FREUDCONTROFREUD?

UNA STORIA ANCORA TUTTA DA SCRIVERE

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

CURATO AGITATO (4 RISATE)

>

Il nuovo curato della parrocchia era molto nervoso per la sua prima messa e quasi non riusciva a parlare. Domandò quindi all'arcivescovo come poteva fare per rilassarsi e questi gli suggerì di mettere alcune gocce di vodka nell'acqua della messa. Così fece. Si sentì così bene che avrebbe potuto fare la predica in mezzo ad una tempesta.Però quando tornò trovò la seguente lettera dell'arcivescovo:                                                                                                                                                        

"Caro Don Angelo, qualche appunto spicciolo: 1) Per la prossima volta, metta gocce di vodka nell'acqua e non gocce d'acqua nella vodka e non metta limone e zucchero sul bordo del calice. 2) La prossima volta sorseggi, invece di scolare. 3) La manica della tonaca non deve essere usata come tovagliolo. 4) L'altare non e' un mobile-bar e il messale non e' un sottobicchiere. 5) Ci sono 10 comandamenti e non 12.6. Ci sono 12 discepoli e non 10.7 e i vizi capitali non sono i peccati degli abitanti di Roma. 8) Non ci si riferisce alla croce come "quella grande T di legno". 9) Non ci si riferisce a Gesù Cristo e i suoi discepoli come "GC e la sua band". 10) Non ci si riferisce a Giuda come "quel figlio di puttana", e sua madre e suo padre non erano rispettivamente una zoccola e un ricchione. 11) Davide ha sconfitto Golia, non ha cercato di inchiappettarlo. 12) Non si riferisca a Giuda come al "fetentone". 13) Il Papa è sacro, non castrato, e non si usa chiamarlo “Il Padrino”. 14) Giuda ha venduto Gesù nel Sinedrio, non in un "localaccio malfamato" o nel bazar persiano. 15) E il prezzo erano 30 monete d'oro, non "30 sacchi".

 

>

16) Il  Padre, il Figlio e lo Spirito Santo non sono il Vecchio, Junior e il Fantasmino. 17) Quella "casetta" era il confessionale e non la toilette. La toilette dove ha orinato a metà messa in realtà era il confessionale... e non è bello bestemmiare perché non hanno messo lo sciacquone .18) L'iniziativa di chiamare il pubblico a battere le mani è stata lodevole, però ballare la macarena dopo aver fatto la selezione delle devote ed aver scelto la più giovane e poppona e poi, come se non bastasse, fare il trenino, mi sembra esagerato. 19) L'acqua santa serve per benedire e non per rinfrescarsi la nuca sudata. 20) Le Ostie vanno distribuite ai fedeli che si comunicano, non devono essere offerte come una specie di patatine e come antipastini e accompagnate dal vin santo. 21) Quello sulla croce, anche se con la barba assomiglia a Che Guevara, non era lui ma Nostro Signore Gesù Cristo. 22) Berlusconi è proprietario di Mediaset e del Governo italiano, ma non ancora il Boss della Chiesa Cattolica. 23) Cerchi di indossare le mutande e quando ha caldo eviti di rinfrescarsi tirando su la tonaca. 24) I peccatori quando muoiono vanno all'inferno, non “a farsi fottere”. 25) Ricordo ancora che la messa deve durare un'ora circa e non due tempi da 45 minuti e che quello che girava vestito di nero e' il sagrestano, non "quel cornuto dell'arbitro". 26) Quello che le stava seduto di fianco a lei ero io, il suo Arcivescovo, non "...una vecchia checca in gonna rossa" 27) La formula finale corretta e' "La Messa e' finita, andate in pace" e non "Va beh,basta che adesso ho mal di testa, andatevene tutti fuori dai coglioni".

Per il resto, mi pare andasse tutto bene.

L'Arcivescovo.

 

 

« SUICIDIO (2) - (...conti...GUERRA E SOLITUDINE (2 -Fine) »

FACCIAMO CHIAREZZA SUL SUICIDIO...SERENAMENTE! (1)

Post n°34 pubblicato il 13 Ottobre 2012 da carmarry

Si discute molto di disturbi di personalità e una delle preoccupazioni più ricorrenti, in termini di possibili effetti secondari di queste problematiche è sicuramente il suicidio. Ora chiariamo anche una cosa che non è che vada detta per tranquillizzare ma perché è un fatto reale: la psichiatria ha affrontato con grande impegno questo grave effetto collaterale delle malattie psichiatriche ed è riuscita a ridurlo davvero moltissimo. La sempre migliore qualità dei farmaci, l'affinamento delle tecniche psicoterapiche e la sempre più spiccata attenzione e preparazione degli psichiatri, insieme con la consapevolezza che in questa branca della medicina questo evento è sempre molto presente, ha permesso di ridurre di parecchio il numero dei suicidi. Siamo ancora lontani dal ritenere che la soluzione sia a portata di mano ma siamo anche consapevoli che una depressione che si cronicizza, se si è vigili e non si perde mai di vista la "realtà" del soggetto, può essere portata avanti senza problemi con una buona qualità della vita del paziente e senza correre grossi rischi. E' evidente che in questo caso il compito dello psichiatra non è solo quello di fare da terapeuta, ma anche da "sentinella", chiedendo la collaborazione attiva e seria di tutte le persone che direttamente o indirettamente possono accedere alla vita di quel paziente, nei periodi in cui maggiormente si acuisce la patologia. E comunque anche qui, lo psichiatra, oltre che attento deve essere anche molto empatico con il malato per essere in grado di cogliere quei segni che possono essere prodromici o addirittura indicativi di una decisione presa in tal senso dal paziente. Perché poi non va dimenticato che il suicidio ha anch'esso dei suoi significati intrinseci ed una sua liturgia che possono prescindere dalla malattia stessa. Per maggiore onestà intellettuale, va però anche detto che non è assolutamente vero che, come molti vorrebbero far credere, il suicidio sia presente solo nei soggetti con disturbi della personalità. Il discorso su questo evento drammatico in realtà è molto più complesso, articolato e ricco di variabili. Nei limiti del possibile,cerchiamo dunque di fare almeno un po' di chiarezza con serenità e senza drammatizzare eccessivamente,perché questo sarebbe il tipico approccio mentale che non porterebbe da nessuna parte. Dunque, cominciamo col dire la cosa più usuale: il suicidio è considerato un atto violento verso se stessi: un auto-omicidio. Nella sua lapalissiana evidenza questa frase sembra spiegare tutto e quindi potremmo dire che l'argomento è chiuso, chiarito e possiamo fermarci qui. Ma (e c'è sempre un "ma") siamo proprio sicuri che si possa definire violento e basta, un gesto che libera da una condizione di totale inadeguatezza e di angoscia paralizzante? Per chi lo compie, il suicidio ha le caratteristiche di una liberazione. Per chi lo attua non è mai una violenza. Egli ha bisogno di morte. A differenza del tentato suicidio, in cui l'identico gesto ha il senso di una richiesta d'amore: è un quasi suicidio, un grido disperato di aiuto e domanda d'attenzione, d'un bisogno di vivere che, paradossalmente, si lancia rischiando di morire. Una scena da teatro per conquistare un pubblico disattento, come se nessuno si muovesse sul palcoscenico. Come un bambino che per richiamare l'attenzione della madre la picchia; come un adolescente che per mettersi in mostra fa l'eroe e,volendo primeggiare, rischia la vita. Allora forse quella frase è solo una definizione generica che non spiega nulla se non l'atto materiale. Meglio scendere più in profondità a questo punto per evitare il rischio dell'approssimazione. C'è bisogno di esistere in questo mondo affollato che corre per affermarsi, per un successo, comunque; in una società fatta di tante piccole platee che bisogna indirizzare a sé. E' come se si fosse spenta la vita dentro il singolo, ma ognuno la ricevesse dagli altri: una carica che viene dall'esterno. Nel gioco delle interpretazioni ci sono i suicidi malati e quelli geniali, i suicidi del popolo e quelli dei grandi, i suicidi da ricordare e quelli da dimenticare. E forse ogni suicidio è una storia irripetibile. Suicidi violenti, suicidi poetici, suicidi di libertà, suicidi di oppressione, suicidi gioiosi e suicidi tristi. Gabriel Deshaies riconosce sei processi che definirebbero sei tipi di suicidio. Probabilmente ha compiuto un buon lavoro, ma secondo me, anche inutile, perché forse è più giusto dire che ogni suicidio riconosce un processo da ricercare nella storia personale dell'individuo, ma con un sottofondo che li unisce tutti pur nella diversificazione che viene dalla stessa metodologia di vita. Le varie, diverse e variegate personalità. Mi vengono in mente Pavese, Van Gogh, Levi, Gerstel, Andigò, Majakowskij, Blok, Pier della Vigna , Lucano, Erlandson, Seneca, Hitler, Goring, Robespierre, Althasser, Crevel, Catone, Ganivet, Parmeggiani, Caccioppoli, Morselli, Hemingway, Luigi Tenco. Nomino questi pochi personaggi più o meno famosi per celebrare, attraverso loro, il ricordo di tutti gli altri, sconosciuti, impossibili da ricordare. Forse è solo più utile distinguere i due possibili suicidi: quello rapido e quello lento. Il primo viene ottenuto con un gesto di efficacia immediata, il secondo si realizza progressivamente. Di sicuro c'è che l'uomo è l'unico essere vivente in grado di uccidersi con un gesto attivo. Tra gli uomini c'è chi lo compie con un cappio al collo per malinconia e chi con una carica di esplosivo per danneggiare il nemico politico. Nel primo caso è un gesto inutile, nel secondo eroico. Vi sono suicidi razionali e quelli passionali alla Romeo e ancora suicidi di colpa, come Giuda. Ma non sempre la fenomenologia esprime i vissuti: un suicidio "freddo" potrebbe avere motivazioni affettive inespresse o inconsapevoli e uno passionale potrebbe derivare da un'analisi lucida della realtà. Ci si suicida di solito, prima nello spazio mentale, dove si esegue con precisione e ripetutamente l'operazione che poi, spostandosi nello spazio fisico, porterà alla morte. La freddezza dell'esecuzione è proprio frutto dell'abitudine maturata nei continui suicidi fantastici; il gesto progressivamente si automatizza, perde di emotività, come se morire fosse ormai familiare. La sua iterazione nello spazio mentale può dargli addirittura un effetto piacevole. In questo gioco di morte, insensibilmente, il gesto si sposta dal teatro del tempo e la corda non è più solo di fantasia, ma di canapa; circonda il collo mentre si è in piedi su una sedia che poi, buttata via, lascia appesi, con il dolore non di morire, ma di non poter più continuare a suicidarsi (è il motivo per cui ogni psichiatra sa che chi ha tentato il suicidio, morirà suicida. Lo 0,3% sceglie la vita!). In alcuni casi il suicidio mentale dura diverso tempo ed ha inizio proprio con le idee di morte. Un modo per cominciare a familiarizzare con questa essenza. E' per questo che il malinconico è già potenzialmente un suicida. Finisce per essere più affascinato dalla morte che non conosce che dalla vita che non sopporta. Così vive la morte, la pensa, la immagina e la visita sempre più spesso, fino ad occupare tutto lo spazio immaginario. Da qui, automaticamente, passerà sul piano della realtà per morire definitivamente. Si tende a dare molto rilievo al legame fra depressione e suicidio, ed è giusto ma non del tutto vero. Sono moltissimi, infatti, i depressi che non si suicidano e moltissimi i suicidi non-depressi. E più che mai questo può essere chiaro dopo il discorso che abbiamo affrontato a proposito dei disturbi della personalità, E poi, i santi, per esempio, hanno desiderio di morte per congiungersi a Dio. Il misticismo, in fondo, è una continua esperienza di morte. Il suicidio, dunque, può essere anche una festa d'amore, tra il singolo e la morte.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/psicoleggiando/trackback.php?msg=11641577

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
L.u.c.e
L.u.c.e il 13/10/12 alle 08:10 via WEB
Buongiorno!!!
oggi sono mattiniera!
Ti lascio il mio… clicca!!!
Bacioni bacini bacetti!
 
L.u.c.e
L.u.c.e il 13/10/12 alle 08:10 via WEB
quando sarò più sveglia commento il post...smackkkkkkkkkkkk
 
nonnagemma8
nonnagemma8 il 14/10/12 alle 11:12 via WEB
...Ho letto "TUTTO" e ho capito a "fondo"...o per la testa che mi ritrovo..."CREDO" d'aver capito.... Poi ... penso ad un'altra modalità di "SUICIDIO"....Quella della mente che rifiutando se stessa ed il corpo, lo vede come un trapianto di un qualcosa d'estraneo a se stesso... e lo "RIGETTA"! E' una cosa strana da vivere ...io l'ho "vista" ma non la so spiegare...quello lo lascio fare a te!! Un abbraccio per la "VOGLIA di VIVERE"?
 
 
carmarry
carmarry il 15/10/12 alle 01:09 via WEB
Ma Renata guarda che tu secondo me non solo hai capito eccome,ma sei andata oltre,perchè quello a cui fai riferimento è il principio psicosomatico patologico più frequente...cara collega!
 
viscontina17
viscontina17 il 14/10/12 alle 14:21 via WEB
Il mare racchiude segreti profondi,che sarebbe bello poter scoprire... Un caro saluto, viscontina
 
 
carmarry
carmarry il 15/10/12 alle 01:06 via WEB
Vero...il mare è come l'anima(la psiche,la mente...possiamo chiamarla in vari modi ma è sempre la stessa...Se lo guardi,sembra essere circondato dalla terra e dall'orizzonte ma in realtà è lui a circondare.Segreto infinito ed insondabile per l'uomo che oltre un certo limite non riesce più ad osservarlo nemmeno con le sue macchine robottizzate.Ovvio,come per tutti i misteri ed i segreti...sarebbe bello scoprire l'oltre...
 
L.u.c.e
L.u.c.e il 16/10/12 alle 08:08 via WEB
Buongiorno e…
clicca!!!
 
glicini.in.fiore
glicini.in.fiore il 16/10/12 alle 10:13 via WEB
Conoscendo poco questo argomento, ho sempre pensato che le persone che compiono un atto di suicidio sono semplicemente vigliacchi!!! Intendo le persone sane, che scelgono la morte anzichè combattere. Continuerò a leggere con attenzione anche i prossimi post...sono convinta che arricchirò le mie conoscenze e magari cambierò anche il mio punto di vista.
 
glicini.in.fiore
glicini.in.fiore il 02/11/12 alle 22:27 via WEB
...e rieccomi!!! :) Breve passaggio per un saluto sincero, Carla
 
L.u.c.e
L.u.c.e il 03/11/12 alle 09:53 via WEB
Buongiorno!!
io non sono molto brava a esprimere quello che provo….
posso solo dirti…
clicca!!!
 
crjsolito
crjsolito il 24/11/12 alle 16:55 via WEB
La decisione di morire dipende in buona parte da come si interpretano gli avvenimenti...In genere, una mente sana non considera nessun evento tanto sconvolgente da giustificare il suicidio...buon sabato sera :)))
 
 
carmarry
carmarry il 25/11/12 alle 02:16 via WEB
Hai detto bene:una mente sana!Ma la mente si ammala come si può ammalare la gola,il fegato,il cuore...e se non la curi,tra i sintomi possibili,esiste l'dea suicidaria.Anche se qui comunque il discorso è molto più ampio e articolato perchè,diversamente da altri sintomi di altri organi,il suicidio è un atto volontario.Ma la partenza è quella:la malattia.Certo anche un fanatico religioso che si lascia eslodere in nome della sua religione e del suo Dio non è certamente uno sano di mente.Infatti per far compiere atti del genere a quelli sani di mente, devono riempirli di sostanze stupefacenti(droghe insomma)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: carmarry
Data di creazione: 21/07/2012
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nodopurpureogin52virna.bpyssy66carmarryfarfallinaincantataing.zengarininiko420maria.leonardo0pirata33fedelsa1ernestoandolinaroyrvseneh
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ANIMA MIA