Creato da espritnoir il 03/01/2008

Ho cambiato pelle

Diario surreale

 

 

Vie di fuga II

Post n°3 pubblicato il 05 Gennaio 2008 da espritnoir

Alice sentiva che anche Andrea stava provando le stesse sensazioni...lei era una provocatrice...studiava a  lungo la preda, poi ruppe il silenzio : "Ne deduco continuo a non piacerti..." lui balbettò qualcosa tipo ehm no, Alice sfoderò un sorrisseto malizioso e con fare da gatta, lo strinse a sè e gli sussurrò nell' orecchio :"Certo a parole puoi continuare a dirmi di no.... ma il tuo pene mi sta dicendo di sì..."..scoppiarono a ridere...le loro labbra si stavano sfiorando, mentre Andrea aveva allenatato la presa ed era passato alle esplorazioni...Alice intuì che stavano arrivando al punto  di non ritorno, ma prima che i suoi sensi cedessero inesorabilmente alla passione, decise si sferrare l'ultimo attacco: "...E sei sposato sì o no?".... Andrea si allontanò rispondendole :"NO...ma..."
Alice passava su tutto, o quasi, ma era intransigente su certe questioni, sulle questioni di principio, quelle proprio non le scendevano giù, e così: "Ma la piantiamo qui...sai cosa volevo?...quello  che volevo davvero, sin  dall'inizio?...  Farmi una scopata...e se tu avessi fatto l'uomo per una volta in vita tua,e mi avessi affrontato...bhè avremmo consumato....e il fatto che tu sia sposato è una questione irrilevante in sè per sè....ti ho teso la mano....ti sto offrendo una via di fuga, ma tu.."
Qualcuno li interruppe bussando alla porta...Andrea le diede la chiave e s' infilò in uno  dei bagni...Alice uscì con un senso di liberazione sbattendo la porta....anche quella parentesi della sua vita era ormai chiusa....
Ritornò al suo ufficio pensando che alla fine un senza palle rimane un senza palle...

                                                                                               Alice

 
 
 

Vie di fuga I

Post n°2 pubblicato il 05 Gennaio 2008 da espritnoir

Il capo le aveva detto di recarsi al quarto piano per parlare con il direttore della pianificazione aziendale...era in ascensore, stava salendo...era arrivata...lungo tutto il tragitto non aveva fatto altro che pensare a quello che avrebbe fatto, detto se lo avesse incontrato....
La sua paura si era materializzata,Alice se lo ritrovò difronte...era bordeaux...era furioso...ma stava scappando..."prevedibile.... corri coniglio...corri", si disse.        Bussò alla porta del direttore...
Aveva fatto il suo dovere poteva tornare al suo piano, svoltò l'angolo, all' altezza del bagno si sentì afferrare per un braccio...era Andrea..la scaraventò dentro e chiuse la porta a chiave..."Che cosa vuoi  da me?".. Le urlò afferrandola per le braccia e spingendola col suo corpo nell'angolo...lei iniziò a dimenarsi ma non riusciva a divincolarsi, poi ritrovò il suo self-control,e usò la testa..."Non voglio niente da te, mi  hanno spedito qui per questioni burocratiche...il tuo problema qual è, invece?..." A quel punto lui non sapeva cosa dire e la fissò negli occhi...forse cercando un  appiglio...una via di fuga...
Il tempo trascorreva immobile, Alice ripensò a tutte le bugie che aveva sentito, a come l'aveva corteggiata, a tutto quel tempo perso ad ascoltare tutte le sue paure, tutte le lamentele per una vita che non sentiva di aver scelto,perchè avrebbe voluto fare l' artista, il pittore e non l' ingegnere.... a come aveva gestito bene la situazione, con frasi dalla doppia chiave di lettura tirandosi fuori da ogni tipo di responsabilità...a quando aveva scoperto che era sposato, e l'aveva chiamato al telefono per dirglielo e lui aveva negato tutto, interrompendo poi la chiamata....patetico...veramente, patetico...
l
ei  aveva sempre avuto a che fare con  bastardi... uomini che avevano i piedi in più scarpe, ma di un'altra pasta, che ti sfidavano dicendo :"Hey baby, sono una merda, ti farai male, prendere o lasciare"....eppure questa reazione da lui non se la sarebbe mai aspettata...la divertiva la eccitava....
                             (to be continued)
                                                                     Alice
             

 
 
 

Start

Post n°1 pubblicato il 03 Gennaio 2008 da espritnoir

      

E la mia pelle è carta bianca per il tuo racconto....
scrivi tu la fine....io sono pronto....

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Due amanti felici

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell'erba,
lascian camminando due ombre che s'unisco,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.
Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s'uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E' la felicità una torre trasparente.
L'aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.
Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l'eternità della natura.
P. Neruda

 
                                                            L. Lucchi, Amanti
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

espritnoirnellinadgl9martina.righiniAngel.of.Love.xxxLZibaldonemissginevra1barcaccia.viniciojewelfreede_alessiaguido.seddoneditanto_amoreNemwynmythodea6giuseppina.campagna
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Fumo

 
 

ULTIMI COMMENTI

Farsi una scopata. Cos'è, ginnastica? Attività...
Inviato da: LinguaRomana
il 05/01/2008 alle 18:16
 
Vie di fuga o vie di sfogo?!Fa bene scrivere...Aiuta la...
Inviato da: vogliolafavola78
il 05/01/2008 alle 16:55
 
con l' ironia si vince tutto!
Inviato da: espritnoir
il 05/01/2008 alle 16:10
 
finale ironico ..ma verissimo !!!!!!!!! brava...un bacione
Inviato da: shatzy.shall
il 05/01/2008 alle 15:40
 
Si...crescremo insieme...
Inviato da: espritnoir
il 05/01/2008 alle 03:14
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963