Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 798
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 57
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 798
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« luigi meneghello  ENNESIMA STRAGE FAMILIARE »

DURA LEX SED LEX ..

Post n°240 pubblicato il 28 Giugno 2007 da psicologiaforense
 

PREMESSA: Giova sapere che una giovane ricercatrice precaria vive con pochissimi euro al mese per cui per mantenersi a Padova ha ancora bisogno dell'aiuto dei genitori ( si tratta di una forma di sfruttamento dei giovani laureati costretti ad orari impossibili... ecc... ). 


SANZIONE DI 70 EURO

Multata perchè parlava al telefonino mentre guidava. Ma era in bicicletta!

«Non so se sia più assurdo o ridicolo». Samantha Solito, venticinquenne, nonostante sia una ricercatrice di biotecnologia medica e dunque abituata a trovare risposte anche a domande difficili, fatica a trovare una ragione alla multa che ha preso l'altra sera alle sette e mezza: 70 euro perché stava telefonando mentre viaggiava in sella alla sua bicicletta. A firmare il verbale sono stati due zelanti agenti della polizia stradale di Padova. A raccontare l'episodio è la stessa ricercatrice: «Ero appena uscita di casa quando i miei genitori mi hanno chiamato al cellulare per dirmi che il nonno era stato ricoverato in ospedale. Mentre ero all'altezza di via D'Acquapendente ho risposto e intanto ho continuato a pedalare. Ad un certo punto mi ha superata una pattuglia della polizia stradale. Appena ho chiuso la comunicazione gli agenti, che nel frattempo si erano fermati più avanti di me, mi hanno intimato l'alt. "Lei parlava al telefonino in bicicletta", mi hanno detto. Sono rimasta sorpresa, poi ho spiegato che, francamente, sapevo che era vietato usare il cellulare in auto ma non anche in bici, e poi ho aggiunto che si trattava di un'emergenza. Niente da fare. Mentre uno parlava con me, l'altro agente si è messo a compilare il verbale. Allora ho chiesto di quant'era la contravvenzione ma non mi hanno risposto. Poco dopo mi hanno messo in mano la multa e se ne sono andati. Settanta euro. Incredibile. Settanta euro per una cosa simile. Assurdo».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
arza1
arza1 il 28/06/07 alle 19:45 via WEB
E' UN DELITTO ORRENDO. Anch'io sono colpevole , lo confesso... però mi costringono ad andare all'università, qui a VR, in bici e , a volte, ahimè rispondo al telefono nella pista ciclabile..........
(Rispondi)
 
arza1
arza1 il 28/06/07 alle 19:45 via WEB
ORRORE!!!ORRORE!!
(Rispondi)
 
estinette
estinette il 28/06/07 alle 19:47 via WEB
PADOVA a sentire i media ha le nuove BR
(Rispondi)
 
estinette
estinette il 28/06/07 alle 19:49 via WEB
VIA ANELLI, criminalità organizzata, mafia nera, rossa, bianca, centri sociali. Ogni giorno c'è da dire........... per non parlare di stupri, omicidi, ecc...
(Rispondi)
 
estinette
estinette il 28/06/07 alle 19:49 via WEB
VUOI VEDERE CHE E' TUTTA COLPA DELLA RICERCATRICE CHE TELEFONA AI SUOI????????
(Rispondi)
 
auroraml
auroraml il 28/06/07 alle 19:50 via WEB
Mi autodenuncio, anch'io sono colpevole...
(Rispondi)
 
auroraml
auroraml il 28/06/07 alle 19:51 via WEB
EBBENE SI'.. ANCH'IO HO TELEFONATO IN BICI!!!!
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:52 via WEB
CRIMINALE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:53 via WEB
Non vedo neppure pentimento.........
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:53 via WEB
SOLO 70 euro. PENA DI MORTE!!!!
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:53 via WEB
RIDIAMO PER NON PIANGERE
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:54 via WEB
DURA LEX SED LEX
(Rispondi)
 
bibiosa
bibiosa il 28/06/07 alle 19:56 via WEB
ha ragione psico, nella forma, hamnno fatto bene i questurini. LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI. Però dovrebbe esserci una legge che impedisce lo sfruttamento ( di tutti i tipi) dei giovani laureati in H o in università.
(Rispondi)
 
ctuctp
ctuctp il 28/06/07 alle 19:59 via WEB
POVERA SAMANTHA SOLITO.. per lei 70 euro sono una somma immensa...
(Rispondi)
 
ctuctp
ctuctp il 28/06/07 alle 20:01 via WEB
E' UNA RAGAZZA AVVENENTE, SIMPATICA, INTELLIGENTISSIMA CHE A SOLI 25 anni POTREBBE GIA' ANDARE IN QUALUNQUE CENTRO SPECIALIZZATO IN USA )O IN INGHILTERRA o dove crede....
(Rispondi)
 
lasuocera0
lasuocera0 il 28/06/07 alle 20:02 via WEB
ragazza avvenente, giovanissima, in bici... c'è qualche cosa che stona
(Rispondi)
 
lasuocera0
lasuocera0 il 28/06/07 alle 20:03 via WEB
di solito i maschi (anche in divisa) hanno un okkio di riguardo per le fanciulle giovani e belle........
(Rispondi)
 
lasuocera0
lasuocera0 il 28/06/07 alle 20:04 via WEB
Qui cosa è accaduto........ Ha reagito con aggressività e disprezzo...........
(Rispondi)
 
mdardani
mdardani il 28/06/07 alle 20:06 via WEB
E' GRAVISSIMO QUELLO CHE DICI SUOCERA!!!!
(Rispondi)
 
mdardani
mdardani il 28/06/07 alle 20:08 via WEB
SENTI COSA SCRIVE QUESTO:
(Rispondi)
 
