Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« .Post N° 11 »

Post N°10

Post n°10 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da socialismoesinistra

 

Democrazia nei Partiti e rapporto coi cittadini

 

Cari compagni e care compagne,

la situazione politica italiana all’indomani del voto del 13 e 14 Aprile, con la vittoria schiacciante del Centro Destra e la scomparsa della pluralità di voci del Centro Sinistra ci impone delle riflessioni.
Io sono un compagno di sezione, vivo la dimensione territoriale della politica e per questo propongo una riflessione sull’organizzazione interna dei partiti e sul loro rapporto con la base.
E riparto dal secolo scorso. I maggiori Partiti italiani (DC, PSI, PCI) avevano tutti una struttura interna organizzata per livelli decisionali graduali e fortemente radicata nel territorio. Gli iscritti partecipavano della vita del Partito attraverso la Sezione, questa portava le istanze del territorio ai livelli superiori e poi la politica nazionale del Partito arrivava a tutti i  cittadini. Ognuno sapeva dove trovare la politica e con chi parlarne, perché i Partiti ponevano la centralità della loro azione nel rapporto quotidiano col territorio.
 
E’ il caso di ricordare, per esempio, che nel Primo Statuto della Democrazia Cristiana (1948), cioè nel suo atto di nascita, era scritto:

La Sezione è  l’unità organica fondamentale del Partito. La sua costituzione viene approvata dal Comitato Provinciale. Alla Sezione compete in ogni caso procedere all’ ammissione e al tesseramento dei soci come compete la loro rappresentanza nei Congressi di Partito.

Allo stesso modo, anche i due grandi Partiti della Sinistra italiana, il PSI e il PCI, ponevano l’accento sulla centralità della Sezione e lavoravano sul territorio ognuno con le sue differenze e il suo metodo. E questa stessa impostazione hanno mantenuto tutti anche negli Statuti successivi, fin  quasi ai giorni nostri.
Perchè come i Partiti funzionavano in modo graduale al loro interno, così il sistema elettorale Proporzionale premiava in base al numero dei voti ottenuti. In questo modo il Parlamento esprimeva le differenti scuole politiche in base alla maggiore o minore presenza dei Partiti sui luoghi di lavoro e nel territorio. E per fare il governo era sempre assolutamente necessario trovare il punto d’incontro tra partiti differenti per dare vita a una colazione di maggioranza, come per le forze democratiche all’opposizione dialogare e fare battaglie comuni. E questo per noi italiani era la democrazia: una politica tangibile, la certezza di contare per il proprio voto, la possibilità di vedere rappresentate in Parlamento le diverse opinioni. 
Oggi non é più così: la politica si afferma e si realizza senza il necessario rapporto coi cittadini, quasi non debba rendere conto di quello che vuole decidere e attuare per la collettività. Oggi veniamo semplicemente informati delle scelte e degli orientamenti dei Segretari di Partito e chiamati ad esprimere il nostro consenso o il nostro dissenso. La partecipazione non c’è o è accessoria e nei Partiti maggiori il gradualismo interno è già scomparso.
Ma diciamocela tutta: in questi anni è cambiata anche la legge elettorale. Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, dopo la naturale crisi del PCI, vengono processati anche DC e PSI,  teorizzata la fine delle ideologie e  affermata una concezione pragmatica e tecnica della politica. Messo sotto accusa il sistema Proporzionale, col Maggioritario, dal 1993 in poi (partendo dal cosiddetto “Mattarellum’’ per arrivare al “Porcellum’’ e al tentativo del ”Vassallum”), viene premiato il partito vincitore a scapito della varietà espressa dall’elettorato, il potere decisionale di uno a scapito della consultazione delle opinioni degli altri e il rafforzamento del potere del leader della coalizione si impone come l’unico mezzo per gestire una maggioranza o un’opposizione. Questa è, secondo me, una deriva autoritaria che poco o nulla ha a che vedere con lo spirito della Sinistra e soprattutto con la storia del nostro Partito.
Quando nascemmo, 116 anni fa, non a caso ci siamo chiamati Partito dei Lavoratori Italiani prima che Partito Socialista Italiano e ci siamo subito costruiti democraticamente al nostro interno: oltre alla centralità delle Sezioni nel lavoro sul territorio e alla gradualità  delle scelte del Partito, abbiamo sempre avuto un grande rispetto per le opinioni dei singoli compagni e delle singole compagne e abbiamo avuto molte correnti che hanno contribuito a costruire le scelte della Direzione. E soprattutto abbiamo un patrimonio enorme di sezioni, sparse su tutta la Penisola, radicate da decine di anni nelle città e nei piccoli centri che lavorano ogni giorno coi cittadini e gli iscritti, tra mille difficoltà.
Per questo, oggi, davanti al drammatico vuoto parlamentare e alla legittima domanda del ‘’Che fare?’’, rispondo, a chi ancora pensi a una prospettiva di costruzione col PD, che questa non può essere la soluzione. Anzitutto perché proprio in questi giorni Veltroni (La Repubblica- 24 maggio 2008) ha affermato che in futuro il suo Partito non farà un'altra alleanza come l'Unione, poi perché francamente in questi mesi non mi è sembrato molto interessato a costruire qualcosa con noi, infine perché è un Partito che non può svolgere un’azione politica determinata dal confronto costruttivo coi problemi dei cittadini. E lo dico non solo avendone visto le prime mosse in Parlamento ma soprattutto avendone letto lo Statuto. Primo perché nel PD i cittadini e gli iscritti sono elettori diretti del Segretario e dell’Assemblea Nazionale ma non determinano il dibattito a livello locale, secondo perché la partecipazione di base è affidata ai Circoli, che sono indifferentemente luoghi fisici o virtuali della rete internet e che si connotano piucchealtro come luoghi di aggregazione e discussione ma con poco margine di intervento. Insomma, in questo momento difficile e cruciale, pensiamo davvero di poterci rivolgere principalmente ad un Partito che ha al suo centro la figura del Segretario e a monte il superamento di un ottica di Sinistra? Ad un Partito che porta avanti una politica parlamentare autoreferenziale  e non ha un rapporto organico con la base?
Secondo me oggi, noi Socialisti, dobbiamo necessariamente guardare a Sinistra. Con il nostro patrimonio ideale, la capacità di costruire una società migliore, la concezione laica dello Stato, per trovare un’interlocuzione con quelle forze politiche che sono ancora attente ai problemi dei lavoratori, all’istruzione dei giovani, alla tutela delle garanzie sociali e alle battaglie per i diritti civili. Dobbiamo insomma guardare ai Partiti che hanno ancora un rapporto costante coi cittadini, perché sono agganciati saldamente alla realtà, presenti sul territorio e con una dialettica interna. Perché sono le forze politiche che oggi stanno pensando a come risolvere i problemi del Paese (che purtroppo sono una cosa reale)  che stanno cercando a una prospettiva di unità della Sinistra e che sono più simili a noi e nel metodo e nella pratica quotidiana.
Per fare questo però abbiamo bisogno del Partito. Di un coraggioso Partito Socialista che decida di ripartire dalla concretezza, che  dialoghi a Sinistra e dia veramente centralità al lavoro quotidiano delle nostre Sezioni, appoggiandole nel loro intervento sul territorio e sostenendole nelle difficoltà.


Marco Zanier

Relazione al Convegno "Riformare la politica, Socialismo e Sinistra" del 29 Maggio 2008

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra