Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 217
 

 

« Coming BackRecensioni Caos calmo (il libro) »

Il sesso degli angeli

Post n°226 pubblicato il 28 Febbraio 2008 da delilah79

Diciannovesima  settimana

 

 

Quelle rare volte nella vita in cui mi sono trovata a fantasticare sul mio diventare madre, non c’era nulla di certo. Cambiavano contorni, pensieri, aspettative, cambiavano soprattutto le sembianze dei padri! Ma rimaneva una costante: il totale disinteresse verso il sesso del microcefalo.

L’unico elemento che, di volta in volta, lo determinava era il nome. Mi piaceva Rossella? Il figlio immaginario sarebbe stato femmina. Francesco? Maschio.

La costante è rimasta rafforzandosi con l’esperienza.

Il punto è che fino ad undici anni ti raccontano la storia dell’ape e del fiore e tutto si ferma lì. Nessuno che minimamente accenni che le cose, nel mondo dei grandi, si complicano sempre! Tutti che temono o titubano, non sapendo cosa dire, come spiegare.

Si potrebbe anche prendere il discorso alla larga, che so, partire, ad esempio, dall’ orata (si, lei, la stessa che cuciniamo al cartoccio) che salta allegramente dal maschile al femminile, o la gallina che, se si becca la tubercolosi diventa pollo! E le chiocciole? Le più pretenziose(!), hanno tutto, maschile e femminile, come gli uomini, si, gli intersex, almeno. Natura? Contro natura? Errori, orrori? Per alcuni malattia, per altri peccato mortale. Di certo realtà e, come tale, non trascurabile.

E poi?

E poi, sabato sera si va a teatro con un amico.

Prima di entrare riconosco, tra la gente, la mia compagna di banco del liceo. Crescita, strade diverse, fili spezzati ci hanno allontanato, ma è sempre bello ritrovarsi di tanto in tanto.

Mi scopre incinta. La scopro lesbica. Anna, la sua compagna; viso dolce su corpo mascolino. Sguardo intenerito dalle rotondità della mia pancia. Accenna al desiderio soffocato di maternità.

“Sono sempre stata così”, mi dice la mia amica. “Non te ne sei mai accorta? Per qualche anno ti ho amata alla follia ed ero gelosissima dei ragazzi che avevi!” . Ride di gusto e il calice di rosso che ha in mano sembra riflettere la luce del suo sguardo. Ed io a chiedermi dove fossi stata in quel -per qualche anno-. Io, che continuavo a parlarle di Paolo della terza C e mi trastullavo nella bolla trasparente della mia ridotta consapevolezza, scoppiata, poco più in là, a contatto con l’esistenza e le sue molteplici sfumature.

E’ che, a volte, le cose non le vedi, ma non per questo non ci sono. Altre volte, cercano di coprirti gli occhi fino a che, le cose (troppo a lungo soffocate e troppo superficialmente condannate) non ti esplodono davanti, in esasperanti ed esasperate, orgogliose rivendicazioni.

Figlio/a mio/a, il sesso non è la sessualità. E’ solo un’etichetta, un po’ più evidente di altre. La prima di tante che ti  si appiccicheranno addosso. Il contenuto è ben diverso, complesso e cangiante più spesso di quanto non si creda o non si voglia ammettere.

Non me ne importa nulla di sapere qual è la tua etichetta e il contenuto dubito tu l’abbia già definito.

Con questi pensieri andiamo, io e te, alla nostra seconda ecografia.

Il battito è forte, sembra dire “Ehilà, ci si rivede!”. Cresci come un vitello. Sei di circa venti centimetri e pesi poco più di due etti! Sei sano ed il sesso, a quanto pare, è evidente. Sei: …   

Sei e basta.

E a chi sarà spiazzato dal nostro “da definirsi in corso d’opera” e non saprà come risolvere l’annoso dilemma -tutina rosa o celeste?-, risponderemo che l’arcobaleno non ha sesso e può consigliare originali nuances.

 
Rispondi al commento:
panglos
panglos il 28/02/08 alle 19:16 via WEB
Che non si dica mai che faccio mancare a Delilhuccia mia un commento a tema... il problema è centrarlo il tema.
Voglio dire, Delilah affronta due temi (1) Il sesso del nascituro (meglio maschio o meglio femmina?) (2) Quello più vasto del rapporto fra sesso e sessualità.
Faccio così: vado a ruota libera.
Quando ero un ragazzino e pensavo ad un eventuale figlio lo pensavo maschio. Non riuscivo ad immaginare me stesso padre, nel senso pieno del termine, di una femmina; pensavo che non sarei stato in grado di trasmettere tutto ciò che avrei voluto trasmettere. Poi successe una cosa, ero poco piu che ragazzo e mia sorella ebbe una figlia. Ci vedevamo spesso, almeno 4-5 volte l'anno e spesso per lunghi periodi, pur vivendo in città diverse. Mi accorsi con stupore che relazionarmi a mia nipote mi veniva del tutto naturale, ricordo che mi sentivo un po' padre. Quando mia nipote aveva pochi mesi mia sorella e mio cognato, stremati dal ritmo imposto da una bambina piccola, attribuivano a me il compito di darle la poppata di mezzanotte. La cosa mi sembrò del tutto naturale; è vero, mia sorella mi guardò con preoccupazione quando le dissi che a mio parere sarebbe stato molto utile un catetere da introdurre nello stomaco di mia nipote che consentisse, opportunamente collegato ad un timer, di alimentarla automaticamente, ma è un compito al quale, nonostante la mia giovane età adempivo con piacere. Sono arrivati poi anche nipoti maschi, non mi sono mai posto il problema, mi sono comportato con loro nello stesso identico modo nel quale mi comportavo con mia nipote. Io credo, e non ho la presunzione di essere originale, che l'unica differenza che c'è nel crescere un maschio rispetto alla femmina è nel cervello dei genitori, altre non ne vedo.
Condivisibile l'impostazione che dà Delilah sulle differenze fra Sesso e Sessualità, anche se definire il sesso "un'etichetta" appare un tantino eccessivo. Bisogna a mio parere distinguere fra ciò che è strutturale e ciò che è acquisito. Per ciò che attiene alla struttura sono perfettamente d'accordo con Delilah: il sesso non è così importante, importante è vivere la sessualità con serenità, importante è amare e si può amare nello stesso modo sia un uomo che una donna indipendentemente dal sesso di chi ama. Riuscire a trasmettere questo ai propri figli è il traguardo primario che dovrebbe porsi un genitore, è solo attraverso una sessualità vissuta con serenità e con pienezza che si arriva alla felicità insieme all'altro... una felicità che potrebbe essere anche quella di un'ora.
Purtroppo moltissimo ci sarebbe da dire su ciò che in realtà è il sesso e la sessualità nella società: si attribuiscono al sesso significati che non gli appartengono e si finisce per generare sessualità nevrotiche; il mio pensiero corre inevitabilmente all'omosessualità: quanta sofferenza inutile affronta ancora oggi un omosessuale solo perché gli è stato insegnato un rapporto con il sesso e la sessualità ottuso e bigotto?
Mi fermo...
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Binxustanmikniki.rcortese36sessoastralepassionepepefrescoilRediBastonilascrivanadelilah79SEMPLICE.E.DOLCEanok4u_2011Simona_Milanocuriositykilledthcatimmagini2013savychan
 

ULTIMI COMMENTI

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Meteo
il 09/08/2018 alle 13:13
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Weather
il 09/08/2018 alle 13:13
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 09/08/2018 alle 13:12
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 09/08/2018 alle 13:11
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 09/08/2018 alle 13:11
 
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom