ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 139
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ragazzaseria2QuartoProvvisoriolascrivanatanmikwoodenshipprolocoserdianaqmrelcondorpasaaamonellaccio19amore_nelcuore1chiedididario66lalieno_2016davide1016lelefonamitigreruggente0
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Un passo indietro per fa...Un passo indietro per fa... »

Un passo indietro per farne uno avanti:"La nascita di Beppe".

Post n°273 pubblicato il 02 Novembre 2011 da lascrivana

Nonna Clara,iniziò con il dirmi che la madre di Beppe,Lucilla Sandrini,era molto giovane quando il figlio Giorgio la mise incinta.

Era una ragazza molto viziata,cresciuta in una famiglia benestante che si occupava di vendita di bestiame da molti anni.

Lucilla faceva uso di droga …  mio figlio ne era a conoscenza;ma anche lui giovanissimo non faceva caso a tutte queste cose,l’importante era che lei  lo amasse:Era la ragazza più bella del paese,e tutti  i ragazzi la corteggiavano,ignari del suo comportamento dissoluto,distruttivo e infantile.

Giorgio se ne accorse quando ormai era troppo tardi;ma decise di sposarla ugualmente:

“Non potevamo di certo permettere che quel figlio crescesse senza famiglia!”

Durante la gravidanza sembrava  essersi tranquillizzata un po’,almeno apparentemente;fu solo verso la fine che iniziò a dare i numeri  per paura del parto imminente.

Ritornò a drogarsi di nascosto di mio figlio,diventando ogni giorno più folle e spaventata.

La ricoverammo in una clinica a pagamento prima ancora che fossero pronti i tempi per il nascituro,in modo da poterla tenere sotto controllo.

Quando si avvicinò il fatidico momento le sue paure aumentarono notevolmente,rendendo tutto più difficile e pericoloso:Provò  a scappare persino dalla sala travaglio,quando ormai il bambino era già pronto per nascere;mettendo in serio pericolo la sua   vita e provocando gravi lesioni cerebrali al neonato.

Dopo nemmeno sei mesi dalla nascita di Beppe,scappò via di casa lasciando solo due righe dove ci supplicava di non cercarla.

Giorgio,prese con se il bambino e se lo portò in città per farlo curare dai migliori medici.

Laureatosi ,si era stabilito ormai definitivamente per lavoro  in Toscana,assumendo una donna che si occupasse di Beppe  a tempo pieno .

Finché era piccolo le cose sembravano funzionare … poi,man mano cresceva,i problemi diventarono più gravi.

Beppe tiranneggiato continuamente dai suoi coetanei che ne vedevano la differenza;inizio ad isolarsi da tutti e a diventare ogni  giorno più aggressivo,maturando seri disturbi comportamentali.

Giorgio,lo portò in vacanza da noi un estate all’età di dieci anni … e da allora non volle più tornare a Firenze con lui.

La vita montana gli aveva fatto  bene e aveva diminuito anche le dosi dei farmaci,riducendo notevolmente le sue crisi.

Alla luce di tutto questo decidemmo di comune accordo,di tenerlo con noi.

“Non è che la cosa facesse molto piacere a Giorgio … ma la salute di Beppe era più importante!”

L@ur@

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lascrivana
Data di creazione: 19/09/2010