Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI GENNAIO

SALENTO

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

prefazione09massimocoppafedele.belcastroatapoNonnoRenzo0Cherryslcentrogedatempestadamore_1967cassetta2Desert.69assuerceccarelligroupKRI730pingring
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 69
Prov: FI
 

 

« I LIBRI DEI MESIBASTA POCO »

L'ASSEDIO

Post n°1713 pubblicato il 04 Novembre 2020 da atapo
 

 

CIRCONDATI

la sera, ora, a Firenze

Va sempre peggio, siamo stretti in una morsa da questo misterioso ed efferato virus. Il clima si fa sempre più pesante.

Io sto bene, sono riuscita a fare la vaccinazione influenzale; ho notato che nonostante l’umidità il naso mi si chiude meno degli anni scorsi e la nevralgia mi viene più di rado e più leggera: credo sia la mascherina, portata tutte le volte che esco, a proteggermi dall’aria umida e da ciò che circola nell’aria. Almeno questo è positivo…

Attorno a noi però aumentano i contagi tra le persone che conosciamo, o chi sta in quarantena perché ha avuto contatti con qualcuno che è poi risultato positivo: l’amico del teatro che non è grave e ci ha avvisati tutti, ma per fortuna all’incontro che avevamo fatto tutti insieme eravamo stati ben distanziati e mascherati… Qualcuno è finito in ospedale, poi ne è uscito, uno dei miei cognati sta abbastanza male, un nipotino è a casa da scuola perché un compagno è positivo, un altro era in allarme a causa di un’amichetta, per fortuna poi è tutto rientrato.

Confesso, la paura cresce. Cerco di vivere il più normalmente possibile: la piscina chiusa, il mal di schiena che si riaffaccia, ma cerco di uscire, camminare, fare spesa e commissioni. In giro è tutto sempre più deserto, il centro si svuota ogni giorno di più, mi guardo attorno, scruto le persone in strada o in bus e mi chiedo: - Staranno bene? Sarò abbastanza distante?- E’ spesso difficile allontanare questi pensieri, il nemico è invisibile e potrebbe stare ovunque.

Dopo tanti mesi, dopo il primo periodo affrontato con forza e impegno, poi quello estivo in cui c’era un’iniziale speranza poi una grande rabbia nel vedere certi comportamenti sconsiderati, i quali, secondo me, sono perlomeno una delle cause di questa esplosione autunnale, ora provo stanchezza e tanto, tanto nervosismo.

Mi pesa sempre di più la chiusura di ciò che mi faceva bene e allietava le giornate, alludo a piscina e a teatro, ma nemmeno riprenderanno gli incontri tra insegnanti del CIDI, ora neppure cinema o cenette fuori (poche occasioni di solito per noi, ma adesso nulla!).

Mi mancano le giornate di babysitter coi nipotini: abbiamo deciso noi due nonni di non farle più, sta diventando troppo rischioso passare tante ore con quattro bambini, ma io ne sento molto la mancanza e per consolarmi ho iniziato a provvedere ai regali natalizi, poi mi chiedo: - Che Natale sarà?- e mi deprimo.

Sinceramente non sento voglia nemmeno di incontrare conoscenti o amiche, neppure per un caffè al bar: ho paura.

La paura è subdola, coscientemente non voglio darle retta, ma è un tarlo insinuato nella mente che a fatica riesco a governare, mi chiedo cosa è meglio inventare per non pensarci: leggere molto?

Scrivere?

Sfinirmi nei lavori di casa?

Cucinare, soprattutto dolci?

Passare in rassegna i film che volevo vedere da tempo e che posso trovare in rete?

E’ affannoso anche cercare le strategie e aggrapparsi ad esse.

Insomma, è sempre più difficile.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ricomincioda7/trackback.php?msg=15201062

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
massimocoppa
massimocoppa il 05/11/20 alle 11:19 via WEB
io e tutti i miei colleghi di ufficio siamo appena usciti da un isolamento fiduciario di vari giorni perché un altro collega era risultato positivo... Per fortuna siamo tutti negativi, ma per precauzione, attorno a me ed in attesa di esito, si sono isolate ben 4 famiglie, compresi i vicini di casa. Neanche un'anima buona che mi portasse il giornale o una busta di spesa, avevo, perché ovviamente mia moglie è stata la prima ad isolarsi... In tutto questo mio padre era all'ospedale, fresco di impianto di pacemaker...
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 05/11/20 alle 19:25 via WEB
Per me infatti è un incubo il pensiero di un isolamento anche solo precauzionale... quasi come il pensiero della malattia così imprevedibile.
(Rispondi)
surfinia60
surfinia60 il 05/11/20 alle 19:09 via WEB
E' una prova dura, senza precedenti, quella che tutti stiamo affrontando. Personalmente ne risento meno, in quanto anche prima del virus non avevo un granché di vita sociale. Ma non poter andare a far visita a mio figlio, neppure per le feste, mi pesa parecchio. Capisco la tua frustrazione.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 05/11/20 alle 19:23 via WEB
Ogni generazione ha le sue prove... Io credo che questa pandemia porterà cambiamenti forti... in bene o in male... chissà!
(Rispondi)
la.cozza
la.cozza il 07/11/20 alle 19:59 via WEB
Non sai quanto ti capisco! Noi siamo in isolamento fiduciario dal 26 ottobre, avremmo dovuto metterci in isolamento dal 21,giorno del tampone del mio compagno ma nessuno ce lo ha detto. Ce lo hanno comunicato solo il 26 insieme al responso del tampone. Qui è un caos, nessuno ti da informazioni corrette, il medico quando riesci a contattarlo dice una cosa, l'asl ne dice un'altra, non si sa con certezza cosa fare e questo destabilizza.Comunque noi siamo tutti negativi ma lui continua ad essere positivo e siamo al terzo tampone. Per fortuna sta bene, è asintomatico e così la paura per il momento è tenuta a bada ma quello che mi rovina è l'ansia che accompagna l'attesa.
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 09/11/20 alle 23:58 via WEB
E' vero, il caos e la confusione delle procedure aumentano le paure... Auguri a tutti voi!
(Rispondi)
elyrav
elyrav il 09/11/20 alle 16:07 via WEB
Io non penso che al momento. Sto già sclerando abbastanza a quest'idea per pensare al futuro, tragico magari. Serena giornata
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 09/11/20 alle 23:59 via WEB
Hai ragione, anche qui non faccio più i programmi oltre i due-tre giorni.
(Rispondi)
artemisia_gent
artemisia_gent il 11/11/20 alle 23:38 via WEB
Abbiamo diversi amici positivi per cui evito di vedere mia mamma, non si sa mai, dal 27 settembre ad oggi l’ho vista solo 3 volte e anche a lei mancano le bambine ma andando a scuola abbiamo un sacco di contatti a rischio e non vorrei mai metterla in pericolo...
(Rispondi)
 
atapo
atapo il 13/11/20 alle 23:37 via WEB
Anche noi conosciamo persone che sono state ammalate, per fortuna ce l'hanno fatta, ma con parecchia sofferenza. E' un grosso sacrificio questa lontananza da chi ci è caro.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.