Creato da atapo il 15/09/2007
Once I was a teacher

DOVE ANDRO' (FORSE).

IL VIAGGIO DI GIUGNO


AUSTRALIA

 

DOVE ANDRO' (FORSE)

IL VIAGGIO DI MAGGIO


CANADA

 

SCRIVO ANCHE QUI...

ASCOLTA...

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 1

 

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 2

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 3

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 4

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 5

RECHERCHE DU TEMPS PERDU 6

GATTI DI FAMIGLIA

 



BETO


 
CHILLY

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 75
 

Ultimi commenti

Sarebbe bello viaggiare ... conoscere il mondo. Ci sono...
Inviato da: elyrav
il 09/06/2021 alle 07:51
 
Ormai ho archiviato ogni velleità viaggiatrice. Ma il...
Inviato da: surfinia60
il 07/06/2021 alle 16:53
 
Un viaggio da quelle parti non dispiacerebbe neppure a me...
Inviato da: Mr.Loto
il 03/06/2021 alle 16:11
 
Grazie!
Inviato da: atapo
il 02/06/2021 alle 17:49
 
auguri, auguri!
Inviato da: massimocoppa
il 31/05/2021 alle 13:12
 
 

Ultime visite al Blog

ataponaar75elyravla.cozzasurfinia60QuartoProvvisoriomassimocoppafedechiaratempestadamore_1967allegri.frmussirodolfoexiettofedele.belcastroCherrysl
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

Contatta l'autore

Nickname: atapo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 70
Prov: FI
 

 

« ?????????Messaggio #17 »

Fatto!!!

Post n°16 pubblicato il 01 Ottobre 2007 da atapo
 

"Le infermità riscontrate costituiscono impedimento permanente alla prestazione lavorativa in modo relativo (riferimento al profilo personale di insegnante); può eseguire mansioni di tipo amministrativo".


Questo è stato il giudizio della commissione medica.

E allora...

"Si chiede pertanto di comunicare la Vostra scelta tra le seguenti possibilità:

essere utilizzata in mansioni di tipo amministrativo,
presentare domanda di quiescenza anticipata."

Ecco, ho comunicato, ho scelto, ho firmato:

LA SECONDA

me ne andrò del tutto.

La preside mi aveva ritelefonato, mi aveva chiesto ancora di restare, viste le competenze ecc. ecc., che ci saremmo accordate per l'orario ecc. ecc., che quando non mi sentivo bene avrei presentato tutti i certificati medici che volevo ecc. ecc., che andandomene ora avrei perso qualcosa anche finanziarmente sulla pensione ecc. ecc...

e come sempre quando qualcuno mi chiede qualche favore mi sentivo rimescolare dentro e mi veniva di accettare le sue proposte, allora ho cercato di pensare anche a certi momenti brutti che ho passato in questi ultimi anni, a certe persone con cui mi sono scontrata e che avrei dovuto ritrovare, mi sono convinta e ho resistito!

Da oggi sono davvero Once I was a teacher.

Come mi sento? A un capolinea. Come se fossi scesa da un autobus che mi ha portato in un posto nuovo, che non conosco ma che dovrò abitare e ora mi sto guardando intorno.

Emotivamente sono abbastanza tranquilla (credo),
ormai tutto quello che si poteva pensare, valutare, rimpiangere è stato pensato, valutato e rimpianto.

Se passo con l'autobus davanti alla mia scuola e li vedo in cortile, come oggi, mi sento un nodo alla gola, se non li vedo alzo gli occhi alla finestra della mia aula con un filo di speranza che qualcuno, proprio in quel momento, sia al vetro e guardi fuori. Poi mi dico che ormai sono grandi, sono in quarta, staranno lavorando sodo, mica come quando erano più piccini e qualsiasi cosa fuori dalla finestra li attirava...

Ero molto più angosciata in giugno, quando presi questa decisione e cominciai la strada della raccolta dei documenti, degli incontri al sindacato, dei pareri chiesti a poche colleghe fidate, dei pensamenti e ripensamenti, quando mi veniva da piangere se rivedevo le faccette dei miei 19 bambolotti a cui ho voluto immensamente bene per tre anni, che mi hanno dato tanto in simpatia e allegria e che lavoravano con tanto impegno e tanta gioia.
Sono stati loro che mi hanno fatto resistere in questi ultimi faticosi tre anni, l'unico aspetto positivo e che mi dava soddisfazione in quel caos di colleghi schizzati, burocrazie farraginose e ritardi cronici che rendono il lavoro peggio di un'arrampicata sugli specchi, con una sensazione di emergenza continua.

Via, è ora di guardare in un'altra direzione!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: