Creato da queenfra il 21/09/2006
aderenze e sostanze
 
 

FACEBOOK

 
 

Tag

 

The love song of J. A. Prufrock

Let us go then, you and I.
when the evening is spread out against the sky
like a patient etherized upon a table;
let us go, through certain half-deserted streets,
the muttering retreats
of restless night in one-night cheap hotels
and sawdust restaurants with oyster-shells:
streets that follow like a tedious argument
of insidious intent
to lead you to a overwhelming question...

Oh, do not ask, “What is it ?”
Let us go and make our visit.

In the room the women come and go
  talking of Michelangelo

The yellow fog that rubs its back upon the window-panes
the yellow smoke that rubs its muzzle on the window-panes
licked its tongue into the corners of the evening,
lingered upon the pools that stand in drains,
let fall upon its back the soot that falls from chimneys,
slpped by the terrace, made a sudden leap,
land seeing that it was a soft October night,
curled once about the house, and fell asleep.

And indeed there will be time
for the yellow smoke that slides along the street,
rubbing its back upon the window-panes;
there will be time,there will be time
to prepare a face to meet the face that you meet;
there will be time to murder and create,
and time for all the works and days of hands
that lift and drop a question on your plate;
time for you and time for me,
and time yet for hundred indecisions,
and for hundred visions and revisions,
before the taking of toast and tea. 

In the room the women come and go
  talking of Michelangelo.

 

...And indeed there will be time
to wonder, “Do I dare ?” and “Do I dare ?”
Time to turn back and descend the stair,
with a bald spot in the middle of my hair
(They will say:”How his hair is growing thin ”)
My morning coat, my collar mounting firmly the chin,
my necktie rich and modest, but asserted by a simple pin
(They will say:”But how his arms and legs are thin!”)
Do I dare
disturb the universe ?

In a minute there is time
for decisions and revisions which a minute will reverse.

For I have known them all already, known them all:
have known the evenings, mornings, afternoons,
I have measured out my life with coffee spoons;
I know the voices dying with a dying fall
Beneath the music from a farther room.
So how  should I presume ?

And I have known the eyes already, known them all -
the eyes that fix you in a formulated phrase,
and when I am formulated, sprawling on a pin
when I am pinned and wriggling on the wall
then how should I begin
to spit out all the butt-ends of my days and ways ?
and how should I presume ?
 

And I have known the arms already, known them all -
arms that are braceleted and white and bare
(but in the lamplight, downed with light brown hair ! )
is it perfume from a dress
that makes me so digress ?
Arms that lie along a table, or wrap about the shawl.
And should I presume ?
And how should i begin ?

Shall I say, I have gone  at dusk through narrow streets
and watched the smoke that rises from the pipes
of lonely men in shirt-sleeves, leaning out of windows ?
I should have been a pair of ragged claws
scuttling across the floors of silent seas.
 

 

...And the afternoon, the evening, sleeps so peacefully!
smoothed by long fingers,
asleep... tired... or it malingers,
stretched on the floor, here beside you and me.
Should I, after tea and cakes and ices,
have the strenght to force the moment to its crisis?
But thought I have wept and fasted, wept and prayed,
thought I have seen my head (grown slightly bald)
brought in upon a platter,
I’m no a prophet — and here’s no great matter;
I have seen the moment of my greatness flicker,
and I have seen the eternal Footman hold my coat, and snicker
and in short, I was afraid.

And would it have been worth it, after all,
after the cups, the marmalade, the tea,
among the porcelain, among some talk of you and me,
would it have been worth while,
to have bitten off the matter with a smile,
to have squeezed the universe into a ball
to roll it toward some overwhelming question,
to say:”I’am Lazarus, come from the dead,
come back to tell you all, I shall tell you all” —
If one, settling a pillow by her head,
should say: “That is not what I meant at all.
That is not it, at all.”

And would it have been worth it, after all,
would it have been worth while,
after the sunsets and the dooryards and the sprinkled streets,
after the novels, after the teacups,
after the skirts that trail along the floor
and this, and so much more?
It is impossible to say just what I mean!
But as if a magic lantern threw the nerves in patterns on a screen:
would it have been worth while,
if one, settling a pillow or throwing off a shawl,
and turning toward the window, should say:
“That is not it at all,
that is not that I meant, at all.”

No! I am not Prince Hamlet, nor was meant to be;
Am an attendant lord, one that will do
to swell a progress, start a scene or two,
advise the prince; no doubt, an easy tool,
deferential, glad to be of use,
politic, cautious, and meticulous;
full of high sentencem but a bit obtuse;
at times, indeed, almost ridiculous—
almost, at times, the Fool.
 

I grow old... I grow old...
I shall wear the bottoms of my trousers rolled.
Shall I part my hair behind? Do I dare to eat a peach?
I shall wear white flannel trousers, and walk upon the beach.
I have heard the mermaids singing, each to each.
I do not think that they will sing to me.
I have seen them riding seaward on the waves
combing the white hair of the waves blown back
when the wind blows the water white and black.

We have lingered in the chambers of the sea
by sea-girls wreathed with seaweed red and brown
till human voices wake us, and we drown.

 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Ultime visite al Blog

queenfrahold_me_closeTatayahqueenfrancystrong_passionCoulomb2003luny7marghe_emmepievelina55AlexanderIceSkygio080808soulplacepaolo.passmaltorossoVbiggatsby
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
immagine
 

 

Parada Pagiassi Genova Miloud Ragazzi Bucarest

Post n°39 pubblicato il 17 Febbraio 2008 da queenfra
 

Arrivano, a Genova,
I RAGAZZI DI BUCAREST
25 aprile - 2 maggio 2008

L'Associazione I Pagiassi ospita e organizza la tappa genovese della tournee dei ragazzi di PARADA, l'Associazione che sostiene MILOUD e il suo 'miracolo'

per saperne di più sulla tappa genovese di PARADA

Spettacolo serale
29 aprile 2008
Teatro della Gioventù
(ingresso libero)

inoltre sarà possibile incontrare i Ragazzi di Bucarest e divertirsi con loro anche durante la giornata del 26 aprile al Porto Antico

 
 
 

...c'è tempo c'è tempo c'è tempo....

Post n°38 pubblicato il 22 Agosto 2007 da queenfra
 

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno che hai voglia ad aspettare
un tempo sognato che viene di notte
e un altro di giorno teso
come un lino a sventolare.

C'è un tempo negato e uno segreto
un tempo distante che è roba degli altri
un momento che era meglio partire
e quella volta che noi due era meglio parlarci.

C'è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d'estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando
è l'ora muta delle fate.

C'è un giorno che ci siamo perduti
come smarrire un anello in un prato
e c'era tutto un programma futuro
che non abbiamo avverato.

È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c'è tempo, c'è tempo c'è tempo, c'è tempo
per questo mare infinito di gente.

Dio, è proprio tanto che piove
e da un anno non torno
da mezz'ora sono qui arruffato
dentro una sala d'aspetto
di un tram che non viene
non essere gelosa di me
della mia vita
non essere gelosa di me
non essere mai gelosa di me.

C'è un tempo d'aspetto come dicevo
qualcosa di buono che verrà
un attimo fotografato, dipinto, segnato
e quello dopo perduto via
senza nemmeno voler sapere come sarebbe stata
la sua fotografia.

C'è un tempo bellissimo tutto sudato
una stagione ribelle
l'istante in cui scocca l'unica freccia
che arriva alla volta celeste
e trafigge le stelle
è un giorno che tutta la gente
si tende la mano
è il medesimo istante per tutti
che sarà benedetto, io credo
da molto lontano
è il tempo che è finalmente
o quando ci si capisce
un tempo in cui mi vedrai
accanto a te nuovamente
mano alla mano
che buffi saremo
se non ci avranno nemmeno
avvisato.

Dicono che c'è un tempo per seminare
e uno più lungo per aspettare
io dico che c'era un tempo sognato
che bisognava sognare.

(Fossati)

 
 
 

Post N° 37

Post n°37 pubblicato il 13 Agosto 2007 da queenfra

Cicli che si aprono, e che si chiudono.
E il comprendere che non è più tempo...

malinconia...

 
 
 

Post N° 36

Post n°36 pubblicato il 07 Agosto 2007 da queenfra
 

  .... And indeed there will be time
For the yellow smoke that slides along the street,
Rubbing its back upon the window-panes;
There will be time, there will be time
To prepare a face to meet the faces that you meet;
There will be time to murder and create,
And time for all the works and days of hands
That lift and drop a question on your plate;
Time for you and time for me,
And time yet for a hundred indecisions
And for a hundred visions and revisions
Before the taking of a toast and tea...

 
 
 

Post N° 35

Post n°35 pubblicato il 04 Agosto 2007 da queenfra
 

E torno ad aprire quella scatola.
Torno a sfogliare, a rileggere.

Ma la mente corre a dieci anni fa.
Alle discussioni, fino a tarda notte, in quella cucina che era peggio di un'aula di tribunale, con i miei schierati compatti e decisamente contrari alle mie scelte.

Ero convinta, delle mie scelte. Convinta del mio sentirle. Serena nel combattere in prima linea per poterle portare avanti fino in fondo. Mi rileggo, nelle lettere-sfogo che scrivevo all'epoca al mio fidanzato quasi marito.

Le "mie" parole.
Quante parole, dette, urlate, scritte, dimenticate...
Qualcuna ha ancora la stessa semantica d'allora.
Qualcuna invece oggi è svuotata di quei significati, e ne ha acquistati altri.
Altre hanno perso il loro valore, per ora. Chissà.

E mi fa tenerezza, quella me di dieci anni fa. Così fragile. Così determinata.
Così convinta. A modo suo, serena. Quella ragazza aveva progetti chiari, valori sicuri a cui far riferimento, aspettative, tante, e coraggio da vendere. Chissà quanti saggi consigli avrebbe avuto da darmi, oggi. Quanto buon senso.

E oggi, se potessi, con tanta dolcezza e un velo di malinconia, l'abbraccerei...

 

 
 
 

... a spasso nel tempo...

Post n°34 pubblicato il 31 Luglio 2007 da queenfra
 
Foto di queenfra

...ancora un'occasione.

Torno, invitata dallo zio, a casa di mia nonna.
Ad aspettarmi, insieme a mio zio, la sua nuova compagna.

Laura e Riccardo animano di girotondi e canzoncine le stanze scure, mentre un disco malinconico fruscia dalla sala da pranzo. L'odore della polvere si mescola con i profumi delle pietanze che ho portato, e nella mia mente si confondono con mille altri momenti, in quelle stesse stanze.

Alzo lo sguardo al lampadario del salone. Gocce di vetro che un tempo brillavano riflettendo la luce in tutte le direzioni. "Nonna puliamo i lampadari? salgo io sul tavolo..." Giocavo a staccare a una a una tutte le gocce, per immergerle nell'acqua e aceto e poi asciugerle con cura prima di appenderle nuovamente al loro posto...
L'infinito comparire e sparire dell'arcobaleno che si formava sulle pareti della stanza era il premio atteso, alla fine delle grandi pulizie...

Sopra la cassapanca scura dell'ingresso, c'è una cappelliera. Sopra ancora c'è il cappello del nonno. E' lì dal 1986, non lo ha mai tolto nessuno...
Su quella cassapanca ho il mio 'primo' e più antico ricordo. Mia madre lo ha datato al capodanno 1974. Non avevo ancora 2 anni. Brindisi per tutti, nelle coppe larghe del servizio di cristallo. E io li guardavo incantata, e probabilmente assonnata!, riflessi nel grande specchio sopra la credenza, e vedevo il doppio della gente, due lampadari, due stanze attigue...

Laura. Gioca a seguire il percorso del mosaico sul pavimento. Come facevo io 30 anni fa. Come forse ha fatto mia madre, in quella stessa stanza.

Questa casa è uno scrigno di ricordi e di messaggi. Cerco di 'rubarne' le immagini che emergono sepolte dalla mia memoria, aiutate dal luogo e dagli odori.
L'odore del legno, delle pitture a olio, del profumo della nonna, e della polvere...

Frugo, ancora, nel cassetto delle fotografie.
E porto a casa volti, momenti, sorrisi, sguardi.

Cosa sto cercando?

A mia madre arriverò passando per mia nonna. questo ormai mi è chiaro...
E mia nonna si svela pian piano, mostrandomi anche mia madre.

Io per mano a Laura.
Lei per mano a mia madre.
Manca solo il terzo ed ultimo passo...

coraggio.


 
 
 

 ... papà...

Post n°33 pubblicato il 07 Giugno 2007 da queenfra

... momenti. fuori dal tempo.

...e mi è famigliare quel tuo passo che risuona in corridoio, spalanco gli occhi e cerco con lo sguardo la porta della mia stanza... e arrivi, in quel 'terreno neutro' che è una corsia d'ospedale... solo...
entri in quella stanza e mi sale la commozione in gola, come se finalmente tutto prendesse un suo significato, un suo senso.

Ti guardo, mentre mi parli, mentre cerchi di nascondere che sei preoccupato per me... Ti guardo in piedi, vicino al mio letto, le nostre mani si cercano e si trovano, e non si lasciano per quasi due ore...
Ti guardo e penso che è un sacco di anni che non riusciamo ad avere un momento così bello, tutto nostro... senza nessun copione da dover recitare per nessuno...

Il viso invecchiato, i baffi bianchi, i capelli che iniziano a diradarsi. E i tuoi occhi sempre penetranti, irrequieti, che mal si intonano con l'aspetto solenne e professionale che non ti levi mai di dosso...
Che sollievo, averti accanto, papà...
E che bello poterti accogliere e ascoltare così, serenamente, con la sensazione di una libertà infinita nel mio cuore...

Mi parli delle tue preoccupazioni, della prossima pensione, e dell'anticiparla al prossimo autunno,  di come vorresti passare questi prossimi anni, che pensi siano pochi, troppo pochi per essere sprecati lontano dai tuoi nipotini...
Le tue parole scivolano con le mie, senza sovrapporsi, senza contrasti, in un unico discorso danzante che è balsamo per l'anima...
E' così bello ascoltarti, così bello parlarti tranquilla, senza altri ad ascoltarci...

Mi farei un'operazione al mese, se sapessi di poterti incontrare in questo modo, con questa sospensione di tempi e di giudizi, così come ti ho incontrato lunedì...!!!

 
 
 

Post N° 32

Post n°32 pubblicato il 01 Febbraio 2007 da queenfra

Case di pane, riunioni di rane
vecchie che ballano nelle chadillac
muscoli d'oro, corone d'alloro
canzoni d'amore per bimbi col frack
musica seria, luce che varia
pioggia che cade, vita che scorre
cani randagi, cammelli e re magi forse fa male eppure mi va...

... di stare collegato
di vivere di un fiato
di stendermi sopra al burrone
di guardare giù
la vertigine non è
paura di cadere
ma voglia di volare...

...mi fido di te...
mi fido di te
mi fido di te
mi fido di te
io mi fido di te
ehi mi fido di te
...cosa sei disposto a perdere ...

Lampi di luce, al collo una croce
la dea dell'amore si muove nei jeans
culi e catene, assassini per bene
la radio si accende su un pezzo funky
teste fasciate, ferite curate
l'affitto del sole si paga in anticipo prego
arcobaleno, più per meno meno, forse fa male eppure mi va...

... di stare collegato
di vivere di un fiato
di stendermi sopra al burrone
di guardare giù
la vertigine non è
paura di cadere
ma voglia di volare...
 

...mi fido di te...
mi fido di te
mi fido di te
cosa sei disposto a perdere
mi fido di te
mi fido di te
io mi fido di te
... cosa sei disposto a perdere ...

Rabbia stupore la parte l'attore
dottore che sintomi ha la felicità
evoluzione il cielo in prigione
questa non è un'esercitazione
forza e coraggio
la sete il miraggio
la luna nell'altra metà
lupi in agguato il peggio è passato, forse fa male eppure mi va...

... di stare collegato
di vivere di un fiato
di stendermi sopra al burrone
di guardare giù
la vertigine non è
paura di cadere
ma voglia di volare...

...mi fido di te...
mi fido di te
mi fido di te
cosa sei disposto a perdere
eh mi fido di te
mi fido di te
mi fido di te
mi fido di te
...cosa sei disposto a perdere ...

 

 


 
 
 

Post N° 31

Post n°31 pubblicato il 29 Gennaio 2007 da queenfra
Foto di queenfra

... mezzo addormentato se ne va...

 

E così, dopo tanto osservare 'da fuori' e aspettare il momento 'giusto'...

anche io sono finalmente una V.I.P. !!!!!!!!

^_________^

Tre giorni di immersione in un mondo coloratissimo e sorridente, fra sedici aspiranti del tutto sconosciuti che pure mi sembra di conoscere da una vita intera... e trovarmi a barriere abbassate, emotivamente scoperta... eppure insolitamente tranquilla, anziché follemente entusiasta...

Meravigliarmi ogni volta di come scattano identiche a se stesse le dinamiche di gruppo, e vedermi in queste dinamiche e scoprirmi e osservarmi in ruoli per me "nuovi"... volermi sperimentare nei rapporti dove non scatta immediato il feeling, istintivamente andare dove non saprei da dove cominciare, chiudere gli occhi e affidarmi, come non so se mai nella vita ho saputo fare...

Buttarmi nel vuoto...
fidarmi di un dito...
ascoltare altre mani a occhi chiusi...
ballare con i gomiti...
essere goccia d'acqua in un vortice...
sorvolare mari increspati
volandoci sopra scortata da un angelo...

guardarmi "colorata"...
imparare a interpretarmi...

essere cittadina... imparare a dire no...
e poi clandestina... 

... e sentirmi eplodere dentro la gratitudine per chi ci ha accompagnati in questi giorni di re-styling... stando con noi, rimettendosi in gioco con noi, dandoci sostegno, supporto e accoglienza...

...ricevere il diploma, commuovermi ancora... un nuovo inizio...
e capire che sono io e il modo in cui vivo questi momenti, ad essere "nuova"...
...sentire che sono giorni di svolta, momenti che segneranno un "prima" e un "dopo"...

e prendermi in giro da sola esaltando i miei difetti in chiave comica...
sì, davvero un'altra vita....

 

...bruco bruco bruco bruco bruco brù...

 
 
 

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 21 Dicembre 2006 da queenfra

nuovi ritmi, nuove strade d'espressione, nuovi luoghi di crescita...

... mondo blog necessita di cure e presenza e costanza, e soprattutto di tempo che io in questo periodo non posso e non riesco ad avere per tutto e per tutti, come avevo in altri periodi della mia vita...

... pure non ne sento la mancanza come finora era successo...
...c'è la profonda sicurezza che certi rapporti siano ormai inossidabili... e c'è la tranquillità di poter contare sempre su quella cerchia di amici che ha accompagnato questo mio pezzo di strada, un periodo che comprendo essere ormai trascorso, e lo dico senza nostalgia, perché mi ha dato tanto, mi ha cambiata, e mi ha fatta rinascere per come sono in questo momento... e sto molto bene...

immagine

E' con questo stato d'animo
che auguro a ciascuno un Buon Natale,
e un sereno anno nuovo...

...a presto...

Francesca

 
 
 

Post N° 27

Post n°27 pubblicato il 26 Novembre 2006 da queenfra

E Laura ieri ha mosso i primi passi completamente sola... lasciandosi dalla maniglia del cassetto delle pentole di cucina e venendo verso di me...

brava cucciola...!

 
 
 

Post N° 23

Post n°23 pubblicato il 18 Novembre 2006 da queenfra
 
Tag: musica

...Lo spirito che anima un gruppo corale, non è quello di assolvere a un impegno preso, ma è un viversi insieme, anche attraverso la musica, e un'occasione di crescere.
E' certo che all'interno di un coro i comportamenti e le personalità di ciascuno sono peculiari, insostituibili e preziose: ciascuno porta un pezzetto di sé, della propria storia, del proprio carattere, del proprio vissuto, al di là del proprio timbro vocale, e tutto questo si unisce poi a creare una sola armonia...

Il coro è una realtà dinamica, le persone entrano, maturano, escono, tornano, c'è un ricambio continuo, di ruoli, di posizioni e di esperienze. E' tutto un riequilibrarsi continuo e fluido, una sfida per tutti non facile, ma sicuramente entusiasmante.

 
 
 

Post N° 22

Post n°22 pubblicato il 09 Novembre 2006 da queenfra

domattina, in tribunale. causa di divorzio tra mia suocera e il marito.

non si vedono da trent'anni.

l'ha lasciata da un giorno all'altro, da sola e con tre figli di 2, 4 e 6 anni.
non le ha mai passato una lira di alimenti.
non si è mai presentato in tribunale. sempre contumace.
ora, tramite avvocati, pare si riesca a ottenere che firmi il divorzio, e in cambio gli vengono cancellate tutte le pendenze.
Ma almeno in caso di morte improvvisa di mia suocera, non ha diritto alla legittima.

e stasera ho chiamato mia suocera.
uno straccio.
lei, quell'uomo lo ha amato. e ha sperato tornasse.
ha sperato cambiasse.
è rimasta sola, mantenendosi i tre figli, lavorando di giorno e cucendo di notte.
è rimasta sola ancora di più quando la madre è morta dopo anni di infermità.

trent'anni di rabbia, di rivendicazioni, di rassegnazione, di lavoro intenso, di preoccupazioni, di lotta perenne col conto sempre al filo del rosso.

stasera con la voce rotta di pianto, mi dice che domattina andrà dalla parrucchiera, e che è contenta che sia freddo, così col cappotto lungo non si vedranno le gambe gonfie... Mi chiede se può darsi un po' di trucco leggero agli occhi senza sembrare patetica... Mi chiede di aiutarla per scegliere la borsa, le scarpe... si è fatta rifare la montatura degli occhiali...

"Francy,... ho paura di mettermi a piangere..."
e a me si chiudono le parole in gola...

...erano mesi che in attesa di questa data si scervellava con se stessa per capire se chiedere ai figli di accompagnarla in tribunale, o se invece andare sola.
le avrebbe fatto piacere averli vicini, ma non li voleva obbligare a vedere il padre
e viceversa, anche dicendo di no, avrebbe loro negato la curiosità di guardarlo una volta fino in fondo agli occhi, quel padre.

e anche su questo mi aveva chiesto aiuto e consiglio già due mesi fa: "i miei figli sono bravi, ma sono maschi, certe cose non possono capirle..."

alla fine ha deciso che arriverà in tribunale da sola, e che sarà sola in aula.
e che andremo tutti, bimbi compresi, ad aspettarla all'uscita.

----------------------------------------------------------------------------------------------

ed è una Donna. a tutto tondo.
sagomata e levigata dal dolore.
determinata e testarda, fragilissima.
la vita le ha risparmiato poco e niente.
domani l'ultimo atto di uno stillicidio emotivo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------

e penso a quei tre figli. tre bimbi. tre uomini.

A. a sei anni ha vissuto l'abbandono del padre, incolpandone la madre.
ha scatenato tutta la sua rabbia di bambino contro di lei.
e una volta cresciuto, e compresa la situazione, ha solo trasferito la rabbia tal quale, sul padre assente.

G. a quattro anni ha vissuto l'abbandono del padre, difendendo la madre.
ha maturato un sentimento di protezione, un senso di forte legame con i fratelli.
oggi dice di non 'essere tagliato' per il matrimonio. è single convinto.

M. aveva due anni. L'unica figura maschile di riferimento che ha mai visto è l'anziano bisnonno. Ha vissuto la mancanza di "un" padre. Non prova nessun sentimento nei confronti del padre, se non disinteresse e fastidio.
E' un papà dolcissimo. Lo è stato con Ric, e lo è adesso con Laura.
ha vissuto l'abbandono. credo faccia tutto il possibile, consciamente o istintivamente, per non doverne subire altri.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

 
 
 

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 01 Novembre 2006 da queenfra
 
Tag: musica
Foto di queenfra

E torno a dirigere, ieri sera in concerto. Il concerto è di un coro tedesco ospite in zona, e a noi spettano quattro brani di saluto introduttivo.

Le cose cambiano. Talvolta ritornano.

La Magia ha inizio nello sguardo di Antonella. Mi accoglie con un sorriso splendente, emozionata (è il suo secondo concerto).. E poi una dopo l'altra arrivano, in nero, con i foulard gialli, e gli sguardi agitati, come prima d'ogni concerto...

Alle prove generali, sono concentrati, cercano i miei sguardi, cercano di capire se sono soddisfatta... e cercano la mia concentrazione, confidano in me.

Ancora De Marzi, brani suggestivi, che lasciano il cuore sospeso, tra la melodia e le parole, in un'armonia che scivola, come un foulard di seta, tra le mie mani...

...e scivola via anche il mal di testa che mi ha distrutto la giornata, nonostante le due dosi di novalgina inutilmente ingerite, nonostante doccia rilassante e via discorrendo...

E com'è, come non è, trovo la mia dimensione... Perfettamente presente a me stessa, concentrata, non manco un attacco, mi diverto sui chiaroscuri, colorisco, dipingo... 
E il coro risponde...
Come ogni volta che io sono stata 'in serata buona'... il risultato non si fa attendere...

E mi guardo. E penso.
Ho scelto le calze, l'intimo, le scarpe.
Indosso una gonna(!) lunga nera, con un golfino nero... sulle spalle uno scialle fatto dalle mani di una persona che mi vuole bene...
Capelli in ordine, leggermente truccata.
E sto bene, bene in quel corpo, bene come da tempo non mi sentivo.

Guardo  le mie mani, si muovono sicure, sanno quel che fanno, senza più incertezze o dubbi, o paura di sbagliare, o paura di essere giudicata nel mentre.
E quando, dopo, arrivano i complimenti e gli applausi, riesco pure a girarmi, a sorridere e ad abbozzare un mezzo inchino. (non sia mai!)

Da quanto tempo non dirigevo così?
Da quanto tempo non dirigevo "da sola" eppur completa?

...un successo. in tutti i sensi.


 
 
 

Post N° 20

Post n°20 pubblicato il 30 Ottobre 2006 da queenfra
 

Partorire.

Non è mica una cosa semplice.
Una creatura che DIPENDE da te.
Una creatura che in tutto e per tutto, cresce-si nutre-assorbe-si sviluppa-pensa- attraverso di te.
Una creatura che in quella pancia calda e accogliente, in quell'utero al riparo da ogni violenza esterna, attraversa le fasi più delicate della propria esistenza.

Una creatura che 'impara' il mondo fuori, attraverso le informazioni chimiche passate dalla madre, attraverso un cordone ombelicale che tutto filtra, in un liquido amniotico che tutto attutisce.  Anticorpi, odori, sapori, rumori, luci e ombre.

Tutto per. Tutto in vista di. Tutto tende a.
il parto.
l'evento che è, a detta dei medici, il più traumatico di tutta la nostra esistenza.

Parti prematuri. oggi meno difficoltosi d'un tempo...
Parti post termine, con gravissime sofferenze fetali...


Al momento del parto c'è  il distacco.
c'è un lasciar andare.
c'è un taglio netto e preciso del cordone ombelicale. (che altrimenti si muore dissanguati in due)

Da quell'unità madre-figlio
la madre partorisce un bambino,
il figlio rigenera alla vita una nuova donna.

e c'è la gioia di prendere in braccio un bimbo.
di guardarlo negli occhi.
di accarezzarlo sulla pelle nuova.

c'è la gioia dei primi passi da solo,
della prima volta che ti chiama mamma,
del primo dentino che spunta.

c'è un nuovo tempo di 'gestazione' 
dove ci sono altri cordoni, altri liquidi amniotici,
altri filtri per anticorpi...
protezione, rispetto, sempre in bilico tra il trattenere e il lasciar andare...

la natura fa il suo corso.
talvolta ancora in 'parti' prematuri,
e talvolta ancora parti post termine...

e nei mille tempi a termine di questa gestazione
c'è ancora una mamma che partorisce un uomo
e un figlio che rigenera alla vita una nuova donna...

un parto doppio. che deve avvenire in entrambe le direzioni ogni volta.



E penso ai miei figli.
e ne penso tre.
perché tre volte sono rinata in loro.
nuova donna.

E penso al rapporto con mia madre.
Se non avessi preso io in mano le forbici per tagliare il cordone ombelicale, ci saremmo dissanguate in due, quando nella natura delle cose ho spiccato il volo...
E là dove per senso di colpa o per istinto di protezione non l'ho fatto, inevitabili si sono create infezioni, che si sa, il medico pietoso fa la ferita purulenta.

E penso all'atto di sfiducia che compiamo nei confronti dei figli, quando non li riteniamo in grado di... scegliere...
Lo stesso atto di sfiducia che ho fatto nei confronti di mia madre, ogni volta che ho pensato non fosse in grado di... scegliere...

e invece.
scelte. solo questione di scelte.
e di priorità che scegliamo.
noi.
respons-abili di noi stessi.

E ancora mi ritrovo a guardarmi in questa quaterna di donne che mi appare e scompare d'intorno in continuazione... io, laura, mia mamma e mia nonna...

E mi accolgo nuova me.
Donna madre che ogni giorno partorisco i miei figli e me stessa, e che dai miei figli sarò ogni giorno partorita, nuova madre, nuova donna, a nuova vita...

E ti penso, figlia che cerca nel ricordo e nei ricordi della sua famiglia, la propria madre.
Potenza dell'amore: anche da morta, i tuoi figli sapranno ridarti la vita. Sapranno riscoprirti per amarti ancora...


 
 
 

Post N° 17

Post n°17 pubblicato il 15 Ottobre 2006 da queenfra
 
Foto di queenfra

ancora sul mio prato, oggi.

un tripudio di colori d'autunno. di rossi, di gialli, di ocra, di verdi scuri e toni caldi...
un tripudio di profumi d'umido, di muschio, di nuvole...
un battesimo d'erba bagnata, per rinnovarmi alla vita...

Foglie, ovunque.
Germogliavano in primavera.
Ci è voluta l'estate intera, e poi il primo freddo d'autunno.
C'è voluto il tempo. il suo tempo.
Poi un Vento nuovo, che nella naturalezza dell'esistere, libera i rami dalle foglie vecchie, e li spoglia, affinché tornino ad essere vergini e nudi all'incontro con la prima neve...

raccolgo le foglie ingiallite. 
formano un tappeto che invita a entrare in un luogo a me sacro.
salgo passo dopo passo i gradini di un altare, le radici dei miei alberi.
abbraccio e accarezzo il tronco, passo le dita nel muschio, ne prendo un pezzetto, come una comunione.

oggi , ora, qui,
respiro parole d'amore.
e in ginocchio ne ricevo.

 
 
 

Post N° 15

Post n°15 pubblicato il 12 Ottobre 2006 da queenfra

Il mio prato. 33 anni fa.
L'immagine di una famiglia apparentemente perfetta.
Mia madre, così bella.

E invece. Invece era già tutto un dramma.

Mia madre aveva già litigato con tutta la famiglia di mio padre.
Una gran botta di rabbia. E le palpitazioni. E le perdite, e l'aborto. La corsa in ospedale. E la facilità con cui un evento, doloroso, ma solamente un evento, viene invece attribuito sottoforma di colpa. E il capro espiatorio è stata la zia, la sorella di mio padre.
A lei la colpa.
Che è più facile scagliarsi con rabbia, piuttosto che digerire un dolore.

Mamma non ha mai digerito.
e non ha mai perdonato. e quella rabbia la rode ancora...

-------

Anche io rovescio su di lei la mia rabbia.
Quale è il dolore che non so digerire?

 
 
 

Post N° 14

Post n°14 pubblicato il 12 Ottobre 2006 da queenfra
 

Io oggi penso che:

La Vita sia un dono.
Ogni esperienza, bella o brutta, di gioia o di dolore, sia solo uno strumento.
Volendo, si cresca dalle esperienze belle come da quelle brutte.
Ogni cosa della vita acquisti un suo senso, se finalizzato a uno scopo.

Credo che lo scopo della mia esistenza sia imparare ad amare.

Tutto, ora, converge in questo senso, per me.

 
 
 

Extreme - "More than words"

Post n°13 pubblicato il 09 Ottobre 2006 da queenfra
 
Foto di queenfra

ascolta...

Saying I love you
Is not the words I want to hear from you
It's not that I want you
Not to say, but if you only knew
How easy it would be to show me how you feel
More than words is all you have to do to make it real
Then you wouldn't have to say that you love me
'cause I'd already know

What would you do
if my heart was torn in two
More than words to show you feel
That your love for me is real
What would you say
if I took those words away
Then you couldn't make things new
Just by saying I love you
More than words

Now I've tried to talk to you and make you understand
All you have to do is close your eyes
And just reach out your hands and touch me
Hold me close don't ever let me go
More than words is all I ever needed you to show
Then you wouldn't have to say that you love me
'cause I'd already know

What would you do
if my heart was torn in two
More than words to show you feel
That your love for me is real
What would you say
if I took those words away
Then you couldn't make things new
Just by saying I love you
More than words

 
 
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 08 Ottobre 2006 da queenfra
Foto di queenfra

E poi una mattina ti svegli, e ricordi il sogno che hai appena sognato.
E resti un po' così, scombussolata.

E ritrovarmi a ridere, di gusto, seduta sul letto, nello scoprire che dal sogno ho compreso la serena e inconfutabile risposta a una domanda sulla quale mi sono scervellata e vivisezionata (inutilmente) per due anni.

Incredibile!

 
 
 
Successivi »