Creato da angi137 il 26/08/2010
"Solo la penombra permette di ammirare la beltà..." J.Tanizaki

Pagina Facebook

 

Angela Fabbri

@angi137

 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Ultime visite al Blog

 
les_mots_de_sablenavighetortempom0n0liteMAGNETHIKAtweety13Afroditemagicasimona_77rmscricciolo68lbrfiliditempoLaFormaDellAnimatempestadamore_1967Desert.69LaStanzaChiusaMAX.TIRILLIOgryllo73
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Tag

 

Ultime pubblicazioni

 

TANKA è disponibile in tutti gli store online sia in ebook sia in cartaceo.

 

La corona del cielo è ora disponibile anche in edizione cartacea, con un racconto in più!!

Lo trovate anche su Amazon, Kobo store, Mondadori, IBS e sui principali store online.

 

Anche Giardini di sabbia è ora disponibile in tutti gli store.

Il Vicolo - Cesena

 

La corona del cielo

edizione digitale

copertina

 

NOTIZIE

 

Giardini di Sabbia su Radio Emilia Romagna.

 

La banalità del male una riflessione sul libro di Hannah Arendt. 

 
 

 

 
« BUON ANNO NUOVOPARIGI, O CARA... »

IL CUORE DI TENEBRE DI NOTRE DAME

Post n°115 pubblicato il 16 Aprile 2019 da angi137
 

Notre Dame ha un cuore di tenebre. Ho pensato questo la prima volta che sono entrata nella sua penombra sacra. Un cuore oscuro e malvagio che pulsa, minaccioso, al centro del suo essere, trattenuto eroicamente dai suoi Santi austeri, dalle vetrate che fanno entrare pozze di luce arcobaleno, dalla Vergine in posa provocante. Forse la pensava così anche Hugo quando immaginava il suo mostruoso campanaro aggirarsi nella foresta di pietra delle sue navate, non so.

Era un pensiero strano, e lontano nel tempo più di vent'anni, eppure quando ho visto il fuoco divorare la cattedrale e la sua guglia rovinare penosamente al suolo mi è tornata in mente quella prima sensazione curiosa. Se fossimo in un romanzo gotico, o magari in un thriller di Dan Brown, ci sarebbero oscure forze all'opera sulle linee di energia, nell'ora dell'amara sconfitta del bene. Bene che alla fine, teologicamente, vince sempre. Ma non siamo in un romanzo gotico, purtroppo o per fortuna.

E così l'idea che sia stato un banale incidente, un'incuria, una fatalità a causare tanta rovina fa ancora più male. Tutte le cose umane sono destinate a finire, ma di alcune non vorremmo mai assistere alla fine. La rovina di Notre Dame non è una vittoria del Diavolo, ma una sconfitta tragicamente umana.

E mi vengono in mente i templi giapponesi, ricostruiti ogni cinquant'anni, puntigliosamente uguali, mai gli stessi, come tante navi di Teseo lanciate sul mare del tempo. Come faremo a ricostruire Notre Dame? Abbiamo dato la nostra fiducia alla pietra e all'eterno, ma la pietra non dura e l'eternità è illusione. Forse è arrivato il tempo di riscoprire che tutta la nostra Terra è un luogo sacro. Panta rei... Tutto scorre.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog