Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Adolescenza tardiva, sem...La vera attrazione va ol... »

Ma perché ci diamo la zappa sui piedi

Post n°1231 pubblicato il 19 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

Lasciatemi fare un po’ il Piero Angela della situazione… Rispondo con questo unico post a diversi nick che mi hanno chiesto dei chiarimenti...

Il nostro cervello è formato da due parti:

  • una emotiva (più veloce e ancestrale),
  • e una razionale (più lenta ed evolutivamente recente).

Il cuore della parte emotiva è il “sistema limbico“, mentre la parte razionale è rappresentata dalla “neocorteccia“, la parte più esterna del cervello. Davanti a qualsiasi evento, la nostra prima reazione è quella emotiva, proprio perché nei millenni di evoluzione umana sono stati selezionati quegli individui in grado di rispondere in maniera veloce e istintiva ai possibili pericoli (o alle possibili opportunità), a scapito di altre capacità più fini di ragionamento, che seppur utili, hanno il difetto di essere lente.
Ciò significa che la paura (nel caso specifico, la paura di non farcela), essendo un’emozione, è molto più veloce della ragione.

A lanciare i segnali di allarme è una parte del sistema limbico, grande quanto una mandorla, che si chiama “amigdala”, la quale provoca quelle sgradevoli sensazioni psicofisiche che chi è in preda all’ansia da esame conosce bene:

  • senso di sopraffazione,
  • accelerazione del battito cardiaco,
  • sudori freddi,
  • e persino tremori agli arti a seconda dell’intensità dell’emozione.

Tutto ciò, come spiegato anche da Daniel Goleman nel libro “Intelligenza emotiva“, ha il non trascurabile effetto di bloccare, a livello neurale, l’accesso alla nostra parte del cervello più razionale, dove risiedono proprio quelle capacità cognitive che ci sarebbero utili per affrontare il nostro compito. Personalmente chiamo questo meccanismo “Freno a mano psichico“, proprio perché ha l’effetto di bloccare le nostre capacità psichiche.
Da ciò emerge come, anche in questo caso, la paura sia beffardamente “profetica”: ovvero, più le diamo ascolto, più finiremo per realizzare le aspettative negative che temiamo.
In questo consistono le insidiose trappole della profezia che si autorealizza. E per questo è bene conoscerle: per non caderne vittima, ma anzi per beneficiare dei suoi influssi positivi
Infatti, se impareremo a gestire la nostra ansia, affrontando le nostre paure senza evitarle, ma al contrario guardandole in faccia animati da più fiduciose aspettative positive, allora potremo soggiogarla.
E quello che ci aspetta, al di là della paura, al di là dell’ansia da prestazione, è il fantastico mondo del flusso.

Il flusso: surf neurale

Se le aspettative negative, come un perfido incantesimo, hanno l’effetto di bloccarci, le aspettative positive possono rendere possibili meravigliose magie. La condizione diametralmente opposta a quella paralizzante di “freno a mano psichico” corrisponde a uno stato di grazia psicologica nota come flow (o flusso) in cui sportivi, artisti, musicisti, ma anche persone comuni sembrano immergersi mentre sono intente a svolgere un’attività che trovano estremamente appagante.

immagine

Credete con sempre maggiore convinzione in voi stessi e...statene certi/e non avrete mai necessità di rivolgervi ad uno psicologo, psicoterapeuta o quant'altri. Ve la caverete benissimo da soli/e. Bye Sal


 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

prolocoserdianamonellaccio19fabioimperatosoltanto_unsognoritasimiosaverio.anconavito12dglTorello600neopensionatawoodenshipmarcop6526ik0oxkambradistellefleurbleu17
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom