Un blog creato da resistenzabianconera il 18/10/2007

Blood black&white

Tutte le notizie sul mondo Juve!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« 36^ 2012-2013 Atalanta -...Conte-Juve, arriva la fu... »

37^ 2012-2013 Juventus - Cagliari 1-1

Post n°1008 pubblicato il 11 Maggio 2013 da resistenzabianconera
 

Juventus (3-5-2): Storari, Barzagli (14' Caceres), Bonucci, Chiellini, Isla, Vidal, Marrone, Marchisio, Giaccherini, Matri (25' st Quagliarella), Giovinco (5' st Vucinic). (1 Buffon, 34 Rubinho, 11 De Ceglie, 13 Peluso, 26 Lichtsteiner, 20 Padoin, 18 Anelka). All. Conte.
Cagliari (4-3-1-2): Agazzi, Perico (8' st Cossu), Rossettini, Astori (18' st Eriksson), Murru (8' st Dal Fabbro), Dessena, Conti, Nainggolan, Ekdal, Ibarbo, Pinilla. (25 Avramov, 19 Thiago Ribeiro, 27 Sau, 18 Nene'). All.: Pulga
Arbitro: Calvarese.
Reti: 12' pt Ibarbo, 15' st Vucinic.
Angoli: 10-3 per la Juventus.
Recupero: 2' e 4'.
Ammoniti: Murru per gioco scorretto, Chiellini per simulazione.
Spettatori 38933, incasso 1.508.255

No record no party? Neanche per sogno, la Juventus non vince, ma festeggia eccome lo scudetto numero 29, il secondo di fila. Il pareggio con i sardi impedisce infatti alla squadra di Antonio Conte di battere il record di punti (91) stabilito dalla Juventus di Capello nella stagione 2005-’06 (titolo poi revocato per Calciopoli). Con il Cagliari finisce 1-1 e per 50 minuti i bianconeri sono stati anche sotto, colpiti dalla corsa e dall’esplosività di Ibarbo. Nella ripresa, al 16’, il pareggio di Vucinic per un risultato che sta bene a tutti, al di là di record più o meno prestigiosi da raggiungere. È il giorno della festa scudetto e anche Conte, per una volta, può accontentarsi nonostante non siano arrivati i tre punti. Tante le novità in formazione, tra i pali ancora Storari con Buffon in panchina, poi la difesa titolare e a centrocampo, out Pirlo e Pogba, spazio a Marrone in regia con Giaccherini e Isla sulle fasce, quindi Marchisio e Vidal unici titolari del reparto.  

In attacco Giovinco affianca Matri. Di fronte una squadra che non ha nulla da chiedere alla classifica, ma che non vince da un mese e vuole chiudere in bellezza, magari con una vittoria di prestigio. Pulga e Lopez si affidano al 4-3-1-2, sulla trequarti c’è Nainggolan e non Cossu, in attacco la coppia prescelta è Pinilla-Ibarbo, va in panchina Sau. Il clima di festa si avverte, i ritmi sono lenti, ma c’è voglia di divertirsi anche tra i giocatori. Vidal non è ancora sazio di gol ed è il primo a cercarlo impegnando Agazzi in angolo. Sul corner successivo Ibarbo parte dalla sua area, nessuno lo pressa, Barzagli e Marchisio provano a fermarlo, ma il primo è già out per infortunio (chiederà il cambio subito dopo), il secondo non lotta più di tanto e per il colombiano è un gioco da ragazzi battere Storari, peraltro per nulla reattivo. Cagliari avanti e per Ibarbo un gol da ricordare. Comprensibilmente tra i bianconeri, che festeggiano da domenica scorsa, non c’è la solita furia agonistica. Tra i più propositivi Giaccherini e Giovinco, quest’ultimo al 34’ colpisce la traversa con una punizione alla Del Piero (il grande assente ovviamente sugli spalti), mentre il primo nel finale mette in mezzo l’ennesimo pallone e per poco Vidal non trova il gran gol. La Juve non ci sta a perdere, Conte al 7’ della ripresa inserisce Vucinic per Giovinco, mentre il Cagliari perde i due terzini (Murru e Perico) e Pulga e Lopez devono inventarsi qualcosa.  

Entra Cossu, Nainggolan arretra a centrocampo, Dessena in difesa. È Giaccherini il trascinatore e al 9’ è lui a impegnare in angolo Agazzi e, al 16’, è sempre lui ad avviare l’azione del gol del pareggio, proseguita da Marchisio, quindi da Vidal che serve un assist solo da spingere in rete a Vucinic che, a porta vuota, non ha difficoltà a siglare l’1-1. È la scintilla per riscaldare ancor di più l’atmosfera, il popolo bianconero, in fondo, aspetta il triplice fischio e la vera festa, mentre in campo i giocatori il gol della vittoria lo vogliono. Dentro anche Quagliarella (fuori Matri), ma a provarci è Isla che sfiora la traversa dalla distanza. Possesso palla, ma poco movimenti tra i bianconeri che hanno anche il problema di stare attenti alla corsa e alla tecnica di Ibarbo, bravo palla al piede e immarcabile in velocità. I minuti scivolano via veloci tra i cori dei tifosi juventini, sempre più impazienti di vedere il trofeo dello scudetto alzato al cielo e di celebrare uno per uno i campioni d’Italia e il loro condottiero: Antonio Conte.

Suoni e immagini a iosa per la festa bis. Ovazioni del pubblico, con le eccezioni per Maurizio Beretta, presidente delle Lega che riconosce 'solo' 29 scudetti, e Zlatan Ibrahimovic, al centro di un coro razzista

E' qui la festa-bis, con il suo corollario di suoni e immagini: i fischi a Beretta, presidente di quella Lega che riconosce "soltanto" 29 scudetti alla Juventus; la sfilata della squadra, con i boati speciali per Chiellini, Pirlo, Vidal e Conte; fino all'ingresso trionfale di capitan Buffon che, raccolto il testimone lasciato da Del Piero, alza al cielo il trofeo dello scudetto. Un'esplosione di coriandoli, stelle filanti e fontane luminose incornicia il secondo tricolore consecutivo conquistato dalla squadra di Conte. Poi l'inno sociale, le foto-ricordo e il giro di campo con tanto di figlioletti al seguito. Tra i molti volti sorridenti ci sono anche quelli degli alti comandi bianconeri: da Andrea Agnelli a John Elkann, fino ai consiglieri Pavel Nedved e Beppe Marotta. Nessuna invasione, questa volta: il popolo ha raccolto e rispettato l'appello del suo tribuno Conte.

Una Juve stremata, in evidente calo fisico, ha faticato a rimontare un Cagliari da applausi che si è presentato allo Stadium con la metà dei punti (43) dei campioni d'Italia (86). E' finita 1-1 (Ibarbo e Vucinic), con tanti saluti ai vari record inseguiti dai bianconeri. Impossibile migliorare il primato di Capello, che nel 2005-06 conquistò 91 punti (impresa poi cancellata da Calciopoli): la squadra di Conte, battendo la Samp nell'ultima giornata, potrebbe raggiungere la comunque stratosferica quota di 90 punti, roba da campionato spagnolo. Sfuma anche la possibilità di raggiungere la Juve di Carcano, che nel 1931-32 ottenne dieci vittorie consecutive: il filotto bianconero si è fermato dopo nove successi. Ai bianconeri di Conte non resta che provare a battere la Sampdoria, per eguagliare le 28 vittorie in Serie A conquistate da Carver nel 1949-50, e sperare di mantenere gli attuali 12 punti di vantaggio sul Napoli, migliorando così la prestazione della Juve di Lippi che nel 1994-95 conquistò lo scudetto con dieci punti in più delle inseguitrici Lazio e Parma. "Peccato, volevamo vincere per centrare quel record che cercheremo di fare l'anno prossimo - dice Marchisio -. Ma il pari non toglie i meriti per quanto abbiamo fatto in questa stagione. L'anno scorso è cominciato un ciclo, ci auguriamo tutti di continuare a vincere in Italia e anche in Europa".

Il match, adesso. Conte schiera a sorpresa Giaccherini sulla corsia sinistra, con Marrone in regia al posto di Pirlo, Storari tra i pali protetto dalla difesa titolare e Giovinco in campo dopo un mese ai box. Pulga lascia in panchina Cossu, avanzando Ekdal tra le linee, a supporto di Ibarbo e Pinilla. Per mezz'ora la Signora sembra una lontana parente della dominatrice del campionato: passo lento e poche idee confuse. La Juve-cannibale appare sazia, in vacanza, con le infradito e il giornale sotto il braccio. Tra i vari gregari bianconeri si distingue soprattutto Isla, un possibile "nuovo acquisto" per la prossima stagione. L'unico big vicino ai suoi standard abituali è Vidal - eletto miglior bianconero dell'anno dai suoi tifosi - che impegna Agazzi con un tiro dalla distanza. Il Cagliari, invece, gioca senza alcun timore riverenziale, a viso aperto, e al 12' passa con Ibarbo che s'invola, sfrutta la dormita di Marchisio e Barzagli e di destro infila Storari, che intuisce ma pasticcia. C'è però un problema fisico dietro al primo errore dell'anno di Barzagli, che viene immediatamente sostituito da Caceres. Per vedere qualche traccia di vera Juve bisogna comunque attendere la fine del primo tempo, quando la squadra comincia a scuotersi dal torpore. Al 34' Giovinco pennella una splendida punizione che si stampa sulla traversa, per poi lasciare - tra i soliti fischi ingenerosi, questa volta coperti da molti applausi - il posto a Vucinic all'inizio della ripresa. Ed è proprio l'attaccante montenegrino a riportare il Cagliari sulla terra, sfruttando al 61' una torre di Vidal su cross di Marchisio. Inutile e assai poco travolgente l'assalto finale dei bianconeri. L'unico a sfiorare il gol-partita è Marchisio con uno stop di petto a (in)seguire.

Assai più bello lo spettacolo che va in scena sugli spalti, al netto di un odioso coro razzista rivolto allo "zingaro" Ibrahimovic. La coreografia a tutto Stadium è un tripudio verdebiancorosso con maxi-scritta "Forza Juve!". Impressionante il volume dei cori che incessanti accompagnano l'ultima uscita interna dei bicampioni d'Italia. Un enorme tricolore griffato con l'immancabile numero 31 campeggia all'ingresso della tribuna d'onore: la Juve ha aggiornato la tappezzeria di casa.

Dopo la consegna della Coppa tricolore e dopo i festeggiamenti, l'allenatore bianconero: "Tutto bellissimo, ma ora voglio riposare e sarà dura ripetersi ancora. La mia squadra come quella dell'ex ct, ma siamo unici come organizzazione. Il paragone? Con la squadra di Lippi"

Antonio Conte, archivia la festa per il secondo scudetto e - di fatto - si conferma alla guida della Juve: "Se qualcuno pensa che mi accontento di questi due scudetti si sbaglia. L'anno prossimo voglio gente feroce, cattiva e determinata. Io voglio arrivare ai nastri di partenza con l'ambizione di provare a vincere. Al di là del mercato, sarà importante avere la stessa fame, la stessa voglia di lavorare, sacrificarsi e di sudare. Una data precisa per sciogliere la riserva sulla mia permanenza? Non devo sciogliere io la riserva. Se ci sono tutte queste cose allora si continua, si va avanti. Se mi dovessi accorgere che latita qualcosa, sarebbe dura andare in battaglia".

"VOGLIO RIPOSARE" - "Tutto bellissimo - dice Conte ai microfoni di Sky - dall'atmosfera dello stadio all'essere qui con la mia famiglia. Abbiamo raggiunto un obiettivo importante e lo abbiamo condiviso con chi ci ama". Poi il futuro: "Prima ci godiamo le vacanze visto che sono due anni che sono molto impegnato. Voglio riposare, sono annate stancanti anche per l'estate che ho passato. I protagonisti assoluti di questi anni sono stati i ragazzi, abbiamo fatto qualcosa di straordinario. La Juve in due anni è diventata la squadra riferimento in Italia, tutti la vogliono battere".

"UNICI COME ORGANIZZAZIONE" - "A chi somiglia la mia squadra? A nessuna Juve delle precedenti - risponde Conte -. L'era del Trap e quella di Lippi sono stante importanti. Capello è stato poco ma ha vinto due scudetti. Questa squadra può essere associata a quella di Lippi come mentalità ma come organizzazione a nessuna". Infine l'omaggio all'ultimo arrivato: "Il giocatore che mi ha sorpreso di più? Pogba, è cresciuto moltissimo se pensiamo a quest'estate. Mi ha messo in difficoltà".

Il portiere si gode la festa scudetto, ma pensa al futuro: "Conte ha sangue bianconero, prima di rinunciare a questa panchina ci penserà a lungo". Sulla Champions: "Bisogna migliorare per arrivare a livello del Bayern"

TORINO - Gianluigi Buffon celebra la festa per lo scudetto con l'orgoglio del capitano: "Quando diventi capitano di una squadra vuol dire che è passato un po' di tempo, Io sarei contento se i tifosi della Juve fossero orgogliosi che io li possa rappresentare. Io sono felice di poter stare ed essere un uomo importante per questa squadra". Il portiere non ha dubbi sulla permanenza di Conte: "Io credo che il mister abbia il sangue bianconero e prima di rinunciare alla panchina della Juve ci penserebbe tante, tante, tante volte".
Per Champions League, pronto un nuovo assalto: "Per vincere la Champions in questo momento, sia noi ma anche tutte le altre potenze europee, debbono migliorare per arrivare al livello del Bayern. Una squadra che è due gradini sopra tutti. Ora che hanno l'imperativo di vincere cercheranno di migliorare l'ulteriormente, perchè è nella filosofia, nella tradizione di queste società e quindi l'impresa è molto difficile"

"Per vincere competizioni come la Champions possono, però, anche valere fattori o episodi fortunati, come un sorteggio, una parata in piu o in meno". Infine, Gigi Buffon conferma che la sua carriera in Italia si concluderà in maglia bianconera. "In Italia non c'è dubbio, perchè non avrebbe nessun senso prendere in considerazione altre squadre, anche perchè per l'età che comincio ad avere, poi, non interesso neanche tanto".

Marchisio invece è rammaricato per non aver vinto con il Cagliari e per i record sfumati: ''Volevamo vincere per chiudere quest'annata davanti al nostro pubblico che anche oggi ci ha sostenuto e per il record di punti ma questo pareggio non toglie i meriti di questa squadra che da due anni sta facendo grandissime cose''. La testa anche per lui è già proiettata verso la prossima stagione. ''Abbiamo iniziato a vincere l'anno scorso e abbiamo continuato alla grande anche quest'anno, ci aspettiamo ora di confermarci in Italia e diventare ancora più importanti in Europa''

Chiellini si sofferma sul futuro di Conte:  " "Per fortuna nulla è scontato. E' stato un campionato straordinario fatto di grandi sacrifici e grande abnegazione. Anche quando abbiamo giocato in Champions, non abbiamo mai perso di vista quello che era il nostro obiettivo: vincere in Italia e continuare a farlo per più tempo possibile. Sono convinto che il mister resterà perchè è l'artefice di questo successo. Siamo nel pieno di questo ciclo, adesso stiamo crescendo ed è bello crescere insieme".
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 
 
 
 
 

FARSOPOLI: COMMENTO DI AFFARI ITALIANI

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elyravmattia_desireenuccia_13byccaryo27giuscavona.mattaCopernico9domcollucio.mazzaragrisazFANTENERO11ir.annalorondibitontothea156xdavide.surdi
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom