvo, for which our host won an all-Italy prize in Milan for the best pasta dish - quite an achievement given how those northern chefs like to look down their nose at the Sicilians. The sauce is a gorgeous amalgum of chopped shrimps, smoked swordfish, tomatoes, almonds, and a little of that superb local olive oil Salvo loves.  
 
"Caviar di couscous" turned out to be a little mould of grain blackened with squid ink and lemon rind, and then, mercifully, we were on to our final savoury course - a single giant prawn wrapped in the "shredded wheat" ketaiffi strands usually seen housing sweet pistachio fillings on the Middle Eastern pastry shelf.

Blood orange rind gave a delicate and unusual lift to the shellfish - perhaps pared from the same fruit which reappeared in a dessert of caramelised blood orange segments. This was actually just one part of a trio also comprising grilled pear and vanilla ice-cream.

With the first few courses we were served a delightfully flinty Terre della Baronie from Milazzo, made from native insolio grapes, before being switched to Tripudium.  Like most Sicilian chardonnays, this was rich but much more delicate than over-oaked examples from Australia and California. It was a shock to find so many reasonably-priced good local wines in such a fine restaurant - a wide choice at less than £20 a bottle.

Although the restaurant is elegant, and Maria a very proper and conservative maitresse d' as well as muse, she manages to foster a very relaxed and buzzy ambience. All the waiters keep a constant eye on every table and make guests feel loved and looked after. With food which also speaks of love, It can't be long before Salvo, already recognised by Michelin, is awarded his first star.

 

LINK

 
 
 

Itineraries

Post n°39 pubblicato il 29 Maggio 2010 da portamarina.sr

 

http://www.itisicily.it/sponsorlinks.htm

 
 
 

Mensile di aprile 2010 GAMBERO ROSSO

Post n°38 pubblicato il 22 Aprile 2010 da portamarina.sr

 
 
 
Successivi »
 

SITO DEL RISTORANTE

VIDEO RISTORANTE PORTA MARINA

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom