Un blog creato da cassetta2 il 07/11/2003

BLOGGO NOTES

L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore.

 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 17
Prov: VI
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 124
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

[•=•] NULLAFACENTI

Contatore siti

 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

E la poltrona? Mi stai facendo del "poltronismo"?
Inviato da: jigendaisuke
il 27/07/2021 alle 19:26
 
Eh sì ... senza di loro come si potrebbe??? :)
Inviato da: elyrav
il 27/07/2021 alle 08:43
 
Interessante nonsense
Inviato da: several1
il 27/07/2021 alle 07:54
 
Soprattutto il letto. La posizione orizzontale è...
Inviato da: maps.14
il 27/07/2021 alle 07:27
 
Già che ci siamo, perchè non "svuotifico"?........
Inviato da: woodenship
il 27/07/2021 alle 02:34
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« &#13025; 12 &#127975; p2...&#13025; 0 &#127975; p0 ... »

Abbiate cura di voi

Post n°5128 pubblicato il 31 Dicembre 2017 da cassetta2
Foto di cassetta2

Non so se sia il passaggio del vecchio anno che annuncia in modo inevitabile il tempo che passa, ma da sempre cerco di evitare il capodanno.
Ho anche particolare antipatia per le festività obbligatorie e il loro divertimento comandato ad orologeria. Cosi ho elaborato una strategia di grande efficacia. Mi trovo a mezzanotte sull'autostrada, con la mia esaltazione per la condizione di privilegio, di totale isolamento nel momento cruciale. Nel vuoto assoluto, in un silenzio irreale, a volte con la neve, come accadeva più facilmente da bambini, sospeso nel tempo per un quarto d'ora, solo.
Tutte le macchine ferme, l'autostrada deserta, la meta ancora lontana, nessun turbamento, nessun obbligo.
Quando, dopo la sosta nella contemplazione del vuoto, si riprende il viaggio, tutto è compiuto. Un anno è passato. Un altro uguale, comincia. Fatico ad immaginare un altro capodanno che non sia solo per me, incondiviso, senza scappare, senza rabbia o disgusto ma semplicemente con un'assenza calcolata, proprio nel momento in cui nessuno se lo vuole permettere.

Shot: Breganze

 
 
 
Vai alla Home Page del blog