seasong

elucubrazioni di un anarchista

 

FRASI

Niente è vero e tutto è possibile
(?)

Esiste solo la materia
(Margherita Hack)

Non c'è un solo pensiero cristiano...che non sia rintracciabile già prima di Gesù nella letteratura  "pagana" o "giudaica"
(karl Kautsky)

 

"In tutti i tempi e in tutti luoghi, qualunque sia il nome che piglia il governo, qualunque sia la sua origine e la sua organizzazione, la sua funzione essenziale è sempre quella di opprimere e sfruttare le masse, di difendere gli oppressori e gli sruttatori; ed i suoi organi principali, caratteristici, indispensabili sono il birro e l'esattore, il soldato ed  il carceriere, ai quali si aggiunge immancabilmente il mercante di menzogne, prete o professore che sia, stipendiato e protetto dal governo per asservire gli spiriti e farli docili al giogo"

                                                           Errico Malatesta

 

I MIEI LINK PREFERITI

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 

 

CINQUE MILIONI DI PERSONE AL GAY PRIDE

Post n°35 pubblicato il 15 Giugno 2007 da seasong_1

Questo è quello di cui ci sarebbe stato bisogno a Roma per iniziare a far capire a certi signori  che è ora di finirla di baciare il deretano del protettore di pedofili, e di iniziare a mettersi al servizio della gente che poi è quello per cui sono strapagati !

 
 
 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 26 Maggio 2007 da seasong_1

immagine Chi ha ucciso più esseri umani nella bibbia ? per saperlo clicca sull'immagine

 
 
 

Post N° 26

Post n°26 pubblicato il 17 Maggio 2007 da seasong_1

"Cara: andiamo al family day ?"
"Certo, ah, senti, pensi che ci saranno molti sacerdoti ?"
"Sicuramente"
"Allora sarà meglio lasciare a casa i bambini !"

 
 
 

UN CARTELLO DEGNO DI NOTA

Post n°25 pubblicato il 15 Maggio 2007 da seasong_1
Foto di seasong_1

 
 
 

Post N° 24

Post n°24 pubblicato il 15 Maggio 2007 da seasong_1
Foto di seasong_1

 
 
 

Post N° 23

Post n°23 pubblicato il 15 Maggio 2007 da seasong_1

THE FAMILY DAY AFTER

Facciamo un bilancio (ma nel panorama complessivo)

Il 12 maggio 2007 il "fronte confessionalista" ci ha proposto una manifestazione in Piazza S. Giovanni a Roma che ha visto la presenza di 200.000 persone (la stampa schierata parla di un milione). L'unico milione in realtà è stato quello di euro (2 miliardi del vecchio conio), tanta infatti è stata la spesa per pagare trasporti, vitto a tutti e anche alloggio ad alcuni (ma è facile con i soldi dell’8 per mille). Nonostante ciò l’iniziativa ha visto la defezione all’ultimo momento della cantante Antonella Ruggiero la quale afferma : '’Quando ho accettato di partecipare a questa iniziativa non ero consapevole delle strumentalizzazioni che la manifestazione avrebbe avuto. Visto che lo scenario ormai mi e' chiaro, non mi sento più di garantire la mia presenza ad una manifestazione che e' chiaramente schierata contro i miei principi di tolleranza, libertà e tutela dei diritti civili''. (Agr) Lo stesso giorno il fronte laico organizza una iniziativa a Piazza Navona, per la quale si spendono poche decine di migliaia di euro, che vanta la presenza di 10.000-20.000 persone, venute a Roma a proprie spese (nessuno ha pagato loro vitto e alloggio affinché fossero presenti). Antonella Ruggiero (che ha disertato il FAMILY DAY) si presenta a sorpresa a questa manifestazione. Il 10 marzo (due mesi prima) è stata l’ORA DEI DIRITTI che ha visto molte decine di migliaia di persone, addirittura troppe perché potessero entrare tutte contemporaneamente a Piazza Farnese ed ha ricevuto il patrocinio del comune di Roma (a differenza del FAMILY DAY che non lo ha ottenuto). Anche per questa manifestazione i costi sono stati di gran lunga inferiori a quelli del FAMILY DAY. Il 10 febbraio (tre mesi prima) con NO VAT 2007 un corteo di più di 10.000 persone ha sfidato la pioggia pur di esprimere il proprio dissenso al Concordato e allo stato confessionale. Le spese di questa manifestazione sono state limitate a poche migliaia di euro. Ora si attende il GAY PRIDE nazionale (16 giugno 2007) quando un grande corteo a Roma supererà numericamente tutte le manifestazioni laiche o confessionaliste sommate insieme che durante il 2007 l’hanno preceduto. Dopo l’estate avremo nuovamente i laici in piazza in diverse occasioni. La laicità può attivarsi in ogni momento e senza grandi spese perché non ha bisogno di pagare le sue presenze in pubblico. I diritti per tutti non hanno bisogno di essere pagati per farsi vedere o sentire ! La macchina propagandista del confessionalismo invece costa troppo e forse rischierebbe anche la crisi economica se solo tentasse la stessa quantità di manifestazioni che in un anno il fronte laico riesce a mettere in piazza con la stessa esiguità di risorse. E’ costretta ad un unico appuntamento per giocare sui numeri (solo su quelli), perché se dovesse basare tutto esclusivamente sulla realizzabilità delle sue idee, forse rischierebbe il flop. Cos’è stato dunque il FAMILY DAY se non un grosso iceberg di confessionalismo e di paura oscurantista abilmente manipolata da un regime teocratico, che deve le sue dimensioni solo ai soldi che sono stati stanziati dalle tesorerie vaticane e alla manipolazione esercitata sull’inconscio collettivo (già condizionato da una cultura nazionale vittima dell’indottrinamento scolastico alla religione cattolica) facendo passare la negazione di diritti altrui per salvaguardia di un’entità come la famiglia che nessuno voleva violare (e che mai è stata tutelata allo stesso livello dei paesi in cui sono previsti PACS e unioni di fatto) ? Oltre ai contenuti (che appartengono alla controriforma), nulla di quella manifestazione è sostenuta da idee originali : luogo e modalità sono copiati dall’appuntamento annuale del 1° maggio, il nome sembra tanto una storpiatura del DARWIN DAY che da diversi anni l’UAAR propone in tutte le città d’Italia. Nonostante ciò, la politica di centro-destra e di centro-sinistra gli va dietro come un cagnolino a cui "un'autotorità superiore" deve spiegare cosa è bene e cosa è male per la collettività (già ora arrivano le dichiarazioni dei leader di partiti confessionalisti che affermano che "dei DICO non se ne fa più nulla"). Ma quell’iceberg è circondato da un oceano sempre più caldo di richiesta di laicità che non ha certo bisogno di grandi spese per permettere alla gente di scendere in piazza. Un giorno quell’iceberg si scioglierà, ma a noi non è dato sapere quando, soprattutto se la classe politica continua a garantirne l’integrità dimenticando che il fulcro di quel "gelido oggetto oscurantista" non ha mai riconosciuto o sottoscritto la Dichiarazione Universale, dimenticando che l’Italia non è la chiesa, che i cattolici sanno essere laici al pari dei musulmani, dei buddisti e dei “non credenti” soprattutto quando sanno ricordare che i valori civili ed i Diritti Umani vanno tenuti separati dalla fede di ciascuno. Non c’è nulla da valutare quindi sull’esito del FAMILY DAY, se non la sua inutilità in un paese civile accompagnata dal pericolo di un contrasto ideologico sempre più teso tra laici e confessionalisti ma che i partiti fanno finta di ignorare. Ciò su cui invece è necessario iniziare riflettere è la capacità manipolativa dell’informazione da parte del grande apparato confessionale. Se il 12 maggio 200.000 persone sono state portate in piazza a suon di miliardi e di falsi slogan sulla salvezza della famiglia, glissando sulla negazione di diritti altrui e sul patrocinio di personaggi politici che hanno in media due o tre famiglie a testa, è legittimo chiedersi quanto in tutti questi anni l’arco parlamentare sia stato condizionato nella stessa maniera (o con altri mezzi) da quello stesso apparato. Questa sarebbe la nostra democrazia ? … Ai posteri l’ardua sentenza !

Francesco Saverio Paoletti

Circolo UAAR di Roma

http://uaarroma.altervista.org/index.php

 
 
 

Post N° 22

Post n°22 pubblicato il 05 Maggio 2007 da seasong_1

Le contraddizioni della chiesa05/05/2007 Rauss!!! Tutti a fankulen!!!
Autore: DImitri BuffaSfratti Vaticani firmati da Bendetto XVI ovvero: la chiesa ama i poveri e si vede!

immagine

La coincidenza temporale con i giorni in cui si sta preparando il Family day sembra fatta apposta per provocare i facili sarcasmi degli anti clericali duri e puri. Fatto sta che in questi giorni decine di famiglie e di anziani che abitano negli appartamenti dell’ Apsa, Amministrazione del patrimonio della sede apostolica, site intorno alle mura leonine appena fuori dello Stato Città del Vaticano, alcuni dei quali, ironia della sorte, in vie e piazze che portano il nome di illustri pontefici, stanno ricevendo lo sfratto per finita locazione. Ad agire per conto del patrimonio della Santa Sede l’avvocato Giulio Favino che rappresenta il Vaticano su delega di “sua eminenza reverendissima il signor Cardinale Attilio Nicora”, presidente dell’Apsa, che a sua volta è delegato direttamente, mediante scrittura chirografa depositata presso il notaio Paride Marini Elisei (studio in via Alberico II), dal Papa Benedetto XVI con atto notorio del 23 maggio 2005 firmato personalmente da Benedetto XVI. E la cui firma è certificata come autentica da padre Giovanni Malizia, “officiale della segreteria di stato affari generali”.

Detta in parole povere è come se il Papa in persona chiedesse all’avvocato Giulio Favino di sfrattare le famiglie e gli anziani che abitano questi vecchi palazzi che oltretutto il Vaticano costruì nel dopoguerra con i soldi americani del piano Marshall riservati alla Santa Sede. Alcuni sfrattati e loro familiari si sono rivolti al consigliere della Rosa nel Pugno del primo municipio Mario Staderini e hanno raccontato storie poco edificanti come “contrattazioni prendere o lasciare” fatte da ammiccanti funzionari vaticani e suggerimenti di “trovarsi amicizie in Vaticano per fare revocare l’istanza di sfratto”. Insomma rivolgersi ai più classici dei santi in paradiso.

In udienza altri avvocati hanno raccontato che l’avvocato che rappresenta il Vaticano per gli sfratti, su delega indiretta del Papa, ha chiesto quasi sempre la procedura d’urgenza minacciando anche il ricorso alla forza pubblica. Così i diretti interessati hanno pensato bene di fare conoscere alla stampa la “carità cristiana con cui la Santa Sede si sta preparando al family day".
Dimitri Buffa
fonte: http://fainotizia.radioradicale.it/2007/04/30/sfratti-vaticani-firmati-da-bendetto-xvi-ecco-come-la-santa-sede-si-prepara-al-family-day
   


 
 
 

Post N° 20

Post n°20 pubblicato il 02 Maggio 2007 da seasong_1

 Achtung, achtung: TERRORISTEN!
Autore: random

La pallottola ha colpito. No, tranquilli, non ha ferito nessuno né sfiorato l’arcivescovo Bagnasco. Eppure ha colpito, e duramente.

Giusto questa mattina, nel corso di una simpatica chiaccherata telefonica con Hereticus, avevo espresso un timore…. profetico: “Ho l’impressione che presto metteranno all’incasso la “cambiale” della pallottola.” Detto, fatto. Nel primo pomeriggio sul web (Ansa e Repubblica) leggo dell’attacco frontale mosso, nientemeno, dall’Osservatore Romano ad Andrea Rivera, speacker del concertone di ieri a Roma, in piazza San Giovanni. L’accusa? Eccola: Rivera è un terrorista!

Le ragioni? Presto dette:

CITTA' DEL VATICANO - Sono "terrorismo" i "vili attacchi" contro il Papa fatti durante il concerto del Primo Maggio ripreso in diretta Tv. Lo denuncia oggi l'Osservatore Romano. "Tutto questo di fronte a circa 400.000 persone e ad un più numeroso pubblico televisivo", continua il giornale vaticano, il quale registra comunque il fatto che "i sindacati ed altri partecipanti alla manifestazione si sono dissociati dalle parole del 'conduttore'". Tuttavia, puntualizza, "qualcuno lo ha scelto".

(ANSA)

e, dopo essersela presa con gli organizzatori dell’evento (i sindacati, NdR), va giù pesante, L’Osservatore:

"Sono di queste ore gli attacchi e le minacce, pesanti, rivolte al Presidente della Cei, l'arcivescovo Angelo Bagnasco…

Sono di queste ore anche gli slogan nei cortei inneggianti ai terroristi, i messaggi che appaiono su internet, provenienti da br in carcere, un'offensiva che cerca di trovare terreno fertile nell'odio anticlericale.

"Qualcuno vuole aprire una guerra strisciante, una nuova stagione della tensione, dalla quale trae ispirazione chi cerca motivi per tornare ad impugnare le armi, per rivitalizzare organizzazioni che hanno perso su tutti i fronti, primo fra tutti quello della storia. Anacronismi. Come quella presenza sul palco a san Giovanni. Un residuato in mezzo a tanti giovani".

(La Repubblica)

Non credo a quello che leggo, mi concentro e proseguo:

"E' terrorismo alimentare furori ciechi e irrazionali contro chi parla sempre in nome dell'amore. E' vile e terroristico lanciare sassi questa volta addirittura contro il Papa, sentendosi coperti dalle grida di approvazione di una folla facilmente eccitabile".

(La Repubblica)

Oh madonna! Mi sono perso un fatto così grave (non ho seguito tutta la diretta) per colpa di una birretta sorseggiata in compagnia. Maledizione. E subito volo alla ricerca delle dichiarazioni… terroristiche. Ma cos’ha detto, sto’ Rivera? Finalmente le trovo e me le mangio in un sol boccone. Rileggo per essere certo di aver capito bene; e le rileggo ancora. Le metto in fila:

<!--[if !supportLists]-->1.     <!--[endif]-->"Il Papa ha detto che non crede nell'evoluzionismo. Sono d'accordo, infatti la chiesa non si è mai evoluta"

<!--[if !supportLists]-->2.     <!--[endif]-->"Non sopporto che il Vaticano abbia rifiutato i funerali di Welby. Invece non è stato così per Pinochet, per Franco e per uno della banda della Magliana.

<!--[if !supportLists]-->3.     <!--[endif]-->E' giusto così, assieme a Gesù Cristo non c'erano due malati di Sla, ma c'erano due ladroni.

Le voglio analizzare, vivisezionare, radiografare queste affermazioni… terroristiche!

la prima

ribadisce una posizione nota e stranota (antievoluzionismo), espressa a più riprese dalla Chiesa; è una notizia, vecchiotta ma semplice notizia; la seconda parte, invece (la chiesa non si è mai evoluta), è un’opinione, una semplice, forse banale, opinabile opinione;

dov’è il pericoloso contenuto “terroristico”?

la seconda

esprime un sentimento, forse una delusione (disapprovazione per il “niet” ai funerali di Welby) e riporta alcune notizie; e sconsolatamente vere, per giunta;

dov’è il pericoloso contenuto “terroristico”?

la terza

i Vangeli non ci dicono nulla delle eventuali patologie dei due messi in croce con Gesù; ma che fossero due ladroni (e non è il caso di aprire qui un discorso sul significato autentico del termine “ladroni”) lo dicono con incontestabile chiarezza;

dov’è il pericoloso contenuto “terroristico”?

Già, dov’è il pericoloso contenuto “terroristico”?

Temo di non aver capito, di non aver colto la gravità delle parole di Rivera (che sia abile come il suo omonimo “pedatores” e sappia dribblare, abilmente, i tentativi di intercettare il significato nascosto, subliminale, delle sue invettive… terroristiche? Possibile; ma un dubbio sorge – lubranescamente - spontaneo: vuoi vedere che non ho capito una mazza di quello che voleva dire l’Osservatore? Capita, nessuno è perfetto. E allora rileggo il trafiletto. Dunque, dice:

"Sono di queste ore gli attacchi e le minacce, pesanti, rivolte al Presidente della Cei, l'arcivescovo Angelo Bagnasco…

… un'offensiva che cerca di trovare terreno fertile nell'odio anticlericale.

Qualcuno vuole aprire una guerra strisciante, una nuova stagione della tensione

Avevo capito bene!;Ma la confusione aumenta. Colpa del Segretario di Stato, il cardinal Bertone, che ieri (Corriere della Sera, pagina 2):

… parlando delle minacce, ha affermato che si tratta di “schegge impazzite frutto di un gruppo isolato, ma non un vero pericolo organizzato

Era sembrato più deciso, due giorni fa, il cardinal Ruini: “Risponderemo forte e chiaro”. Vien da domandargli: a chi risponderà, Eminenza? A qualche “scheggia impazzita” che non costituisce “un vero pericolo organizzato”? O pensa alla Littizzetto? Terrorista pure lei, la Luciana mignon?

E Amort, padre Amort, quando scenderà in campo per esorcizzare il Rivera? Quando lo farà sbavare verde, intimando un perentorio “Vade retro, Satana!”? E processioni, autodafè, fioretti, ritiri spirituali e solenni messe cantate (in gregoriano mi raccomando, a Lui piacciono così tanto). Quando tutto questo armamentario sarà dispiegato con dovizia di dirette TV, di potaporte, di matrix, di viteindiretta e via televisionando? Tranquillo, Eminenza, non mancherà di certo la puntata di 8 ½: gli atei devoti sono più fedeli di un cocker.

Come? Non ho detto da che parte sto? Come la penso? Provvedo subito, Eminenza. Penso, fortissimamente, che chi ha spedito la pallottola sia un imbecille, un enorme, elefantiaco, infinito imbecille. Penso che la contrapposizione alla sempre più incontenibile invadenza clericale sia un diritto/dovere di ogni cittadino sinceramente laico. Penso che la Chiesa debba essere libera di esprimere il proprio pensiero ma vada bacchettata, e duramente, quando “ingerisce” nella vita dello Stato. Penso che “fabbricare occasioni o sfruttarle senza riserve” per bassi interessi di bottega sia indegno e miserevole. Criminalmente miserevole. Penso che il ricorso alle intimidazioni sia quanto di più deprecabile e condannabile ci possa essere. Penso che incitare alla rivolta, al limite della guerra civile sia un comportamento colpevolmente criminale.

Dirò di più, sono d’accordo, incondizionatamente d’accordo sul pericolo paventato dall’Osservatore là dove dice:

Qualcuno vuole aprire una guerra strisciante, una nuova stagione della tensione

Sovversivi! Non c’è ombra di dubbio. Quando qualcuno tenta di scardinare la convivenza democratica, le decisioni di un’autorità legittima e legittimata a legiferare, trattasi di sovversione. Di autentico terrorismo, e neanche tanto… strisciante. Un esempio? Giusto per non restare sempre nell’ambito dell’accademia? Eccolo, Corriere della Sera di ieri, sempre pagina 2; appena sotto alle dichiarazioni di Bertone:

Messico: votano l’aborto, parlamentari scomunicati

La chiesa messicana ha fatto una Dichiarazione congiunta, firmata dal cardinale Carrera e dai suoi otto vescovi ausiliari, nella quale si invitano i fedeli “a non riconoscere i cambiamenti legislativi che depenalizzano l’aborto entro le 12 settimane”

Sovversivi? Eversivi? Terroristi? Chissà.

Ma torniamo in Italia (finchè riuscirà a restare Italia); il vero timore e di dover scoprire chi o cosa colpirà, davvero, il proiettile. Bersagli possibili?

Presto detto: la libertà di dire la verità, la libertà di criticare, di opinare, di contraddire; dicendo la verità. Come ha fatto Rivera, il terrorista.


 

 

 

 

 

 

 

2007-05-02 15:24 OSSERVATORE ROMANO: SONO TERRORISMO GLI ATTACCHI AL PAPA

 
 
 

QUANDO DI DICE LA COERENZA

Post n°2 pubblicato il 26 Aprile 2007 da seasong_1

" In verità, se non fosse per l'autorità della chiesa cattolica, non presterei affatto fede al vangelo "  sant'agostino

 
 
 

BENE DETTO ?

Post n°1 pubblicato il 23 Aprile 2007 da seasong_1

" Benchè la pratica dell'omosessualità stia minacciando seriamente la vita e il benessere di un gran numero di persone (?),  i fautori di questa tendenza non desistono dalla loro azione e rifiutano di prendere in considerazione le proporzione del  rischio che vi è implicato (?).

(?)

cardinale joseph ratzinger (oggi b16) 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: seasong_1
Data di creazione: 22/04/2007
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sa.carmelaaldinodgl13De_Blasi.Awo_landSdoppiamoCupidodafneoo1stellina.confusa
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

"La legge ha utilizzato i sentimenti sociali dell'uomo per far passare insieme ai precetti di morale che l'uomo accettava, degli ordini utili alla minoranza degli sfruttatori, contro di cui egli si sarebbe ribellato"

                                            Kropotkin