Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Messaggio #41Messaggio #43 »

Noam Chomsky- “Pirati e imperatori”

Post n°42 pubblicato il 12 Gennaio 2009 da socialismoesinistra

 

 

 

La guerra al terrorismo e le ipocrisie dell’Occidente

 

Noam Chomsky è un celebre studioso di linguistica e professore emerito in tale settore al Massachusetts Institute of Technology. E' considerato il fondatore del più importante indirizzo di linguistica del XX secolo, la 'grammatica generativo-trasformazionale'.

Ma l'importanza del pensiero di Chomsky va ben al di là della linguistica, e coinvolge la politica, la filosofia, la psicologia, la logica e la scienza della comunicazione. 

Il suo impegno politico e sociale risale agli anni Sessanta, quando si impegnò in una posizione chiara e netta contro la guerra in Vietnam. La sua acuta, tagliente e profonda critica nei confronti della politica estera di diversi Paesi, ma soprattutto degli Usa, lo hanno reso la coscienza critica dell'Occidente ed uno degli intellettuali più celebri e più seguiti dalla sinistra radicale in America e nel mondo.

Noam Chomsky ha duramente denunciato la strumentalizzazione dei media statunitensi da parte dei potenti gruppi economici di quel Paese e la politica fortemente aggressiva degli Usa a partire dalla seconda guerra mondiale.

Nonostante sia stato criticato per le sue chiare e forti posizioni, Chomsky è anche stimato e tenuto in gran considerazione dalla stampa, tanto da far scrivere ad un giornale come 'The Guardian' che "Insieme a Marx, Shakespeare e alla Bibbia, Chomsky è tra le dieci fonti più citate nella storia della cultura".

Il suo testo "Pirati e imperatori" è senza dubbio uno degli strumenti più validi e più profondi che siano stati scritti sul tema del terrorismo. L'apertura della prefazione, a chiarimento del titolo, è di un acume sorprendente: "Sant'Agostino racconta la storia di un pirata catturato da Alessandro Magno, il quale gli chiese come osasse creare scompiglio sul mare. 'Come osi tu creare scompiglio in tutto il mondo?' gli rispose il pirata. 'Poiché io lo faccio con una piccola nave, mi chiamano malfattore; mentre tu, che lo fai con una grande flotta, sei chiamato imperatore". La risposta del pirata, giudicata da Sant'Agostino 'elegante ed eccellente', sta a rappresentare esattamente l'atteggiamento odierno dell'Occidente, che dà per scontato che i suoi nemici debbano sopportare ogni sorta di prepotenze e di aggressioni che, se fossero dirette contro 'l'imperatore' e i suoi vassalli, scatenerebbero una violenza inaudita, sia mediatica che militare.

Gli esempi riportati sono innumerevoli. Ma uno in particolare è esemplare, perché gli esempi specifici rivelano  L’ atteggiamento occidentale di fronte al terrore ancor più di un'analisi dettagliata del quadro generale.

Tutti ricorderanno il caso dell'uccisione brutale di Leon Klinghoffer, un anziano statunitense paralitico, durante il sequestro dell'Achille Lauro nell'ottobre del 1985. I media ne parlarono ampiamente e l'Occidente ne fu giustamente inorridito. Tale crimine non avrebbe certo potuto essere ignorato o giustificato dalla rivendicazione dei sequestratori, secondo i quali era stata una rappresaglia per il bombardamento israeliano di Tunisi, come sempre appoggiato dagli Usa, in cui la settimana precedente erano rimasti uccisi settantacinque tunisini e palestinesi.

Ma nessuno certamente ricorda il caso del palestinese Kemal Zughayer perché gli stessi media occidentali reagirono in maniera completamente diversa di fronte al ritrovamento dei resti schiacciati di una sedia a rotelle nel campo profughi di Jenin, dopo l'attacco violento di Sharon. Anche in questo caso si trattava di un povero paralitico, ma questa volta era un palestinese, sul quale erano passati i carri armati israeliani mentre cercava di spingersi per la strada. Quando fu ritrovato, gli mancavano la gamba e le due braccia, mentre la faccia era aperta in due. Tale testimonianza venne riportata da alcuni giornalisti britannici.  "Evidentemente - commenta Chomsky - questo episodio non meritava neppure di essere riportato dai media statunitensi e, se lo fosse stato, sarebbe stato smentito con l'accompagnamento di un fiume di accuse di antisemitismo, che avrebbero probabilmente indotto alla richiesta di scuse e alla ritrattazione. Se riconosciuto, questo crimine sarebbe stato liquidato come un errore involontario nel corso di una rappresaglia giustificata; non è certo lo stesso atteggiamento adottato nel caso dell'atrocità dell'Achille Lauro. Kemal Zughayer non entrerà negli annali del terrorismo insieme a Leon Klinghoffer".

Gli esempi di questo comportamento ambiguo ed ipocrita dell'Occidente riportati nel testo di Chomsky sono innumerevoli. Ma ancor più sconcertante è l'inesistenza di memoria storica, che permette la diffusione di ogni genere di asssurdità nel mondo 'libero e democratico'.

Si parla di 'guerra al terrorismo'  come se fosse un'invenzione di George W. Bush dopo l'11 settembre. In realtà, fa notare Chomsky, George Bush non dichiarò la 'guerra al terrorismo', ma la rilanciò. Tale 'guerra', infatti, era stata già dichiarata nella metà degli anni Ottanta dall'amministrazioine Reagan-Bush, con lo stesso linguaggio propagandistico e perfino con gli stessi attori della fase odierna. Responsabile diplomatico negli anni più violenti degli attacchi americani in America centrale era l'ambasciatore John Negroponte, poi nominato nel 2001 da Bush alla guida della componente diplomatica della nuova 'guerra al terrorismo' presso le Nazioni Unite. L'inviato speciale in Medio Oriente quando furono compiute le più gravi atrocità in Libano e nei Territori Palestinesi era Rumsfeld, che sarebbe stato poi a capo della componente militare nella nuova fase. Oggi sappiamo che è a lui che risale la responsabilità  degli orrori commessi nel carcere iracheno di Abu Ghraib.

Ma lo sconcerto è ancora più grande quando veniamo a sapere che tale seconda fase della 'guerra al terrorismo'  è guidata dall'unico Stato che sia stato condannato per terrorismo dalla Corte internazionale, cioè dalla massima autorità internazionale in materia. La 'guerra al terrorismo' degli anni Ottanta fu condotta infatti dagli USA 'con una barbarie indicibile e lasciò sul campo circa duecentomila morti e un milione di profughi e orfani in Paesi devastati'.

Tali attacchi terroristici colpirono diversi Paesi, ma furono particolarmente spaventosi in Nicaragua, ove lasciarono migliaia di vittime e un Paese distrutto. Il Nicaragua si rivolse allora alla Corte Internazionale, che dichiarò gli Stati Uniti 'colpevoli di uso illegale della forza' ed ordinò al Governo americano di porre fine ai suoi atti di terrorismo, imponendo anche notevoli risarcimenti. Washington ignorò ovviamente tale sentenza e continuò i suoi attacchi con intensità ancor maggiore, in totale dispregio del diritto internazionale.

A questo punto molte sono le riflessioni da fare e le domande da porsi, le cui risposte sono, direi, scontate:

A chi giova la cancellazione della storia?

Perché  tutto il mondo politico tace, cioè perché nessun politico di nessun orientamento politico in Occidente sa o dice  che i paladini della 'lotta al terrorismo' sono in realtà il primo governo dichiarato da un Tribunale Internazionale” colpevole  di un uso della forza illegale”.

E che dire dell'ipocrisia di un linguaggio che parla di ritiro dall'Iraq entro il 2011, invece di parlare di altri tre anni di occupazione?

O dell'altra grande ipocrisia che prevede l'aumento delle truppe in Afghanistan e allo stesso tempo ammanta le operazioni militari con una vuota retorica 'pacifista'?

E' di oggi la notizia che l'esercito israeliano ha colpito la sede dell'Onu, ha colpito la sede della Mezzaluna rossa, ha colpito un grande ospedale, ha colpito il palazzo della stampa internazionale, ha ucciso il ministro degli Interni di Hamas. Ovviamente il ministro della Difesa israeliano Barak si è scusato per il 'grave errore', il Segretario dell'Onu si è mostrato 'indignato' per l'attacco, mentre il premier Olmert si è giustificato dicendo che dal palazzo dell'Onu erano in corso attacchi contro gli Israeliani. Ma provate a ribaltare la situazione: immaginate che Hamas abbia bombardato il palazzo delle Nazioni Unite, che abbia colpito un ospedale o che abbia ucciso un ministro israeliano. Quale sarebbe stata la reazione delle istituzioni internazionali occidentali, degli Usa e dei loro vassalli? Veramente pensate che si sarebbero limitati ad una generica indignazione o che avrebbero tentato di giustificare in qualunque modo attacchi così gravi?

.

 Marcella Guidoni 

dott.sa in Antropologia

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra