ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 140
 

ULTIME VISITE AL BLOG

QuartoProvvisorioqmrLames2022lascrivanabumpabumtramanu_el1970urlodifarfallawoodenshipAltheaDiMarethejumpingamici.futuroieriVince198tanmikprolocoserdianaanimasug
 

ULTIMI COMMENTI

È da lì che dicono che veniamo: dal mare......un bacio...
Inviato da: woodenship
il 06/05/2022 alle 01:27
 
Il mare può rasserenare e stupirci con la sua profonda...
Inviato da: qmr
il 05/05/2022 alle 08:33
 
L'amore impossibile è il più struggente e disperato,...
Inviato da: tanmik
il 05/05/2022 alle 06:54
 
Buongiorno a te.
Inviato da: lascrivana
il 05/05/2022 alle 06:45
 
Ne ho scritto qualcuna in più. Il mare ispira sempre....
Inviato da: lascrivana
il 05/05/2022 alle 06:44
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Immagina ...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti.

Post n°257 pubblicato il 29 Settembre 2011 da lascrivana

Decisi di lasciare la strada maestra per inoltrarmi nella fitta boscaglia. Il tappeto di foglie secche ammucchiati ai piedi degli alberi esalavano un gradevole sentore di muffa.

Mi tolsi silenziosamente le scarpe, quasi come a voler rispettare il letargo degli animali. Provai una sensazione bellissima nel camminare scalza nel rossastro fogliame. Il suolo morbido e carezzevole al tatto, massaggiava e solleticava deliziosamente la palma del piede. 

Sollevai in alto il viso e fissai lo sguardo,proprio là … dove le cime degli alberiraggruppati,lasciavano a malapena intravedere uno sprazzo di luce.

Chinai la testa e mi misi in cammino … senza una meta fissa,con gli occhi rivolti lontano,in cerca di un meraviglioso mondo da esplorare.

Sognavo di trovare ai piedi del monte, proprio vicino al ruscello, un paesino inesplorato e capace di badare a se stesso egregiamente!

Dove tutto si svolgeva di comune accordo,rispettando la saggezza degli adulti: quella basata sull’esperienza di una vita vissuta umilmente.

Un paese senza cattiveria,invidia,gelosia,una specie di paradiso terrestre insomma.

Un angolo immaginario dove concedersi la pace dei sensi.

Bere nell’acqua del fiume senza il rischio di avvelenarsi,lavarsi sotto una sorgente d’acqua naturale … nuda,lontano da sguardi allusivi e indiscreti.

Cenare intorno a un focolare ,infilando i bastoncini di legno nella carne arrostita e bere nei bicchieri il vino di propria produzione di terracotta. E poi ogni notte 

lasciarsi cullare dal fruscio delle foglie e dallo sciabordio delle placide acque della piena del  torrente.

Rumori ormai persi nel tempo, ma sempre presenti nella mia memoria. Sognavo 

"Una vita agreste priva di quella corsa al progresso che avrebbe visto come esito il nostro regresso umano".

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010