Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Messaggio #48UN CONGRESSO NUOVO: RAGI... »

Post N° 49

Post n°49 pubblicato il 18 Gennaio 2009 da socialismoesinistra

.

La settimana lavorativa di quattro giorni

.

Esaminiamo questa proposta, sorta in Germania e prontamente riproposta in Italia dal ministro Sacconi, da due punti di vista: come strumento di ammortizzazione sociale, come strumento di supporto alla domanda aggregata.

         Cominciamo con il primo aspetto: immaginiamo una struttura economica in cui si producono beni da parte di 4 lavoratori per 5 giorni la settimana per 8 ore al giorno. Il tempo di lavoro sarà quindi 4 x 5 x 8 = 160. La produttività è pari a 1, i salari (1 € l’ora) pari a 160€.

         Il crollo della domanda la porta a richiedere beni per sole 120 ore di lavoro, per cui l’imprenditore licenzia un lavoratore riducendo la produzione a 3 x 5 x 8 = 120. Se non esiste la cassa integrazione l’operaio licenziato si aggiungerà al popolo dei poveri. Se c’è la cassa integrazione il sistema di welfare si farà carico del lavoratore disoccupato secondo le norme in vigore.

         Se invece di licenziare il lavoratore si riduce la settimana di una giornata lavorativa e si riduce la giornata lavorativa a 7.5 ore, si avrà allora una produzione pari a  4 x 4 x 7.5 = 120. In questo modo si è applicata un comportamento solidaristico cui le forze sindacali sono molto sensibili. Ancora però, si deve considerare se alla riduzione del tempo di lavoro il sistema preveda o meno un intervento della cassa integrazione. Se questa non interviene i lavoratori si vedranno decurtati i loro salari in proporzione al minor tempo lavorato, se al contrario interviene la cassa integrazione il sistema del welfare si farà carico di integrare la decurtazione di salario secondo le norme in vigore.

         Abbiamo quindi quattro casi: due che incidono sui salari erogati a causa del licenziamento ovvero della riduzione del tempo di lavoro. Altri due casi prevedono invece l’intervento della cassa integrazione che reintegra in parte o in toto il salario perso nei due casi precedenti.

         In tutti e quattro i casi precedenti l’imprenditore scarica completamente l’effetto del calo della domanda sui suoi dipendenti che solo in due casi, con l’intervento della cassa integrazione ed al sistema di welfare, riescono ad attenuare la perdita di salario.

         Se dovessimo considerare tre macrosoggetti ovvero; i salari, le imprese, il sistema di welfare, vedremmo che le imprese non ci rimettono mai, se non gli effetti di scala delle minori produzioni; i salari ci rimettono in tutti e quattro i casi e solo in due riescono ad attenuare le conseguenze negative facendo ricorso al sistema di welfare. 

         Considerando questi quattro casi dal punto di vista del supporto alla domanda aggregata, vediamo subito che le quattro soluzioni non servono in alcun caso allo scopo.

         Nei due casi in cui interviene la cassa integrazione il supporto alla domanda è uguale alla condizione di partenza solo se il supporto della cassa reintegra il 100% del salario perso. Se l’integrazione è inferiore al 100% la domanda già diminuita, subisce un ulteriore decremento che rischia di mettere in moto una spirale recessiva.

         Nel caso in cui, poi, la cassa integrazione guadagni non interviene, ci troviamo di fronte ad un effetto molto netto e negativo sulla domanda aggregata.

 Quindi in presenza di effetti recessivi che potrebbero a loro volta generare ulteriore sottoimpiego dei fattori della produzione, con conseguente ulteriore riduzione della domanda aggregata, l’intervento del sistema del welfare è fondamentale per attutire gli effetti negativi, anche se è inefficace quale strumento di rilancio della domanda.

 Dobbiamo ora approfondire un aspetto, e cioè quello relativo al finanziamento della cassa integrazione. Da un’analisi formale la cassa è finanziata in parte dai lavoratori (non tutti però ne contribuiscono e ne godono) ed in parte, preponderante, dai contributi a carico del datore di lavoro.

Ma occorre esser chiari; il datore di lavoro ragiona in termini di costo aziendale della mano d’opera, ivi inclusi tutti i contributi conseguenti ed ivi inclusa anche l’irap – anche se questa non sempre è calcolata sul totale costo dl lavoro (cuneo fiscale) né sempre è dovuta (come nel caso in cui la perdita ecceda il valore imponibile del costo del lavoro). Ciò significa che il contributo alla cassa integrazione guadagni non è altro che una modalità di pagamento dei salari che invece di essere messi in busta paga sono versati al fondo Cig: ne consegue che la cassa è finanziata in toto dai lavoratori ed il contributo formalmente a carico del datore di lavoro è una componente del costo del lavoro aziendale unico parametro considerato dal datore di lavoro nel suo calcolo economico. Ne deriva che la cassa integrazione è finanziata dal monte salari per cui l’attenuazione dei disagi di cui parlavamo analizzando i quattro casi di effetti derivanti dalla riduzione della domanda, è dovuto unicamente al sistema solidale dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali.

Certo è che il ricorso alla cassa integrazione in quantità inusitate (generalmente la cassa espone utilizzi inferiori alle contribuzioni) potrebbe portare all’esaurimento delle disponibilità.

Sarebbe allora raccomandabile che il sistema fiscale contribuisse a rafforzare le potenzialità di questa cassa in particolare nei momenti di difficoltà. E se è giusta la nostra analisi secondo cui la crisi attuale è una crisi di domanda a sua volta derivante da un inedito spostamento di punti di PIL dai salari ai profitti, ci sembra logico proporre che il finanziamento della cassa integrazione guadagni avvenga con i proventi di una rinnovata imposta sulle successioni, misura peraltro presa dal governo francese

Tale tipo di finanziamento avrebbe da una parte un benefico effetto redistributivo, dall’altro costituirebbe un supporto alla domanda aggregata.

.

Renato Gatti

Dottore commercialista- esperto in economia aziendale

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra