Pensieri&riflessioni

Satira

Creato da caiodentato il 28/12/2008

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 44
 

 

FB con la scossa

Post n°457 pubblicato il 22 Maggio 2018 da caiodentato
Foto di caiodentato

Chi non è iscritto su FB scagli la prima pietra. Devo ammettere che dopo anni di tentazione alla fine ho ceduto anch'io e  ho fatto la mia adesione, i primi tempi per me è stato come entrare nella torre di Babele un mondo pazzesco difficile a districarsi, poi ci ho fatto l'abitudine ora va un pochino meglio. Naturalmente ci sono tante novità. L 'ultima viene da un'importane istituto di ricerca americano del mondo. Praticamente non controlleremo piu' compulsivamente il telefonino per paura di perdere qualche messaggio, ad avvertirci ci sarà una piccola scossa. Per avere questo previlegio di essere allertati sulle ultime novità del social network bisognerà però indossare un manicotto al braccio in grado di tradurre le parole in vibrazioni. Il braccio spiegano i ricercatori ha la sensibilità maggiore rispetto alle altre parti del corpo, come nelle mani che sono sempre impegnate, e poi è più socialmente accettabile indossare un dispositivo in quella zona piuttosto che in fronte, ai piedi, o in parti...intime. In alternativa ci sarebbe  la cavigliera, ma l'aggeggio ricorda troppo quello indossato dai detenuti agli arresti domiciliari. Anche se a ben pensarci, fra quella semilibertà fisica e la nuova prigionia mentale creata dai social  tanta differenza alla fine non c'è.

 
 
 

Dopo 40 anni lavorare stanca

Post n°456 pubblicato il 17 Marzo 2018 da caiodentato
Foto di caiodentato

Secondo una ricerca fatta da un gruppo di studiosi australiani, superati i 40 anni lavorare più di tre giorni a settimana stanca. Praticamente: memoria,intuizione e creatività sono a rischio se si esagera con il lavoro dopo questa età. Lo strabiliante risultato è venuto fuori dopo alcuni test.  E' risultato che le persone con piu' di 40 anni che lavorano a tempo pieno, hanno fatto registrare risultati peggiori rispetto alla media, che quindi bisogna avere piu' tempo libero e rallentare i ritmi di lavoro. Ma pensandoci sarebbe ben difficile realizzare questa  felice scoperta nel nostro Paese dove il riequilibrio fra lavoro e tempo libero è ormai rinviato  ai 68 anni l'età in cui, per i più fortunati,  si arriva alla pensione. Lavorare stanca diceva un noto scrittore come Cesare Pavese. Ma ad una certa età può anche uccidere. Per ora secondo me, l'unica ricetta disponibile resta quella più antica. Munirsi di un bel corno di corallo.

 
 
 

La nevicata che ti cambia la tv

Post n°455 pubblicato il 27 Febbraio 2018 da caiodentato
Foto di caiodentato

La memoria ad una certa età gioca brutti scherzi, quindi bisogna starci molto attenti ai ricordi. Scavando nel passato ho trovato difficile di programmi televisivi saltati per colpa della neve. E' quello che è successo ieri ai programmi del mattino della RAI. Eccovi qualche esempio : Fatti vostri non è andato in onda per difficoltà di pubblico, di ospiti, e alcuni tecnici di raggiungere gli studi, al suo posto Sereno variabile e un film  per TV, lo stesso è accaduto per il programma della bella Isoardi :Buono a sapersi, dove hanno mandato in onda una sorta de : il meglio di. Chiuso per neve anche :La prova del cuoco. Niente di grave per carità, ma ricordo benissimo che nevicava anche negli anni sessanta e settanta e ne buttava giù molto di più. Freddo e gelo nulla potevano contro la ferrea logica dei palinsesti, la programmazione non cambiava mai, era come un orologio svizzero per la precisione. Il lunedì c'era il film, il giovedì il quiz, il venerdì la prosa, il sabato il varietà,la domenica lo sceneggiato, con il martedì e il mercoledì un pò più elastico. Ho sempre pensato che quella scansione quotidiana del pasto televisivo mi regalava l'illusione che nulla sarebbe mai cambiato nella mia vita davanti alla TV, neppure se la nostra povera Italia si fosse trasformata  come l' Alaska da un giorno all'altro.

 
 
 

Serial killer cats

Post n°454 pubblicato il 19 Febbraio 2018 da caiodentato
Foto di caiodentato

Anche questa volta mi tocca fare un post sugli maltrattamenti agli animali, ma questa volta è ancora peggio. A Londra c'è un serial killer dei gatti, roba da non credere. In tre anni ha ucciso oltre 400 gatti, per poi mutilarli orribilmente.  Scotland  Yard ha addirittura schierato 15 investigatori per scoprire chi è l'autore di questi orrendi crimini, scoprendo che le povere bestiole sono state uccise tutte allo stesso modo: un colpo brutale contro il muro, seguito dalla mutilazione della testa, zampe e coda con un coltello ben affilato. Altro che Jack lo Squartatore, questo è anche peggio, magari sarà un suo lontano parente chissà. Per limitare i danni le autorità inglesi hanno avvisato i proprietari dei felini di non lasciarli mai soli. Naturalmente sul caso si sono precipitati esperti psicologi e criminologi di ogni genere dicendo ognuno la sua. Una nota psicologa ha detto che in futuro il serial killer potrebbe rivolgere la sua attenzione agli umani dopo essersi stancato degli animali, perchè non si è di fronte al comune abuso di animali, è la mutilazione dopo la morte che rende il caso interessante, e ha aggiunto  che in passato gli assassini di animali hanno rivelato fantasie sessuali deviate spostando poi la loro attenzione sugli essere umani. Ora non ci resta che sperare in un intervento di Catwoman, speriamo che lo catturi e gli faccia fare la fine che merita.

 
 
 

Abbandonare gli animali è come una bestemmia

Post n°453 pubblicato il 09 Febbraio 2018 da caiodentato
Foto di caiodentato

La civiltà di un popolo si vede anche da come tratta la splendida natura che ci circonda e la fauna che la adorna. Per esempio avete mai visto un cane che abbandona il suo padrone?  No. Ma un padrone che abbandona il suo cane esiste. C'è ne sono tanti. Li lasciano sulle autostrade, nelle metropoli, nelle campagne tra le erbacce. Non tollero certe crudeltà. Dico a questi scellerati "Ma come potete aprire lo sportello dell'auto e sbarazzarvi di chi vi è stato vicino per mesi e per anni con tale violenza? " Ho sempre avuto cani e gatti a casa, il primo era un meticcio trovato  in campagna che adorava il mare, la domenica  ci andavamo alle sei di mattina,  e lì impazziva di gioia, andava in acqua e mi chiamava, voleva che facessi il bagno con lui, mi tuffavo e nuotavamo insieme,  la gente si incantava a vederlo nuotare, poteva fare le Olimpiadi, ora nuoterà in cielo. E che dire dello splendido Nino, un gatto di Angora Turco che raccolsi malato e tutto spelacchiato, piccolo e indifeso. Lo raccolsi e lo portai a casa, in meno di due mesi si rimise in forma che sembrava una nuvola bianca, mi visse poco, un brutto male se lo portò via a solo 5 anni, lasciandoci un grande vuoto. Ora ho uno splendido Cavalier King Spaniel, lo regalai a mia moglie per colmare il vuoto della casa,  senza un animale non ci sappiamo stare. Inutile dire che Artù ha preso il posto degli altri anche nel nostro letto, la nostra è una sana convivenza, d'inverno si appallottola  sotto le nostre natiche, ma d'estate se ne va sul pianerottolo dove gira aria fresca, a volte lo si sente russare, o lo senti fare la bicicletta, chissà cosa sogna, ma non ci facciamo caso. La mattina ci sveglia sempre, con le sue leccatine, ci lecca fino a che non ci alziamo, perchè il signorino vuole la colazione, e la sera quando torniamo ci aspetta  a tutti dietro al portone, ormai sa tutti gli orari, e percepisce anche quando facciamo straordinari. Nei lunghi pomeriggi d'inverno, mi tiene compagnia sul divano e ci vediamo la tv. Gli animali hanno cambiato la nostra vita arricchendola. Ora è quì  vicino a me che sto facendo questo post, non mi lascia mai solo. E' lui  il vero padrone di casa.

 
 
 
Successivi »
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

the_oracle73avogadrosenessunatracciadimelunetta_08missely_201Ocaiodentatosoltanto_unsognosurfinia60dolcesettembre.1arw3n63amistad.siemprelicsi35pedusolinaneopensionata
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom