Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Messaggio #43Messaggio #45 »

Post N° 44

Post n°44 pubblicato il 14 Gennaio 2009 da socialismoesinistra

.

.

Le crisi   - parte seconda

.

5.    La risposta della destra

La risposta della destra è molto più efficace e vicina agli interessi immediati dell’uomo della nuova antropologia. Tremonti nel suo libro, tra paura e speranza è l’unico a proporre una risposta al nuovo mercatismo. Sarebbe inutile evidenziare che tra le più grosse responsabilità che Tremonti addebita alla globalizzazione ci sono quelle del “capitalismo finanziario” di cui egli stesso fu padre riconosciuto della “finanza creativa”.

La proposta di Tremonti è condivisibile nello strumento: fare cioè dell’Europa un soggetto politico che guida l’azione delle nazioni aderenti. Molto meno condivisibile è l’individuazione dell’obiettivo dell’azione che l’Europa dovrebbe indicare e cioè quello di fare dell’Europa una  fortezza a difesa dal mercatismo mondiale.

Su altri fronti la destra sta dando risposte indecenti (salvo quella di rimarcare la presenza dello stato a salvaguardia delle discariche) di una volgarità degna del peggior leghismo.

6.   Le risposte della sinistra

Non ci sono, non ne vedo, posso cercare di impostare un ragionamento che si può sviluppare.

6.1           Non scimmiottare la destra

L’attitudine di rincorrere il programma della destra è la prima cosa da evitare.

 Nell’intervento conclusivo della campagna elettorale del 2006 Berlusconi promise l’abolizione dell’Ici. Il centro sinistra nella finanziaria 2008 ha imitato in forma ridotta la promessa di Berlusconi.

Per anni Berlusconi promise di eliminare l’Irap, non ne fece nulla e neppure la commissione europea che Berlusconi sperava dichiarasse illegittima l’Irap venne in surroga alle millantate promesse della casa delle libertà.

Il governo di centro-sinistra ha regalato agli industriale il cuneo fiscale, senza trarne alcun benefiico né di immagine né di vantaggi elettorali.

Per anni Berlusconi promise la riduzione delle imposte, ma in pratica distrusse la Dual Income Tax  e diede piccoli sgravi con i suoi moduli.

Con la finanziaria 2008 il centro sinistra ha regalato alle imprese la più grossa riduzione fiscale mai concessa; l’aliquota Ires scende del 17%, quella Irap dell’8%, senza saper vendere questi risultati ma facendo ogni sforzo per far dimenticare il governo Prodi.

Non ci giova scimmiottare la destra, occorre un salto quantico nella proposta politica.

6.2         Mettere la scienza al centro del modello di sviluppo.

Questo che è il punto centrale della mia proposta richiede una citazione autorevole che sta a monte del mio ragionamento e della mia proposta: mi riferisco ai Grundrisse di Marx.

Nei Grundrisse di Marx, affrontando il tema della produzione industriale avanzatali filosofo di Treviri abbozza un superamento delle categorie smithiane – terra, capitale e lavoro – considerando che nella produzione moderna l’intervento del sapere, le conquiste della scienza, la diffusione dei saperi trasformano il modo di produzione facendolo dipendere da un nuovo fattore produttivo che è il general intellect, che si presenta come il maggior fattore produttivo moderno.

L’operaio non è più l’agente principale della produzione ma si pone a fianco del processo stesso come sorvegliante e regolatore. “Non è né il tempo di lavoro immediato, eseguito dall’uomo stesso, né il tempo che egli lavora, ma l’appropriazione della sua produttività generale, la sua comprensione della natura e del dominio su di essa attraverso la sua esistenza di corpo sociale, in una parola è lo sviluppo dell’individuo sociale che si presenta come il grande pilone di sostegno della produzione e della ricchezza.”

Al di là delle elucubrazioni sociologico-ideologiche che i vari Braudel, Guattari e Negri hanno fatto di questi passaggi negli anni 70, tra le quali la ricerca di tempo libero come risultato rivoluzionario del macchinismo, quando invece assistiamo alla detassazione degli straordinari e l’autorizzazione dell’europa a lavorare sino a 60 ore. Al di là delle seghe mentali dei sociologi,   rimane l’affermazione materialistica di Marx: “Il furto del lavoro altrui, su cui poggia la ricchezza odierna (quella dei suoi tempi) si presenta come una base miserabile rispetto a questa nuova base che si è sviluppata nel frattempo e che è stata creata dalla grande industria stessa”.

In pratica, fatte le dovute riflessioni, il salto quantico che propongo come linea per il pensiero socialista, è quello di porre come soggetto centrale della nostra politica il nuovo lavoro, scientifico, qualificato, attore della produttività, considerando i lavoratori non “scientifici” come un residuo del vecchio modello di produzione oggetto di emancipazione non certo di fungere come classe generale.

L’obiettivo in termini marxiani è quello di prendere coscienza che l’operaio scientifico “nel cui cervello risiede il sapere accumulato dalla società” rappresenta un nuovo protagonismo nel processo produttivo, evitando che la scienza sia sussunta dal capitale diventando sapere morto incluso, incapsulato nelle macchine.

Il fatto  è che gli sviluppi scientifici non si trasferiscono nel prodotto lavorato, se non come aumentata produttività, ma rimangono nel cervello di chi quello sviluppo scientifico ha pensato, rimangono cioè come valore d’uso del lavoratore collettivo scientifico.

Nel momento in cui si va alla rideterminazione dei contratti di lavoro, che Confindustria vorrebbe trasformare in contratti individuali, con la protezione del nuovo clima politico, va ribadito un nuovo protagonismo dei lavoratori scientifici come punto di riferimento per i nuovi contratti. E molto del mondo precario, delle partite iva vanno ricondotte a questo soggetto di riferimento.

Insomma in un momento di crisi del capitalismo, di crescente peso della scienza nella battaglia per la competitività, occorre trovare un referente nuovo del protagonismo della classe del lavoro. Negli anni 70, con la lotta per la “prima parte dei contratti” si tentò un salto di questo tipo, con la politica dell’EUR. Oggi il nuovo salto quantico si ripresenta  come superamento di un certo garantismo sindacale, di tutela assistenziale con aspetti di sindacalismo compassionevole e come nuovo protagonismo nella lotta di classe.

6.3          L’Africa come nuova frontiera

 Olof Palme, un mito della socialdemocrazia europea, negli anni ’70, per prevenire le immigrazioni dai paesi più sfortunati di noi, proponeva di investire qualche punto di PIL direttamente nei paesi di origine degli immigrati.

Ora è storicamente noto che la simbiosi tra paesi più sviluppati e paesi meno sviluppati crea una virtuosa sinergia. Il paese meno fortunato si avvale degli aiuti dell’altro paese che nel frattempo crea un mercato a lui affezionato.

Veltroni non parla più di Africa. Ma dopo la riunione della FAO se l’Europa partecipasse ad un progetto per incrementare la produzione agricola africana, dimettendo il protezionismo contro le importazioni da quel paese, contribuirebbe a salvare quel continente da un declino senza fondo e si creerebbe un mercato sinergico per i suoi prodotti.

6.4         Meritocrazia

Va per la maggiore, Brunetta docet, la ricerca della meritocrazia. La posizione dei socialisti deve a mio parere appoggiare in pieno la ricerca di questo valore con due warnings:

a)   la meritocrazia si misura. I parametri per la misurazione non sono neutrali. Occorre evitare che la misurazione della meritocrazia sia una misurazione di classe.

La meritocrazia funziona solo in presenza di un pensiero fisso di Einaudi, un valore desueto e dimenticato, ma che riveste un’importanza basilare. L’eguaglianza dei punti di partenza. E’ un valore che dovremmo perseguire

.

Renato Gatti

Dottore Commercialista-esperto in Economia aziendale 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra