Creato da: tommy812007 il 11/06/2007
Ideato e curato da Gianfranco Ponte (non è un giornalista ma un grande fan del principe De Curtis). Il blog nasce per rendere omaggio al piu' grande attore di tutti i tempi: Totò. Gruppo ufficiale su facebook "I seguaci del principe Totò Official Group Fan Club"

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

PREMI E RICONOSCIMENTI RICEVUTI

 

"Carissimi...

Colgo l'occasione di queste poche righe per esternare il mio compiacimento nei confronti di:

  • Gianfranco Ponte
  • Leda Scuderi

Dalla lettura (...)  ho potuto apprezzare l'impegno profuso nella preparazione e valenza artistica raggiunta.
Sono rimasta particolarmente commossa nel leggere la biografia che il giovane Gianfranco ha scritto su mio padre il Principe Antonio de Curtis, in arte "Toto'".E' anche attraverso lo studio che giovani come Gianfranco, fanno su mio padre, che si contribuisce a mantenere vivo il ricordo anche nelle nuove generazioni".

Un abbraccio

Liliana de Curtis.

 

 

 

 "Nonno sarebbe felice di sapere che ha un sostenitore come te! Continua così. La passione è l'unica cosa che ci tiene in vita. Un abbraccio". 

Simone Buffardi De Curtis, nipote di Totò.


 

 

 

La corrida

 


Gianfranco Ponte e Leda Scuderi vincitori dell'ultima puntata del "La Corrida" edizione 2008 per il 40° anniversario esibendosi ne "La cammesella - Siamo uomini o caporali?"

 

 

Area personale

 
 

Ultime visite al Blog

letizia_citodomenico.schembarilella.chicco_27goytoIDonatoDfrancescos.marzaduribottega2sicilieperry34flaviaserena1porfirio51tafra98nunziatinadgl7tomasartLucianamaespa54
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Ultimi commenti

Grazie!
Inviato da: tommy812007
il 31/03/2014 alle 12:13
 
un grande articolo
Inviato da: yemek tariflleri
il 30/03/2014 alle 19:30
 
Grazie a te e a tutti voi!
Inviato da: tommy812007
il 22/07/2013 alle 09:03
 
Totò non ha frontiere. Grazie per la tua presenza in questo...
Inviato da: lubopo
il 19/07/2013 alle 10:19
 
Buongiorno, grazie per aver scritto nel blog. Ma i...
Inviato da: tommy812007
il 12/12/2012 alle 14:49
 
 

FACEBOOK

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

La controfigura di Toto'

QUANTI DI VOI NON SAPEVANO CHE TOTO' AVEVA UNA CONTROFIGURA,DINO VALDI.

Si dice che alcune persone sono colte da malore, per lo spavento provato nel vedere li' ai funerali, Totò vivo.

Iniziò col film I DUE ORFANELLI e da allora girò per Totò moltissime scene, in special modo negli ultimi anni quando purtroppo il Principe ebbe dei seri disturbi alla vista che gli impedirono di poter girare soprattutto a causa della luce dei riflettori. 
CARLO CROCCOLO e DINO VALDI , voce e figura, ma mentre il primo era un attore teatrale che ha poi continuato, ed ancora svolge, la sua brillante attività, a DINO VALDI  le sue prestazioni  gli hanno dato si da vivere ma non certamente la notorietà
.

Toto' si affezziono' a Valdi al punto di confidargli anche i suoi pensieri meno lieti.

"La vita in fondo non mi ha dato niente" gli diceva "sono un uomo deluso negli affetti e posso contare soltanto sulla notorieta'e pure "malamente" visto che i critici giudicano i miei film una schifezza. Stai sicuro che tu sei piu' felice di me."

Poi passando dalla tristezza alla felicita' prendeva in giro Valdi, osservando che aveva fatto la sua fortuna sostituendosi a lui " appresso a me stai rompendo 'o zito int'o piatto!",alludendo al piacere per chi mangia i gustosissimi ziti.
Valdi fu testimone anche delle molte umiliazioni che Toto' subì.
"Quando giravano con qualche "grande" artista come E. de Filippo, il Principe veniva messo in sottordine e persino svillaneggiato, tutte le lodi della troupe, regista compreso erano per l'altro, mentre dietro le spalle di Toto' sfioravano le frasi cattive.
"E' un guitto fetente" sentii dire " non e' nemmeno bravo perche' fa sempre le stesse cose".
"Un giorno non ci vidi piu' e replicai furente:-" invece di criticare il principe provate a fare quello che fa lui!"
In qul momento sopraggiunse Toto', in tempo per sentire la mia frase. Sorrise con un ombra di amarezza e disse:" Guaglio', lassa sta' , pigliammoce na ' tazzulella e cafe'".
"Era un gran signore, superiore alla meschinita' nel sentirsi poco apprezzato".  

 

LE POESIE DI TOTO'

 Napule, tu e io

Io voglio bene a Napule
pecchè 'o paese mio
è cchiù bello 'e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm'a me
cu tanto 'e core 'mmano.
Saje scrivere, saje leggere
parole 'e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io...
simme tre 'nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo 'e figlie 'e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice "Napule"
s'annomena 'a riggina!

 

 

 
« Totò Cascio :" Mi riemp...Francesco Scimemi : "To... »

Nino Formicola :" Sono un totoista di ritorno"

Post n°309 pubblicato il 08 Maggio 2016 da tommy812007

Nino Formicola, attore di cinema, teatro ,tv e autore , Gaspare della famosa coppia Zuzzurro e Gaspare, tutt'ora impeganto in corsi di teatro dove insegna l'arte del comico, ideatore del postulato di Mina Mazzini intervistato in esclusiva telefonica da Gianfranco Ponte.

 

zuzzurro e gaspare

foto leiweb.it

1) Dove nasce Nino Formicola e dove incontra Andrea Brambilla, che sarà anche suo cognato?

Io nasco al "Refertorio" di Milano. Ho conosciuto Andrea guardandolo sul palco del Derby di Milano, lavorava con un'altro attore che si chiamava Fosco, e lui ha conosciuto me venendomi a trovare in uno spettacolo semiamatoriale che facevo con alcuni miei amici in un altro Cabaret che si chiamava appunto "Refertorio". A fine spettacolo ci siamo conosciuti ed Andrea mi ha chiesto di collaborare ai loro testi. Poi si sono separati ed io e Andrea abbiamo iniziato a lavorare insieme.

2) Il successo della coppia Zuzzurro e Gaspare sta nel grande affiatamento e complicità che avevate. Un po' come la coppia Totò e Fabrizi. I vostri punti di riferimento quali sono stati?

Il sogno erano Walter Matthau e Jack Lemmon. Dato che poi passammo al teatro perchè era quello che ci piaceva. E poi perchè abbiamo sempre pensato che i comici vanno giudicati sul palco e no in televisione. Grazie a Giorgio Gaber, che una volta ci disse <<  Il pubblico non deve mai scoprire da che parte esce il coniglio >> abbiamo inventato, oggi ereditato da molte coppie, dove la spalla in realtà è un secondo comico. Ci siamo resi conto che se tu vedevi una coppia "normale" della mia generazione (es. Cochi e Renato) tu vedevi Renato, Cochi non lo vedevi. Gigi e Andrea vedevi Andrea, Gigi non lo vedevi. Tutte le battute arrivavano dal comico. Noi ci siamo riferiti a quelle coppie dove si c'è la spalla ma in realtà non fa la spalla. Vedi Totò e Peppino. Abbiamo riinaugurato che la spalla prendeva anche applausi cosa che si era persa. Come le spugne, ci siamo resi conto in realta' che quello che facevamo erano i meccanismi delle grandi coppie comiche.

gaspare e zuzzurro

foto i.huffpost.com

3) Ricordate molto le grandi coppie comiche dell'avanspettacolo da Chiari a Campanini, ai fratelli de Rege a Totò e Castellani. Cosa "credete" di aver rubato a queste grandi coppie?

Questo è il meccanismo che appartiene a tutti. Dopo averle visti ti rimangono dentro. Il loro modo di far ridere lo filtri e lo traduci in un altra situazione figliastra di quello che avevi visto. Ad esempio quando Andrea partiva da una discussione e faceva tiritere partendo da un discorso arrivando ad un altro fa parte di una cultura ben precisa. Totò era lo stesso. Non abbiamo rubato c'è le siamo trovate addosso.

4) Il film del principe Antonio de Curtis che rivede spesso? 

Essendo un totoista di ritorno (ndr ride), e visto che i comici mi piace vederli dal vivo in palcoscenico e con Totò purtroppo non ho potuto, conosco tutti i racconti da uno dei suoi impresari Leo Verster, divertentissimi. I comici al cinema non mi divertono. Anche perchè i film comici noi italiani non li sappiamo fare. Nei film comici classici c'è un vantaggio pero' che sono stati replicati gli sketch che si facevano in palcoscenico. I film di Totò erano come se fossero delle riprese fatte in teatro col pubblico. Il regista andava dietro a lui. Appena ho saputo questo ho iniziato a seguire con piu' attenzione i film di Totò. Questo è successo molto dopo ho iniziato ad apprezzarlo nella maturità.  Piu' invecchio e piu' lo apprezzo. Anche perchè dopo quarant'anni di carriera diventi come un intenditore di vini.

nino formicola

foto mantelocale.it

5) Un ricordo di Andrea Brambilla e se anche a lui piaceva Totò.

Si piaceva molto anche lui. Il suo mito rimane Walter Matthau, gli apparteneva. Anche se Andrea come persona era una persona totalmente diversa, schizzata. Io invece iniziai a fare questo mestiere perchè mi piacevano i musical mi sono ritrovato con una persona totalmente stonata. Nei corsi di teatro comico che faccio spiego il postulato matematico di Mina Mazzini. Te lo spiego in due parole. Se Mina canta una canzone schifosa il pubblico dice<< che schifo di canzone, ma che voce che ha Mina >>. Se un comico ti fa ridere tu dici << che bravo che è >> se un comico non ti fa ridere dici   << che scemo questo qui è un cazzone >> e questo non è vero. Uno puo' essere bravo e non farti ridere uno può essere non bravo e farti ridere. La cosa è momentanea, casuale. Il tempo comico e' fondamentale.I tempi comici si sviluppano col tempo ed è solo il tempo lungo che fa la differenza. La differenza e la qualita' lo fa il tempo.

gaspare

foto idealitypress.com

6) Usa nel quotidiano frasi di Totò?

Senza volerlo si. Sono entrate nel mio DNA. Quisquiglie e pinzillacchere lo dico ogni due per tre.

7) Cosa pensa dei comici di oggi?

Penso sempre un gran bene. Vengo dalla scuola baudiana. Penso che piu' siamo meglio stiamo. 

8) Cos'è per lei Totò?

Una persona che è riuscita a passare tutti meccanismi. E' lequivalnete in musica del Quartetto Cetra. Il quartetto Cetra e' l'unico gruppo nel mondo che è passato dalla lacche della decca fino al cd. Hai attraversato piu' generazioni continuando a fare il tuo lavoro e piacere. Questo è inarrivabile. Totò è passsato dall'avanspettacolo piu' "semplice" alle ospitate a Studio Uno, c'è di mezzo un mondo. Nessuno se ne rende conto ma è un modo di comunicare diverso.

Gianfranco Ponte

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog