Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« UN CONGRESSO NUOVO: RAGI...Messaggio #54 »

Post N° 53

Post n°53 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da socialismoesinistra

.DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELL'ASSOCIAZIONE
"NUOVA SINISTRA PER IL SOCIALISMO"

                                       (Parte 2)

.

Sul piano internazionale, la situazione si presenta piena di incognite e irta di pericoli. C'è la crisi economica mondiale, che colpisce tutte le maggiori potenze industriali travolgendo i Paesi in via di sviluppo e, in particolare, quelli arretrati. Al momento non si avvertono, a fronte di una caduta verticale della domanda mondiale, segnali di una imminente forte ripresa del processo di accumulazione capitalistica. Continua ad estendersi la mappa dei conflitti armati che negli ultimi dieci anni hanno provocato scontri sanguinosi, terrorismo, massacri collettivi, faide, esodi di massa, genocidi, carestie e pestilenze, traffico di droga, corruzione politica, emarginazione di identità etniche e tribali in Africa, nel Caucaso, nei Balcani e nel Medio Oriente. Si intensifica il traffico delle armi ad opera soprattutto degli Stati Uniti, seguiti dai paesi dell'Ocse (con in testa la Francia, la Gran Bretagna, la Germania, l'Italia e il Giappone) quali maggiori produttori e fornitori di armi, con tutti i benefici derivanti dal cosiddetto keynesismo militare.

Sempre più aggressivi gli Stati Uniti che con il loro unilateralismo e la dottrina Bush della "guerra preventiva" accentuano i contrasti con le altre potenze occidentali e asiatiche. Contrasti che con le continue oscillazioni del dollaro, ora al rialzo ora al ribasso, con le politiche monetarie e dei tassi di interesse della Fed, congiuntamente alle fluttuazioni di cambio delle altre principali monete mondiali (euro, yen e yuan), tendono pericolosamente ad accentuarsi, fomentando il ritorno di aspre guerre commerciali tra USA, Unione Europea, Giappone e Cina, di nuove forme di protezionismo esasperato, a danno principalmente dei Paesi in via di sviluppo, quale preludio a possibili chiusure delle frontiere economiche nazionali.

Sul piano politico, si registra la sconfitta della cosiddetta "terza via", sulla quale avevano puntato le sinistre riformiste e di governo, illuse di realizzare quella che si è rivelata la quadratura del cerchio: garantire la coesione sociale lasciando libere le imprese di competere senza regole e vincoli contrattualistici. Si assiste invece ad una forte ondata populistica e demagogica da parte delle destre politiche, ormai al governo in quasi tutti i Paesi, che con le loro politiche economiche e monetarie di compressione dei consumi, di privatizzazione di interi comparti dell'economia, di riduzione delle spese sociali e di smantellamento del Welfare State, di riforme costituzionali mirate al rafforzamento del potere degli esecutivi, previa esautorazione del potere legislativo dei Parlamenti, pregiudicano l'esistenza di ogni forma di vita democratica. II che conferma la tesi che quando la crisi del sistema capitalistico tende ad estendersi e ad aggravarsi, allora, come negli anni '20 e '30, in assenza di un'alternativa socialista, è la destra conservatrice o, a seconda dei casi, reazionaria a vincere, con quel che segue. Oggi, come allora, l'alternativa è la stessa: Socialismo o Barbarie.

Per questi motivi l'Associazione intende rilanciare con forza la parola d'ordine del Socialismo impegnandosi a battersi contro tutte le ingiustizie, le guerre e le violenze che ovunque nel mondo generano sofferenze, miserie, odii, rancori, vendette e ritorsioni; contro chi ogni giorno calpesta i più elementari diritti dell'uomo e delle genti che vogliono lavorare, vivere in pace, godere liberamente e pienamente dei piaceri della vita; contro ogni forma di discriminazione razziale, sociale, etnica e religiosa, in nome dell'uguaglianza del genere umano.

Per gli stessi motivi, l'Associazione si schiera dalla parte di tutti i popoli oppressi, in particolare del martoriato popolo palestinese che da anni lotta invano per avere il diritto alla propria autodeterminazione nell'ambito di un libero ed autonomo Stato; dalla parte dell'immensa schiera di diseredati, di immigrati, di emarginati, di giovani in cerca di un lavoro "vero" che non trovano, di lavoratori salariati (che tra occupati e non, rappresentano la maggioranza delle popolazioni attive) soggetti allo sfruttamento dell'organizzazione capitalistica del lavoro e che lottano contro le attuali politiche aziendali dei bassi salari e degli orari di lavoro intensificati e prolungati, contro I'assoluta precarizzazione dell'occupazione e la violazione sistematica dei diritti sindacali e sociali; dalla parte dei pensionati che nei paesi a capitalismo avanzato stanno per diventare maggioranza e che richiedono di esser tutelati al meglio in termini economici, sanitari ed umani; dalla parte infine di tutti coloro che nel campo delle professioni, delle arti, della scienza e della cultura si battono per difendere i loro interessi, la loro dignità, la loro libertà e per una società migliore, spiritualmente più ricca.

Sul piano nazionale, la Sinistra italiana, di ispirazione socialista, al pari di quella europea, dopo la crisi dei "fondamentali" che nel secolo scorso hanno nutrito e plasmato la coscienza critica e guidato l'azione dei partiti e dei sindacati operai, si presenta sul proscenio politico in condizioni di totale disarmo ideologico e culturale.

In grave ritardo nell'opera di rinnovamento del proprio bagaglio teorico e strategico, disgregata e frazionata in più aree politiche fino a costituire un vasto arcipelago esposto alle più disparate correnti di pensiero, la Sinistra si rivela impotente di fronte a problemi di così vasto respiro e portata posti dalla società contemporanea. Incapace di comprendere la natura e le conseguenze degli squilibri causati dai processi di globalizzazione e integrazione dei mercati, dalla relativa perdita di sovranità degli Stati nazionali ormai sottomessi alle strategie economiche, monetarie e finanziarie delle grandi organizzazioni internazionali (FMI, Banca Mondiale, Wto, ecc.), la Sinistra, quella che ancora si richiama alle tradizioni del Socialismo europeo, appare completamente integrata nell'universo dei valori e delle istituzioni vigenti, imbrigliata nella logica del buon governo e della mera amministrazione dell’esistente. Nel migliore dei casi, non si va oltre l'orizzonte teorico-pratico delle obsolete politiche keynesiane per dare soluzione ai problemi posti dalla crisi mondiale che oggi investe l’economia capitalistica. Senza sapere che è proprio l'esaurimento dell'efficacia di queste politiche ad aver screditato una forma di socialismo confusa con una gestione keynesiana del sistema, fornendo cosi al pensiero neo-liberista l’opportunità storica di scatenare un'offensiva ideologica e politica imperniata sulla centralità dell'impresa privata, sulla fine del Welfare State e sulla liberalizzazione del mercato del lavoro.         

Appiattita sull’attuale ordinamento socio-economico, la Sinistra tende ormai ad omologarsi ad un sistema che accentua ed approfondisce le disuguaglianze e le ingiustizie sociali, crea disoccupazione, genera precarietà, insicurezza e povertà, distrugge e sperpera ricchezza. Fatta salva l'intenzione di apportare correttivi e aggiustamenti al sistema e alle sue istituzioni, senza però intaccarne le basi strutturali, la Sinistra, agitando un vago e generico riformismo, opera in totale adesione alle leggi del libero mercato, al culto dell'impresa capitalistica. C'e addirittura chi nelle sue file avalla la tesi dell'identificazione dell’economia di mercato con l’essenza della democrazia.

Sta di fatto che, a tutt'oggi, la Sinistra si è dimostrata incapace di presentare un qualsiasi progetto organico di riforma, a fronte dell'attuale governo di centro-destra che, invece, di progetti di riforma a beneficio esclusivo del sistema delle imprese e delle classi abbienti ne sforna e ne realizza a getto continuo. La verità è che la Sinistra, quella che dice ancora di richiamarsi alla tradizione socialista e laica, ha rotto ogni residuo legame con l'antico patrimonio teorico, politico e culturale del movimento socialista novecentesco, riformista o massimalista che fosse, la cui meta finale era la costruzione di una società socialista. Oggi, non è più in discussione il capitalismo, il mercato e il processo di globalizzazione in corso. Non solo la Sinistra non propone più la socializzazione dei mezzi di produzione, che pur dovrebbe essere il principio informatore di una autentica politica socialista, ma non propone neppure quella dei servizi essenziali come la previdenza, la sanità, la scuola, l'Università, le fonti energetiche, la gestione dell'acqua, dei rifiuti e del trasporto pubblico. Servizi che la Sinistra, come la Destra, dichiara di voler ulteriormente privatizzare.

I compagni dell'Associazione ritengono che un modo di produzione come quello capitalistico non possa funzionare meglio od essere corretto mediante atti di governo sotto una pretesa gestione "socialista", poiché l'origine delle crisi cicliche, dei conflitti sociali e delle disuguaglianze economiche a sociali è iscritta nel DNA del sistema. In realtà, il capitalismo, pur avendo ancora margini di relativo sviluppo, è entrato in una fase discendente del proprio ciclo storico. Tali margini tendono progressivamente ad assottigliarsi a causa della sempre più evidente sproporzione tra l’enorme capacità del sistema di espandere la produzione di beni e servizi e la ridotta capacità della domanda sociale mondiale di assorbirla.

E sulla base di queste premesse e delle tesi qui esposte che l’Associazione intende contribuire, in un confronto permanente con altre associazioni, forze politiche e movimenti d'opinione impegnati nella critica dell'attuale sistema socio-economico, alla rinascita della sinistra italiana ed europea che ritrovi la propria identica politica e culturale in un grande partito socialista moderno, autonomo, autenticamente democratico, profondamente radicato nel mondo del lavoro, dotato di un progetto unitario ed organico di vasto respiro che ne sancisca i valori, ne enunci la teoria sociale e politica, ne formuli i programmi e ne delinei le strategie.

Angelo Ciufo

.

.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra