La nostra voce

pensieri,commenti sui fatti quotidiani e riflessioni alla luce del vangelo

 

Degno è l'Agnel

siede sopra il trono

ha una corona di gloria,

regna in vittoria!

Innalziamo Gesù, il figliuolo di Dio

Colui che fu crocifisso

degno è l'Agnel!

 

 

L'AMORE DI DIO E' PER TUTTI

"La dimostrazione divina della realtà e dell'amore di Dio non è stata data con parole, ma con fatti.

 

Quando Iddio volle dimostrare
il Suo amore alla povera umanità,

 

non lo fece con un eloquente discorso, né con profferte convincenti di amore.

 

Egli diede prova
del Suo amore per noi nel fatto, che,

 

mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi."

 

 

-- C. H. Spurgeon

 

 

SALMO 23

"Il Signore è il mio pastore,

nulla mi mancherà.

Egli mi fa giacere

in verdeggianti pascoli

e mi guida lungo

le acque tranquille."

 

 

 

 

MY LIFE, MY LOVE, MY ALL

 

AGNUS DEI

 

SEI IL MIO DIO

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

parrinelsmisterdogsrl0blicsimon.muratgeometracaputolaura.ascvttab.lucafabriano2009selenebovinotigeragmaryclar.mirvincefe72yeritzaarch.mcbassofederico.giubilei
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

ULTIMI COMMENTI

un saluto a te e alla tua Bella Portici Fra
Inviato da: puntocosmico
il 25/11/2011 alle 13:41
 
un saluto...da un aspirante Angelo.....fra.
Inviato da: puntocosmico
il 08/07/2011 alle 21:51
 
Luce a te per una serena giornata*_*Baci e sorrisi:)))Hengel
Inviato da: hengel0
il 08/07/2011 alle 09:49
 
grazie Hengel ..un bacio
Inviato da: rabbuni_2008
il 07/07/2011 alle 18:01
 
Buongiorno*_*Un sorriso , che la luce di questa giornata...
Inviato da: hengel0
il 07/07/2011 alle 11:20
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

POESIA DI RAINER MARIA RILKE

Post n°71 pubblicato il 03 Dicembre 2009 da rabbuni_2008

Spengimi gli occhi, ed io Ti veggo ancora;
rendimi sordo, e sento la tua voce;
mozzami i piedi, e corro la tua strada;
senza favella. a Te sciorrei preghiere.

Dirompimi le braccia, ed io Ti stringo
co'l cuore mio. fatto, repente, mano.
Se fermi il cuore, batte il mio cervello;
ardi anche questo: ed il mio sangue, allora,
Ti accoglierà, Signore, in ogni stilla.

 
 
 

BASTA TV!!!!!!!!!!

Post n°70 pubblicato il 21 Novembre 2009 da rabbuni_2008

VOGLIAMO ALMENO PER UN GIORNO , NOI UTENTI DI QUESTO MOSTRO CHE è ORMAI LA TV ITALIANA, SCIOPERARE ALMENO PER UNA SETTIMANA E TENERE SPENTO IL TELEVISORE  ? LO SO CHE è IMPOSSIBILE MA CREDETEMI NON SE NE PUò PIù DI GENTE CHE URLA, CHE LITIGA , CHE OFFENDE, CHE PREVARICA, CHE NON CONOSCE RISPETTO, TOLLERANZA E MODERAZIONE, DI MESSAGGI VUOTI E IMMORALI, DOVE IN NOME DELLA LIBERTà PERSONALE è CONCESSO TUTTO E DOVE L'ESSERE VERI VUOL DIRE NON AVERE ALCUNA CONSIDERAZIONE DEI SENTIMENTI O DELLE IDEE DEGLI ALTRI, DOVE IL GOSSIP è PIù IMPORTANTE E INTERESSANTE DEI PROBLEMI VERI DEL MONDO E DI QUESTI CONDUTTORI E CONDUTTRICI CHE INVECE DI FARE DA MODERATORI, AIZZANO O LASCIANO FARE IN NOME DEL MAGGIOR NUMERO DI ASCOLTI E NOI PIù CRETINI DI LORO LI SOPPORTIAMO SENZA RIBELLARCI E IN PIù PAGHIAMO PER ASSISTERE A TUTTO QUESTO.

DIRETE:"MA SI PUò SCEGLIERE COSA VEDERE! CERTO, MA NON PENSIAMO SOLO ALLA NOSTRA LIBERTà O MATURITà NEL CAPIRE E VALUTARE, MA AL MESSAGGIO CONTINUO CHE RICEVONO I NOSTRI RAGAZZI, I NOSTRI GIOVANI E POI CI CHIEDIAMO DAVANTI A CERTI ATTEGGIAMENTI O EPISODI" COME è POSSIBILE? PERCHè? E RITENIAMO CHE SIANO LORO I CATTIVI, QUANDO I CATTIVI SIAMO NOI (NOI SOCIETà) E I NOSTRI INSEGNAMENTI.

 
 
 

2012, uffah!!!!!!

Post n°69 pubblicato il 17 Novembre 2009 da rabbuni_2008

Ci stanno bombardando con questa favola del 2012 e della fine del mondo!!!

Ma davvero c'è qualcuno che si preoccupa della fine del mondo? Ma magari ce ne preoccupassimo sul serio e non solo sulla scia di una emozione collettiva!

Nella Bibbia è scritto che nessuno sa quando avverrà la fine , è questo che deve davvero preoccupare. Non ci sarà tempo per prepararsi, per riparare ad errori o  per dei pentimenti . Potrebbe essere tra mille anni  come tra 1 secondo  e allora che si fa?

Si vive ogni giorno come fosse l'ultimo, ma non con paura, ma con la consapevolezza di se stessi e degli altri, delle proprie azioni e delle loro conseguenze, assaporando ogni momento, vivendolo appieno, abbandonando rancori, odio e egoismi, amando la vita, la pace, la gioia e l'amore  come doni non solo da ricevere ma soprattutto da dare.............ma questo sarebbe già il paradiso!

 
 
 

Siete nati liberi

Post n°68 pubblicato il 06 Novembre 2009 da rabbuni_2008

"Voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un'occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell'amore servite gli uni agli altri; poichè tutta la legge è adempiuta in un'unica parola: ama il tuo prossimo come te stesso". Ma se vi mordete e divorate gli uni gli altri, guardate di non essere consumati gli uni dagli altri........non vi ingannate; non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà" Galati 5

Cosa stiamo seminando secondo voi?

 
 
 

Crocifisso si o no, questo è il problema?

Post n°67 pubblicato il 05 Novembre 2009 da rabbuni_2008

Possibile che la difesa della nostra identità cristiana si limiti ad un crocifisso appeso ad una parete? Sarà che la mia estrazione  protestante non mi rende legata a simboli, immagini, statue,riti, ma comunque al di là di questo credo che abbiamo molto più da difendere di un crocifisso, abbiamo da ritrovare una moralità persa, principi e valori abbandonati, abbiamo da riappropriarci dei valori evangelici legati all'amore, al rispetto, alla tolleranza, alla ricerca del bene comune e non del proprio e invece, la società si preoccupa di difendere un crocifisso, che io , non fraintendetemi, rispetto!

Non scegliamo la via più comoda per affermare una presunta identità cristiana, non siamo ipocriti ma preoccupiamoci di avere Cristo nel cuore e non solo appeso ad una parete! 

 
 
 

ARRIVANO LE STREGHE!

Post n°66 pubblicato il 24 Ottobre 2009 da rabbuni_2008

Tra una settimana e precisamente sabato 31 ottobre sarà l'ennesima festa di Halloween, tutti i negozi, le vetrine, i giornali hanno riferimenti a questo evento. Si tratta di una festa pagana, importata dal nord Europa, che divide l'opinione pubblica sull'opportunità di festeggiarla.

Ma parliamo un po’ della sua origine. Halloween corrisponde alla vigilia della festa cattolica di Ognissanti ed è il nome di una festa popolare di origine pre-cristiana, ora tipica degli Stati Uniti e che si celebra la sera del 31 ottobre. Le sue origini sono però antichissime e risalgono a quando le popolazioni tribali usavano dividere l'anno in due parti in base alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre, preparandosi la terra all'inverno, era necessario ricoverare il bestiame in luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza alla stagione fredda: è questo il periodo di Halloween. In Europa ha radici celtiche e coincideva con la fine dell’estate e  con il loro  capodanno Samhain (il principe della morte). Samhain si trovava per i Celti in un punto fuori dalla dimensione temporale, in quel momento la separazione tra la terra dei vivi e dei morti si assottigliava a tal punto che i vivi potevano accedervi . Secondo la leggenda, nella notte di Samhain i morti visitavano gli uomini e erano soliti fare scherzi anche pericolosi e a questo forse fa riferimento la tradizione odierna di travestire i bambini da streghe, zombie, fantasmi e vampiri. Un’altra usanza di Halloween è quella di intagliare zucche con volti minacciosi e porvi una candela accesa all’interno.

Questa usanza nasce dall’idea che i defunti vaghino per la terra con dei fuochi in mano e cerchino di portare con sé i vivi, per cui i vivi si muniscono di lumi per ingannarli, oppure dall’idea che le streghe arse sui roghi vaghino per vendicare la loro morte.

Non ho voluto raccontare tutto questo per impressionare o spaventare qualcuno, ma per dire la verità su questa che per molti è un’innocente festa per bambini, e per non far parte di quella schiera di persone che per paura di sentirsi tacciare di moralismo o di poca modernità, non esprime il suo sdegno e non la definisce”pericolosa”per i più piccoli, sì! pericolosa, perché tale è. Noi cristiani  dovremmo riflettere su di essa e non liquidare con ingenua superficialità la questione solo perché i nostri figli si divertono e son contenti; dimenticando come Halloween tanto facilmente offra e giustifichi il macabro: scheletri, cimiteri, streghe, demoni, cadaveri e mostri. Perfino il vescovo di Acerra, scagliandosi contro questa festa , ha invitato tutti i cristiani a boicottarla. I genitori dovrebbero fare un esame di coscienza  e capire quanto sia invece importante indirizzare i propri figli verso esempi e valori positivi, quali sono i valori cristiani. E’ così frequente udire l’espressione:”Ma in fondo che male c’è?”pronti a giustificare pian piano qualsiasi cosa. Invece è proprio il contrario che dovremmo affermare:”Il male c’è” ed è così subdolo, così sottile, così rivestito a volte di innocenza e di normalità da ingannare anche i figliuoli di Dio. Dobbiamo essere pronti a vegliare e vigilare specialmente per i nostri figli sui messaggi che la società fa arrivare loro e la maggior parte dei quali non si ispira ai valori della nostra fede.

Noi non siamo soliti festeggiare il 31 ottobre, eppure abbiamo dimenticato che questo giorno per chi ama la Bibbia dovrebbe significare molto, infatti il 31 ottobre  1517 Martin Lutero affiggeva alle porte della cattedrale di Wittemberg le sue 95 tesi. Questo gesto cambiò la storia della cristianità affermando l’importanza di: sola fede, sola grazia, sola scrittura. Abbiamo un debito verso questo coraggioso monaco tedesco che proclamò per primo l’importanza di una lettura personale e diretta della Bibbia, senza intermediari, aprendo la strada alla Riforma Protestante e soprattutto a quel rapporto personale con Dio che è il tesoro di ogni credente.

Altro che zucche!                                     

                                                                                                           


 
 
 

Quando abbiamo smesso di educare i nostri figli al bene?

Post n°65 pubblicato il 05 Ottobre 2009 da rabbuni_2008

 
Ultimamente c'è un tema ricorrente in varie trasmissioni televisive : cosa è successo agli adolescenti e giovani del nostro tempo? perchè sono in aumento fenomeni così sconcertanti come il prostituirsi solo per ottenere costosi regali o una semplice ricarica telefonica? Perchè usano facilmente il sesso o il mostrare  il proprio corpo per scopi effimeri? perchè sono alla ricerca continua dello sballo? perchè bevono, usano stupefacenti, commettono azioni violente e malvagie? Sono cattivi?

Io invece ripeto la domanda che dà il titolo al post:

"Quando abbiamo smesso di educare e indirizzare al bene i nostri ragazzi? quando li abbiamo lasciati soli? Quando ci siamo voltati dall'altra parte e abbiamo finto che tutto andasse bene o abbiamo finto di non capire? Quando abbiamo anche noi trascurato la via del bene e con superficialità abbiamo lasciato che le cose andassero avanti così?"

I giovani non sono cattivi, hanno bisogno di una guida, di punti di riferimento, di amore concreto e solo i genitori possono farlo . Amarli non vuol dire assecondarli in tutto, vuol dire dare le giuste indicazioni, i giusti esempi, un esserci sempre, non una presenza - assenza e soprattutto significa non  delegare ad altri la loro educazione, vuol dire parlare con loro e ascoltarli.

La società odierna ha bisogno di valori , valori che non siano regolati dai tempi ,modificandosi , scomparendo o perdendosi  con essi. Gli uomini sono convinti di essere più liberi rispetto ai loro predecessori, ma non si accorgono invece di comportarsi da schiavi.  C'è un brano nella bibbia che recita così:

( Proverbi 2: 1-15 ):La saggezza libera dal male

"Figlio mio, se ricevi le mie parole e serbi con cura i miei comandamenti, prestando orecchio alla saggezza e inclinando il cuore all'intelligenza;sì, se chiami il discernimento e rivolgi la tua voce all'intelligenza, se la cerchi come l'argento e ti dai a scavarla come un tesoro, allora comprenderai il timore del Signore e troverai la scienza di Dio.Il Signore infatti dà la saggezza;dalla sua bocca provengono la scienza e l'intelligenza.Egli tiene in serbo per gli uomini retti un aiuto potente, uno scudo per quelli che camminano nell'integrità,allo scopo di proteggere i sentieri della giustizia e custodire la via ai suoi fedeli. Allora comprenderai la giustizia, l'equità, la rettitudine e tutte le vie del bene."

 

 
 
 

DIO C' E' ?

Post n°64 pubblicato il 23 Settembre 2009 da rabbuni_2008

QUALE E' LA RISPOSTA? LA FEDE NON CONOSCE DUBBI SU QUESTO E RISPONDE DI SI, LA RAGIONE CI PORTEREBBE A RISPONDERE : NON LO SO. NON CI SONO PROVE CHE DIO ESISTE E NON CI SONO PROVE DEL CONTRARIO. D'ALTRA PARTE SE CI FOSSERO PROVE CONCRETE NON AVREBBE SENSO PARLARE DI FEDE, LA FEDE NON E' INNATA, E' UNA SCELTA ED IO PER ESEMPIO HO SCELTO DI CREDERE . OGNUNO E' LIBERO E PUO' SCEGLIERE DI CREDERE OPPURE NO, ENTRAMBI SONO DEGNI DI RISPETTO ANCHE SE L'UNO PUO' NON CONDIVIDERE LA SCELTA DELL'ALTRO.

DICO QUESTO PERCHE' HO LETTO CHE SABATO 18 SETTEMBRE 2009 C'E' STATO A ROMA UN MEETING DELL'ASSOCIAZIONE Uaar(UNIONE DEGLI ATEI, AGNOSTICI E RAZIONALISTI) DEI NON CREDENTI ITALIANI. LO SCOPO E' RIBADIRE LA LIBERTA' DI NON CREDERE. QUESTA LIBERTA' SECONDO LORO, IN ITALIA NON C'E' E COME ESEMPIO HANNO LAMENTATO IL DIVIETO DI POTER PUBBLICIZZARE SUGLI AUTOBUS LA CAMPAGNA:"LA CATTIVA NOTIZIA E' CHE DIO NON ESISTE, LA BUONA   E' CHE NON NE HAI BISOGNO" E IL FATTO CHE CHI NON ACCETTA L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE NELLE SCUOLE PERDE DEI CREDITI( A QUESTO PROPOSITO SPECIFICO CHE ANCHE I CREDENTI NON CATTOLICI SONO DISCRIMINATI IN QUESTO SENSO, PERCHE' NON SI AVVALGONO DELL'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA) INOLTRE DESIDERANO"SBATTEZZARSI" PERCHE' NON VOGLIONO SENTIRSI "SUDDITI" DELLE AUTORITA' ECCLESIASTICHE( CONDIVIDO L'OSSERVAZIONE CHE BATTEZZARE UN BAMBINO PICCOLO NON GLI DA' POSSIBILITA' DI SCELTA)

OSSERVAZIONI:

1) PARE CHE CI SIA UN PO' DI CONFUSIONE: LA FEDE PERSONALE E LA RELIGIONE SONO DUE COSE DIVERSE

2)SE NON SI CREDE PERCHE' DIRE CHE IL FATTO CHE DIO NON ESISTA DEBBA ESSERE UNA CATTIVA NOTIZIA?

2) CHE DIO NON ESISTA E' UNA SUPPOSIZIONE, NON UNA CERTEZZA, ALLORA PERCHE' DARE UNA NOTIZIA COME SE FOSSE UNA SCOPERTA SCIENTIFICA?

3) DIRE CHE NON SI HA BISOGNO DI DIO E' UNA GRANDE MENZOGNA, E' UN ATTO DI PRESUNZIONE UMANA. L'ESPERIENZA DIMOSTRA CHE L'UOMO NON E' SUFFICIENTE A SE STESSO, ALTRIMENTI NON SAREBBE FRAGILE, PIENO DI CONTRADDIZIONI, INCAPACE DI GESTIRE AL MEGLIO EMOZIONI, DESIDERI, AZIONI.

IL MONDO CHE CI CIRCONDA E' IN UNO STATO TALE CHE DIMOSTRA QUANTO INVECE ABBIA BISOGNO DI QUEL DIO CHE RINNEGA E CHE E' L'UNICO CHE POSSA CAMBIARGLI LA MENTE E IL CUORE. MA QUESTO LO DICE UN CREDENTE ! 

 
 
 

Sul Cairo lo sguardo di Dio

Post n°63 pubblicato il 02 Settembre 2009 da rabbuni_2008

Il titolo del post è preso dall'articolo che ho letto ,e che mi ha colpito, sul Mattino del 5 agosto 2009. La vacanza per me ha un grande pregio: darmi la possibilità di leggere, leggere, leggere, l'attività che amo di più. L'articolo parlava del Cairo e concludeva così:

"In  questa città Dio ha ancora un posto e un ruolo...nell'arcaicità del credo c he trova ancora menti e cuori c'è poesia e speranza, cose che non troviamo nelle nostre città, noi ci siamo liberati di Dio- anche chi dice di crederci ancora-e ora svincolati dai suoi occhi, dalla sua voce, che qui invece chiama ancora forte,vaghiamo insoddisfatti e smarriti, trovando ruggine ovunque,persino nel benessere;non siamo chiamati a conquistare le giornate e a ringraziare per avercela fatta, ma solo a maledirle, non dobbiamo raccogliere le forze e il rigore  in diverse ore del giorno per concentrarci e provare a parlare con Dio, noi siamo il nostro unico dio e ora marciamo in questa solitudine, con il rimpianto di esserci affrancati, di essere andati oltre.......non apparteniamo a niente, consumiamo i sentimenti e mentre lo facciamo stiamo già pensando ad una nuova occasione per riconsumarli. Qui Dio ha una una voce, seppure distorta e lontana da quella immaginata da noi, e ha anche orecchi disposti ad ascoltare"

Non voglio commentarlo, proviamo solo a riflettere sul rapporto personale che ognuno di noi ha o non ha con Dio.

 
 
 

Son finite le vacanze

Post n°62 pubblicato il 01 Settembre 2009 da rabbuni_2008

Salve a tutti....sono tornataaaaaa......!!!!!!!!!!

Sole, mare, natura, riposo e puro ozio, amici, passeggiate, mangiate gustose (  per fortuna qui non si vedono i risultati) tranquille letture ......vi dico solo un arrivederci, non un addio!

Oggi sono tornata a lavoro, vi dirò non è stato tanto traumatico, quasi piacevole ...per ora!

 

 
 
 

Agosto, è tempo di... migrare verso il mare

Post n°61 pubblicato il 27 Luglio 2009 da rabbuni_2008

angoli di paradiso

 

 Ciao a tutti i miei amici,

le vacanze cominciano anche per me!

Mi mancherete? Boooooh.........!

Ma al ritorno sarete uno dei miei primi pensieri!!!!

Buona vita a tutti!!!!!!!

 

 
 
 

Momenti di abbracci e ricordi

Post n°60 pubblicato il 21 Luglio 2009 da rabbuni_2008

Cosa c'è di più bello della famiglia ? in questi giorni ho potuto rendermi conto ancora di più di quanto mi mancano i miei fratelli e le mie sorelle, infatti tutti loro sono vissuti e tutt'ora vivono molto lontano da me.

Le mie due sorelle in Nuova Zelanda, i miei 4 fratelli in Inghilterra, vi chiederete perchè? un giorno forse ve lo racconterò, oggi no.

Le mie sorelle sono venute a trovarmi, sono qui a casa mia e per me è un periodo bellissimo, sono completamente concentrata su di loro anche perchè una, Annamaria, non la vedevo da ben......22 anni, incredibile!

Siamo da Carramba che sorpresa!

Eppure ci siamo riviste come se ci fossimo lasciate ieri, sono così felice di averle qui che sarà dura vederle andar via.

A volte non si possono modificare le situazioni che non ci piacciono, la vita o altri hanno deciso per noi.

Oggi non mi chiedo più il perchè di certi eventi, credo che ci sia un motivo per tutto ciò che accade anche se non lo capiamo.

Comunque bando ai rimpianti, voglio solo comunicare che sono contenta e mi godo questo magnifico momento e ......chi i suoi ce li ha vicini se li tenga stretti e si goda ogni momento insieme, anche il più insignificante!

Viva la famiglia!!!

 
 
 

I NOSTRI FRATELLI ROM

Post n°59 pubblicato il 27 Giugno 2009 da rabbuni_2008

I ROM, IL SOLO PENSIERO DEGLI "ZINGARI" PORTA AD UN SENSO DI RIFIUTO, SONO LE PERSONE MENO ACCETTATE E MENO TOLLERATE E PURTROPPO A RAGIONE. PERO' VOGLIO PARLARE UN PO' DI LORO , DI QUELLA PARTE BUONA CHE ANCHE TRA LORO C'E'. SPESSO NELLA NOSTRA COMUNITA' RICEVIAMO LA VISITA DI ALCUNI CRISTIANI ROM.

QUALCHE MESE FA E' STATO CON NOI IL PASTORE ELVIS DELLA COMUNITA' ROM DI TORINO E IERI SON VENUTI A TROVARCI DUE FRATELLI : LUCA E BENJAMIN DI VERONA.LUCA HA PREDICATO LA PAROLA DEL SIGNORE E BENJA HA RACCONTATO COME IL SIGNORE HA CAMBIATO LA SUA VITA. E' STATO MOLTO TOCCANTE SENTIRE DALLE LORO STESSE LABBRA CHE GLI ZIGANI SONO UN POPOLO DIFFICILE E PARTICOLARE LE CUI USANZE SONO TALMENTE RADICATE CHE SOLO L'INTERVENTO DIVINO LE PUO' CAMBIARE E ANCHE QUESTO  ACCADE CON DIFFICOLTA'.

BENJA CI HA RACCONTATO CHE A 3 ANNI SUO PADRE GLI HA INSEGNATO A RUBARE E A FARE POI TANTE ALTRE COSE BRUTTE, A 15 ANNI GIA' ERA "RISPETTATO" E LA SUA PAROLA CONTAVA MOLTO, AVEVA TUTTO ,SOLDI, RISPETTO, VIZI MA NON ERA FELICE ED E' ALLORA CHE UN GIOVANE CRISTIANO E' VENUTO NEL SUO CAMPO, NELLA SUA CASA A PARLAGLI DELL'AMORE DI DIO, CI E' VOLUTO MOLTO TEMPO MA ALLA FINE HA DATO IL SUO CUORE AL SIGNORE E ORA LA SUA VITA E' CAMBIATA IN OGNI SENSO E GIRA INSIEME AD ALTRI CRISTIANI PER I CAMPI ROM PER PREDICARE L'EVANGELO . 

VOGLIO DARVI QUALCHE NOTIZIA SU QUESTO POPOLO DETTO  DI ZIGANI,GITANOS, GYPSIES.CIGàNY,ECC.,LA CUI DENOMINAZIONE CORRETTA è ROM (O RHOM) O SINTI.

IN ITALIA ESISTE LA M E Z (MISSIONE EVANGELICA ZIGANA) ...LA STORIA COMINCIA NEL 1950 CON UN VOLANTINO OFFERTO AD UNA DONNA "MANOUCHE" IN FRANCIA, A LISIEUX. QUESTA DONNA AVEVA UN BAMBINO GRAVEMENTE AMMALATO PER IL QUALE I MEDICI LE AVEVANO DETTO:"LA SCIENZA NON PUO' FAR PIU' NULLA, SIGNORA SI CONSOLERà CON ALTRI FIGLI".

ESTRATTO DALLA TASCA IL VOLANTINO QUESTA POVERA DONNA ANALFABETA, SE LO FECE LEGGERE DA UN'ALTRA E DOPO DECISE DI ANDARE NELLA CHIESA EVANGELICA DOVE IL PASTORE PREGO' PER SUO FIGLIO. EBBENE A LISIEUX AVVENNE IL PRIMO MIRACOLO NEL NOME DI GESU' FRA GLI ZIGANI. COSI' ,FORTE DI QUESTA ESPERIENZA LA FAMIGLIA REINHARDT COMINCIO' A TESTIMONIARE FRA I NUMEROSI PARENTI. FU SOLO LA SCINTILLA CHE ACCESE UN FUOCO GRANDE CHE PORTO' DECINE DI MIGLIAIA DI CREDENTI EVANGELICI ZIGANI IN TUTTO IL MONDO.

FIN DALL'INIZIO LA LORO FEDE E' STATA TESTIMONIATA DALLA VOLONTA' DI CAMBIAMENTO E DI RICERCA DI UN NUOVO STILE DI VITA, MOLTI SONO RIUSCITI A DIMOSTRARE CHE ,CON L'AIUTO DI DIO SI PUO' VIVERE ONESTAMENTE SENZA RINNEGARE LE PROPRIE RADICI E LA PROPRIA CULTURA, MA FONDANDO LA PROPRIA VITA SUL MESSAGGIO DI CRISTO E QUESTO COSTITUISCE IL GRANDE MIRACOLO CHE IL SIGNORE HA INIZIATO IN MEZZO AL POPOLO ZIGANO.

VOGLIO CONCLUDERE CON QUESTO COMANDAMENTO DI GESU':

"AMATEVI GLI UNI GLI ALTRI

COME IO HO AMATO VOI"

GESU' NON HA CONSIDERATO LE DIVERSITA', LUI HA AMATO TUTTA L'UMANITA', SENZA DISTINZIONE FINO A DARE LA SUA VITA PER LA SALVEZZA DI OGNUNO, COME POSSIAMO NOI, OGGETTO DI TANTO AMORE, NON AMARE NELLO STESSO MODO IL NOSTRO PROSSIMO, CHIUNQUE ESSO SIA?

 
 
 

UN MONDO DI FAVOLE

Post n°58 pubblicato il 24 Giugno 2009 da rabbuni_2008

"C'era una volta......"

ci raccontavano le nostre mamme o le nostre nonne.

Oggi chissà se si raccontano ancora le favole ai bimbi, ma una cosa è certa sono gli adulti a cibarsi adesso di tante favole e la maggior parte non sono a lieto fine.

Maghi, fate, lampade di Aladino sono state sostituite dalle  illusioni odierne, dalla ricerca di "tesori inestimabili", per i quali si è disposti a tutto, a vendere anche se stessi, la propria dignità, la propria moralità, il rispetto per se stessi e per gli altri.

L'uomo o per ingenuità o per "spendere nei propri piaceri" si affida a persone, a credenze, a  convinzioni, a desideri.

L'unico di cui non si fida è Dio e lo  considera una favola.

Ma Dio questo lo sapeva già, infatti in 2 Timoteo 4: 3 è scritto:

"Infatti verrà il tempo che non sopporteranno più la sana dottrina, ma, per prurito d'udire, si cercheranno maestri in gran numero secondo le proprie voglie, e distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole"

Ma noi non siamo di quelli che credono alle favole, noi abbiamo scelto la verità, quella che cambia la vita e la persona e la rende migliore. Abbiamo scelto di seguire Cristo Gesù.

 
 
 

POESIA

Post n°57 pubblicato il 06 Giugno 2009 da rabbuni_2008

FIGL’ E MAMMA, FIGL’E DIO

 

Quant’era bell’o figlio mio !

Pure là ‘n terra stiso.

Nun pareva me dicesse addio,

Nun pareva ‘na siringa l’avess’acciso.

“Vint’anne,vint’anne tene “

Murmuliav’ a gente

E né uno e cchiù,

Né un’e meno

Chill’ann me so’ venut’a mmente.

 

Ci’aggio passat’a mane dint’e capille,

Nire , surate , scuncecate,

‘ E stesse ‘e quann’ire peccerille;

Ricce ricce , lucent’ , ‘mprufumate!

 

E’ sempe ‘a stessa ,

È doce sta vucchella

Ca rispunneva “o bben’a te “

Quann’astrignenne ‘sti manelle

T’addumandave”o’ bben ‘a mme?”

 

T’esse pigliate ‘mbraccio,figlio mio

Si a forza nun m’esse  lassato.

T’ess’astrignuto ‘ncopp’o core mio

Comm’o juorn’ ca t’aggio allattato!

 

Ah! No !nun cia faccio, è tropp’ triste,

Ma che fa a stu mumento DDio?

O paraviso, l’inferno, nunn’esiste,

Ca’ esiste sul’o piant’, o’ pianto mio.

Tu nun te cur’e stu dulore

Ma che sta pensann’a stu mumento DDio?


Pur’Io, pur’io ca so’ il Signore,

“Quant’era bello “ dico “o’Figlio mio”

pur’ a na’ croce appiso,

accussì  marturiato!

Tutt’e lamiente suoie aggio ‘ntiso,

Ma nun l’aggio schiuvat’,

Crireme, o’ ssaie pecchè?

Pe’tutti sti guagliune,

Pe’ mmamme comm’a te,

Pe’ salvà a uno a uno,

Pè sparagnà sti lacreme!

 

Ma nunn’o vonno credere,

Sa vonno dannà l’anema,

Sta guerra ‘a vonno perdere!

 

E quann’è vedo ‘nterra stise,

Pur’io ca songo Dio

Mo ricordo ‘n croce appiso e………

“Quant’era bello, dico, ‘o Figlio mio”

( di Giovy )

Questa poesia è scritta dalla mia più cara amica.

Giovy ha sposato un ragazzo che è stato tossicodipendente per più di 12 anni ma che grazie a Dio è stato salvato nel corpo , nella mente e nell'animo dalla fede in Cristo Gesù, oggi è un uomo maturo e lontanissimi sono gli anni della sofferenza e dell'annientamento ormai,  ha ritrovato la sua dignità e oggi è felice con sua moglie e suo figlio, ma senza dimenticare chi è ancora nelle grinfie del male. Questi sono i miracoli in cui bisogna credere, Dio può liberare l'uomo da qualsiasi schiavitù se ci si arrende al suo amore.

 
 
 

NESSUN'ACQUA POTREBBE SPEGNERE QUESTO AMORE!

Post n°56 pubblicato il 29 Maggio 2009 da rabbuni_2008

Oggi è il mio anniversario di matrimonio,

sono "solo" 27 anni che stiamo insieme,

e voglio dedicare questo post a mio marito.

Nulla è cambiato del nostro amore,

siamo due opposti, eppure come è vero :

"gli opposti si attraggono" e noi

non potremmo mai stare separati!

Si discute ma "

il sole non tramonta mai sul nostro cruccio",

ci sosteniamo, ci divertiamo insieme,

non ci diciamo mai troppi si,

nè troppi no e soprattutto

condividiamo l'amore di Dio nella nostra vita

e questa è la nostra maggiore forza

e la nostra guida. 

Ciao a tutti adesso...

....Sorrento ci aspetta!!!!!!!! 

 

 
 
 

CHI HA CREDUTO E SARA' STATO BATTEZZATO SARA' SALVATO

Post n°55 pubblicato il 25 Maggio 2009 da rabbuni_2008

SI FA FESTA SU NEI CIELI

Domenica nella nostra comunità 7 giovani hanno deciso di battezzarsi e dichiarare davanti a tutti la propria decisione di accettare Gesù come personale salvatore e di vivere secondo gli insegnamenti della Parola di Dio .

E' importante che si sia consapevoli di una tale decisione.

Nessuno può prendersi la responsabilità delle nostre scelte , in nessun campo, soprattutto in quello spirituale.

Per questi giovani è solo l'inizio di un cammino di fede che dovrà avere al proprio centro il Signore. Un cammino che dovrà essere ogni giorno consacrato secondo il vangelo e che se guidato dallo Spirito Santo porterà frutti di pace e amore.

Non saranno risparmiati loro momenti di difficoltà, dolori e amarezze ma se rimarranno stretti a Cristo , Egli sarà la loro forza e il loro conforto.

Che Dio ci benedica!

 
 
 

ARROGANZA UMANA

Post n°54 pubblicato il 15 Maggio 2009 da rabbuni_2008

Mi chiedo quanto possa essere presuntuoso, arrogante, prepotente, prevaricatore, egoista, privo di compassione, (e chi vuole aggiunga dell'altro) l'essere umano?

Si può pensare mai di costringere una donna a rinunciare al proprio figlio o meglio toglierglielo senza una valida ragione?

Eppure è questo che è stato deciso in Italia nei confronti delle donne clandestine, non potranno denunciare all'anagrafe i figli che partoriranno e in più questi saranno tolti loro e dati in adozione.

Aggiungeremo clandestini ad altri clandestini,quale madre partorirà in ospedale con questa prospettiva?

Ma cosa sta succedendo all'Italia? Dov'è finito il paese gentile? Il paese che comprende la sofferenza perchè ha sofferto? Adesso  togliamo i figli alle madri,mandiamo indietro i disperati, non vogliamo più che nessuno metta in pericolo le nostre sicurezze , la nostra incolumità e la migliore e più facile soluzione è liberarsi di chi potrebbe essere una minaccia.

"Che se ne tornino a casa loro e ci lascino in pace". Ma ditemi chi si metterebbe su un barcone malandato ad affrontare il mare, stipato come un animale con donne e bambini, ad affrontare l'incognito e l'incerto se non fosse un disperato? Noi lo faremmo?

Se non fosse privo di tutto e non avesse talmente niente da perdere che perfino la possibilità di morire è migliore del continuare a vivere nelle proprie condizioni?

Io non so come la pensiate, io so che ho un tetto sulla testa, il piatto in tavola, un lavoro, una famiglia serena e quando guardo i volti di quei disperati mi chiedo:"La sofferenza di una parte dell'umanità non è forse anche responsabilità nostra? Non ci sono colpe che la società cosiddetta civile ha nei confronti di questa gente? Un prezzo lo dovremmo pur pagare, almeno degnamoci di non arrogarci il diritto di negare un'opportunità a chi  è stata tolta.

 
 
 

IL CANTO DELLA VIGNA

Post n°53 pubblicato il 05 Maggio 2009 da rabbuni_2008

"Canterò per il mio diletto il mio cantico d'amore per la sua vigna. Il mio diletto possedeva una vigna sopra un fertile colle.   Egli l'aveva vangata e sgombrata dai sassi       e vi aveva piantato scelte viti; vi aveva costruito in mezzo una torre e scavato anche    un tino. Egli aspettò che producesse uva,      ma essa fece uva selvatica. Or dunque,    abitanti di Gerusalemme e uomini di Giuda,   siate voi giudici fra me e la mia vigna.       Che cosa dovevo fare ancora alla mia vigna     che io non abbia fatto? Perchè, mentre   attendevo che producesse uva, essa ha        fatto uva selvatica? Ora voglio farvi       conoscere ciò che sto per fare alla mia     vigna: toglierò la sua siepe e si trasformerà   in pascolo; demolirò il suo muro di cinta e verrà calpestata. La renderò un deserto,       non sarà potata nè vangata e vi cresceranno    rovi e pruni; alle nubi comanderò di non mandarmi la pioggia. Ebbene, la vigna del  Signore degli eserciti è la casa di Israele;   gli abitanti di Giuda la sua piantagione preferita. Egli si aspettava giustizia          ed ecco spargimento di sangue,             attendeva rettitudine ed ecco                grida di oppressi". (Isaia 5:1-7) 

In questo passo il Dio dell'alleanza come    viene solennemente proclamato, prima di      ogni altra cosa si aspetta dal popolo,la       sua vigna, il diritto e la giustizia nei   rapporti degli uomini fra loro.               Sono questi i "dolci grappoli" cui             Dio mira con passione.                         Che cosa si trova invece durante                il tempo della vendemmia?                  Soltanto violazioni del diritto,       oppressione dei poveri,tutte le forme,          in breve, di ingiustizia statale, economica e sociale.

Questo canto della vigna viene considerato   spesso uno dei capolavori della letteratura mondiale, uno splendido brano di poesia biblica. Purtroppo è rimasto solo una poesia sia per Gerusalemme sia per la cristianità di oggi,   dove pur proclamando una fede si sorvola         e ci si lascia coinvolgere dai mali del mondo. Allora non c'è da stupirsi se il messaggio di Gesù non ha ancora prodotto in questo mondo      e in questo tempo quell'abbondanza di fiori       e frutti che il vangelo vissuto e   ripeto"vissuto" è in grado di produrre. Meditiamo.

(Alfons Deissler)

 
 
 

A MIO FIGLIO

Post n°52 pubblicato il 30 Aprile 2009 da rabbuni_2008

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: rabbuni_2008
Data di creazione: 23/11/2008
 

FONTE D'ACQUA VIVA

Chiunque beve di quest'acqua

avrà sete di nuovo

ma chi beve dell'acqua

che io gli darò,dice Gesù,

non avrà mai più sete,

anzi diventerà in lui

una fonte d'acqua che

scaturisce in vita eterna!

Chi ha sete venga e

chi vuole prenda in dono 

dell'acqua della vita.

La grazia del Signore Gesù

sia con tutti.

(Giov. 4 e Apoc. 22)

 

Non ho mai visto il tuo volto, 

Signore;

ma so che è bello!

Non ho mai scrutato il tuo sguardo,

Signore;ma so che è dolce!

Non ho mai sentito

il battitodel tuo cuore, Signore;

ma so che freme d'amore!

Non ho mai udito la tua voce,

Signore;

ma so che parli di vita!

Non ho mai toccato la tua mano,

Signore;

ma so che mi guidi!

 

 

CHI ALTRI AVRÒ IN CIELO PER ME O DIO!

"Io sono con Te sempre:Tu mi hai preso per la mano destra.

Mi guiderai con il tuo consiglio e poi mi accoglierai nella tua gloria.

Chi altri avrò per me in cielo?Fuori di te nulla bramo sulla terra.

Vengono meno la mia carne e il mio cuore; ma la roccia del mio cuore è Dio, è Dio la mia sorte per sempre.

(Salmo 73)

 

 

LA PAROLA DI DIO