**TEST**

ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 

ULTIME VISITE AL BLOG

monellaccio19Jean_84lascrivanaQuartoProvvisoriojeopdesy041prolocoserdianatanmikfalco20050mauriziocamagnaLaRoxaCheCantagabbiano642014gianninofirenzearchitettorizzoneopensionata
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Un passo indietro per fa...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti :"La vecchia casa".

Post n°258 pubblicato il 03 Ottobre 2011 da lascrivana

Non so per quanto tempo camminai nella fitta boscaglia.

La sera stava ormai per inoltrarsi;stranamente non mi faceva paura l’idea di trovarmi da sola nella foresta.

Mi avviai verso un lato del bosco,dove gli alberi sembravano diradarsi nei pressi di un vecchio rudere abbandonato.

La vista di quella casa diroccata accese ulteriormente la mia fantasia:

Cercai d’immaginare la vita della famiglia che in precedenza ci aveva vissuto.

Mi avvicinai per osservarla  meglio;la pietra con cui era stata edificata,sembrava centenaria.

I rovi e gli arbusti nascondevano,gran parte del rudere,e per poter entrare dentro dovetti infilarmi i grossi scarponi che mi ero portata dietro,nelle mani,finora.

Il fitto tappeto di fogliame aveva protetto delicatamente i miei piedi al passaggio,lasciandomi,non solo inebriare,dalla forte esalazione di muschio e  di muffa,ma anche avvolgere dalla sua disarmante e soffice bellezza.

Tra l’altro,la natura, mi aveva anche sfamata,con deliziosi frutti di boschi e mele selvatiche.

La casa si elevava su due piani,e mi venne naturale pensare che all’interno,considerando la povertà dei tempi andati e dalla misera e umile dimora,ci vivessero due famiglie.

Una vecchia porta di legno,cigolante barricava l’uscio;con una semplice spinta delle mani,si scardinò facilmente.

La polvere e le ragnatele,sembrava fossero l’unico arredamento della casa.

In un angolo ci stava un battuto in pietra rialzato,che fungeva da focolare;di sopra,penzolava un vecchio pentolone annerito dal fuoco e dal fumo.

Un vecchio tavolo stava addossato ad una parete, e qualche sedia traballante stava riposta poco lontano.

Una vecchia a scala di legno a pioli portava al piano di sopra.

L@ur@

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010