Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

BEVERE NON E' FACILE

BENITO URGU: BEVERE NON E' FACILE

 
 
 
 
 
 
 

INDUSTRIA CASEARIA ARGIOLAS DOLIANOVA

Il Caseificio di mia moglie Mary e
mio cognato Antonello. Provate
i loro formaggi e poi mi direte...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Uniti, ma non vincolati:...Milano, "troppo disinvo... »

L’Italia dei bonus, sono troppi e distribuiti a pioggia.

Post n°1745 pubblicato il 17 Settembre 2020 da prolocoserdiana
 

immagine

Troppi bonus. Con un rischio altissimo di sprecare le risorse disponibili e perdere un’occasione unica per orientare la ripresa dell’economia verso lo sviluppo sostenibile. Il governo continua a scrivere decreti con una pioggia di sussidi, bonus, incentivi e rinvii di pagamenti. L’ultimo ne contiene 37 e quello precedente 19, per un totale di 56 aiuti a pioggia e una spesa, solo per l’ultimo decreto, di oltre 13 miliardi di euro. Nessun governo europeo ha fatto una cosa simile e con un ventaglio così vasto di provvedimenti.
I bonus cambiano soltanto sulla base del nome di accompagnamento, ma il meccanismo dell’urbi et orbi è analogo. Bonus bebè, affitti, badanti, mascherine. E anche bonus vacanze, monopattini, bici, auto, inquinanti e non inquinanti. L’unico criterio, di breve termine, che accompagna queste misure è quello di non scontentare alcuna categoria, per il semplice motivo che in tempi di Covid-19 la sensibilità dell’opinione pubblica è alle stelle, e in Italia ogni anno ci sono elezioni che pesano. Ma così non si governa un Paese dandogli una rotta, un orizzonte che non sia l’eterno presente. E ovviamente si penalizzano le categorie che più hanno a che fare con il futuro e non sono raccolte con una lobby che pesa in termini elettorali. Le categorie dei giovani, studenti o lavoratori che siano, disoccupati o occupati, a tempo pieno o a tempo determinato.
La pioggia di sussidi semina anche gravi distorsioni. Mentre si continua a dare mance a tutti, anche a chi non ne ha bisogno (come abbiamo visto con alcuni sussidi ad aziende e professionisti), è chiaro che mancano le risorse da concentrare su una riforma fiscale ispirata a un solo principio. Ridurre il carico delle tasse pagate dagli italiani onesti.
Tra i sussidi, quasi il 45 per cento servirà a rinviare versamenti delle imposte. Anche qui: nessuna selezione e provvedimenti uguali per tutti. In compenso, tra un rinvio e un altro la lotta all’evasione fiscale (un gigantesco spreco di 10 miliardi l’anno) subirà un altro colpo e un nuovo rinvio.

immagine

E' l'Italia che non va o siamo noi gli imbecilli che non capiamo cosa ci somministra quotidianaqmente il nostro Governicchio?
Buona serata e prepariamoci al peggio...Sorriso, bye sal

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

immagine

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

saverio.anconafalcat56mirtodgl0nuovacooperativaspider_75francy71_12med.max70lascrivanapokerinadepressaambradistellearamar1959blaskina88deliaemmedaunfiore
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom