Creato da rita.gianniam il 18/01/2009

L'essenza

tears,soul and love

 

Sono tornata alla vita.......

Post n°187 pubblicato il 21 Gennaio 2011 da rita.gianniam

 


 

 

CONDIVISIONE D'AMORE

DI PENSIERI E PAROLE

DI PELLE

DI SENSI

 

 

 

 
 
 

senza te....

Post n°186 pubblicato il 12 Dicembre 2010 da rita.gianniam

 

 

Senza te...

sarei scontata, abitudinaria....sola...

SEI MUSICA ...vibrante!

 
 
 

Lettera di un'adolescente....

Post n°185 pubblicato il 10 Novembre 2010 da rita.gianniam

La coltre di nebbia...

 Sera..una finestra aperta alle mie spalle, sibila il canto di una notte autunnale..una tenda di ciondoli di un blu intenso e profondo  oscilla al vento ...come l'ululare della burrasca...di una procella furente...come boe alla deriva disperse nella bonaccia ...e vengono sbattuti rivoltati rigirati colpiti con  veemenza in un impattio violento coi vetri freddi. Nella mia stanza...in questa piccola reggia dall' aspetto fiabesco e colorato..di forme fanciulline e delicate...risuona e traspare...con nitido clamore e vivida immagine...l'inequivocabile mio desiderio di combattere contro un reo tempo...di ritardare il più possibile l'evento della maturità e di un crescere disincantato e disilluso...il desiderio di conservare un animo variopinto e denso..cremoso.....dolciario oserei dire...un animo che continui a librarsi tra le stelle dell'isola che non c'è....un animo che si diletti a perdersi in racconti di fabule,di principesse le cui scarpette di cristallo son smarrite..di castelli e torri che squarciano il cielo con il loro celestiale elevarsi....di rose..avvolte da incantesimi antichi ...rose..che perdono  i petali scarlatti nella speranza che una piccola fanciulla di cuore e bella forma sugellì il bacio del vero amore liberando dall'aspetto bestiale il principe amato. Di questo mi alimento...alimento il mio essere di fantasie e immaginazione..di parole decantate con passione..sogni...sogni di mondi lontani e amori avversi...di materia inconcreta e rarefatta  ma non per questo irreale o banale..di sogni mi nutro di questi miraggi della mente ...di queste illusioni del cuore..sono una umile cantastorie di me stessa...del mio vissuto ..di cio che sono ...e preferisco crogiolarmi tra le bambole di pezza e i disegni da bambina tracciati ormai da un tratto meno inesperto e meno spontaneo. Rinnego la mia età,rinnego il mio tempo,rinnego i miei compagni d'avventura che dei sogni non ne colgono neppur l'ombra oramai. ,..,rinnego alcune azioni fatte e altre evitate con grande codardia..rimangono di loro i rimpianti...rinnego di un bacio non dato ..e di abbracci desiderati e non corrisposti seppur urlati da un cuore combattuto ..piango ancora momenti passati ..li piango tra le lenzuola di un letto in ferro battuto ma nascondo le lacrime scivolate tra le mani e i cuscini umidi.. piango attimi di quella che era la mia vita...di cui però non  sono stata mai la  padrona indiscussa .. ne sono l'ancella servizievole e tentennante..dubbiosa e avvolta nella perenne incertezza di errare.. commettere azioni non gradite e sbagliate..di recare dispiaceri inutili a chi non ne merita...di essere un pensiero che limiti il raggiungimento della felicità altrui. Barcollo nel buio...come se un dispettoso buffone di corte mi avesse coinvolta in un suo gioco burlesco..divertendosi a oscurare la mia vista con una benda ..rendendomi cieca e vacillante...mi invita ad avanzare e si prende gioco di me mi deride quel maledetto...il suo essere sadico mi inquieta...per quanto ancora sarò sottoposta a questo suo personale sbeffeggiarmi..per quanto ancora sarò costretta a procedere a passi tardi e lenti...per quanto ancora rifiuterò il riflesso della mia immagine allo specchio..disprezzandolo con rabbia....per quanto serberò quest'inspiegabile rancore ...verso ..me stessa...non vedo beltà...non scorgo armonia in me...non percepisco lo scorrere della vita...vivo come in un bozzolo di crisalide...nell'attesa che qualcosa cambi e si tramuti.,nell'attesa che io inizi a sentire davvero la felicità nel mio cuore,...ma più scorre la sabbia...più mi convinco che quel mutarsi naturale delle cose..che quel divenire non si paleserà di fronte ai miei occhi...attendo...e l'attesa implica la presenza della flebile speranza che qualcosa accada...ma in cuor mio...avanza lo sconforto..ed una imminente o forse già presente rassegnazione...la convinzione che non potrò ottenere ciò che desidero... perchè sarò io stessa a ostacolarmi e privarmene..la convinzione di non poter essere ..felice... che  quello a cui aspiro mi sarà negato  come un vaso di pandora  ...questo perchè pongo me stessa in una continua condizione di inferiorità..di incapacità..mi sento incapace e di non essere all'altezza ...di non essere capace di donare amore e riceverne.....non mi sento degna delle bellezze della vita....mi sento inadeguata ad ogni cosa...anche ...all'amore     e la rabbia che celo riguarda il fatto che io sono consapevole di poter raggiungere i miei obiettivi ,di poter concretizzare i miei desideri...di poter creare la mia felicità....ma non ne ho la forza...ne sono priva..totalmente... in questo momento della mia vita...mi sono state rubate,strappate ..le forze..l'inventiva,l'arte di cui ero detentrice,la capacità mnemonica le risorse mentali che mi permettevano di sfavillare come luce incandescente....e anche se tento di richiamarle a me...questa volontà evocativa non ha alcun riscontro....sono stata depredata , saccheggiata barbaricamente senza alcuna sazietà ma con bramosia senza fine e cupidigia feroce...sono stata turbata e denigrata schernita e allontanata...evitata...rinnegata ... derubata ..dei miei simulacri di dei.....sono povera ...sono una mendicante ...sento il peso sulle spalle e nella mente tutto è confuso e annebbiato ...le idee si mescolano tra loro come colori impazziti ....sono offuscati e imprecisi...come le pennellate di Monet...anche i miei desideri si confondono..non ho potere su me stessa...non ho la conoscenza della linea del Botticelli...son quì...tra queste quattro mura..e ho paura di tuffarmi in gomitoli di strade....voglio essere posata in un angolo come una cosa...dimenticata...ma ormai è tardi per favellare e svelarmi nei miei fantasmi...è giorno ormai ,,,non è più tempo...la notte nascondeva il mio volto e il mio rossore ....ma adesso i raggi del sole potrebbero illuminare il mio viso....e risplenderebbero i riflessi di gocce di rugiada sulle guance...e i segni di un male di vivere aguzzo come i cocci di bottiglia...non è più tempo ormai...notte...notte anche a te burlone da strapazzo...che il mio racconto ti abbia impietosito come un Ulisse penitente...che tu abbia cuore di pietade...per la mia povera anima dispersa...

 

                                                                             1/11/2010

 
 
 

S.....

Post n°183 pubblicato il 25 Ottobre 2010 da rita.gianniam

…..Quando lui arriva da me, non riesco a guardarlo da lontano…negli occhi,

abbasso lo sguardo lungo il tratto che ci tiene lontani

So che in quel momento, come sempre, mi osserva, mi guarda con amore

ed è fiero di me…

Le gambe mi tremano e il cuore è in subbuglio…

e penso “è capitato a me, proprio a me”

…e ringrazio, a fior di labbra, per averlo incontrato….continuamente.

 

…Lo guardo di nascosto, spesso, osservo le sue mani che stringono le mie…

il suo profilo, i suoi occhi profondi  che raccontano di lui,

la sigaretta accesa tra due labbra sincere…

annuso il suo odore di cui oramai nn riesco a fare a meno

 

…e in silenzio assaporo tutto, senza proferire una parola, perderebbe tutto di significato

…lui mi guarda e mi crede persa chissà in quali pensieri e invece nn sa che mi perdo in lui,

continuamente…

 

….nei suoi sguardi intensi e nei suoi abbracci, fusione di pelle compatibile,

dove ogni piccola curva e tassello di corpo

combaciano perfettamente, si incuneano…come se ci avessero divisi a metà

e ci fossimo ritrovati per riunirci, un puzzle d’amore e di sensi.

 

 

….Mi dice che è stato fortunato, ma io l’ho incontrato e sono fortunata.

 

Ora sai cosa penso quando sono in silenzio amore mio.

 

 
 
 

S

Post n°182 pubblicato il 26 Settembre 2010 da rita.gianniam

" È proprio a lei che appartengono le parole. Ha una ipertrofica fiducia nei dialoghi. Ma ci sono dei momenti in cui le parole fanno cilecca, sembrano senza vita in un rapporto d'amore. Dice molto di più quel braccio piegato morbidamente contro l'erba e l'arrivo inaspettato di una coccinella che va a posarsi  proprio sul gomito nudo di lui. Gli occhi dell'uomo amato si voltano verso di lei e sorridono liquidi. .....Un bacio è un bacio è un bacio è un bacio, niente di più ipnotico di una frase ripetuta tante volte, come sapeva la grande giocatrice del linguaggio che era Gertrude Stein. L a donna conosce il sapore della saliva di lui, ma ogni volta qualcosa di nuovo la sorprende: un pizzicore gentile, un fondo di menta amara, un respiro pietroso. L'amore fatto sotto gli alberi ha qualcosa di sacro. I  due corpi diventano foglie tra le foglie, terra sulla terra. Non si accorgono nemmeno delle formiche e dei grilli che si arrampicano su per le gambe nude. Non si accorgono dell'insistente richiamo dell'upupa che stride nelle loro orecchie. Non si accorgono del sole che prende a ballare delicatamente sulla pelle nuda di lui mentre le scarpe sporche di fango pigiano contro la coltre di foglie, scivolano, cercano appiglio addosso a una pietra che, a furia di spinte, finirà rotoloni verso valle. L'odore sottile delle erbe appena nate, dai funghi, dalla corteccia di faggio, dei ciclamini che sbucano pallidi fra gli strati di foglie morte penetrano nelle narici di lei assieme al sapore acerbo del sudore di lui. Una nuova vita può cominciare così, nella casualità di un abbraccio rapido e impaurito, le orecchie tese ad ascoltare un possibile rumore di passi, nell'intelligenza strategica di due corpi che si cercano per amore."

Dacia Maraini

Colomba

A te che ti senti un privilegiato...

A me che ho smesso di vagabondare...

 
 
 

 
Citazioni nei Blog Amici: 26
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vita.perezpasseggero511Coralie.frvictoria_ignisprincipepazzo_63rita.gianniamgiannosrichardG5bagninosalinaroNon_sono_finitovariantemazzarese.pietromareemonti0kuoiobepaapranz
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom