Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE).

IL VIAGGIO DI GIUGNO


AUSTRALIA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultime visite al Blog

la.cozzaNonnoRenzo0fedele.belcastromassimocoppaacqualong1959ataposurfinia60elyravagricoltura.molastefano.morganSpleen57sorboledglnaar75QuartoProvvisorio
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 70
Prov: FI
 

 

« POMERIGGI D' AUTUNNO 2TEATRO E POLITICA »

SCUOLA

Post n°757 pubblicato il 05 Novembre 2011 da atapo
 

 

MA...CHI ME LO FA FARE ?



Quest'anno a scuola non c'è bisogno del mio servizio di volontariato a fare la bibliotecaria, pare che con mille incastri di orario qualcuno abbia ricavato delle ore...salvo che non ci sia la necessità improvvisa di supplenze. In ogni caso avevo deciso di non essere più disponibile: qui aumentano i nipoti, aumentano gli impegni teatrali (eh eh...), aumentano gli anni...

Quando sono andata a salutare i colleghi, ormai un mese fa, parla con questo, parla con quello...con qualcuno si fantasticava di fare in classe con la mia collaborazione qualche intervento in francese, o sull'intercultura, però non tornavano gli orari...tranne che per quell'insegnante che è anche pittore...e in dieci minuti è nato un progetto!



Negli ultimi anni in cui insegnavo francese avevo lavorato bene con lui e la sua classe, che è stata l'ultima con cui siamo andati in Francia. Entrambi siamo molto creativi e le idee ci vengono una dietro l'altra. Ci siamo ritrovati in un altro momento con più calma per mettere a fuoco i dettagli: ora ha una seconda classe, entro Natale abbiamo programmato cinque incontri al venerdì mattina, uno ogni 15 giorni, sull'argomento "I colori", che faremo imparare ai bambini, oltre che in inglese, anche in francese e in spagnolo. La partenza è attraverso la lettura di un libro d'arte in francese, poi i bambini si costruiranno un loro libro dei colori, poi esamineremo altre immagini, dipingeremo, concluderemo con una tombola dei colori autocostruita. Due venerdì sono già passati.

Prima del primo incontro, mi ero sorpresa a pensare: "Ma chi me l'ha fatto fare? Non c'è verso! Quando mi ritrovo nell'ambiente scolastico, se appena uno mi dà un appiglio o mi chiede qualcosa...ecco che non mi sento più pensionata e torno a prendere impegni, mi caccio in questi pasticci...che mi porteranno via tempo ed energie!"

E, come tutte le volte in cui prendevo una classe nuova, avevo quella sottile ansia...anzi, un certo panico, di non saper "tenere" più i ragazzi, di farmi prendere la mano...retaggio forse delle difficoltà dei primi anni d'insegnamento...anche se ora in questi incontri siamo in due adulti davanti ai bambini e i miei timori non hanno certo ragione d'essere...

Poi accade la trasformazione: entro, comincio a parlare, li ascolto, conversiamo, lavoriamo, stiamo bene insieme...mi sento tornare giovane, tornare maestra, anche se molti di loro mi chiamano "signora". Mi tornano spontanei i gesti, le reazioni, lo stare insieme ai piccoli come ho fatto per 35 anni e mentre sono in aula non sento la stanchezza, dò molto in energia e partecipazione. Alla fine della lezione siamo tutti contenti, loro hanno lavorato con impegno, cominciano a ripetere nelle altre lingue le parole che li hanno colpiti di più, quando raccolgo le mie cose per andarmene qualcuno mi abbraccia quasi stritolandomi, qualcuno mi chiede "Torni domani?" e spieghiamo a tutti che bisognerà aspettare 15 giorni, intanto finiranno i bellissimi lavori che hanno iniziato e me li faranno vedere la prossima volta...

E quando riprendo l'autobus comincio a sentirmi stanca, ma penso che in fondo quindici giorni passano veloci...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=10776843

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
nuovavita2011
nuovavita2011 il 05/11/11 alle 23:14 via WEB
Sai? C'è una mia carissima collega-amica che dice sempre che noi non "facciamo" le insegnanti, ma "siamo" insegnanti... Se "sei" un'insegnante (mi viene sempre al femminile, chissà perché...), continui a sentirti tale anche dopo la pensione, perché hai tanto creduto nel tuo lavoro e lo hai svolto con amore. E questo i bambini lo sentono, così come lo sentono i ragazzi più grandi quando incontrano professori che sanno svolgere bene la loro missione (perché di quella si tratta)! Il nostro lavoro è fatto solo in minima parte di didattica, secondo me... tutto il resto, la parte più importante, è fatta dal rapporto che riesci a costruire con i bambini e pure con i loro genitori. E di quei cinque anni trascorsi a scuola, rimarrà un ricordo indelebile... E' bello quello che fai. Ciao Renata, un abbraccio! Cinzia
(Rispondi)
alfredomaria1940
alfredomaria1940 il 06/11/11 alle 10:14 via WEB
brava Cinzia...sono pienamente d'accordo con te...alfredo
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 06/11/11 alle 22:44 via WEB
Visto che la pensate allo stesso modo, la mia risposta sarà per entrambi. Conosco anch'io quel modo di pensare e lo condivido: ho visto purtroppo molti colleghi che insegnano solo per "mestiere" e so i danni che fanno ai ragazzi. Si resta maestri a vita anche se non si entra più a scuola, è un modo di vedere la realtà, di mantenere disponibilità verso i giovani, di essere aperti e interessati...I bravi insegnanti lasciano ai ragazzi tracce indelebili per tutta la vita (e purtroppo anche i non-bravi...)
(Rispondi)
stradanelbosco
stradanelbosco il 06/11/11 alle 17:29 via WEB
secondo te, insegnare è un'arte? secondo me , sì!! e di quelle più difficili se non la più difficile , specie quando i discenti sono i piccoli!! Quindi quello di cui tu parli è AMORE PER L'ARTE. Peccato tu non m'abbia fatto visita. Peccato. tt
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 06/11/11 alle 22:49 via WEB
Sì, è un'arte, ma a quest'arte ci si deve avvicinare con "passione", come dice il commento sotto, altrimenti non riuscirai mai a farla tua. Poi c'è chi si trova più a suo agio con i piccoli e chi si trova meglio con i grandi, ma in entrambi i casi bisogna studiare il modo di essere bravi educatori, curare i contenuti insieme ai bisogni dei ragazzi, diversi nelle varie età. Ti farò visita, ma in questi giorni ho molti impegni, forse troppi...
(Rispondi)
rustyprof
rustyprof il 06/11/11 alle 18:37 via WEB
la mia personale risposta (che credo coincida con la tua) è "passione". Ciao, r
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 06/11/11 alle 22:50 via WEB
Puoi leggere come ho risposto appena sopra...Ciao!
(Rispondi)
mumonboard
mumonboard il 08/11/11 alle 17:40 via WEB
Ma quanto mi piace questa cosa!!! Complimenti vivissimi! :D
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 08/11/11 alle 22:34 via WEB
Pare che piaccia molto anche ai bambini...che comunque sono sempre ben disposti verso le nuove esperienze!
(Rispondi)
 
 
mumonboard
mumonboard il 10/11/11 alle 16:05 via WEB
Si è vero, questo lo posso confermare e garantire! :)
(Rispondi)
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 08/11/11 alle 18:49 via WEB
certo che potrei venire a lezione anche io!
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 08/11/11 alle 22:35 via WEB
Visto che si tratta di arte, saresti tu forse meglio in grado di far lezione. Se poi vuoi imparare il francese...se ne potrebbe parlare!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.