Creato da griseri.cattarulla il 09/02/2012

scrittori xmestiere

informazioni sui nostri libri e concorsi per chi scrive

 

 

il nosro penultimo libro L'INGANNO DEL SOLE E DELLA ROSA

Foto di griseri.cattarulla

Lunedi, 28 novembre

 

Ieri sera  sei partito, come ogni malinconica domenica.

Non ho ancora rifatto il letto.

Dormirò fra le lenzuola  disfatte, sul tuo cuscino esausto e odoroso di te.

E’ già di nuovo notte e ancora non mi hai scritto ne’ telefonato.

Io non posso farlo, potresti non essere solo.

Non comprendo questo tuo silenzio, adesso comincia a bruciare di dubbi, preoccupazione, pessimismo.

Si affollano domande e seguono risposte soltanto mie, non esaurienti, non compiute.

Ma ancora non è panico anche se conoscendo la mia paura temo che presto potrebbe  diventarlo.

Cominci già a mancarmi nei volti che vedo alla televisione, nei rumori di fuori.

Rumori di Alpe.

Già mi manchi nella pioggia che bagna il viottolo deserto, nella figura scura di Giovanni che porta a passeggiare il cane camminando veloce tra le gocciole del temporale.

Guardo il telefono in continuo, provo il volume,  accerto che ci sia campo.

Ogni tanto mi distraggo ma quando ricomincio a pensare, ad aspettare,  peggiora la mia angoscia.

 
 
 

SAN GIOVANNI,poesia

Non so più pedalar senza mani,

 ma non temere.

 Avanzo per la via lunga,

e sento San Giovanni tacere.

Le odi dei fanciulli non più in fasce

tenevan compagnia ai fusti solitari,

guardiani delle verdi giornate.

 Oggi i fossi corrono senza premio,

 densi di palude 

anche le rane non aman più.

 Non so più pedalar ritto in piedi,

perché nulla c’è da scrutare oltre il campanile,

 solo più leggende esistite

 nelle torve fantasie di uno scribacchino di passaggio.

 Però so ancora pedalare in discesa

 perché vien da ricordare,

 e i giochi ormai brulli e di cattive erbe ricoperti

 sono morti prima che orfani.

 Rimane il pollame e i ricami floreali,

 rimangono anziani curvi e sorridenti,

 e resta la notte

 che ancora non è giunta.

 Ma quando si sveglierà,

 porterà bocche che non più si celano

 e sonetti d’operetta,

 laggiù,

 dove le Langhe diventano Alpi,

 e il tempo si sa fermare.

                 

 Marco Cattarulla

(Copiright)

 

 
 
 

BIOGRAFIA MARCO

Marco Cattarulla nasce a Bra (CN) il 10 giugno 1982. Ha pubblicato numerosi racconti sul sito www.scheletri.com e presentato recensioni sul web magazine Eco di Torino. Ha presenziato la giuria nel Concorso  Letterario Nazionale 2010 “Parole & Musica” e collabora con il “Circolo Letture Corsare”. Il suo racconto “Il sorpasso animale” è stato selezionato per l’antologia “Libriamo 2010”.

Si è classificato al 2° posto nel concorso di narrativa internazionale “I Pacentini 2011” con il racconto Pochi, dimenticati gusci di noce.

La sua poesia Lei è come Barcellona è stata inserita nell’antologia del concorso “Esordi Amo 2011”

Ha curato l’antologia “Parole d’autunno” 2011, edita da Marco Del Bucchia Editore.

Nel 2009 ha pubblicato il suo primo romanzo “Storie Cattive”, nel 2011 il suo secondo romanzo edito da Marco del Bucchia “L’inganno del sole e della rosa” e a luglio 2012 uscirà il nuovo libro “Il giardino delle ortensie azzurre”

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

shinesaravideoqualityjaunefleurenonsolocontrogriseri.cattarullapckikko85ILFIUMEDILEIDRAGO_18psicologiaforensenon.sono.iodueoreper1Nickfabpat72Danny_Sinclairurlodifarfallaliomax1
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom