Creato da FIORE_TRASTEVERINO il 23/10/2012

club amici di roma

F A M O L O . . . S T R A N O ! !

 

« CIAOALCUNE CURIOSITà INSOLIT... »

LA "MONNEZZA "A ROMA UN PROBLEMA DA SEMPRE...

Post n°164 pubblicato il 16 Dicembre 2013 da frankcontinel

Chi ha visitato il centro di Roma sarà capitato di imbattersi, in qualcuna di queste targhe in genere di marmo apposte sui muri prossimi a chiese palazzi signorili piazze e luoghi di culto, erano targhe di divieto in sostanza in quel posto era proibito gettare immondizie, e di farvi come si diceva “ il monnezaro “ ossia accumulare, immondizie di ogni genere e sorta  fino a creare cumoli puzzolenti e maleodoranti. Nella Roma dei papi la situazione igienico sanitaria era drammatica era consuetudine vedere per i vicoli le strade, le piazze, cataste di rifiuti gettate senza nessun riguardo, queste erano pulite solo ogni otto giorni e questo compito era demandato ai carcerati che pulivano dai rifiuti al fango e da quanto altro si trovava sulla pubblica piazza inoltre, questi sgradevoli mucchi attiravano cani randagi combattuti dai cosiddetti “ ammazzacani “ antenati degli accalappiacani con dei bocconi avvelenati e quindi si potevano aggiungere i cadaveri dei cani che né divenivano vittima. Le più immediate conseguenze erano intuibili il proliferare di malattie spesso contagiose e nella migliore delle ipotesi un puzzo ammorbante per chi viveva in prossimità di queste cataste . Non sappiamo quanta efficacia  avessero questi decreti pontifici  ,  ne dubitiamo che fossero  particolarmente adeguate  le pene erano severe e andavano  da pesanti multe pecuniarie a punizioni corporali  come la fustigazione in pubblico , in alcune targhe s’incentivava la delazione verso chi nottetempo approfittava delle tenebre per gettare le immondizie ( succede anche oggi certi vizi sono atavici ) anche in luoghi proibiti promettendo una parte della multa a chi avesse denunciato , il trasgressore ,  in un caso quello della chiesa di san Teodoro veniva aggiunta persino la scomunica !  fatto sta che la situazione rimase tale fino al’istituzione di un regolare servizio di nettezza urbana nel’1859,  quasi tutte erano scritte in italiano corrente per essere più comprensibile al’popolino , e il tono era più o meno lo stesso variava la lunghezza da 5-6 righe a oltre 20 in diverse non mancavano le inflessioni dialettali romane al’inizio veniva sempre citato il monsignor delle strade responsabile della cura e della pulizia delle stesse era di solito un cardinale adibito al’compito , come sempre l’ironia del’romano ci andò a nozze , e né venne fuori il detto “ sta cor monsignor delle strade “ ovvero senza lavoro e passarsela piuttosto male . Ma come era  organizzata la raccolta dei rifiuti nel’antica roma?

IL paragone è davvero impietoso , infatti  il servizio di raccolta dei rifiuti era piuttosto articolato e molto  ben organizzato a sovvrandendere al compito i magistrati edili  avveniva soprattutto di notte tutti i giorni  durante la giornata  Roma era un immensa isola pedonale con pochissime ,eccezioni molto ben regolate ,  unica  appunto  i “ chiostra stercoraris “circolanti in pratica 24 ore su 24 che raccoglievano l’immondizia, gli addetti alla pulizia  delle strade il “monnezaro “ di allora   veniva chiamato “ vis purgatis” il suo compito non era affatto facile ci trovava di tutto dallo sterco di animali ai rifiuti domestici , a cocci e vasi da notte ,ai cadaveri d’animali morti , persino salme di persone molto povere e di sfrattati che dormivano al’addiaccio  sotto ponti e portici che finivano i loro giorni o per stenti o assassinati dai malviventi che sfruttavano le tenebre per aggredire i passanti ,  oltretutto rischiava anche  di  venire colpito , da vasi e oggetti pesanti  lanciati  da le finestre se andava bene poteva ricevere il contenuto di un vaso da notte o i resti di un pasto cosa comunque molto sgradevole i servizi igienici in casa erano un privilegio per ricchi e abbastanza raro  , esisteva già da allora la raccolta differenziata , che oggi stenta così tanto a decollare lo sterco veniva avviato verso le campagne  come concime , gli oggetti frantumati e rivenduti ai vasai e agli artigiani che li realizzavano , i morti cremati su pire funerarie con la funzione pagata dallo stato secondo una consuetudine della legge delle 12 tavole tutto quello che non poteva venire riutilizzato veniva gettato nella cloaca massima o in una delle sei diramazioni secondarie , così le fogne e lo stesso Tevere pensava a smaltirle, Non che fosse  tutto perfetto anzi  allora come oggi l ‘educazione completa è cosa rara da trovarsi , e gli sporcaccioni  che facevano i propri  bisogni in luoghi appartati non mancavano di certo  questo con centinaia di bagni pubblici i famosi “ vespasiani “ accessibili a prezzi davvero irrisori ,   c’era anche poi chi approfittava  fuori dalle mura dove essere visti era davvero difficile del’riparo di una tomba lapide e mausoleo per espletare.. Sulla via appia  tuttora visibili ,i sono delle epigrafi anche in marmo che ammonivano severamente  i “ minziones” e i cacatores “  (al lettore il piacere del’interpretazione ma è evidente ) proferendo maledizioni scatenate contro i profanatori mettendo in causa , la funesta ira  dei dei inferi e celesti , certi vizi sono davvero duri , a morire ..

per terminare negli ultimi anni sono comparse al'centro alcune targhe che rifanno il verso a quelle antiche con quel'minimo di modifiche richieste dai tempi moderni , in cui non è esente un fine umorismo , anche se lo scopo è lo stesso di quelle vecchie ..

targa apparsa a via del'leonello ma il risultato sempre lo stesso..

la stessa via di prima .. a voi l'ardua ( per modo di dire) sentenza..



Commenti al Post:
simona_77rm
simona_77rm il 21/12/13 alle 17:45 via WEB
Bravo Frank! Il tuo post è una descrizione precisa della vita nelle strade dell'antica e millenaria Roma, momenti di vita comune...momenti di un lontanissimo passato che ci racconta l'aspetto meno conosciuto della vita privata in un popolo che ha vissuto alti e bassi, vicende infinite...ma che è riuscito anche a conquistare il mondo intero... ^ ^
 
frankcontinel
frankcontinel il 01/01/14 alle 12:09 via WEB
grazie simona faccio del'mio meglio anche se talvolta sono un pò prolisso , auguri ancora di buon anno a te colgo l'oocasione per augurare a tutti quelli che passano di qui un 2014 improntato a tanta serenità che la salute sia sempre con voi e che idesideri a cui ambite si realizzano con sincerità ed amicizia francesco
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

 

* SOCI CLUB AMICI DI ROMA

Per farne parte basta  fare dei post...

 

 

 

SAN PIETRO

 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

VICOLO DEL CAMPANILE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

VICOLO DI TRASTEVERE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

BORGO 1935

 

FRECCE A PIAZZA VENEZIA

 

 
 

MATRICIANA DI TRASTEVERE

 

...E QUELLA DI SILVIA

-

Er trucco pe’ ‘n’saporì li bucatini alla matriciana è sapesse gestì co’ sapienza ‘n ber pezzetto de guanciale accompagnado co’ li cubetti de pancetta che s’emmischieno drento ar pommidoro. E si sei riuscido a sceje l’intingoli giusti te viè’ fora n’piatto gajardo tipico de Roma verace che nun cià eguali pe’ quant’è bbono Sguizzeno ‘n’bocca li bucatini viscidi ner sapore che nun se po’ imità e si ce accosti ‘n’cicchetto de vino rosso nun poi fa’ a meno de leccatte li baffi che so’ diventati ricci pe’ ‘na goduria difficile da riccontà…

 

FOTO DI TRASTEVERE1956

 

GRAZIE A TRASTEVERE1956

LA VITA

 La vita e’ quella cosa che e’ creata,

da na coppia felice e ‘nammorata.

Comincia tutto pe’ amore e pe’ diletto,

 abbracci e baci e se conclude a letto!

In breve tempo er nostro facioleto,

 se trova a naviga’drento a un laghetto..

 Er tempo passa, lo spazio s’e’ ristretto

 e ‘ncentra piu’, mannaggia, Er poveretto!

ma pe’ fortuna c’e’ sta na via d’uscita,

quattro strilletti e tutto il resto e’.. Vita!!