FREUDCONTROFREUD?

UNA STORIA ANCORA TUTTA DA SCRIVERE

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

CURATO AGITATO (4 RISATE)

>

Il nuovo curato della parrocchia era molto nervoso per la sua prima messa e quasi non riusciva a parlare. Domandò quindi all'arcivescovo come poteva fare per rilassarsi e questi gli suggerì di mettere alcune gocce di vodka nell'acqua della messa. Così fece. Si sentì così bene che avrebbe potuto fare la predica in mezzo ad una tempesta.Però quando tornò trovò la seguente lettera dell'arcivescovo:                                                                                                                                                        

"Caro Don Angelo, qualche appunto spicciolo: 1) Per la prossima volta, metta gocce di vodka nell'acqua e non gocce d'acqua nella vodka e non metta limone e zucchero sul bordo del calice. 2) La prossima volta sorseggi, invece di scolare. 3) La manica della tonaca non deve essere usata come tovagliolo. 4) L'altare non e' un mobile-bar e il messale non e' un sottobicchiere. 5) Ci sono 10 comandamenti e non 12.6. Ci sono 12 discepoli e non 10.7 e i vizi capitali non sono i peccati degli abitanti di Roma. 8) Non ci si riferisce alla croce come "quella grande T di legno". 9) Non ci si riferisce a Gesù Cristo e i suoi discepoli come "GC e la sua band". 10) Non ci si riferisce a Giuda come "quel figlio di puttana", e sua madre e suo padre non erano rispettivamente una zoccola e un ricchione. 11) Davide ha sconfitto Golia, non ha cercato di inchiappettarlo. 12) Non si riferisca a Giuda come al "fetentone". 13) Il Papa è sacro, non castrato, e non si usa chiamarlo “Il Padrino”. 14) Giuda ha venduto Gesù nel Sinedrio, non in un "localaccio malfamato" o nel bazar persiano. 15) E il prezzo erano 30 monete d'oro, non "30 sacchi".

 

>

16) Il  Padre, il Figlio e lo Spirito Santo non sono il Vecchio, Junior e il Fantasmino. 17) Quella "casetta" era il confessionale e non la toilette. La toilette dove ha orinato a metà messa in realtà era il confessionale... e non è bello bestemmiare perché non hanno messo lo sciacquone .18) L'iniziativa di chiamare il pubblico a battere le mani è stata lodevole, però ballare la macarena dopo aver fatto la selezione delle devote ed aver scelto la più giovane e poppona e poi, come se non bastasse, fare il trenino, mi sembra esagerato. 19) L'acqua santa serve per benedire e non per rinfrescarsi la nuca sudata. 20) Le Ostie vanno distribuite ai fedeli che si comunicano, non devono essere offerte come una specie di patatine e come antipastini e accompagnate dal vin santo. 21) Quello sulla croce, anche se con la barba assomiglia a Che Guevara, non era lui ma Nostro Signore Gesù Cristo. 22) Berlusconi è proprietario di Mediaset e del Governo italiano, ma non ancora il Boss della Chiesa Cattolica. 23) Cerchi di indossare le mutande e quando ha caldo eviti di rinfrescarsi tirando su la tonaca. 24) I peccatori quando muoiono vanno all'inferno, non “a farsi fottere”. 25) Ricordo ancora che la messa deve durare un'ora circa e non due tempi da 45 minuti e che quello che girava vestito di nero e' il sagrestano, non "quel cornuto dell'arbitro". 26) Quello che le stava seduto di fianco a lei ero io, il suo Arcivescovo, non "...una vecchia checca in gonna rossa" 27) La formula finale corretta e' "La Messa e' finita, andate in pace" e non "Va beh,basta che adesso ho mal di testa, andatevene tutti fuori dai coglioni".

Per il resto, mi pare andasse tutto bene.

L'Arcivescovo.

 

 

« INNAMORAMENTO E AMORE...continuaSUICIDIO (2) - (...conti... »

SUICIDIO (3) - (...fine) SEQUESTRATI

Post n°32 pubblicato il 13 Ottobre 2012 da carmarry

"Forse perché della fatal quiete tu sei l'imago / a me sì cara vieni, o sera" dirà Foscolo. "Bella morte pietosa / non tardar più, t'inchina / a disusati pregi, / chiudi alla luce ormai / questi occhi tristi, / o dell'età reina / ...null'altro in alcun tempo / sperar se non te sola". Leopardi è uno che ha banchettato con l'dea della morte ogni giorno ed ha usato la vita come scusa per amarla, riuscendovi peraltro. Nei "Pensieri" dirà che "la morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desideri. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte e desiderano la vecchiezza". Del resto è intuibile che nella paura anche la morte può far paura, col suo mistero, il suo fascino che però trascina nel dubbio della fine. E' forse giusto quello che Shakespeare fa dire ad Amleto: "...sennonché il timore di qualche cosa dopo la morte, il paese non ancora scoperto dal cui confine nessun viaggiatore ritorna, confonde la volontà, e ci fa piuttosto sopportare i mali che abbiamo, che non volare verso altri che non conosciamo. Così la coscienza ci fa tutti sempre più soli e vili ". Ritorna il concetto che rapina la vita e la voglia di viverla dell'uomo: la solitudine. Dentro di sé. Solitudine violenta, come quella di un sequestrato in Barbagia o in Aspromonte. E in fondo anche col sequestro fisico l'uomo non fa altro che ripetere la storia già scritta di una società miserabile che ripete all'infinito i suoi errori fino a renderli riti accettabili. Una condizione di sequestro esistenziale che l'uomo sperimenta nella solitudine, un sequestro in mezzo alla gente. Soli, in una grotta di indifferenza, scavata dall'egoismo di una società attenta solo a ciò che aumenta il narcisismo o il successo. Si può essere sequestrati su una panchina di un parco: un uomo che aspetta il riscatto della morte. Come un rapito egli sente il silenzio attorno a sé, attento a percepire il rumore della liberazione, che è solo il rumore sempre tradito del desiderio. Talvolta il rapito muore nella tana del sequestro, quando nessuno è disposto a pagare un riscatto e tutti fanno finta di cercarlo per non trovarlo. Riscattare la solitudine che la morte psichica induce, richiede un prezzo troppo alto, perché significa rinunciare a se stessi, diventare un altro. Impossibile! La solitudine psichica è sempre un sequestro disperato o una follia irreversibile, la madre di tutti i suicidi non eroici. E' per questo che l'uomo ha paura della solitudine fisica, immagine di quella del sé, e tende sempre ad appoggiarsi almeno alla paura di un altro, per sopportare la propria. Ci sono bambini rapiti fin dalla nascita, poiché hanno visto subito il volto dell'abbandono. Al loro pianto rispondeva il silenzio. Lo stesso che, inevitabilmente scende dentro di sé. La solitudine "dell'anima" è il dramma di un uomo soffocato dalla gente che non lo vede. La solitudine è piangere tra chi non sa cosa sia una lacrima; è gridare senza voce. Come in una grotta dell'Aspromonte, quando ogni espressione umana si fa pietra disanimata. Una lacrima evapora al calore, senza nemmeno bagnare il volto. Ho conosciuto persone che vivono sepolte nella propria stanza fatta di mura tanto solide da non lasciarsi più attraversare da nulla, all'interno di case abitate dall'indifferenza della frenesia di questo vivere correndo anche quando si potrebbe passeggiare. Ma pure di questo si è perso il gusto...perché non è utile o almeno non indispensabile. Ho conosciuto persone che hanno tutto il coraggio o la forza per uccidersi, ma gli manca la voglia di farlo, come gli manca quella di vivere: sequestrate dalla propria psiche, dalla propria morte e dalla propria vita! Questa solitudine è la condizione di un suicida privato degli arti che gli sono indispensabili per morire. Un'attesa incommensurabile fatta di attimi che si consumano lenti come tanti infiniti dentro un solo esistere. Succede che si muoia perché è meglio per gli altri ma anche che si viva per lo stesso motivo. Credo che ogni uomo porta dentro di sé un piccolo Aspromonte, un pezzo di Barbagia ed ha una tana dove nascondersi o forse gettarsi per la disperazione e la paura. Un utero di morte. Ma in alcune di queste prigioni non c'è nemmeno un carceriere, nessuna richiesta di riscatto, poiché non si ha prezzo, si è fuori mercato. Un uomo senza valore, senza senso. Solo, senza che nessuno lo sappia. Non un poliziotto, un carabiniere che lo cerchi. Non è nemmeno un numero, l'astrazione più tragica dell'uomo. Ognuno nella solitudine diventa tomba di se stesso, coperto da una pietra sepolcrale senza il ricordo di un fiore appassito che racconti di un lontano profumo. Il riscatto a volte avviene e talora è un semplice sorriso, talora una parola che faccia sentire vibrare l'aria, uno sguardo che dicano:" Ti capisco. Condivido". E "condivido" è una parola che può diventare magica se è "vera". Ma il più delle volte da questi incontri con persone che non dimenticherò mai, sono uscito sconfitto ma forse anche rafforzato. Non mi sarebbe possibile spiegare né l'una né l'altra cosa. So solo che è accaduta e va bene così. Qualcun altro si è accorto della propria esistenza nella sofferenza e della propria sofferenza nell'esistere. Ma raramente è andata così. Il suicidio del resto -definiamolo finalmente- è l'ultimo grido disperato di un sequestrato abbandonato in una caverna del sentimento. E' la paura attonita di essere già morto, la storia triste di un rapito dentro una città dove si svolge incessantemente il rito della lotta senza sosta per arrivare primi, non importa dove, magari solo alla fermata del tram: dovunque c'è un frammento di Barbagia e una tana d'Aspromonte. E solo una personalità sana o risanata resisterà alla voglia di diventare pietra tra le pietre. Ecco perché mi piacerebbe non dover mai più sentire quella frase che dopo un po' lacera le cellule di un cervello che sa di già dove verosimilmente porterà chi la dice: "sono fatto così". Solo per qualcuno, pochi: "Sono fatto così... purtroppo"! Ed ancora più difficile è dover constatare che in una espressione così triste, perché piena di una insondabile rassegnazione - "purtroppo" - si può cogliere una speranza,seppur vaga...ma possibile,di lavoro, di un percorso da effettuare insieme perché in un apparentemente banale "purtroppo", c'è una consapevolezza e la consapevolezza può diventare la possibile speranza di una vita che vuole continuare a dispetto di una morte che preme per prenderne il posto. Ma che sia brutta o bella, l'espressione di riferimento, l'importante è coglierla e questo è compito dello psichiatra: cogliere quel barlume di speranza in una mente senza più riverberi di luci, che vive nel nero più marcio che una mente sana possa immaginare. Del resto, senza essere tale, ma esprimendo una tanto impareggiabile quanto nota sensibilità, quel grande poeta prestato alla musica che è stato Fabrizio De Andrè, molto profondamente, nella strofa di una sua canzone, diceva: "...dai diamanti non nasce niente... dal letame nascono i fiori...". Eppure... "signori benpensanti",  sarebbe tutto ancora così facile e possibile, perché anche se nessuno lo ammette, tutti lo desiderano in fondo...ritornare ad essere "uomini tra gli uomini", regalare un sorriso, emozionarsi per un tramonto, soffrire per un amore, godere della risata fresca di un bambino, aiutare un vecchio ad attraversare la strada e poter ascoltare qualche suo ricordo espresso in poche frasi, ammirare un arcobaleno...far volare un aquilone!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/psicoleggiando/trackback.php?msg=11641575

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
glicini.in.fiore
glicini.in.fiore il 14/10/12 alle 12:03 via WEB
Devo per forza tornare in un secondo momento per leggere TUTT con calma...ci tengo!!! Per ora ti lascio un saluto e ti ti dico di nuovo GRAZIE! anche se mi dirai che non serve!!! Buona domenica Carlo!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: carmarry
Data di creazione: 21/07/2012
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nodopurpureogin52virna.bpyssy66carmarryfarfallinaincantataing.zengarininiko420maria.leonardo0pirata33fedelsa1ernestoandolinaroyrvseneh
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ANIMA MIA