Blog
Un blog creato da Jiga0 il 21/11/2010

Schwed Racconta

Su e giù per la tastiera

 
 

ICONA RIVISTA IL MALE

 

JIGA MELIK E IL SIG. SCHWED

 

Jiga Melik è l'alter ego intermittente dello scrittore Alessandro Schwed. Il signor Melik nasce nel 1978 nella prima e provvisoria redazione del Male, un ex odoroso caseificio in via dei Magazzini Generali a Roma. Essendo un falso sembiante di Alessandro Schwed, Jiga Melik si specializza con grande naturalezza nella produzione di falsi e scritti di fatti verosimili. A ciò vanno aggiunti happening con Donato Sannini, come la consegna dei 16 Comandamenti sul Monte dei Cocci; la fondazione dell'Spa, Socialista partito aristocratico o Società per azioni, e la formidabile trombatura dello Spa, felicemente non ammesso alle regionali Lazio 1981; alcuni spettacoli nel teatro Off romano, tra cui "Chi ha paura di Jiga Melik?", con Donato Sannini e "Cinque piccoli musical" con le musiche di Arturo Annecchino; la partecipazione autoriale a programmi radio e Tv, tra cui la serie satirica "Teste di Gomma" a Tmc. Dopo vari anni di collaborazione coi Quotidiani Locali del Gruppo Espresso, Jiga Melik finalmente torna a casa, al Male di Vauro e Vincino. Il signor Schwed non si ritiene in alcun modo responsabile delle particolari iniziative del signor Melik.

 

 

 

MIO FIGLIO MI HA AGGIUNTO SU FACEBOOK - ROMANZO

libro

 

  locandina

 

LA SCOMPARSA DI ISRAELE - ROMANZO

LA SCOMPARSA DI ISRAELE -  ROMANZO

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

« LA VITA MORTALE DELLA SATIRAQuando rileggevo Salgari... »

DOVE INIZIA LA FILA DEI CHARLIE

È chiaro che tutte le vittime di Parigi hanno diritto a un memoriale.  Ma bisogna comprendere che i morti di Charlie Hebdo sono simbolo universale, per laici, come per cristiani, ebrei e la gran parte dell’Islam che vive con noi in Europa, in silenzio ma con aspirazioni. Il nome Charlie  è il tetto della libertà che ci pone al riparo e che nessuno deve demolire. Questo fatto poteva essere ignorato, invece no, è assunto nel cuore e ha fatto marciare due milioni di persone con alla testa la classe dirigente dell’Europa e di parte del mondo non occidentale. Il fatto è che i morti a causa dei quali tutti proclamano “Io sono Charlie”, non sono vittime ignare,  ma testimoni consapevoli. Combattenti in nome della libertà di non sottostare ad editti, a nessuna forza irrazionale. Si richiamavano alla data del 1789, l’anno in cui si è cessato di pensare come normale che il re fosse di origina divina e divini e insindacabili i suoi giudizi. Da quel 1789 per l’appunto parigino fabbrichiamo da soli giudizi e aspirazioni, lo facciamo nei nostri parlamenti, nelle nostre scuole, nei nostri libri e nelle nostre biblioteche. C’è dunque nello stracuore dell'Occidente la redazione di un piccolo giornale, libertario, anomalo, acuto, provocatorio, discusso e fatto per discutere. Si chiama Charlie Ebdo, ci lavorano artisti-giornalisti. È  è un giornale satirico, posizionato tra apposite virgolette. Non è un poligono di tiro, ma un teatro di carta. Colpire Charlie per le vignette, talvolta estremamente oltraggiose, significa non solo rifiutare di assumere le virgolette, ma dopo le virgolette i pensieri e le leggi che consentono le virgolette, le tradizioni, l’arte, il teatro: l’idea di ridere del potere e anche di ridere. L’idea che ci sia un  sipario e un palco dove si dice tutto come se fosse vero, ma poi il vero è oltre il palco, per strada, e così c’è il sentimento che esista un luogo dell’immaginazione dove si può dire tutto. Ed è il combinato della democrazia a giudicare, non i kakasnikov. Quando nel 1729 Jonathan Swift, scrittore satirico ma anche parroco discusso, scrisse  la sua Modesta Proposta, proponendo di combattere la povertà mangiando i bambini irlandesi per impedire che fossero a carico dei genitori e del paese, non fu appeso a una corda.  Si comprese il valore morale e artistico del paradosso. Per questo parliamo di Charlie: la consapevolezza con cui i redattori-artisti del mondo delle virgolette sono giunti alla morte ha valore, e hanno valore quelle virgolette. I Charlie sono morti per qualcosa che non si vede ma c’è, proprio nel tempo enigmatico in cui si lotta da posti invisibili su internet. E induce a pensare che i Charlie siano morti mettendo la parola satirica sulla concretezza della carta, in un edificio materiale dove erano davvero insieme. Allo stesso modo, noi, la folla dei Charlie, siamo insieme ad Aristofane, Ennio, Giovenale, Boccaccio e Rabelais, Ariosto e Tassoni, Cervantes e Swift, Stern e Thackeray, Gogol e Jarry, Oscar Wilde e Mark Twain, Bulgakov, Hazek e Karl Kraus. Noi siamo  una fila di Charlie che inizia ad Atene.  È questo il sensibile punto a causa del quale la fucilazione di Charlie resterà sulle prime pagine dei nostri cuori e delle generazioni a venire e costituirà uno snodo della Storia, un’ispirazione.  

 

(Jiga Melik)

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/schwedracconta/trackback.php?msg=13074595

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> :="=: su BLOGGO NOTES
Ricevuto in data 04/05/15 @ 13:29
Secondo la legge dei grandi numeri tra i miei lettori c'è qualche uomo violento. Voglio dirti che...

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

Jiga Melik

 

CAN EXPRESS - VOLUME SCANDALISTICO PER CANI

CAN EXPRESS

 
 

JIGA MELIK

 

JIGA MELIK

 

VIGNETTA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

IL FRIGO GIA' PIENO

 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

I FUNERALI DOPO LUCIO DALLA

 

BUCCIA D' ARANCIA AL SENO

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE AL BLOG

CherryslJiga0boratannymaoltreleparole_2010lacky.procinoSky_EagleGothMakeUplafarmaciadepocaarte1245oscardellestellefamiglia_di_fantcile54Stolen_wordsr1ck1
 

JONNY SCHWED-VOODOO CHILE BLUES-GUITAR SOLO

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31