Creato da: tommy812007 il 11/06/2007
Ideato e curato da Gianfranco Ponte (non è un giornalista ma un grande fan del principe De Curtis). Il blog nasce per rendere omaggio al piu' grande attore di tutti i tempi: Totò. Gruppo ufficiale su facebook "I seguaci del principe Totò Official Group Fan Club"

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

PREMI E RICONOSCIMENTI RICEVUTI

 

"Carissimi...

Colgo l'occasione di queste poche righe per esternare il mio compiacimento nei confronti di:

  • Gianfranco Ponte
  • Leda Scuderi

Dalla lettura (...)  ho potuto apprezzare l'impegno profuso nella preparazione e valenza artistica raggiunta.
Sono rimasta particolarmente commossa nel leggere la biografia che il giovane Gianfranco ha scritto su mio padre il Principe Antonio de Curtis, in arte "Toto'".E' anche attraverso lo studio che giovani come Gianfranco, fanno su mio padre, che si contribuisce a mantenere vivo il ricordo anche nelle nuove generazioni".

Un abbraccio

Liliana de Curtis.

 

 

 

 "Nonno sarebbe felice di sapere che ha un sostenitore come te! Continua così. La passione è l'unica cosa che ci tiene in vita. Un abbraccio". 

Simone Buffardi De Curtis, nipote di Totò.


 

 

 

La corrida

 


Gianfranco Ponte e Leda Scuderi vincitori dell'ultima puntata del "La Corrida" edizione 2008 per il 40° anniversario esibendosi ne "La cammesella - Siamo uomini o caporali?"

 

 

Area personale

 
 

Ultime visite al Blog

domenico.schembarilella.chicco_27goytoIDonatoDfrancescos.marzaduribottega2sicilieperry34flaviaserena1porfirio51tafra98nunziatinadgl7tomasartLucianamaespa54piperitapatty38
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Ultimi commenti

Grazie!
Inviato da: tommy812007
il 31/03/2014 alle 12:13
 
un grande articolo
Inviato da: yemek tariflleri
il 30/03/2014 alle 19:30
 
Grazie a te e a tutti voi!
Inviato da: tommy812007
il 22/07/2013 alle 09:03
 
Totò non ha frontiere. Grazie per la tua presenza in questo...
Inviato da: lubopo
il 19/07/2013 alle 10:19
 
Buongiorno, grazie per aver scritto nel blog. Ma i...
Inviato da: tommy812007
il 12/12/2012 alle 14:49
 
 

FACEBOOK

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

La controfigura di Toto'

QUANTI DI VOI NON SAPEVANO CHE TOTO' AVEVA UNA CONTROFIGURA,DINO VALDI.

Si dice che alcune persone sono colte da malore, per lo spavento provato nel vedere li' ai funerali, Totò vivo.

Iniziò col film I DUE ORFANELLI e da allora girò per Totò moltissime scene, in special modo negli ultimi anni quando purtroppo il Principe ebbe dei seri disturbi alla vista che gli impedirono di poter girare soprattutto a causa della luce dei riflettori. 
CARLO CROCCOLO e DINO VALDI , voce e figura, ma mentre il primo era un attore teatrale che ha poi continuato, ed ancora svolge, la sua brillante attività, a DINO VALDI  le sue prestazioni  gli hanno dato si da vivere ma non certamente la notorietà
.

Toto' si affezziono' a Valdi al punto di confidargli anche i suoi pensieri meno lieti.

"La vita in fondo non mi ha dato niente" gli diceva "sono un uomo deluso negli affetti e posso contare soltanto sulla notorieta'e pure "malamente" visto che i critici giudicano i miei film una schifezza. Stai sicuro che tu sei piu' felice di me."

Poi passando dalla tristezza alla felicita' prendeva in giro Valdi, osservando che aveva fatto la sua fortuna sostituendosi a lui " appresso a me stai rompendo 'o zito int'o piatto!",alludendo al piacere per chi mangia i gustosissimi ziti.
Valdi fu testimone anche delle molte umiliazioni che Toto' subì.
"Quando giravano con qualche "grande" artista come E. de Filippo, il Principe veniva messo in sottordine e persino svillaneggiato, tutte le lodi della troupe, regista compreso erano per l'altro, mentre dietro le spalle di Toto' sfioravano le frasi cattive.
"E' un guitto fetente" sentii dire " non e' nemmeno bravo perche' fa sempre le stesse cose".
"Un giorno non ci vidi piu' e replicai furente:-" invece di criticare il principe provate a fare quello che fa lui!"
In qul momento sopraggiunse Toto', in tempo per sentire la mia frase. Sorrise con un ombra di amarezza e disse:" Guaglio', lassa sta' , pigliammoce na ' tazzulella e cafe'".
"Era un gran signore, superiore alla meschinita' nel sentirsi poco apprezzato".  

 

LE POESIE DI TOTO'

 Napule, tu e io

Io voglio bene a Napule
pecchè 'o paese mio
è cchiù bello 'e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm'a me
cu tanto 'e core 'mmano.
Saje scrivere, saje leggere
parole 'e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io...
simme tre 'nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo 'e figlie 'e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice "Napule"
s'annomena 'a riggina!

 

 

 
« Andrea Petrone: " Totò? ...Totò kolossal di Ennio Bispuri »

Enzo Garinei: "Totò per noi attori deve essere uno sprone per essere bravi come lui"

Post n°318 pubblicato il 17 Novembre 2016 da tommy812007

Enzo Garinei attore teatrale, televisivo e cinematografico, è uno dei principali caratteristi del panorama italiano interistato in esclusiva telefonica da Gianfranco Ponte

garinei

foto images.movieplayer.it

 

1) Attore di teatro, cinema e tv. Enzo quando capisce che sarebbe diventato il grande Garinei?

Ci sono voluti un pò di anni. All'inizio c'era la passione. Quando ho pensato di diventare attore è stato quando mi sono isciritto al teatro dell'università nel 1948/49 non avevo neanche vent'anni. Era appena finita la guerra. Mi scrissi all'università per la chimica farmaceutica. Non per diventare farmacista, ma tutti i Garinei avevano una laurea. Avevamo un'importante farmacia a Roma. Ritrovo di giornalisti,scrittori, attori. Quando iniziai avevo dei meravigliosi amici: Marcello Mastroianni, Giulietta Masina, Enrico Maria Salerno, tanti sconosciuti allora e che poi chi piu' chi meno ha avuto successo. Ai tempi eravamo legati da amicizia, non come ora. Una volta diplomato iniziai a lavorare ero nelle grazie di qualche regista di cinema, di teatro, stima e poi autostima. Mi accorgevo di essere simpatico di piacere, la gente si ricordava di me quando mi incontrava. E li mi accorsi di essere una pedina importante nell'ambiente del cinema nel teatro e anche nel doppiaggio. Il rapporto col pubblico mi piace di piu', ma anche il doppiaggio. Doppiai Stanlio quando Sordi la diede ad Hardy. Feci il provino e divenni la sua voce. Doppiai anche i Jefferson.

2) Una vita per lo spettacolo. Cosa le ha insegnato il teatro?

Mi sono sempre sacrificato ricordandomi però di avere una famiglia. La famiglia ci serve per coltivarci quell'angoletto per non essere piu' l'attore ma l'uomo.

 

garinei enzo

foto www.tusciaweb.it

3) Il suo primo debutto al cinema con Totò nel film " Totò le Mokò" cosa ricorda di Totò e dei momenti vissuti sul set?

Totò era già Totò. Non è stato il primissimo film . Avevo fatto il film "Signorinella" tratto dalla canzone. E subito dopo fu "Totò le Mokò". Di lui si dicono tante cose che era freddo, distaccato, che si desse arie, che era solitario. Non è vero. Era un uomo che aveva fatta la gavetta. Era un gran signore. Quando noi lo vedevamo lo vedevamo sotto forma di Totò, ci faceva ridere sempre. A fine lavoro si svestiva, si metteva il suo bell'abito, aveva il suo autista si metteva in macchina e se ne andava. A lui piaceva essere chiamato principe e quando ci rivolgevamo a lui dicevamo << ben arrivato principe, come sta principe>> Ci ha inseganto tantissimo, i tempi comici. Dovvamo stare semre attenti. Perchè quando si girava lui era in grado di cambiare tutto. Noi dovevamo assecondarlo. A lui faceva piacere. Molti chiedevano a lui aiuti e a tutti dava qualcosa dava anche, dava  500 £, che ai tempi era mezzo stipendio. Lui mi chiamava il dottorino, sapeva che mi stavo laureando <<  e' arrivato o' dottorino >> e mi metteva la mano sulla spalla,facevo parte del gruppo di attori che lui amava avere intorno quando lavorava.

4) Totò improvvisava o seguiva un copione?

Il copione lo seguiva perchè era una traccia imposrtante. Il suo personaggio lo portava avanti, anche dal punto di vista psicologico. A teatro devi seguire il copione, è più difficile improvvissare. Era un improvvisatore quando succedeva. Poteva capitare che in alcuni film non improvvissasse nulla come invece per altri si. In teatro lo vidi improvvissare. Mario Castellani e Peppino de Martino lo assecondavano aumentando i successo di quella scena. 

totò le mokò

 

5) Totò diceva che il suo compagno di lavoro doveva essere più bravo di lui perchè gli avrebbe reso la scena molto piu' comica. Lei che ricordi ha dei suoi grandi compagni dato è stato un grandissimo caratterista, un grandissimo attore?

Riordi meravogliosi. Ho cercato di imparare da tutti. Da Macario, Totò, Peppino de Filippo, superiorie ad Eduardo, Eduardo grandissimo, meno bravo di Peppino. Peppino era la grande forza di essere drammatico, invece difficile che l'attore drammatico possa essere comico. La forza di questi grandi attori non avevano paura l'uno dell'altro. Fra di loro si assecondavno. La celebre lettera di Totò e Peppino è meravigliosa. Due primissimi attori come Maradona e Pelè. Non si ostacolavano. Si assecondavano e veniva fuori un qualcosa di mervaviglioso.

6) Dal 1985 fu voce di Stanlio come scoprì e come nacque l'idea di doppiarlo?

Non nacque da me. Feci dei provini. I primi Stanlio e Olio furono doppiati da Alberto Sordi e da un altro attore. Il tipo di voci fu un invenzione di Sordi. Le voci vere di Stanlio e Olio erano al contrario, cioè Stanlio aveva il vocione Ollio la vocina. Sordi disse la voce di Ollio deve avere la vociona Stanlio la vocina. Riadattammo tutti i film. Giancarlo Governi fece i provini. C'erano anche Mediaset e altre reti televisi. Fra le tante persone che si presentarono ai provini vinsi io e Giorgio Ariani per Olio.Giancarlo Governi mise anche le battute di quelli che erano muti dove allora c'erano le battutte scritte con la musichetta.

enzo garinei

7) Cosa rappresenta per lei Totò?

Capisaldo del cinema comico italiano. Non si può dire solo napoletano. Lui era un attore. In teatro ha reciatto poco perche'fu subito assorbito dal cinema. Faceva 4 o 5 film l'anno che gli permettevano di vivere molto bene. E' un mito. Quando aprii la scuola di teatro, circa 35 anni fa, una delle primissime domande che mi fanno è << ma com'era Totò?Perchè non ci parla di Totò>> E' un mito e deve continuare ad essere un mito. Per noi attori deve essere uno sprone per essere bravi come lui. Molto difficile.

8) Suo fratello Pietro insieme a Giovannini furono dei grandissimi capisaldi del teatro e della rivista in Italia. Autori di grandissime commedie musicali. Un ricordo della coppia?

Hanno lasciato un vuoto. Non vedo dei nomi che possano avere l'ascendente, l'importanza di Pietro e di Sandro. Loro hanno inventato la vera commedia musicale italiana. Si fa tanta comfusione col musical di invenzione anglosassone. Ma si basa al ballo, canto, musica priva di storia. E' una scusa per montare uno spettacolo. La commedia musicale che hanno inventato Pietro e Sandro, da quando hanno aperto il Sistina con Billi e Riva si accorsero che le storie che avevano scritto con l'aggiunta di della musica, del ballo, del canto dei costumi e della messa in scena di Coltellacci e le musiche di Trovajoli, di Kramer e di tanti altri potevano divetare la nuova operetta.

Da "Aggiungi un posto a tavola", "Rugantino" , "Alleluia brava gente", " Se il tempo fosse un gambero". Invenatarono una lingua lanciarono nuovi comici da Enrico Montesano a Gigi Proietti. Lanciarono scrittori, la Lina Wertumuller,Gigi Magni, Scanicci e Talabbusi, Vaime. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/signorisinasce/trackback.php?msg=13474048

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento