Memory!!

Unforgettable!!

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

 

« ...... »

...

Post n°18 pubblicato il 09 Dicembre 2010 da Ama_my1

esplodere..implodere..questo è

....................................

Esplodere o implodere…questo è il dilemma….
se sia più nobile l’intento d’espandere nello spazio la propria energia…
senza freno…
o stritolarla in una densa concentrazione interiore…
e conservarla.. ingoiandola…
Sottrarsi, scomparire, nient'altro…
trattenere dentro di sé ogni bagliore…
ogni raggio…
ogni sfogo…
soffocando nel profondo dell'anima i conflitti che l'agitano scompostamente...
dar loro pace…
occultarsi….
cancellarsi…
per poi risvegliarsi…
altrove…
diversi..

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/remembrance/trackback.php?msg=9607608

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
smoothfoxterrier
smoothfoxterrier il 10/12/10 alle 08:06 via WEB
...un dilemma quasi/amletico...temo che neppure Qfwfq abbia in cuor suo la soluzione...Calvino poi è deceduto un po' troppo presto per poterci riproporre ancora una volta una soluzione accettabile...
 
 
Ama_my1
Ama_my1 il 10/12/10 alle 23:01 via WEB
.."quanto scommettiamo?", che anche Shakespeare sarebbe nel dubbio....ma no, forse lui no..più facilmente opterebbe per “esplodere”...ma credo più saggio tutt’ora, come saggiamente propose Calvino, seguire la logica delle reazioni a catena..
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Ama_my1
Data di creazione: 02/04/2010
 

Un bel di vedremo
"Puccini"

................

Un bel dì, vedremo
levarsi un fil di fumo
sull'estremo confin del mare.
E poi la nave appare.
Poi la nave bianca
entra nel porto,
romba il suo saluto.

Vedi? È venuto!
Io non gli scendo incontro. Io no.
Mi metto là sul ciglio del colle e aspetto,
e aspetto gran tempo
e non mi pesa,
la lunga attesa.

E uscito dalla folla cittadina,
un uomo, un picciol punto
s'avvia per la collina.
Chi sarà? chi sarà?
E come sarà giunto
che dirà? che dirà?
Chiamerà Butterfly dalla lontana.
Io senza dar risposta
me ne starò nascosta
un po' per celia
e un po' per non morire
al primo incontro;
ed egli alquanto in pena
chiamerà, chiamerà:
"Piccina mogliettina,
olezzo di verbena"
i nomi che mi dava al suo venire.

Tutto questo avverrà,
te lo prometto.
Tienti la tua paura,
io con sicura fede l'aspetto.