Un blog creato da cassetta2 il 07/11/2003

BLOGGO NOTES

L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore...

 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 17
Prov: VI
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 118
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

[•=•] NULLAFACENTI

Contatore siti

 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

Machiavellico e probabile:)
Inviato da: Estelle_k
il 16/01/2021 alle 16:35
 
Ah ah ah! E potrebbe pure essere!
Inviato da: massimocoppa
il 16/01/2021 alle 15:10
 
Ne sei convinto? Nel 2030 c'è il reset generale?
Inviato da: chiedididario66
il 16/01/2021 alle 14:18
 
Sei manovrato da Soros, in combutta con gli Evroniani
Inviato da: jigendaisuke
il 16/01/2021 alle 12:23
 
Decisamente non vorrei esserti vicino in momenti come...
Inviato da: licsi35pe
il 16/01/2021 alle 12:17
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« = =||= == Sed fugit interea fugi... »

Turismo musicale

Post n°3283 pubblicato il 06 Novembre 2012 da cassetta2
Foto di cassetta2

Ieri sera ero all'Alcatraz al concerto degli Ultravox. I quattro sul palco (una media di 60 anni d’età, non so se mi spiego) non accennano a fare pause, e chiudono due ore serrate di live con un paio di bis notevoli: The Thin Wall e una versione di The Voice che spiazza con un finale acustico di sole percussioni. Gran concerto, un electro-pop-rock di gusto, quasi elegante ma per niente asettico. E gli Ultravox danno l’idea di gente che ci credeva allora, e ci crede ancora. Audio del concerto: qui.

Shot: Milano

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog