Creato da bmire il 24/10/2009

Paolo Sabbetta

una vita, un'idea, un obiettivo, un sogno

 

Paolo Sabbetta

Post n°1 pubblicato il 24 Ottobre 2009 da bmire

Paolo Sabbetta, agronomo, cavallerizzo, combattente, reduce, profugo d'Africa, sinistrato di guerra, diarista, scrittore, e promotore culturale, fotografo, disegnatore, pittore, scultore, ritrattista, vignettista

 

Nato a Cerignola (Foggia) il 10 Aprile 1912.
-Parente di Nicola Zingarelli, autore dell'omonimo dizionario.
-"Compare" di Giuseppe Di Vittorio

1926 - Componente squadra Concorso Internazionale Tiro a Segno Roma.
Cresciuto nell'Era Fascista percorrendo tutte le tappe del Partito: Avanguardista, Giovane Fascista, Fascista, Segretario di Fascio, Milite M. V. S. N. ( Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale).
Scrittore diarista, disegnatore, ritrattista, vignettista, pittore, scultore modellato, cavallerizzo. Combattente, Reduce, Profugo d'Africa, Sinistrato di guerra.

1928 - Primo incontro con Padre Pio da Pietrelcina

Dal 1928 al 1930 - Impiegato di Banca a tempo indeterminato.

Dal 1930 al 1932 - Dimissionario dalla Banca e Volontario nel Regio Corpo truppe Coloniali della Tripolitania. Medaglia commemorativa per il servizio Militare prestato in Libia.

1932 - Iscritto all'Istituto Agricolo Coloniale di Firenze.

1935 - Richiamato nel Regio Esercito Italiano per la guerra di Etiopia. Medaglia commemorativa della Campagna Etiopica.
- Agronomo Perito Specializzato in Agricoltura Tropicale e Subtropicale presso l'Istituto Agronomico per l'Oltremare di Firenze.

1939 - Tecnico e Capo zona nei vari Centri Agricoli della Cirenaica alle dipendenze dell'Ente per la colonizzazione della Libia.

1940 - Richiamato alle armi nella 2° guerra mondiale. Frequentato corso di guastatori presso scuola Allievi Ufficiali di Dema.
- Congedato per esigenze di Colonizzazione.

1941 - Volontario nella guida e assistenza famiglie coloniche durante le due invasioni della Cirenaica da parte degli Eserciti contrapposti Italo - Tedeschi e Alleati.
Nel centro Agricolo "Cesare Battisti" (ove era confinato Amerigo Dumini, sopravvissuto, in quel periodo, alla fucilazione inglese)con funzioni di Agronomo e Capo zona , Segretario di Fascio, Presidente della Commissione Disciplina di Fascio, Comandante presidio M.V. S. N. Ufficiale dell'U.P.I. (Ufficio Politico Investigativo), Agente Segreto in missione bellica.
- Insegnante Corsi Professionali Agricoli per Adulti.

1942 - Rimpatriato dalla Cirenaica, fu Dirigente della Tenuta Statale "Tor Mancina" (ettari 1.200 in agro di Monterotondo-Roma) di proprietà dell'Istituto Zootecnico sperimentale di Roma.

14.02.1943 - Iscritto all'U. N. U.C. I. (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia).

1943 - Artefice del Movimento Popolare di Resistenza non Violenta Antinazista della Comunità di "Tor Mancina" contro l'occupazione militare Nazista negli anni 1943-‘44, le cui gesta salvarono vite umane (Renitenti alla leva,Richiamati alle Anni, Perseguitati, Rifugiati, Militari alleati e Partigiani alla macchia) e beni mobili e immobili di proprietà dello Stato Italiano. In questo contesto salvò personalmente venti giovani destinati alla deportazione. Unico uomo in Italia che abbia beffato i Nazisti con un espediente cartaceo durante l'occupazione militare tedesca.

1946 - Epurato Fascista, emigrante lavoratore bracciante agricolo in Francia e in Germania.

1947 - Capo zona U. P. S. E. A. (Ufficio Provinciale Statistico Economico dell'Agricoltura) a Bellegra (Roma).

1948 - Assunto dalla S.A.I.S. (Società Agricola Italo Somala) in Somalia come capo aziende coltivazione canna da zucchero sul fiume Uebi Scebeli. Capo aziende bananicole nel Basso Giuba (fiume Giuba). Ispettore Fitopatologico per le banane di esportazione. Collaboratore scientifico dell'Entomologo prof. Alfonso Chiaromonte. Inventore sistemi irrigui di arido-cultura . Pioniere unica Azienda Pastorale Razionale Somala in Chisimaio.Titolare macelleria in Chisimaio.

1952 - Testimone "eccidio di Chisimaio"
Studioso della Religione Islamica con iniziazione. Commercio baratto prodotti locali di caccia, pellami, artigianato, prodotti agricoli fra le Tribù interne della Somalia.
Autore Frasario Italo- Somalo.

1959 - L'A. F. I. S. (Amministrazione Fiduciaria Italiana della Somalia) lo espelle dalla Somalia perché presunto comunista.

1959 - Asilo Politico in Grecia ed Egitto.

1960 - Rimpatriato, perseguitato politico sottoposto per quindici giorni a violenze fisiche, psicologiche, psichiatriche, dal Capo del Governo Amintore Fanfani, usando il suo prepotere politico come strumento repressivo di forze prevaricatrici.

1961 - Sottoposto a censura su ogni canale d'informazione.
- Titolare Agenzia Annunci Economici.
- Corrispondente stampa periodica.

1962 - Contratto matrimonio con rito cattolico. Poi vedovo.
1965 - Secondo incontro con Padre Pio da Pietrelcina
Dal 1980 - Impegnato nella stesura di dodici memoriali.
1993 - Colpito da parziale cecità, per cui ha interrotto la stesura dei memoriali.

1996 - Insignito di Onorificenza dal Capo dello Stato. Rappresentante dell'eroico comportamento della Comunità di Tormancina designato dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.

2002 - Impegnato in Interventi, Convegni, Conferenze, Mostra Itinerante, presso Istituti Superiori Scolastici, e tutte le facoltà delle Università degli Studi di Foggia.
- Istituito Comitato pro - Sabbetta, ad opera del dirigente scolastico Prof. Alfonso Palomba, sorto a Foggia per la rivalutazione del Movimento di Resistenza non Violenta.

2006 - Impegnato nell'allestimento del museo "Il Tempo e la Memoria" con il fine di elaborare un progetto di studio e ricerca storica da presentare a tutti gli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado.

2007 - Luglio: "LA RESISTENZA NEGATA" libro di Sabbetta edito dalla Casa Editrice "Il Castello".

2007 - Simbolo di 80 eroi della resistenza non violenta designato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

2008 - 6 Luglio 2008: il Comune di Monterotondo gli ha conferito la cittadinanza onoraria e nell’edificio della Direzione dell’Azienda è stata scoperta una lapide che ricorda la Resistenza non armata attuata a Tormancina.
- Luglio: è in stampa il libro “La cittadella degli eroi…La resistenza non armata di Tor Mancina” Edizioni del Rosone.
- 2 Agosto 2008 il Cav. Paolo Sabbetta ci ha lasciato e non ha potuto vedere realizzato il suo ideale di riconoscimento e valorizzazione della Resistenza non violenta.
- Pubblicato, postumo, il libro di Sabbetta “LA CITTADELLA DEGLI EROI…LA RESISTENZA NON ARMATA DI TORMANCINA” Edizioni del Rosone (www.edizionidelrosone.it)

da Paolo Sabbetta:

Il silenzio è ... reato
esso: uccide, ferisce, annienta, distrugge, esaspera, istiga, mortifica, umilia, irrita, inasprisce, esacerba, adira, provoca, annulla, aizza, annichilisce, fomenta, suborna, sobilla, avvilisce, affligge, reprime, sconforta, impoverisce, deprime, offende, violenta, diminuisce, degrada, eccita,infiamma, sdegna, disprezza, schernisce, disistima, vilipende, ignora, misconosce...disintegra. E' la cancrena della Democrazia....

 

 

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gungadin1sorientemassimilianoarmandotestiwords_nothingelselella291fernandez1983occhinegliocchi3bmire
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom