Creato da: scurerossa il 07/08/2006
reti di vendita

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

Ultime visite al Blog

lavoroesoldielenaapozingarodelventovalentinfrancounamamma1blackdream2rino.dcassetta2previsionistampalorenzogrenzorfreecoffeesweetstichArvaliusfalco58dglscoontrosa
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Post N° 101

Post n°101 pubblicato il 13 Gennaio 2007 da scurerossa

Passo dopo passo

 

Passo dopo passo nel bosco perduto,

tranciando le foglie, evitando le fosse.

Attento all’indecisione del demone nero

che cerca e non trova le mie piccole tracce.

 

Pane nero di crusca e cipolle bacate,

scansando la radura dove sarei bersaglio.

Dimmi Valentina, dove si nasconde?

La vipera fugge e non regge la colpa.

 

Ragnatela sul viso, ramo più basso.

Scarpe infangate e maglia strappata.

Dimmi Valentina, è vero che aspetta?

Roccia di granito un cuore vi è inciso.

 

Per quanto mi pesi, non avevo più scelta,

il demone nero deve essere scacciato.

Tra montagne spuntate e frutti di bosco,

per casa una grotta, un cespuglio per porta.

 

Ho visto che i lupi, ci fiutano prima,

un riccio per cena ha sapore di pollo.

Dimmi Valentina, è vero che l’han presa?

I colpi bisogna farseli sempre bastare.

 

Sotto di noi la valle, i paesi rubati,

il demone nero succhia ancora sangue.

Guardiamo i convogli lungo la strada,

la croce uncinata porta ebrei al martirio.

 

Dimmi Valentina, è vero che mi ama?

Passo dopo passo nelle nostre montagne

sperando che un giorno ci ricorderanno,

tra funghi velenosi e sterco di topo,

passo dopo passo avanzando il domani.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 100

Post n°100 pubblicato il 08 Gennaio 2007 da scurerossa

Il vuoto

 

Mi attrae questo vuoto immenso,

dove trovo la ragione del mio peregrinare,

nudo sul selciato bagnato di pioggia,

controllo la circumnavigazione del globo.

 

Perché alla fine è sempre questo il destino,

rimanere soli dopo la battaglia,

che di lusinghe e ori hanno bisogno,

non certo di un profeta di sventura.

 

Il mio cavalle s’abbevera a questo fiume,

scrolla il capo per scacciar le mosche,

potessi come lui cacciarle dalla mia mente,

dell’ottusità sento i rimbombi cupi.

 

C’è un bardo tra voi o un menestrello?

Qualcuno a cui raccontar le mie gesta?

Orsù coraggio che si faccia avanti,

vedo solo ciuffi di carciofi e renitenti.

 

Vieni destriero mio fedele che è già l’ora,

nuove terre e nuovi dei da buttar dai troni,

suscitando sempre grandi entusiasmi,

per poi di nuovo essere gettato al fosso.

 

Mi attrae questo vuoto che è rifugio,

placa il mio tormento e la mia ira,

avessi donna d’amar in questa landa,

forse farei fatica a ripartir di nuovo.

 

Vieni destriero è l’ora tarda,

galoppar dobbiamo sino a sera,

tra stelle di un emisfero ostile,

in nome di un sogno di libero pensiero.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 99

Post n°99 pubblicato il 27 Dicembre 2006 da scurerossa

Cacciatore di conigli

 

Trappole di chiodi sopra la collina

 tra buste dell’ipermercato

fosse di serpenti

i vietcong scavano le buche.

 

Io so amare tra fecce avvelenate

ma non spreco musiche di strada

per principesse indisposte.

 

Cacciatore di conigli,

spremo nuvole di stracci,

lavando sulla scala mobile,

l’ultima replica del cantautore sordo.

 

Ti lascio i tuoi problemi esistenziali

e le tue gomme masticate.

 

Sono un cacciatore di conigli

voglio raccogliere le mie emozioni

ora che il mio cuore

l’hai appeso a un albero di fico.

 

Sognerai la mia bocca.

 

Il generale Giap ha lanciato l’offensiva,

Custer ha brufoli nel culo,

penso che alla fine

mi nasconderò tra le mangrovie.

 

Addio principessa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 98

Post n°98 pubblicato il 18 Dicembre 2006 da scurerossa

Signora borghesia

 

Le tue tette di plastica,

signora borghesia,

il tuo sorriso frigido.

 

Dimmi a chi pensi,

con chi stai giocando?

Signora borghesia,

raccontami d’un pianto.

 

Signora borghesia,

la tua futile ragione,

testimone d’una rabbia,

di breccia e di fango.

 

Non ti sei accorta,

di quanto sia falso,

questo vivere di pioggia.

 

Signora borghesia,

accarezzerei le tue gambe

per darti un’emozione,

quella che hai perduto,

di notte in un portone.

 

Guarda questa pioggia,

come neve di menzogne,

al posto d’una stella,

al posto d’un amore.

 

Alla fine hai fatto bene,

non ero l’uomo giusto,

distrattamente nel cestino,

un fazzoletto umido.

 

Signora borghesia,

hai fatto la tua scelta,

ritorna alle ricette,

all’estetista arabo.

 

Signora borghesia,

t’avrei acceso il ventre,

giuro t’avrei dato,

il senso d’un peccato.

 

Signora borghesia,

sono quello che tua madre,

scacciò dalle tue scale,

l’anarchico ribelle,

che t’insegnò ad amare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 97

Post n°97 pubblicato il 13 Dicembre 2006 da scurerossa

Il mio amico Occhio di Bue

 

Il mio amico Occhio di Bue,

ha un occhio di vetro e gioca a scopone,

ha un gatto che chiama Giovanni

e ho il sospetto che bari a carte.

 

Il mio amico Occhio di Bue

è un anarchico ubriacone,

sua moglie l’ha lasciato per un Trevisano

che fuma il sigaro toscano.

 

Il mio amico Occhio di Bue,

è un anarchico che teme Dio,

non si permette di bestemmiare,

impreca solo al re e al generale.

 

Offrigli da bere e ti racconta una storia,

di quando marinaio si vendette ad una donna,

una che aveva addosso una puzza di capra,

verso il cognac e ne dice un’altra.

 

Occhio di bue ha un occhio di vetro,

ma quando racconta forse si bagna,

Occhio di bue lacrima ancora,

quando ripensa alla sua donna.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso