Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Post N° 65convegno »

Post N° 66

Post n°66 pubblicato il 26 Gennaio 2009 da socialismoesinistra

.

...

Legge Biagi: aut aut, applicazione integrale secondo modelli europei o abolizione immediata.

.

Oggi la questione di una vera sinistra che manca in Italia non può che ripartire da un argomento molto serio: il lavoro e come esso debba essere creato, mantenuto ed innovato. L'Italia si trova a dover affrontare, nel contingente, una crisi sociale senza precedenti, perché se quella internazionale è destinata ad aggravarsi, il rischio è che le già deboli strutture di contenimento del crescente disagio sociale, che già si sono rese abbondantemente più fragili e precarie, saltino del tutto.

 

La legge Biagi nacque in parte per dare una risposta efficace alle sfide della globalizzazione, considerando che la flessibilità nel mercato del lavoro poteva essere un'opportunità per rendere più competitivo un intero sistema economico già molto in affanno.

Soprattutto a causa di un enorme debito pubblico, aumentato scelleratamente anche perché il sistema politico ha sempre deciso di privilegiare la sua crescita a danno di quella del debito del settore privato, e naturalmente questo ha sempre dato al settore privato in Italia ampi margini per politiche tese alla capitalizzazione dei profitti e per manovre speculative.

In questi frangenti, dunque, la precarizzazione è solo servita a contenere perdite e a capitalizzare gli investimenti speculativi, soprattutto in settori finanziari e commerciali.

 

La legge Biagi, ricordiamolo bene, conteneva una precisa indicazione riguardante gli ammortizzatori sociali e la possibilità di riqualificazione del lavoratore, attraverso una sua opportuna formazione professionale o un suo aggiornamento specifico.

 

Evidentemente la realizzazione di un mercato del lavoro che sia flessibile al punto da consentire un aggiornamento del lavoratore e una sua riqualificazione, oltre che un suo rientro nel meccanismo produttivo, è la discriminante tra le vere opportunità di crescita e la schiavitù salariale, accompagnata dalla precarizzazione del senso stesso della vita dell'individuo, fino alla marginalizzazione

della sua dignità di essere umano.

 

Ebbene, sappiamo con molta chiarezza che né i governi guidati dal centrodestra e nemmeno quelli guidati dal centrosinistra sono stati in grado o hanno voluto affrontare questa questione specifica fondamentale per rendere utile ed applicabile la stessa legge Biagi.

Già da vari anni gli indicatori mostrano inequivocabilmente le cifre del suo fallimento, e in particolare dal 2005, un anno prima che il centrosinistra tornasse al governo.

 

Di fatto la legge era già stata allora applicata poco, il 48% dei chiamati in causa nel merito di tale norma, dichiarò infatti la necessità di soggetti esterni per poterla mettere in atto.

Le forme contrattuali più utilizzate, sempre secondo le stime delle associazioni sindacali, erano il lavoro interinale, da adottare nel 79% dei casi nei futuri 12 mesi, e il lavoro a progetto, utilizzato nell'85% dei casi nell'anno precedente. Tra i contratti in ascesa, vi era lo staff leasing, o contratto di somministrazione, utilizzato dal 17% delle aziende; mentre il job-sharing e il lavoro a chiamata o job on call non riscuotevano già allora il favore dei dirigenti, poiché solo un esiguo 1,5% dichiarava di voler adottare il primo e il 12% il secondo. Anche L'Euripses dimostrò che già dal biennio 2002 2003 l'occupazione creatasi si rivelò precaria e funzionale ad un sistema produttivo basato per metà su lavoratori atipici, senza sostegni previdenziali, creditizi e professionali.

 

La situazione quindi già nel 2006, anno dell'insediamento di Prodi, avrebbe dovuto essere affrontata con molta decisione, agendo in particolare sull'applicazione degli articoli che prevedevano ammortizzatori sociali per un' opportuna riqualificazione del lavoratore, come già allora faceva notare anche la CISL per bocca di Pezzotta, il quale invitava a non abolire la legge ma ad applicarla nella sua integrità.

Fatto sta che sono poi passati ben due anni e la questione principe non è stata per niente affrontata, a causa dei veti incrociati in un governo che aveva dentro tutto e il contrario di tutto, e che stava in piedi solo per il rotto della cuffia.

Governi così, che non hanno affrontato con decisione né risolto tempestivamente delle vere e proprie emergenze e priorità di tipo economico e sociale, è meglio che non nascano, perché non hanno una solida base programmatica su cui fondarsi e reggere

all'impatto con i problemi e con il giudizio dell'opinione pubblica.

La prova è stata lampante, quel governo è caduto miseramente dopo circa due anni, vittima della sua inerzia e delle sue contraddizioni, e il prezzo che la sinistra ha pagato, per non essersi  voluta smarcare in tempo da una politica che non ha affrontato responsabilmente le fondamentali questioni del lavoro, è stato pesantissimo, e cioè l'esclusione dalla rappresentanza parlamentare.

Il governo di centrodestra, d'altra parte, appena si è insediato non ha certo brillato per iniziativa in tale senso, e nulla di sostanziale pare voler fare sul fronte della riconversione e riqualificazione del lavoratore, né su quello degli ammortizzatori sociali, concede anzi una lunghissima cassa integrazione solo a certe categorie, che per altro rifiutano di riqualificarsi nello stesso settore di provenienza come nel caso Alitalia.

 

Come sostiene Ichino: «La direzione in cui vogliamo muoverci è quella della migliore flexicurity europea, per conciliare e adattare strutture produttive con il massimo possibile della sicurezza e del benessere economico delle persone. Che non sempre si possono costruire su un singolo posto di lavoro, bensì su un mercato del lavoro efficiente e con sostegni ai lavoratori in mobilità o in attesa di una nuova occupazione».

Quali sono dunque i casi europei da cui si può prendere esempio?

Quello francese, che prevede l'introduzione graduale di forme di protezione dell'impiego, mediante una indennità di licenziamento, che dovrebbe aumentare gradualmente, in maniera parallela alla sua permanenza in un'impresa. Tutto questo però dovrebbe avvenire con un contratto a tempo indeterminato, uguale per tutti e a prescindere dalletà del lavoratore. Nello stesso tempo, la durata massima dei contratti a tempo determinato dovrebbe ridursi al massimo a dieci-dodici mesi.

Naturalmente, in  questo caso, si tratta di scommettere se i giovani lavoratori accetteranno un percorso verso la stabilità a partire da un contratto che, solo in linea teorica, non presenta limiti di durata.

Oppure quello danese detto anche della "flexsecurity", che unisce la flessibilità economica alla sicurezza sociale. In Danimarca un impiego dura in media pochi anni, e ogni danese cambia varie volte datore di lavoro nel corso della sua vita lavorativa.

Gli imprenditori sono molto liberi di licenziare, però il lavoratore licenziato, dal primo giorno di disoccupazione, percepisce un assegno da parte dello Stato pari all'80-90% del suo stipendio per quattro anni. E un modello sociale che privilegia la persona rispetto al posto di lavoro, e che investe fortemente sulla formazione dei lavoratori per indirizzarli verso nuovi settori. E' un modello che costa parecchio e che non è vero che l'Italia non potrebbe permettersi, lo potrebbe solo se sapesse recuperare pienamente l'evasione fiscale, perché, ricordiamolo bene, questa equivale a ben 5 corpose finanziarie ogni anno.

 

Comunque si voglia procedere, alcuni dati sono evidenti.

Non si può restare fermi ad un modello che umilia il lavoratore portandolo alla schiavitù salariale e mortificando la sua dignità di essere umano, oltre che esporlo ad una vecchiaia di miseria ed emarginazione. La legge Biagi deve essere profondamente riformata nei suoi meccanismi applicativi, seguendo le grandi linee già in atto nei paesi europei più avanzati.

Nel caso in cui tale azione tempestiva non verrà messa in atto, ma continuamente procrastinata a tempo indeterminato, sarà più opportuno promuovere, come ultima ratio, un referendum per abolirla, qualora le forze politiche non possano prendere  in considerazione tale eventualità. Perché, non nascondiamocelo, oggi proliferano gli squali che mordono i lavoratore, capitalizzano sul suo sfruttamento e poi scappano allestero, i sindacati lo sanno bene, dato che in questo periodo sono oberati di cause e di denunce alle autorità di finanza per poter almeno tamponare tale prassi criminale.

 

Le forze della sinistra democratica che vogliono unirsi e ripresentarsi in Parlamento, con un progetto efficace e duraturo, per raccogliere consensi crescenti da un'opinione pubblica sempre più afflitta e disorientata e colpita nei suoi bisogni primari, devono elaborare una piattaforma comune in tal senso: profonda riforma della legge Biagi, su base europea o mobilitazione di massa per la sua abolizione.

I sindacati che maggiormente sentono di rappresentare le istanze della sinistra non devono indulgere nella tentazione di autocrogiolarsi in una opposizione sterile ed autoreferenziale, non mirata ad incalzare le forze di governo su questioni vitali. E debbono altresì trovare un modo di reagire duramente ad ogni tentativo di dividere il fronte sindacale per poter meglio imporre una linea che, di fatto, riduce progressivamente i diritti dei lavoratori, imponendo loro la necessità dello status quo, come se ad esso non vi fosse alcuna alternativa. E che è aggravata dalle incoerenze e dalle menzogne governative, le quali portano prima a promettere gli sgravi fiscali sul lavoro straordinario e poi a smentire il tutto, consentendo alle aziende di abolire gli straordinari per imporre al lavoratore solo dei recuperi.

Invece l'alternativa va trovata ristrutturando l'apparato produttivo e quello pubblico con l'intento di valorizzare le professionalità, e senza per questo mettere in atto una politica repressiva e punitiva che spara nel mucchio, riducendo a tutti diritti fondamentali, con il misero intento di colpire le "mosche fannullone" con un fucile a pallettoni, che fa più danno che altro.

 

Pertanto, o la legge Biagi trova per la sua integrale applicazione una convergenza di forze politiche e sindacali, tese a reperire le risorse essenziali per la concretizzazione a vantaggio del merito e della professionalità del lavoratore, per inserirla e riconvertirla, senza limiti di età, solo in base alla capacità del lavoratore stesso di autopromuoversi con uno sforzo di autoformazione permanente, oppure va abrogata senza se e senza ma.

 

Perché applicare solo la parte che costringe i lavoratori ad una sudditanza a tempo indeterminato di precarietà e licenziamenti, vuole dire truffarli della loro stessa dignità di persone umane.

E tutte le forze che ambiscono ad essere concretamente di sinistra non devono trascurare che in questo aut aut, si gioca l'intera civiltà di un popolo, la sua stessa identità culturale, non solo un'alternativa politica o la loro credibilità.

Da qui si deve ripartire per unirsi, insorgere e risorgere, per dirla come i fratelli Rosselli, a beneficio della stessa civiltà di un intero Paese, e per il pieno rispetto del primo articolo della Costituzione Italiana.

.

Prof.  Carlo Felici

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra