ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 139
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ragazzaseria2QuartoProvvisoriolascrivanatanmikwoodenshipprolocoserdianaqmrelcondorpasaaamonellaccio19amore_nelcuore1chiedididario66lalieno_2016davide1016lelefonamitigreruggente0
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PU“ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Un passo indietro per fa...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti: "Il risveglio".

Post n°262 pubblicato il 09 Ottobre 2011 da lascrivana

Mi destai alla buon'ora quella mattina,dal mio sonno scomodo e inquieto.

Apri la finestra su un paesaggio stupendo:

Una natura dalle mille sfumature,tra i colori predominanti dell'autunno,rosso,giallo e verde pallido,che davano allo scenario un aspetto fiabesco.

Mi sentivo totalmente immersa e integrata,proprio come in un pittoresco quadro.

I brontolii dello stomaco,si fecero di nuovo sentire;durante la notte mi avevano ricordato anche i momenti angosciosi del passato,quando la fame e gli stenti erano una condizione sociale onnipresente per la classe povera… e di quei tempi era la maggioranza.

Non è che avessi fatto un sonno pieno ,avevo dormicchiato,tra un evocazione di ricordi popolata da fantasmi del passato e dalle vicissitudini storiche,dai morsi della fame,e dalla scomodità del duro e cigolante giaciglio  di legno.

Mi avvicinai al fuoco, con un legnetto rovistai tra le ceneri:C’era ancora della brace ardente sotto.

Secernetti la cenere più chiara da quella più scura per metterla a bollire;mi sarebbe servita,piu tardi per fare il bucato,proprio come in passato.

Avrei utilizzato la stessa procedura,che la mia stessa nonna mi aveva insegnato.

Mi sentivo sudicia e maleodorante,avevo bisogno di una bella rinfrescata e ripulita.

Uscii fuori,portandomi dietro un grosso pentolone con la cenere bianca dentro; mi avviai verso il ruscello.

L’aria frizzante e odorosa di erbe selvatiche,spazzò via tutti gli altri cattivi odori.

La respirai a pieni polmoni,inebriandomi con la silvestre fragranza.

Mi sentivo pronta per iniziare un'altra giornata agreste … l’idea di abbandonare quel posto non mi sfiorava nemmeno.

L@ur@

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010