Creato da sergiococchi il 27/09/2008
Appunti dal mondo dei segugististi e della caccia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

nellocolomargherita2009valef_88giorgio.zauli47sdenn69sergiococchiterry835gialinfsa10pianofrida.onerovesti1965marina.valdinocifranc.2giordi120zira5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ANCORA LA SOLITA MATTANZAIL COMPLEANNO DI WILLY E... »

ANDO'M A SPIGLER (andiamo a spigolare)

Post n°20 pubblicato il 06 Ottobre 2010 da sergiococchi

Andare a spigolare,era un vecchio modo di dire legato all'agricoltura,ove i contadini intendevano dire che dopo la trebbiatura si andava a cercare spiga per spiga;allora non si buttava via niente.

Io amo usare questa definizione,quando le lepri sono rimaste poche e che per trovarle bisogna cercarne una alla volta,con cura, e soprattutto con i cani giusti. Correre scagnando qua e là non porterà più i risultati dei primi giorni,di quando con quattro scagni si alzava una lepre. Anche i segugi coglioni,o i cani da ferma erano alla portata di quelle lepri,non pochi cacciatori li abbiamo sentiti entusiasti del lavoro dei propri cani. Adesso in molti si accorgono che quei soggetti non scovano più..... Da un lato vi è ancora una stagione inadatta per i segugi;i cani sentono veramente poco,ma la cosa è diventata difficile perchè le lepri hanno imparato a difendersi da cani e fucilate dei cacciatori,così vanno a mettersi lontano dalla pastura e soprattutto tengono fino a pestargli il codino.

Adesso sfidando le difese di questo intelligente animale,inizia la vera caccia,quella dei veri cacciatori,quei poeti della caccia che godono per la risoluzione di un fallo ostico e per uno scovo a pelo,di una lepre che ha messo a dura prova i migliori segugi. A costoro non interessa chi abbatterà la lepre,ciò che per loro conta è che ciò avvenga come logica conclusione di una grande azione dei cani. Sia chiaro che per cani,intendo i segugi,perchè solo con questi cani si cacciano le lepri,mentre,come dice il maestro Quadri,con i cani da ferma,si possono solo uccidere.

Nelle campagne finalmente si respirerà un'aria diversa,la mattanza è finita, e gli assaltatori dei primi giorni di apertura,non li troverai più in giro, soprattutto perchè ,non sanno e non hanno i mezzi per arrivere alle lepri che sopra descrivevo. E' arrivato il tempo dei segugisti,signori della caccia che con il loro comportamento e la loro mentalità avanzata,riescono a qualificare ancora una categoria per troppi aspetti discutibile.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
Nessun Commento