mdardani
mdardani il 28/06/07 alle 20:09 via WEB
Di recente ho vissuto un’esperienza semplice, che mi ha indotto a pormi (rectius: ripropormi) alcuni interrogativi mai del tutto risolti. Ero in un ufficio pubblico dove, da diversi giorni, cercavo di far valere una mia pretesa legittima e giustificata; ogni giorno mi sentivo dire che la mia pretesa non poteva essere soddisfatta tempestivamente e che era necessario tornare il giorno dopo: così, di giorno in giorno, era passata più di una settimana, senza che i miei diritti (o interessi1) trovassero tutela. Un po’ stanco, allora, decisi di presentarmi come avvocato; dopo qualche secondo, mi fu detto che il problema che avevo posto sarebbe stato risolto in pochi minuti. In effetti, poi, così è stato. Tale elementare fatto, sintetizzato nell’essenza, mi ha portato ad interrogarmi sul significato del principio costituzionale, di cui all’art. 3 Cost., in base al quale siamo tutti uguali di fronte alla legge: è davvero possibile ritenere che siamo tutti uguali di fronte alla legge, se non tutti siamo in concreto uguali? Più chiaramente, se al posto mio, nella vicenda esaminata, ci fosse stata una persona che non svolgeva la professione di avvocato, quanto tempo avrebbe dovuto attendere prima di vedersi soddisfatto? Molto probabilmente, avrebbe atteso anche più di me. Nella natura umana, allora, vi sono numerose suggestioni che influiscono sull’applicazione concreta della legge, per cui alcuni soggetti, subendo certi condizionamenti (determinate dal fatto che nella realtà non siamo tutti uguali), agiscono in un modo diverso che se tali condizionamenti non vi fossero mai stati. Così, in un ufficio pubblico un cittadino è diverso dall’altro, perché solo qualcuno è capace di suggestionare l’agere altrui (un avvocato suscita, spesso, un certo richiamo implicito alla legalità). Certo, si potrà dire che l’art. 3 Cost. va interpretato nel senso che bisogna trattare in modo eguale situazioni giuridiche uguali ed in modo diverso situazioni giuridiche diverse, per cui tutto sommato anche la stessa Costituzione sembrerebbe richiamare l’ovvietà che la legge è uguale per tutti, anche se non tutti siamo uguali2, a causa di una serie di suggestioni umane (e comprensibili). Tuttavia, la mia situazione giuridica era uguale a quella di un cittadino comune (non avvocato, tanto per intenderci) e, ciononostante, la mia situazione giuridica collegata alla (mia) persona ha subito un trattamento diverso da quello che avrebbe subito la medesima situazione giuridica collegata ad altra persona, perché, verosimilmente, l’impiegato pubblico è stato suggestionato dalla mia professione. D’altronde, che le suggestioni umane abbiano un rilievo significativo nell’agere è piuttosto ovvio, se si pensa che ogni persona è una sintesi di elementi endogeni ed esogeni, laddove per questi ultimi si intende il personale vissuto collegato con relazioni umane: è chiaro che il personale vissuto di ciascuno influisca sulle scelte, così come è normale che il personale vissuto di un giudice influisca sulle sentenze. A tal proposito, come non ricordare le affermazioni memorabili di Calamandrei3 laddove raccontava di essere sicuro di perdere una causa in Cassazione, ma poi riusciva a vincerla, grazie ad un giudice che aveva subito un torto analogo a quello rappresentato dall’avvocato; altresì, come non ricordare anche l’episodio eccezionale, narrato sempre da Calamandrei, della causa persa in una certa sezione della Cassazione, mentre lo stesso giorno in altra sezione altri giudici valutavano in modo diverso un’analoga questione giuridica ed il cliente, un po’ arrabbiato, chiedeva al proprio avvocato spiegazioni, lasciando ipotizzare l’insufficienza dell’avvocato scelto, che rispondeva, più o meno: <<Stia tranquillo non ho sbagliato difesa, ma solo la porta...>>. Ecco, tutto ciò induce, inevitabilmente, a pensare che l’applicazione della legge sia determinata da una serie di fattori umani che ne alterano il rigore, a favore dell’aumento dell’incertezza del diritto che, com’è ovvio, influisce negativamente sul cittadino, il quale perde di vista l’agere secundum legem rispetto all’agere contra legem, con conseguente induzione a preferire l’immobilità all’attività, ovvero, a preferire la stasi allo sviluppo della sua personalità. Del resto, che la certezza del diritto, nel tempo, abbia assunto confini sempre più labili si intuisce sia dall’intervento del legislatore (con riferimento al D.lgs. 40/2006) e sia da una lettura, anche rapida, del massimario.it, che segnala i precedenti conformi e difformi. Di contro, è pur vero che il sistema attuale appare comunque il migliore possibile, tanto più che, in fondo, un diritto basato su suggestioni umane e vissuti personali è pur sempre un diritto umano, di gran lunga da preferire rispetto all’applicazione tecnologica del diritto4. _______________________ 1 Si evita di soffermarsi sulla complessa distinzione tra interessi legittimi e diritti soggettivi, per esigenze di snellimento dell’editoriale; si prega di interpretare tali termini in modo atecnico. 2 Per un approfondimento sul delicato equilibrio tra uguaglianza e rispetto delle singole personalità, si rinvia a CAFERRA, La giusta disuguaglianza, Bari. 3 Ci si riferisce al testo CALAMANDREI, Elogio dei giudici scritto da un avvocato, Firenze. 4 A favore della sostituzione dei giudici con software limitatamente alle cause più semplici, dopo l’accertamento del fatto, si sono espresse alcune prestigiose voci della dottrina, durante il convegno “Il giurista nella società dell’informazione” tenutosi a Roma, il 25 marzo 2006, Residenza Ripetta, organizzato dalla rivista Il Nuovo Diritto.
(Rispondi)
 
mdardani
mdardani il 28/06/07 alle 20:10 via WEB
MI E' SDEMBRATO UN BEL COMMENTO E , IN PARTE, APPROPRIATO.
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 20:11 via WEB
NON SAREBBE STATO PIU' SEMPLICE ARRESTARLA PER RAGIONI DI "ORDINE PUBBLICO"?
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 20:12 via WEB
Al di fuori dello scherzo... il codice della strada proibisce l'uso del cellulare a chi conduce un veicolo..... e la bicicletta è appunto un veicolo.............. Mi spiace molto per la giovanissima ricercatrice....
(Rispondi)
 
 
joiyce
joiyce il 28/06/07 alle 21:36 via WEB
può fare ricorso al giudice di pace.
(Rispondi)
 
pippo_217
pippo_217 il 28/06/07 alle 22:54 via WEB
...Sperando che anche lui telefoni pedalando ???
(Rispondi)
 
mdardani
mdardani il 28/06/07 alle 23:01 via WEB
Dura lex, sed lex: la frase, tradotta letteralmente, significa legge dura, ma (è la) legge. È un invito a rispettare la legge in tutti i casi, anche in quelli in cui è più rigida e rigorosa. in quanto avendo come prospettiva il risanamento di gravi abusi lesivi del diritto, privato o pubblico, invita all'osservanza di leggi anche gravose in considerazione del beneficio della comunità. Questo motto va riferito al periodo di introduzione delle leggi scritte nell'antica Roma. Fino ad allora le leggi venivano tramandate per via orale e quindi si prestavano molto alla modifica da parte dei giudici, che si rifacevano a tradizioni orali e quindi introducevano una sorta di arbitrio, perché erano loro i detentori del potere di riferire la tradizione orale. Così il motto significa: sebbene la legge sia dura, è una legge scritta, cioè uguale per tutti.
(Rispondi)
 
claude887
claude887 il 28/06/07 alle 23:03 via WEB
AGGIORNAMENTI AL CODICE DELLA STRADA Il Decreto del Presidente della Repubblica del 20 giugno 2002, nr. 121, ed entrato in vigore il 22 giugno 2002 ha modificato alcuni articoli del Decreto Legislativo 30 Aprile 1992, nr. 295 - Nuovo Codice della Strada - apportando i seguenti aggiornamenti: L'articolo 1 modifica gli articoli 152 e 153 del Codice della Strada disponendo che i motocicli e i ciclomotori circolino con luci di posizione e luci anabbaglianti sempre accese anche di giorno e che in autostrada tutti i veicoli circolino con luci di posizione e luci anabbaglianti sempre accese. L'articolo 2 modifica l'articolo 173 del Codice della Strada permettendo al conducente del veicolo l'uso del telefono radiomobile dotato di auricolare o di apparecchio "viva voce". L'articolo 3 modifica l'articolo 186 del Codice della Strada disponendo che per definire se il conducente si trovi alla guida in stato di ebbrezza, il tasso alcolemico deve essere superiore a 0,5 g/l (non più 0,8 g/l). L'articolo 4 prevede che sulle autostrade, sulle strade extraurbane principali e sulle altre strade individuate con apposito decreto dal prefetto, si possano installare od impiegare dispositivi o mezzi tecnici di controllo traffico finalizzati al rilevamento delle infrazioni dei limiti di velocità, senza che le sanzioni siano contestate immediatamente in considerazione delle condizioni strutturali e plano-altimetriche della strada, del traffico o delle altre cause per le quali non è possibile il fermo del veicolo senza recare pregiudizio alla sicurezza della circolazione, alla fluidità del traffico o all'incolumità degli agenti operanti e dei soggetti controllati.
(Rispondi)
 
claude887
claude887 il 28/06/07 alle 23:03 via WEB
E QUESTO COSA C.... C'ENTRA?? DIRETE VOI
(Rispondi)
 
claude887
claude887 il 28/06/07 alle 23:04 via WEB
C'entra!!!!! ECCOME
(Rispondi)
 
claude887
claude887 il 28/06/07 alle 23:05 via WEB
Via libera della Camera al disegno di legge del governo che modifica subito una lunga serie di articoli del codice della strada in materia di sicurezza. Ma che contiene anche una delega legislativa per una revisione organica e complessiva di quella stessa normativa. Il provvedimento, già passato per la discussione generale in assemblea circa un mese fa (in concomitanza con la celebrazione della settimana mondiale sulla sicurezza stradale), era poi tornato in commissione Trasporti per un supplemento di esame che, da un lato ne ha ampliato la portata, ma dall’altro lato ha mitigato molte delle sanzioni previste in origine. Fra le novità più significative per automobilisti, motociclisti, camionisti e autisti di bus, etc…, spiccano nel provvedimento le multe molto più salate (e i più concreti rischi di carcere a esse connessi) per chi guida in stato di ubriachezza, sotto l’effetto di stupefacenti o semplicemente parlando al telefono cellulare senza usare l’auricolare o il sistema viva voce. Nel ddl è stata poi inserita anche la possibilità di cominciare a guidare l’auto a sedici anni con foglio rosa; ma anche nuove norme sui limiti di velocità, sulle revisioni periodiche dei veicoli e su alcune gravi infrazioni al codice stradale. Queste in sintesi le nuove regole che Montecitorio ha licenziato oggi e che ora passano all’esame di Palazzo Madama: Foglio rosa ai sedicenni. È forse la novità che ha fatto più scalpore negli ultimi giorni. Ma c’è da sottolineare che i minorenni in questione potranno addestrarsi precocemente alla guida solo se affiancati da chi ha la patente da almeno dieci anni e senza altri passeggeri a bordo. E solo se avranno prima sostenuto dieci ore di scuola guida, di cui quattro in autostrada e due di notte. Inoltre la richiesta di questo foglio rosa anticipato dovrà comunque essere fatta da un genitore o da chi ne fa le veci. Neopatentati a bassa velocità. Per i primi tre anni dopo aver preso la patente scende da 90 a 80 km/h il limite nelle strade extraurbane. Ma soprattutto scatta il divieto di guidare auto con potenza superiore a 60 kw/t. In pratica quasi tutte quelle di media e grossa cilindrata. Anche qui raddoppieranno le sanzioni pecuniarie per chi infrange la regola. Inoltre per chi ha la patente da meno di tre anni i tempi della sua sospensione determinati da un’infrazione aumentano di un terzo e raddoppiano per le violazioni successive. Se poi la prima sospensione è di almeno un mese, tutti gli inasprimenti appena citati valgono per i primi cinque anni (e non più per i primi tre) da neopatentato. Supermulte per chi corre troppo o parla al cellulare. Fino a quasi 1.500 euro di contravvenzione e patente sospesa da tre a sei mesi per chi supera i limiti di velocità di oltre 40 Km/h. Chi eccede oltre i 60 hm/h vede invece salire la multa a 2000 euro e la sospensione della patente oscillare tra sei e dodici mesi. Il tutto poi si raddoppia se a usare le strade come autodromi sono i conducenti di tir, autotreni, camion o autobus. Chi usa il telefonino in auto senza viva voce o auricolare potrà vedersi infliggere anche 600 euro di sanzione e la sospensione della patente fino a tre mesi. Che diventano sei se si è recidivi entro i due anni. Ma ci sono anche inasprimenti importanti per gli autotrasportatori che non rispettano il numero massimo di ore consecutive alla guida consentito; come pure per chi viaggia contromano o sulle corsie di emergenza. Mano pesante per alcool e droghe al volante. Per chi guida in stato di ebbrezza multa fino a 4000 euro, arresto fino a due mesi e sospensione della patente da tre mesi a un anno. Ma si passa a tre mesi di arresto e da sei mesi a due anni senza patente se il tasso alcolemico supera i 1,5 grammi per litro di sangue. Per chi si mette al volante sotto l’effetto di sostanze stupefacenti la multa può invece arrivare a 2000 euro e l’arresto a due mesi. Ma in questo caso, se si è anche responsabili di un incidente entrambe le sanzioni possono raddoppiare. Da notare che vengono modificati anche gli articoli del codice penale sull’omicidio colposo, le lesioni colpose e l’omissione di soccorso. In tutti e tre i casi la pena detentiva è infatti aumentata sensibilmente se a compiere questi reati è un automobilista ubriaco o sotto effetto di droghe. Va detto che su queste norme specifiche in materia di alcol e stupefacenti la Rosa nel pugno si è smarcata dal resto della maggioranza, contestando duramente l'inasprimento delle sanzioni. (segue) Stretta sulle revisioni. Per chi “salta” un controllo periodico di efficienza del suo autoveicolo la nuova normativa prevede l’immediata annotazione dell’infrazione sulla carta di circolazione, dopo di che l’alternativa è secca: o ci si muove dal punto in cui si è stati colti in fallo direttamente verso il centro autorizzato alla revisione, o c’è il fermo amministrativo del veicolo. Fermo che del resto è gia automatico se l’infrazione in questione viene contestata mentre si viaggia in autostrada. Giro di vite per chi “trucca” le moto. Raddoppieranno le multe per chi vende cicolomotori che sviluppano velocità superiori a quella consentite per legge e per chi li modifica. Diventeranno più del triplo quelle per chi circola con un motorino con i dati di identificazione (telaio o targa) “non chiaramente visibili”. Autoscuole e Autovelox. Per aprire e gestire una scuola-guida sale da due a tre anni l’esperienza precedente necessaria come insegnante di teoria e istruttore di guida abilitato. Le postazioni per il rilevamento della velocità dovranno invece essere “preventivamente segnalate e ben visibili”, ricorrendo anche a “cartelli e dispositivi luminosi”. Fra le altre norme vanno segnalate poi quelle che porta da sessanta a novanta giorni dal momento della notifica il periodo di tempo per pagare una multa prima che scattino le penali. Ma anche quella che impone di destinare “all’ammodernamento e alla messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, al potenziamento dell’illuminazione, al miglioramento della segnaletica e alla realizzazione di campagne di prevenzione sulla sicurezza” almeno il 50 per cento delle entrate derivanti dal complesso delle sanzioni pecuniarie. C’è poi la norma che stabilisce di creare una lista dei farmaci che possono essere pericolosi mentre si guida e di marchiarli con un simbolo convenzionale sulle confezioni; e quella che vieta di fare pubblicità basata sulla velocità ad auto e moto. (segue) Nel testo del ddl non sono invece rientrate, per motivi legislativi o per ragioni di bilancio, alcune norme comunque condivise dall’assemblea. Sono diventate però ordini del giorno, con l’impegno del governo a inserirle nel futuro nuovo codice della strada. C’è quella che impone anche per la guida dei ciclomotori sia una patente (con relativo esame), sia la possibilità di togliere punti alla stessa per le infrazioni commesse. E c’è quell’altra che stabilisce come l’adulto che viaggia accanto al sedicenne con foglio rosa non possa avere più di 65 anni. Che diventano 60 se nell’auto non ci sono i doppi comandi per freni e frizione. In ogni caso il sedicenne che vorrà guidare col foglio rosa dovrà anche superare un esame teorico di guida sicura. C’e poi l’ordine del giorno in cui si stabilisce che il neopatentato da meno di tre anni che però ha cominciato a guidare col foglio rosa a sedici potrà essere esentato dal divieto di condurre auto di medio-grossa cilindrata. Un’altra proposta che avrà probabilmente un futuro è quella che deroga ai limiti di velocità in particolari tratti stradali e autostradali più sicuri: rettilinei, fondi stradale di ultima generazione, almeno tre corsie per senso di marcia, etc... Il governo ha poi promesso di tramutare a breve in legge due proposte ad alto tasso tecnologico, non accolte ora per questioni di copertura finanziaria: dotare ogni auto di un dispositivo anti-colpo di sonno, rendere obbligatorio a bordo di ogni automezzo un etilometro per capire da soli se si è bevuto troppo alcool per mettersi al volante. In questo secondo caso si conta comunque di agevolare quanto prima l’installazione in tutte le stazioni di servizio di distributori automatici (acquistabili a prezzo di costo) di kit per misurare il proprio tasso alcoolemico nel sangue.
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:06 via WEB
QUESTA RAGAZZINA ERA IN BICI, ERA APPENA USCITA DA UN CEBNTRO AD ALTISSIMA SPECIALIZZAZIONE BIOMEDICA...........
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:07 via WEB
VEDI GAZZETTINO, MATTINODI PADOVA, LEGGO, PADOVA ecc... è una figona
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:08 via WEB
PERCHE' SI MULTA UNA FIGONA..IN BICICLETTA..CON MINIGONNA???????????????????
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:08 via WEB
VEDETE KLE FOTO POI DITEMI
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:09 via WEB
HA SOLO 25 anni ...ma è bellissima.
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:10 via WEB
E' un talento della natura...............
(Rispondi)
 
adolfodgl5
adolfodgl5 il 28/06/07 alle 23:10 via WEB
DIREI ... UN LUSUS NATURAE........ che il mondo ci invidia
(Rispondi)
 
deontologiaetica
deontologiaetica il 28/06/07 alle 23:12 via WEB
mi provocate movimenti antiperistaltici!!!!!
(Rispondi)
 
deontologiaetica
deontologiaetica il 28/06/07 alle 23:14 via WEB
CHIARIAMO: Via libera della Camera al disegno di legge del governo che modifica subito una lunga serie di articoli del codice della strada in materia di sicurezza. Ma che contiene anche una delega legislativa per una revisione organica e complessiva di quella stessa normativa. Il provvedimento, già passato per la discussione generale in assemblea circa un mese fa (in concomitanza con la celebrazione della settimana mondiale sulla sicurezza stradale), era poi tornato in commissione Trasporti per un supplemento di esame che, da un lato ne ha ampliato la portata, ma dall’altro lato ha mitigato molte delle sanzioni previste in origine. Fra le novità più significative per automobilisti, motociclisti, camionisti e autisti di bus, etc…, spiccano nel provvedimento le multe molto più salate (e i più concreti rischi di carcere a esse connessi) per chi guida in stato di ubriachezza, sotto l’effetto di stupefacenti o semplicemente parlando al telefono cellulare senza usare l’auricolare o il sistema viva voce. Nel ddl è stata poi inserita anche la possibilità di cominciare a guidare l’auto a sedici anni con foglio rosa; ma anche nuove norme sui limiti di velocità, sulle revisioni periodiche dei veicoli e su alcune gravi infrazioni al codice stradale. Queste in sintesi le nuove regole che Montecitorio ha licenziato oggi e che ora passano all’esame di Palazzo Madama: Foglio rosa ai sedicenni. È forse la novità che ha fatto più scalpore negli ultimi giorni. Ma c’è da sottolineare che i minorenni in questione potranno addestrarsi precocemente alla guida solo se affiancati da chi ha la patente da almeno dieci anni e senza altri passeggeri a bordo. E solo se avranno prima sostenuto dieci ore di scuola guida, di cui quattro in autostrada e due di notte. Inoltre la richiesta di questo foglio rosa anticipato dovrà comunque essere fatta da un genitore o da chi ne fa le veci. Neopatentati a bassa velocità. Per i primi tre anni dopo aver preso la patente scende da 90 a 80 km/h il limite nelle strade extraurbane. Ma soprattutto scatta il divieto di guidare auto con potenza superiore a 60 kw/t. In pratica quasi tutte quelle di media e grossa cilindrata. Anche qui raddoppieranno le sanzioni pecuniarie per chi infrange la regola. Inoltre per chi ha la patente da meno di tre anni i tempi della sua sospensione determinati da un’infrazione aumentano di un terzo e raddoppiano per le violazioni successive. Se poi la prima sospensione è di almeno un mese, tutti gli inasprimenti appena citati valgono per i primi cinque anni (e non più per i primi tre) da neopatentato. Supermulte per chi corre troppo o parla al cellulare. Fino a quasi 1.500 euro di contravvenzione e patente sospesa da tre a sei mesi per chi supera i limiti di velocità di oltre 40 Km/h. Chi eccede oltre i 60 hm/h vede invece salire la multa a 2000 euro e la sospensione della patente oscillare tra sei e dodici mesi. Il tutto poi si raddoppia se a usare le strade come autodromi sono i conducenti di tir, autotreni, camion o autobus. Chi usa il telefonino in auto senza viva voce o auricolare potrà vedersi infliggere anche 600 euro di sanzione e la sospensione della patente fino a tre mesi. Che diventano sei se si è recidivi entro i due anni. Ma ci sono anche inasprimenti importanti per gli autotrasportatori che non rispettano il numero massimo di ore consecutive alla guida consentito; come pure per chi viaggia contromano o sulle corsie di emergenza. Mano pesante per alcool e droghe al volante. Per chi guida in stato di ebbrezza multa fino a 4000 euro, arresto fino a due mesi e sospensione della patente da tre mesi a un anno. Ma si passa a tre mesi di arresto e da sei mesi a due anni senza patente se il tasso alcolemico supera i 1,5 grammi per litro di sangue. Per chi si mette al volante sotto l’effetto di sostanze stupefacenti la multa può invece arrivare a 2000 euro e l’arresto a due mesi. Ma in questo caso, se si è anche responsabili di un incidente entrambe le sanzioni possono raddoppiare. Da notare che vengono modificati anche gli articoli del codice penale sull’omicidio colposo, le lesioni colpose e l’omissione di soccorso. In tutti e tre i casi la pena detentiva è infatti aumentata sensibilmente se a compiere questi reati è un automobilista ubriaco o sotto effetto di droghe. Va detto che su queste norme specifiche in materia di alcol e stupefacenti la Rosa nel pugno si è smarcata dal resto della maggioranza, contestando duramente l'inasprimento delle sanzioni. (segue) Stretta sulle revisioni. Per chi “salta” un controllo periodico di efficienza del suo autoveicolo la nuova normativa prevede l’immediata annotazione dell’infrazione sulla carta di circolazione, dopo di che l’alternativa è secca: o ci si muove dal punto in cui si è stati colti in fallo direttamente verso il centro autorizzato alla revisione, o c’è il fermo amministrativo del veicolo. Fermo che del resto è gia automatico se l’infrazione in questione viene contestata mentre si viaggia in autostrada. Giro di vite per chi “trucca” le moto. Raddoppieranno le multe per chi vende cicolomotori che sviluppano velocità superiori a quella consentite per legge e per chi li modifica. Diventeranno più del triplo quelle per chi circola con un motorino con i dati di identificazione (telaio o targa) “non chiaramente visibili”. Autoscuole e Autovelox. Per aprire e gestire una scuola-guida sale da due a tre anni l’esperienza precedente necessaria come insegnante di teoria e istruttore di guida abilitato. Le postazioni per il rilevamento della velocità dovranno invece essere “preventivamente segnalate e ben visibili”, ricorrendo anche a “cartelli e dispositivi luminosi”. Fra le altre norme vanno segnalate poi quelle che porta da sessanta a novanta giorni dal momento della notifica il periodo di tempo per pagare una multa prima che scattino le penali. Ma anche quella che impone di destinare “all’ammodernamento e alla messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, al potenziamento dell’illuminazione, al miglioramento della segnaletica e alla realizzazione di campagne di prevenzione sulla sicurezza” almeno il 50 per cento delle entrate derivanti dal complesso delle sanzioni pecuniarie. C’è poi la norma che stabilisce di creare una lista dei farmaci che possono essere pericolosi mentre si guida e di marchiarli con un simbolo convenzionale sulle confezioni; e quella che vieta di fare pubblicità basata sulla velocità ad auto e moto. (segue) Nel testo del ddl non sono invece rientrate, per motivi legislativi o per ragioni di bilancio, alcune norme comunque condivise dall’assemblea. Sono diventate però ordini del giorno, con l’impegno del governo a inserirle nel futuro nuovo codice della strada. C’è quella che impone anche per la guida dei ciclomotori sia una patente (con relativo esame), sia la possibilità di togliere punti alla stessa per le infrazioni commesse. E c’è quell’altra che stabilisce come l’adulto che viaggia accanto al sedicenne con foglio rosa non possa avere più di 65 anni. Che diventano 60 se nell’auto non ci sono i doppi comandi per freni e frizione. In ogni caso il sedicenne che vorrà guidare col foglio rosa dovrà anche superare un esame teorico di guida sicura. C’e poi l’ordine del giorno in cui si stabilisce che il neopatentato da meno di tre anni che però ha cominciato a guidare col foglio rosa a sedici potrà essere esentato dal divieto di condurre auto di medio-grossa cilindrata. Un’altra proposta che avrà probabilmente un futuro è quella che deroga ai limiti di velocità in particolari tratti stradali e autostradali più sicuri: rettilinei, fondi stradale di ultima generazione, almeno tre corsie per senso di marcia, etc... Il governo ha poi promesso di tramutare a breve in legge due proposte ad alto tasso tecnologico, non accolte ora per questioni di copertura finanziaria: dotare ogni auto di un dispositivo anti-colpo di sonno, rendere obbligatorio a bordo di ogni automezzo un etilometro per capire da soli se si è bevuto troppo alcool per mettersi al volante. In questo secondo caso si conta comunque di agevolare quanto prima l’installazione in tutte le stazioni di servizio di distributori automatici (acquistabili a prezzo di costo) di kit per misurare il proprio tasso alcoolemico nel sangue.
(Rispondi)
 
deontologiaetica
deontologiaetica il 28/06/07 alle 23:15 via WEB
E' giusto multare la modella in bici, la legge è uguale x tutti
(Rispondi)
 
desnudamaia
desnudamaia il 28/06/07 alle 23:16 via WEB
LA modella in bici?????
(Rispondi)
 
desnudamaia
desnudamaia il 28/06/07 alle 23:16 via WEB
come spieghi che io non sia mai stata multata???????????????????????
(Rispondi)
 
desnudamaia
desnudamaia il 28/06/07 alle 23:18 via WEB
nè in bici, nè in motorino ( e dio sa quante ne ho fatte)...nè in automobile... anche lì ................lasciamo perdere.............
(Rispondi)
 
desnudamaia
desnudamaia il 28/06/07 alle 23:19 via WEB
ALLORA OMETTI ASPETTO UNA RISPOSTA, ANCHE QUANDO SIETE IN DIVISA BASTA CHE UNA VI FACCIA GLI OKKI DOLCI..............
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 23:20 via WEB
E' inaudito e assurdo..............
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 23:20 via WEB
io chiamo tutti a testimoniare........
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 23:21 via WEB
E' possibile che una ragazzina avvenente la faccia franca e io no????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 23:22 via WEB
Solo perchè sonno un maschio peloso?
(Rispondi)
 
agostino88
agostino88 il 28/06/07 alle 23:22 via WEB
MI APPELLO AL CAPO DELLO STATO, E ATTENDO UNA RISPOSTA...........
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:23 via WEB
CHE RISPOSTA???????????
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:23 via WEB
AGOSTINO????????????????????????????
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:24 via WEB
LA FANCIULLA E' STATA MULTATA
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:24 via WEB
CON IL MASSIMO DELLA PENA PECUNIARIA
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:27 via WEB
E' una giovane donmna bellissima ( ho visto la foto dsui giornali) . Esibiva la sua femminilità con un vestitino "normale". E' sicuramente affascinante... Credo che ogni uomo ci farebbe un pensierino...........
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:27 via WEB
EPPURE E' STATA SANZIONATA CON DUREZZA...............
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:28 via WEB
QUESTO COSA SIGNIFICA?
(Rispondi)
 
diego1930
diego1930 il 28/06/07 alle 23:28 via WEB
CHE DONNE BELLISSIME E ..SCARAFONI SONO UGUALI x LA legge
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:29 via WEB
diego!!!!!!!
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:30 via WEB
CI SEI?SEI SINTONIZZATO? CAPISCI???? CI FAI????
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:31 via WEB
ANCHE IN PROCESSI PENALI UNA DONNA DI CLASSE, BELLISSIMA ... ha subito la pena che ci si aspettava.......... GUARDA CHE ANCHE IL GIUDICE
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:32 via WEB
IL GIUDICE E' FATTO DI CUORE, SANGUE, CARNE (debole) come tutti gli altri...............
(Rispondi)
 
elvia4
elvia4 il 28/06/07 alle 23:35 via WEB
DOCTOR sei un maschilista infame.............. PRECISO E CONNOTO CONTESTUALMENTE E STORICAMENTE: Il maschilismo è un termine applicato ad una serie di principi sostenuti da alcuni movimenti maschili che si dichiarano o anti-femministi, o molto critici verso le manifestazioni più estreme del femminismo. Il maschilismo si ispira a teorie sociali, movimenti politici e filosofie morali basate essenzialmente su esperienze ed istanze tipicamente maschili. Molti esponenti delle teorie maschiliste cercano di analizzare e giustificare la diseguaglianza fra i sessi, promuovendo i diritti, gli interessi e le istanze degli uomini. I sostenitori del maschilismo hanno una visione egualitaria dei rapporti fra i sessi, ma pongono l'accento sulle esperienze peculiari del genere maschile. Essi riconoscono la fondatezza di molte delle rivendicazioni del movimento femminista, come ad esempio la richiesta di pari opportunità e piena uguaglianza nel campo dei diritti legali e civili. All'opposto alcuni mettono in discussione la stessa valutazione sul quanto le donne sono state effettivamente limitate e sfavorite nel corso della storia, e si sforzano parallelamente di cercare esempi di casi in cui, al contrario, sono stati gli uomini ad essere sfavoriti. Alcuni ritengono che le rivendicazioni del secondo femminismo si sono spinte troppo oltre, in una visione ginocentrica della società. In compenso alcuni critici del maschilismo affermano che questa ideologia è non solamente antifemminista, ma tende alla misandria. Un aspetto importante da considerare è che mentre il termine femminismo ha un'accezione positiva nella nostra società, ovvero di rivendicazione del diritto delle donne a pari opportunità, il termine maschilismo viene spesso erroneamente interpretato come discriminazione di carattere sessista. Esiste tuttavia una forma di femminismo, chiamata vetero-femminismo[citazione necessaria], che al contrario del femminismo tende al privilegio e al primato del genere femminile su quello maschile, rappresentando di fatto il corrispondente del maschilismo nel senso inverso. Analogamente esistono movimenti che propugnano fortemente pari dignità fra uomini e donne là dove sono gli uomini ad essere discriminati, rappresentando l'equivalente per i diritti degli uomini del femminismo.
(Rispondi)
 
elvia4
elvia4 il 28/06/07 alle 23:35 via WEB
MA TU DOVE SEI RIMASTO?
(Rispondi)
 
elvia4
elvia4 il 28/06/07 alle 23:36 via WEB
AI TEMPI CHE UN UOMO ENTRAVA IN DELIRIO, non lucido, MA SOLO CARNALE
(Rispondi)
 
elvia4
elvia4 il 28/06/07 alle 23:39 via WEB
SEI FERMO A QUESTO (1968) : Ti ho regalato frustino e giarrettiera/// Un bel giubbotto nuovo di borchie e di pelle nera/// Col tuo sorriso mi fai dolci carezze/// Ma preferisco il sangue, il dolore e poi le schifezze//// Inginocchiati ai miei piedi... sui ceci//// Pesta forte sulle natiche//// Il frustino lascia i lividi per non dimenticare mai questa serata//// Graffiami colpiscimi lo so... lo vuoiuoiuoiuoi/// Uh uh uh uh uh uh uh uh Uh uh uh uh uh uh uh uh Io son Tommaso famoso sadomaso Ti modulo l'amplesso confesso sono perverso Ti lego al water a mo' di Freddy Kruger Potrà sembrarti rude ma sono il tuo Latin Lover I wanna Know have you ever felt the pain I wanna know have you ever felt the pain I wanna know Spogliati non cresceremo mai noi siamo due bambini Impazzisco quando piangi quando gridi ohuououo Uh uh uh uh uh uh uh uh Uh uh uh uh uh uh uh uh Sciallallallà
(Rispondi)
 
elvia4
elvia4 il 28/06/07 alle 23:39 via WEB
MA CHE SCHIFO!! E NON TI VERGOGNI???????
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:40 via WEB
ASSOLUTAMENTE NO!!!!!!
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:41 via WEB
PERCHE' DOVREI???????????????
(Rispondi)
 
doctorlegum
doctorlegum il 28/06/07 alle 23:43 via WEB
DIGRESSIONE ISTRUTTIVA: Che ci volesse una bella dose di imbecillità per non avere dato il Nobel della letteratura a un Louis-Ferdinand Céline o aun Mario Luzi, o a un Philip Roth, lo sapevamo tutti. Un'imbecillità che adesso si aggrava di un'altra prova a carico, averescartato Alberto Moravia tra i papabili del Nobel perché troppo «guardone», perché troppo insistente nel percorrere iterritori dell'erotismo. Ne ha riferito recentemente sulla Repubblica uno dei sodali dello scrittore romano, Enzo Siciliano,al quale Moravia confidava il suo stupore nel sentirsi dare del «pornografo» dai giurati del Nobel. Ossia nel sentirsirimproverare una delle sue qualità maggiori, la modernità e la spregiudicatezza nel raccontare personaggi fatti di carne e didesideri. E basterebbe pensare al secondo suo capolavoro in ordine di tempo dopo Gli indifferenti, quell'Agostino i cuiprotagonisti sono tessuti nell'ambiguità erotica. Un'ambiguità che doveva risultare devastante per l'epoca in cui il raccontoapparve, i primi anni Quaranta. Ma davvero l'interesse alle questioni del sesso, lo spiare gli uomini e le donne nella verità dei loro corpi e dunque dei lorodesideri e delle loro ossessioni, può risultare d'ostacolo al risultato letterario di uno scrittore? Solo un imbecille patentatolo può credere. La verità è esattamente all'opposto. Nella storia dell'arte e della cultura tanto più un autore ha avutocoraggio nell'affrontare quei temi, nell'andare per i territori inusitati della fantasia erotica, nel dire pane al pane di ciò checomincia nella testa dell'uomo e finisce un po' più giù del suo ombelico, tanto più ne ha guadagnato in rilievo e originalitàla sua opera. Senza capire questo, capiresti nulla della letteratura, della pittura, del cinema moderno. E naturalmente inquesta chiave vale niente la distinzione tra «erotismo» e «pornografia», che attiene unicamente alla sensibilità di ogniepoca: e difatti appena trenta o quarant'anni fa sarebbe stato definito pornografico molto di ciò che attraverso la tv entraoggi nelle case di tutti gli italiani. A rovesciare i criteri dei giurati del Nobel che bocciarono Moravia, nella storia della cultura «pornografico» è bello. Tantoè vero che da pornografi furono trattati il marchese de Sade, Baudelaire, l'Oscar Wilde di Salomè, il Radiguet del Diavoloin corpo, il Marinetti di Mafarka il futurista, DalÃ-, Henry Miller, il Nabokov di cui solo un editore francese di letteraturapornografica accettò di pubblicare Lolita, fotografi che hanno fatto la storia della fotografia come Man Ray e HelmutNewton, il Warhol che del «guardare» i corpi maschili e femminili faceva l'alfa e l'omega di ogni sua immaginazioneartistica; ma anche il Luchino Visconti di Rocco e i suoi fratelli, un film che ebbe la sua porzione di guai giudiziari. E a non dire di uno dei più bei romanzi della letteratura francese moderna, quell'Histoire d'O che apparve nel 1954 inun'edizione semiclandestina firmata con il «nom de plume» di Pauline Réage e contro il quale tuonò pubblicamentel'arcivescovo di Parigi. Il nostro gusto di moderni, le libertà di noi moderni sono tutte figlie dell'ardire di quei «pornografi»,un ardire che loro hanno pagato a prezzo di censure, condanne. è il caso di uno dei più grandi pittori della Secessione viennese, Egon Schiele, un'opera del quale venne distrutta inun'aula di tribunale e lui sbattuto in galera per 24 giorni perché aveva osato rappresentare senza ipocrisie il corpo diun'adolescente. Corpi che oggi fanno data nella storia della sensibilità europea e che si contendono i più grandi musei delmondo. Ai giudici viennesi del 1912 apparivano solo come pornografia, robaccia indegna. Come apparivano pornografia,ancora nei tribunali francesi dei primi anni 50, le opere del marchese de Sade. Come apparivano pornografia ancoraall'alba dei 60 i romanzi di Miller, e a ogni buon conto Gian Giacomo Feltrinelli ne fece stampare a Parigi la traduzione diLuciano Bianciardi. Un terreno sul quale l'umanità ha camminato a piccoli passi. La resistenza ad accettare la verità della sessualità, con tutto ciòche essa ha di disordinato ed eccessivo, è stata molto più formidabile di qualsiasi altro conservatorismo politico. Quandostava per toccare i novant'anni, uno come Vittorio Foa, tra i padri morali della nostra Repubblica, ha raccontato diquando si era sposato trentenne negli anni Quaranta e non sapeva nulla di nulla del dialogo dei corpi maschili efemminili, né gli passava per la testa quanto fosse preminente quel dialogo nella vita di ognuno di noi. Né è un caso cheun altro dei figli di quell'azionismo torinese da cui proveniva Foa e anche lui uno dei maestri della nostra cultura
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:43 via WEB
bambinetti non vi distraete
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:46 via WEB
stiamo parlando di una PERSONA ( non di una figa come dite voi, provocante, ecc... in bicicletta!!!!!!!!
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:46 via WEB
siete tutti assatanati???????????????
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:48 via WEB
il fatto che la PG si okkupi di lei, invece dei criminali che girano indisturbati...... è una questione di merito, di oppurtinità, di programmazione
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:49 via WEB
PERO'
(Rispondi)
 
dottoresottile
dottoresottile il 28/06/07 alle 23:51 via WEB
è bene che si abbia un esempio di come la polizia non faccia distinzioni... almeno a Padova......
(Rispondi)
 
igina85
igina85 il 28/06/07 alle 23:52 via WEB
NON HA FATTO DISTINZIONI??????????
(Rispondi)
 
igina85
igina85 il 28/06/07 alle 23:52 via WEB
SEI MINUS ABET
(Rispondi)
 
igina85
igina85 il 28/06/07 alle 23:52 via WEB
LEI NON CI E' STATA...TUTTO QUI...
(Rispondi)
 
igina85
igina85 il 28/06/07 alle 23:55 via WEB
Due poliziotti in perfetta buona fede, fermano una bimba in bici che telefona, vestita come si conviene ad una bella ragazza come lei, dottoressa, istruita, colta simpatica, avvenente , come ho letto sopra, e nonostante tutto questo le ammaniscono una sanzione severissima ( 70 euro) . COME MAI??????????????????????????
(Rispondi)
 
igina85
igina85 il 28/06/07 alle 23:57 via WEB
SIGNIFICA CHE LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! (hi hi hi hi hi hi hi hi hi hi hi hi hi hi !!!!!!!!!!!!!!!!)
(Rispondi)
 
flozanussi
flozanussi il 29/06/07 alle 00:01 via WEB
io che sono vecchio cerco di valutare razionalmente.
(Rispondi)
 
flozanussi
flozanussi il 29/06/07 alle 00:03 via WEB
la questura di pd invece di occuparsi del crimine, si fa carico di problemi insignificanti come quello di una dott. che esce dall'ambulatorio in bicicletta e con l'afa insopportabile e lo smog non respirabile arranca in bicicletta verso casa
(Rispondi)
 
flozanussi
flozanussi il 29/06/07 alle 00:08 via WEB
si tratta di giovanissimo medico, supersfruttato, non pagato, costretto a girare in bicicletta non avendo altri mezzi e lottando per sopravvivere ( poi ti accorgi che è un medico che ha fatto una scoperta eccezionale, ma questo ora non conta). E' un ricercatore che accetta la miseria per stare in italia. I suoi affetti sono tutti a TARANTO , però ......... ci si sacrifica.......... ORA CAPITA CHE QUESTO MEDICO
(Rispondi)
 
flozanussi
flozanussi il 29/06/07 alle 00:10 via WEB
Questio medico riceva una chiamata urgente...... aqnzi, urgentissima...... MENTRE VA IN BICI........ la nonna amatissima è stata ricoverata a taranto in rianimazione, forse non sopravvive......... COME SI FA A TRONCARE LA TELEFONATA??????????????
(Rispondi)
 
summainiuria
summainiuria il 29/06/07 alle 00:11 via WEB
TROPPA EMOTIVITA' SI VEDE ANCHE DAGLI ERRORI
(Rispondi)
 
summainiuria
summainiuria il 29/06/07 alle 00:11 via WEB
CALMA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
(Rispondi)
 
summainiuria
summainiuria il 29/06/07 alle 00:16 via WEB
in PD una ragazza giovane e carina, pedalando nel traffico cittadino, parla, in forma concitata, al cellulare. Una volante la nota... le fa segno di fermarsi. La ragazza entra nel piazzale della chiesa della Madonna Pellegrina . Gli agenti le contestano l'infrazione. E la multano con 70 euro, che non è poco. TUTTO QUI. PUNTO.
(Rispondi)
 
summainiuria
summainiuria il 29/06/07 alle 00:17 via WEB
niente di eccezionale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
(Rispondi)
 
summainiuria
summainiuria il 29/06/07 alle 00:19 via WEB
questa la norma: CODICE STRADA: SI' CAMERA A DDL GOVERNATIVO, ORA A SENATO L'aula della Camera ha approvato il ddl governativo che riforma, in parte, il codice della strada. I si' sono stati 246, 17 i no, 151 gli astenuti. Il testo, ora, passa all'esame del Senato. La maggioranza ha votato a favore del provvedimento, mentre l'opposizione si e' astenuta. Arresto per chi guida senza patente o in stato di alterazione per aver bevuto, fumato spinelli o consumato droghe; patente sospesa per chi parla al cellulare mentre e' al volante; multe salate per chi corre troppo. E ancora, divieto di guidare 'bolidi' per i neopatentati, sanzioni elevate per chi 'trucca' i motorini, un premio di 4 punti per i piloti virtuosi, foglio rosa a 16 anni, piu' tempo per i ricorsi. Sono le principali novita' della riforma (parziale) del codice della strada approvata dalla Camera in prima lettura. Adesso il ddl governativo dovra' passare all'esame del Senato. Queste i punti-chiave del provvedimento. ARRESTO PER GUIDA SENZA PATENTE - Arresto fino a un anno, in caso di recidiva, per chi guida senza patente. L'illecito si trasforma in reato. Per la guida senza patente, nel codice attuale, c'e' solo la sanzione amministrativa, in futuro invece ci saranno carcere e ammenda (da 2.257 a 9.032 euro). L'arresto, pero', si applica solo a chi compie due violazioni nel corso di un biennio. PATENTE SOSPESA PER CHI PARLA AL CELLULARE - Chi guida parlando al cellulare rischia la multa da 148 a 594 euro e, se recidivo, la sospensione della patente fino a 3 mesi. In compenso, non ci sara' piu' la decurtazione di 5 punti attualmente prevista. CARCERE PER GUIDA DOPO SPINELLO O DROGHE - Chi guida 'in stato di alterazione' per uno spinello o l'uso di droghe rischia l'arresto fino a due mesi e l'ammenda da 500 a 2.000 euro. E se c'e' un incidente, pene raddoppiate. A chi si mette al volante dopo una 'canna', tra l'altro, sara' sospesa la patente da sei mesi a due anni e scattera' il fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni. Arresto, ammenda e sospensione patente - ma in misura ridotta - sono previste anche per chi guida in stato di ubriachezza, con pene che comunque si fanno piu' pesanti se il tasso alcolemico supera 1,5 grammi per litro di sangue. Chi si rifiuta di sottoporsi alla 'prova del palloncino' rischia una multa fino a 10mila euro, la sospensione della patente da 6 mesi a due anni e la confisca dell'auto per 6 mesi. E se recidivo, patente revocata. Nel caso di alcol e droghe, se il reato e' commesso da un autista di autobus e da un camionista (a parte le sanzioni) ci sara' la revoca della patente. Il carcere, peraltro, e' evitabile attraverso l'affidamento in prova ai servizi sociali, lavorando in associazioni che si occupano di assistenza alle vittime della strada.
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:32 via WEB
La locuzione Stato di diritto traduce l'originaria espressione tedesca "Rechtsstaat", coniata dalla dottrina giuridica tedesca nel XIX secolo. Fondamento di questa forma di Stato è la salvaguardia della supremazia del diritto e delle connesse libertà dell'uomo. Il concetto dello stato di diritto presuppone che l'agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle leggi vigenti: dunque lo Stato sottopone sè stesso al rispetto delle norme di diritto, e questo avviene tramite una Costituzione scritta. Il concetto di Stato di diritto si esplica in due nozioni: lo stato di diritto in senso formale e lo stato di diritto in senso materiale.
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:34 via WEB
esco dal seminato: Finalmente una buona notizia, sul giornale di oggi !!! Ma è possibile che in Italia, di qualunque crimine ci si macchi, con un bravo avvocato (preferibilmente azzeccagarbugli) ed un buon giudice (in senso lato) si riesca sempre a farla franca? Questi i pensieri che più o meno mi frullavano nella testa stamane mentre mi accingevo a sfogliare il quotidiano in compagnia di una bella sigaretta e un buon caffè. E invece... con mia immensa gioia, mi son dovuta ricredere. Pare che un distinto milanese di mezz'età, nel 2002, abbia ritenuto opportuno scroccare una telefonata da 2,86 euro da una cabina telefonica. Forse gli è sembrato di avere un'intuizione particolarmente brillante quando ha inserito una linguetta di plastica ripiegata nell'apparecchio per poter recuperare le monete dopo aver piacevolmente chiacchierato con chissà chi... Grazie a dio, un solerte agente della polfar ha assistito al misfatto, e lo ha prontamente denunciato alle autorità competenti. Lo scroccone è stato molto fortunato, perchè pur pendendo sul suo capo un'accusa di furto aggravato, se l'è cavata col patteggiamento di due mesi di reclusione (con sospensione della pena). Ben gli sta. La legge è uguale per tutti. Rubare qualche spicciolo da una cabina telefonica, non è certamente indice di astuzia sopraffina: se fosse stato più furbo, avrebbe fatto in modo di essere indagato per l'uccisione di un figlio, così da guadagnare una poltrona fissa al Maurizio Costanzo Show e la commiserazione (o il plauso) di amici, conoscenti e telespettatori.
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:37 via WEB
c'è UNA EMERGENZA CRIMINALITA', ALLORA LA QUESTURA ( NON LA POLIZIA URBANA O, AL LIMITE, lA POLSTRADA) MA LA VOLANTE IN SERVIZIO IN QUEL QUARTIERE... HA POSTICIPATO TUTTI I SUOI INTEVENTI ( INNUMEREVOLI DI CUI MOLTI URGENTI) DI 30 MINUTI PER MULTARE UNA GIOVANISSISSIMA RAGAZZA IN BICICLETTA PERCHè TELEFONAVA........................
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:38 via WEB
nARRO UNA MIA DIRETTA ESPERIENZA:
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:40 via WEB
FIRENZE, QUARTIERE 1, Piazza S. Croce... CENTRO STORICO.
(Rispondi)
 
elianaaldo
elianaaldo il 29/06/07 alle 00:48 via WEB
se mentre cammino a piedi o coi pattini telefono, mi fanno la multa allora......ma perfavore non sanno più dove arrampicarsi....
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:51 via WEB
RIENTRO A PIEDI ( non conviene fare altrimenti e non ho i soldi per il taxi). Mi affaccio sulla piazza da una laterale e nel buio squarciato da lampi di luce dovuti alla scarsa illuminazione ( SIAMO IN CENTRO STORICO!!!!)vexdo un energumeno, fermo davanti al mio portone. Forse è agitato dall'alcool, forse da sostanze, o forse è un pazzo. IO HO PAURA, UNA PAURA TREMENDA. E' UN GIGANTE IN CANOTTIERA......... chiamo il 112 mi dicono che non sono competenti e nmi collegano con il 113. Sono gentilissimi. VOGLIONNO SAPERE SE L'ENERGUMENO MI HA AGGREDITO! No , non mi ha ancora visto.... presiede il mio portone e non si muove da lì... impreca, bestemmia, prende a calci la porta, ha in mano una bottiglia..............parla con se medesimo... non ci sono passanti... è notte fonda.......... . Alla questura mi incoraggiano . " non si avvicini, resti nell'ombra, forse se ne va... adesso non possiamo inviarle una volante ..... sono TUTTE OCCUPATISSIME ( a multare le ragazzine in bicicletta?) però lei non tema, restiamo in contatto.... intanto noi chiamiamo il 118.
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:51 via WEB
Per farla breve
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 00:51 via WEB
HO CHIAMATO CASA
(Rispondi)
 
educatrice2
educatrice2 il 29/06/07 alle 01:03 via WEB
IN POCHI MINUTI, PASSANDO IN ZONA PEDONALE, SONO ARRIVATI MIO PADRE, I MIEI FRATELLI E I MIEI COGNATI. Hanno affrontato il pazzo che rotta la bottiglia minacciava una strage e lo hanno immobilizzato. E' arrivato il 118 . Camicia di forza, cinture, ecc.. portato al servizio psichiatrico di turno........ I MIEI SE NE SONO ANDATI dopo avermi "messa a letto", tranquillizzata ecc... MIO FRATELLO E' RIMASTO ( poveretto) a dormire sul divano. FINALMENTE CI SIAMO ADDORMENTATI CON 3 cps di VALERIANA. IL PRIMO SONNO. Improvvisamente suona il campanello, battono sulla porto, chiamano, fanno "voci", sono eccitati e preoccupati, battono anche sulle finestre...... Mio fratello va ad aprire, SONO PASSATI 65 minuti dalla mia chiamata. LA VOLANTE E' ARRIVATA E SONO PREOCCUPATISSIMI PER ME ANCHE PERCHE' IL PAZZO AVEVA, ALCUNE ORE PRIMA, AGGREDITO E FERITO DELLE PERSONE...... E MALIZIOSO DUBITARE CHE FORSE, NEL MOMENTO DEL BISOGNO, STAVANO MULTANDO UNA GIOVANISSIMA RICERCATRICE CHE PEDALAVA PARLANDO AL CELLULARE........???? I TEMPI COINCIDONO..........
(Rispondi)
 
 
carlofedele
carlofedele il 29/06/07 alle 13:35 via WEB
penso che lì a Padova ieri ci fossero molti più pazzi in strada che nelle strutture, poliziotti compresi... Se lavorassero sempre con la stessa solerzia ed equità (parlo della bici) avremmo città degne di essere definite oasi di pace. Ma mi sorge il dubbio dell' "imboscamento" e me li immagino impegnati in una grossa metropoli: hai voglia di cercarti piste ciclabili...
(Rispondi)
 
thebonnie
thebonnie il 29/06/07 alle 10:37 via WEB
non ci voglio credere...prima o poi cambio città!!!
(Rispondi)
 
UomoLeggero
UomoLeggero il 29/06/07 alle 19:17 via WEB
Meglio una ricercatrice sana e multata che una ricercatrice in ospedale... forse discorso di rischio ma che poi tra la fortuna e la sfortuna avrebbe potuto sperimentare (gratuitamente e senza pagare un euro... ma guarda te che generosi...) le biotecnologie... è anche bene ricordarsi, per essere in tema... che le biciclette essendo un mezzo di trasporto, non possono attraversare le strisce pedonali se non scendendo e portandola a mano... ci sarebbero meno incidenti e in qualche caso morti... Post sempre interessanti ^_^ Salutiii!!
(Rispondi)
 
UomoLeggero
UomoLeggero il 29/06/07 alle 22:24 via WEB
I molti aspetti che questo piccola vicenda mette in risalto comunque è da notare e non prendere sotto gamba. Quello che ovviamente è il mio primo interesse è la vita e l'incolumità dell'ingegnere bio-tecnologico, ma tolto il discorso principale (salvaguardia della vita), mette in chiara evidenza uno struttura che tende allo sfruttamento. Lo sfruttamento è come una palla da boowling che se lanciata bene tende a fare vedere la persona umana come risorsa da cui "sfruttare" qualsiasi cosa, anche gli stessi "imperativi" di regole vengono indirizzate verso lo sfruttamento. E' anche brutto dal punto di vista etico vedere una persona essere sfruttata senza riconoscere quasi nulla, come anche le onorificenze vocali non sono messe a disposizione dell'individuo (che rappresenta l'umanità). Il film DogVille mette in risalto un piccolo sistema di sfruttamento umano, mettendo una critica umana alla ribellione. Secondo il mio parere il discorso è molto ampio e comprende un complesso enorme. Un conto è creare posizioni che possono essere benissimo anche posizioni di ruolo ma un'altro conto è vedere come fonte di assoluto guadagno un individuo. Ci sarebbero tantissimi esempi da discutere ma che poi non sono esempi ma realtà. D'altro canto, mentre la TV o la politica ci fa credere fischi per fiaschi, alcuni progetti d'investimento (e non di sfruttamento) perché si crede nell'individuo e nelle qualità umane avanzano, in cui anche psicologi sono chiamati in causa. Buon Venerdì!! ^____^
(Rispondi)
 
pippo_217
pippo_217 il 30/06/07 alle 01:25 via WEB
...mi fate venire i brividi...non l'ho fatto apposta..., ho sbagliato numero al cellulare, ed ha risposto lei... mamma mia, che ho combinato !!!!!!! (Però, se ognuno di voi mi manda 5 euri, posso andare in vacanz.... Ops, cioè, volevo dire, posso risarcire la poverina !)
(Rispondi)
 
bedavid
bedavid il 30/06/07 alle 06:26 via WEB
Di multe prese per uso del cellulare ne so qualcosa anch'io: due anni fa i vigili di Ferrara mi hanno multato, giustamente, per l'uso del cellulare mentre stavo alla giuda del mio veicolo. Non so se il codice della strada preveda qualcosa per le biciclette, ma mi sembra che nel caso che hai riportato tu stiamo sfiorando l'assurdo... Ciao, buon week-end!
(Rispondi)
 
lorenzopellegrini
lorenzopellegrini il 30/06/07 alle 16:20 via WEB
ot. continui a produrre ottimi post. Complimenti.
(Rispondi)
 
turaz1981
turaz1981 il 03/07/07 alle 11:06 via WEB
Ma qualcuno di voi saprebbe come poter far ricorso in un caso simile????????
(Rispondi)
 
samasoli
samasoli il 05/07/07 alle 17:37 via WEB
ciao a tutti!!sono la multata??
(Rispondi)
 
samasoli
samasoli il 05/07/07 alle 17:37 via WEB
qualcuno sa aiutarmi per il ricorso??
(Rispondi)
 
samasoli
samasoli il 05/07/07 alle 18:27 via WEB
ma nessuno scrive più su qusto blog??
(Rispondi)
 
rimescolareilvolga
rimescolareilvolga il 06/07/07 alle 23:05 via WEB
Interessante non sapevo che anche chi va in bicicletta e risponde al cellulare prende la multa, 70€. personalmente non la pagherei e la contesterei anche di fronte al giudice...Mauro
(Rispondi)
 
kalm
kalm il 08/07/07 alle 13:14 via WEB
Bene hanno fatto gli agenti della polizia a multarla. Esiste un qualcosa che si chiama "Codice della Strada" che va rispettato da CHIUNQUE, chi lo infrange e viene pizzicato è giusto che ne paghi le conseguenze.Siamo un popolo di indisciplinati, sempre convinti che "a me non tocca" e quando succede a lamentarsi o peggio ancora a piangere. Buona domenica a tutti :-)
(Rispondi)
 
turaz1981
turaz1981 il 09/07/07 alle 12:00 via WEB
Kalm non meriteresti nemmeno una risposta..vorrei proprio vedere se tu in bici non hai mai risposto al cellulare, se 70 euro pensi siano giusti per una bici, se lo sai che questa cifra è un decimo di quello che prende un ricercatore al mese, mi chiedo se oltre ad avere questo giustizia intrinseca ne tuo DNA se hai anche un pò di buonsenso e se pensi che la Polizia di Stato non abbia niente di meglio da fare in questa città che mettersi a multare una ragazza in pista ciclabile, che ha risposto ad una chiamata urgente e che non ha creato nessun pericolo.. io penso che in questo caso i due agenti si siano comportati da "paladini della giustizia" in maniera ridicola!
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.