**TEST**

ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 

ULTIME VISITE AL BLOG

QuartoProvvisoriolascrivanaprolocoserdianatanmikrichardG5monellaccio19qmrarchitettorizzoOcean_SurferwoodenshipexiettoVince198mauriziocamagnasofya_mchiedididario66
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Un passo indietro per fa...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti: "Il latte".

Post n°263 pubblicato il 11 Ottobre 2011 da lascrivana

Arrivata al ruscello sistemai il grosso pentolone su due grosse pietre,lasciando tra di loro uno spazio per poterci inserire della legna per accendere il fuoco,in modo da portare l’acqua e la cenere ad ebollizione per infilarci dentro i vestiti che avevo addosso e un paio di sacchi di iuta che avevo trovato nel vecchio casolare.

Dopo che ebbi finito di sistemare tutto ciò,mi spogliai completamente,rimettendomi addosso solo la lunga camicia di flanella bianca,che indossavo sotto il golf di lana rossa:Misi gli indumenti nella pentola in ebollizione.

Un odorosa fragranza fuoriusciva da quell’antica miscela di  cenere e acqua calda;dovetti proprio riconoscere che la nonna aveva ragione,anche se,nel momento in cui me  lo raccontò, ebbi seri dubbi sulla profumazione.

Sistemai i vestiti ad asciugare su dei rovi che costeggiavano il ruscello.

Improvvisamente mi accorsi di non essere più sola.

Mi girai per vedere chi si fosse avvicinato;rimasi,piacevolmente,sbalordita nel vedere una grossa mucca intenta ad abbeverarsi,mentre il ragazzino che l’accompagnava mi scrutava con un espressione divertita.

“Chi … chi sei?”

Mi domandò,quasi balbettando:

“Sibilla … il mio nome è Sibilla e sono nuova da queste parti”.

“Ssi … si,lolo so’! nono … non ti ho mai vista prima d’oo …ora!”

“Tu invece come ti chiami?”

Gli domandai dolcemente:

“Beppe, … mi mi chiamo Beppe”

I gorgoglii dello stomaco si fecero sentire con irruenza,la fame iniziava a far sentire il suo ruggito;se ne accorse anche Beppe e me lo fece notare schiettamente:

“A me fa così quando ho fame … tu hai fame?”

“Un po’ “

Ammisi con un mezzo sorriso.

Lui senza far troppe domande,prese il secchiello di zinco e si avvicinò alla mucca,dopo averla teneramente accarezzata,s’inchinò per mungerla.

Incuriosita dalla sua bravura nell’eseguire la codesta operazione,mi avvicinai titubante e silenziosa,facendo attenzione a non spaventare l’animale.

Dopo che Beppe ebbe spremuto una abbondante porzione di latte,mi porse il secchiello con un largo sorriso,incitandomi a prenderlo e a bere.

Lo presi prontamente,tuffandoci le mie mani dentro a forma  di coppa per riempirle di un abbondante sorsata.

Man mano che si svuotava,diventava sempre più difficile usare le mani per bere;così avvicinai la bocca al secchio,tirai su la testa e svuotai avidamente tutto il contenuto,incurante di tutto quello che mi sbrodolava di fuori.

“E’ la colazione più buona che avessi mai fatto! Grazie!”

Esclamai soddisfatta,mentre mi avvicinavo a Beppe per abbracciarlo.

La sua risata bloccò il mio entusiasmo,si stava sbellicando e io non capivo il perché!

“Se … sei proprio buffa!”

Esclamò Beppe,indicandomi e continuando a ridere a crepapelle.

Mi specchiai nella limpida e trasparente acqua del ruscello per  riuscire a capire il perché di tanta ilarità.

L’immagine che mi rimandò era veramente ridicola!

Sembravo un clown!Con i contorni della mia rosea bocca tracciati di bianco dalla schiuma del latte,e i capelli tutti arruffati dall’inquietante nottata.

A pensarci bene … non mi ero nemmeno pettinata!

Accidenti,lì era veramente tutto diverso!

Nulla aveva più importanza,ne il mio aspetto,ne il tempo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010