Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI MAGGIO


CANADA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

atapoartemisia_gentla.cozzadanielepastrychefmassimocoppaenzaimperatofedele.belcastroCherryslbacla0allegri.frexiettoNonnoRenzo0Stratocoversvita.perez
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 70
Prov: FI
 

 

« FIGLIOFINE... »

LOVE

Post n°801 pubblicato il 13 Febbraio 2012 da atapo
 

UOMO  INNAMORATO


Doisneau R., Baiser à l'hotel de ville, 1950

 

Qualche tempo fa ero in autobus, la vettura era abbastanza affollata, ma io per fortuna avevo trovato posto a sedere. In piedi giusto accanto a me due giovani uomini, circa dell'età di mio figlio, amici tra loro, parlavano a voce abbastanza alta. Uno era sposato, aveva la fede al dito, l'altro no: quest'ultimo parlava di più, l'amico ascoltava, diceva la sua opinione, domandava ulteriori chiarimenti. Che volete, la vicinanza porta ad ascoltare e poi...l'argomento...mi faceva allungare le orecchie, mentre con la coda dell'occhio cercavo di osservarli meglio...non capivo bene tutto col rumore del bus, ma l'essenziale sì, per ricostruire la storia, magari con un po' di fantasia...

"Guarda, non l'avrei mai detto, una cosa così, chi se l'aspettava..."
"Ma dove l'hai conosciuta?"
"...mi ha detto: vieni, facciamo colazione al bar, ti faccio conoscere una donna, che era questa sua amica...abbiamo cominciato a parlare...e ho l' impressione di conoscerla da sempre..."
"Insomma, ti trovi bene con lei."
"Mamma mia! Non l'avrei mai immaginato! Io, lo sai come sono sempre stato incasinato...ecco, adesso invece da quando la conosco mi sento così diverso, tranquillo, felice...Parliamo tanto insieme...mi ha detto che sono bello, che ho dei begli occhi..."
"L'hai baciata?"
" Una sera, prima di salutarci, mi sono azzardato, ma piano...avevo una paura di prendermi un ceffone...invece...e un'altra volta... Ma vedi, stavolta non voglio aver fretta, è così bello questo rapporto che sta nascendo, voglio che lei sia sicura di me, non voglio essere precipitoso...
Anzi, sai una cosa, mi piacerebbe fartela conoscere. Che ne dici se usciamo insieme, io e lei, te e tua moglie? Stavolta vorrei fare davvero sul serio..."
"Senz'altro, parlo con mia moglie, poi fissiamo."
"Piuttosto...sai, mi chiedo...abbiamo questa differenza d'età...io ormai...ma ci si può amare davvero e avere una storia seria se c'è tanta differenza? A me non sembra un problema, sto così bene con lei..."
"...ma non credo sia questione d'età..."


Non li sentivo più, si erano avvicinati alla porta d'uscita, era la loro fermata, sono scesi. Sul marciapiede per un attimo ho visto ancora gli occhi dell'INNAMORATO che brillavano felici...
Ecco, mi è rimasta impressa la dolcezza, la gioia e la sorpresa di questo ragazzo per il suo nuovo amore e la spontaneità e l'entusiasmo con cui ne parlava all'amico, sul bus, in mezzo alla folla: un uomo così spudoratamente innamorato...

Con questa piccola storia auguro a tutti...
BUON  SAN  VALENTINO !

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=11067148

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
trampolinotonante
trampolinotonante il 14/02/12 alle 00:08 via WEB
insomma!!! noli regina iuves renovare "gaudium"...."!!!! anche per me e tantissimi altri, spero. il mio augurio è che tutti si amino e ci si ritrovino in quell'attimo. MA NON E' COSI' , TE LO GARANTISCO!! CI SI ODIA PURE E SI FA ANCORA DI PIU' , ANCHE DOPO POCHI ANNI!! Ma ora bando alle tristezze , W L'AMORE E BASTA!!! Ciao, bellissima! Ma non stare sempre rintanata in casa, esci un pò fuori che qui c'è gente che ti pensa! tt
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 14/02/12 alle 16:51 via WEB
Del latino, addirittura...Ma chi è la "giovane regina"(se ho capito bene, ho lontani ricordi latini...)? Forse Nausicaa? Mi hai proprio incuriosita. Ma torniamo all'amore, oggi almeno. Quello che dici lo so anch'io, purtroppo... Però è bello partecipare alla gioia di chi è innamorato, anche se così di sfuggita, come ho fatto io che ho quasi "spiato" la sua gioia. Nei periodi di crisi di coppia, se si riesce a ricordare come e perchè si era felici all'inizio, a volte può aiutare, non credi? Ma bando alle tristezze, hai ragione! E io uscirei, ma fa così freddo! Ciao!
(Rispondi)
 
 
stradanelbosco
stradanelbosco il 14/02/12 alle 17:18 via WEB
" Infandum regina iubes renovare dolorem..." ma io ho scritto " gaudium" apposta. E' il verso con cui Enea , nel secondo libro dell'Eneide di Virgilio, inizia il racconto della caduta di Troia e delle sue peripezie , alla regina DIDONE!!! Lei acoltandolo si innamora perdutamente di lui, ma lui rien a faire, la sua missione lo attende , de fondare Roma, e riparte con le navi. DIDONE si ammazza!! Contenta? tt
(Rispondi)
 
 
 
atapo
atapo il 14/02/12 alle 22:30 via WEB
Grazie della spiegazione, ora ricordo meglio. Un altro amore triste...Enea, uomo inespugnabile, la sua missione prima di tutto...che antipatico, così freddino e perfettino! Ulisse mi era più simpatico...
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
trampolinotonante
trampolinotonante il 15/02/12 alle 08:56 via WEB
una persona sensibile come tu sei, non può scrivere de ste cose!!! E' vero che si può essere colti di simpatia per l'uno o per l'altro, ma nel contempo bisognerebbe riconoscere la grandezza , l'elevata statura di entrambi: Ulisse come emblema dello spirito d'avventura, dell'amore per esplorare l'inconoscibile, l'urgenza di scoprire e indagare, pur apprezzando il suo tentativo di ritorno al focolare, al quale, dopo la caduta di Troia, secondo Dante, non è mai tornhato, preferendo l'avventura verso altre mete, altri mondi, simboleggiando la capacità dell'uomo a non fermarsi mai; l'altro ENEA è il simbolo indiscusso del dovere morale, dell'imperativo etico, della pietas, che lo porta a salvare dall'incendio di Troia, il padre Anchise, caricandolo sulle spalle, il figlioletto Ascanio tenemdolo per man, e con un manipolo di compagni andare per il mediterraneo a cercare una nuova terra dove fonfare un'altra città , un'altra sede stanziale, epr un vivere civile, e a questo scopo sacrifica tutto , anche l'amore per DIDONE, sicchè nulla può opporsi all0urgenza etica. Quindi ULISSE, " sparpagliato" , diciamo così, in giro per il mondo, sfuggendo da qualsiasi sosta duratura; ENEA alla ricerca di una sede stanziale, dove raccogliere le forze e stabilire un punto di approdo e di civilizzazione. SONO ENTRAMBI DEGNI DELLA PIU' ALTA CONSIDERAZIONE, ULISSE l'errabondo dal multiforme ingegno, ENEA , il PIO Enea, come lo definisce Virgeilio, l'uomo , l'eroe in cui prevale non la passione ma la pietas verso i genotori i figli, la famiglia e la patria!! TROVO CHE ENEA SIA PIU' AFFINE AL TUO ESSERE. Ma hai detto l'opposto, manifestamndo la tua simpatia per Ulisse. Strano, conoscendoti, molto strano, eppure avrei messo le mani sul fuoco. Ne deduco che non ti conosco affatto! :)) Grazie. C'è da fare unm post su st'argomento. Lo farò! tt
(Rispondi)
 
 
 
atapo
atapo il 15/02/12 alle 22:04 via WEB
Davvero interessante tutto ciò che mi hai scritto, forse hai ragione, ci vorrebbe un post, più che una semplice risposta. Sono d'accordo con te sull'eguale importanza dei due eroi, perchè ognuno rappresenta tensioni che sono presenti nell'animo umano e tu lo dici meglio di me...L'espressione della mia preferenza ti ha un po' sorpreso, mi credevi diversa: qui forse entrano in gioco altre componenti, ciò che si è, ciò che si DEVE essere, ciò che in fondo in fondo si vorrebbe essere se non entrassero in gioco le convenzioni, l'educazione e chissà cosa d'altro. Mi viene in mente l'IO, il SUPER-IO e simili, forse sbaglio e faccio confusione...Diciamo che probabilmente un Ulisse che riesca a mantenere saldi legami con le persone, le cose e i doveri morali farebbe al caso mio, ma forse sarebbe chiedere la quadratura del cerchio, una perfezione che non esiste. Inoltre, chi è completamente soddisfatto di se stesso? Io no di certo...Sai, pare che io assomigli al mio papà, nel suo eterno essere insoddisfatto e cercare sempre di più e di meglio e di nuovo, più invecchio e più me ne rendo conto. Ma cerco di gustare il meglio da ciò che ho già, perchè sono convinta che ho tanto di bello e buono intorno a me. Ecco, chissà se ora mi conosci meglio o se mi sono ingarbugliata ancora di più :)))
(Rispondi)
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 14/02/12 alle 07:43 via WEB
È uno sguardo che parla da solo. Come dice il proverbio, amore e tosse non si possono nascondere
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 14/02/12 alle 16:56 via WEB
Se uno è innamorato, spesso cambia anche il suo aspetto esteriore, la sua espressione...Sai cosa mi ha colpito di questo incontro? Di solito gli uomini sono un po' restii a parlare dei propri sentimenti più profondi, magari ne accennano solo, invece lui aveva un entusiasmo, così in pubblico, incurante che in fondo tutti lo ascoltassimo...O forse sono io che ho avuto esperienze diverse...
(Rispondi)
mpt2003
mpt2003 il 15/02/12 alle 08:43 via WEB
è una bella situazione quella che tu racconti e forse colpisce di più perchè chi manifesta lo sguardo innamorato è proprio l'uomo che di solito è più restio a manifestarsi...ma forse ci sono delle situazioni, come questa appunto in cui non è semplice nè giusto dissimulare......ciao.mp
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 15/02/12 alle 22:07 via WEB
Hai capito la mia impressione...perchè mi pare, almeno per le mie esperienze, che gli uomini si "aprano" meno, facciano più fatica a parlare con altri delle loro emozioni.
(Rispondi)
agadines
agadines il 16/02/12 alle 21:26 via WEB
Come capisco la dolcezza e complicità che si provano in certe situazioni! Mi è capitato a Londra, sul ponte pedonale davanti alla Tate Modern. Ero con una collega e stavamo accompagnando i ragazzi alla galleria d'arte moderna. Ad un tratto un signore molto distinto di mezza età ci ha superato. Di fronte a noi arrivava una lady altrettanto elegante e quando si sono incontrati si sono salutati con un tenero bacio stringendosi in un affettuosissimo abbraccio. La mia collega ed io ci siamo quasi commosse e abbiamo commentato che quei due dovevano essere proprio molto innamorati per uno slancio del genere. Forse ci sono sembrati due ragazzi, forse ci siamo immaginate storie romantiche, forse più facilmente ci hanno evocato intimi ricordi piacevoli.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 16/02/12 alle 23:18 via WEB
Che bella scena! Gli innamorati...di una certa età! Non è facile che si lascino andare in atteggiamenti romantici, sembra quasi che dopo la giovinezza l'amore debba sopravvivere...nascosto. Leggevo ultimamente che ora l'allungarsi mediamente della vita aumenta di molto le occasioni di innamoramenti in là con gli anni, che sono ugualmente belli, se non anche di più, perchè più carichi di vita!
(Rispondi)
springfreesia
springfreesia il 19/02/12 alle 10:28 via WEB
Il Bell'Amore è sempre piacevole da guardare. E seppure raro da incontrare continua, fortunatamente, a esistere. Buona domenica a te!
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 19/02/12 alle 21:29 via WEB
Infatti...dopo questo incontro ero più allegra!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.