Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Il Blog Socialismo e Sin.... »

Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione

Post n°111 pubblicato il 22 Marzo 2009 da socialismoesinistra

Come interscambio con facebook, in cui è stato aperto uno spazio di discussione riferito al blog, questa volta trasferisco una mia nota da lì a qui offrendo, come spunto di riflessione, un brano del bellissimo libro di Nenni: “Sei anni di guerra civile” pubblicato in francese per la prima volta nel 1932 in Francia, quando lui era esule, tradotto una sola volta in italiano nel 1945, e purtroppo mai più ristampato.
L’episodio di oggi riguarda la scissione di Livorno, l’inizio di una rovinosa tragedia che spalancò le porte dell’Italia alla dittatura e al fascismo.


“Quando il partito si riunì di nuovo a congresso a Livorno, la situazione era sotto molti aspetti cambiata. L’attivo del partito appariva ancora formidabile con 216.327 iscritti, l’ “Avanti” a 300.000 copie; 156 deputati sedevano in parlamento; 2.162 comuni e 26 provincie amministrate dai socialisti. Ma dietro questa facciata di forze, la crisi del movimento socialista era profonda.
Il contrasto tra le parole e i fatti, l’incapacità di oltrepassare le formule per passare all’azione, il fatale acuirsi della lotta interna delle tendenze, contribuivano più dell’offensiva fascista al latente disgregarsi del partito. Solo l’azione può unire un grande partito; le eterne discussioni di tendenza sono un sintomo di impotenza e di confusione.
Livorno fu la culla della scissione.
Il partito socialista si divideva proprio nel momento in cui aveva più che mai bisogno della sua unità. Mosca esigeva che si accettassero i famosi “ventun punti” che in quell’epoca fecero tanto parlare di loro. Chiedeva inoltre e soprattutto l’espulsione dal partito di tutta l’ala riformista. Le sedute furono appassionate e tumultuose. Sinistra e destra si accusavano reciprocamente delle difficoltà della situazione. Il congresso avendo rifiutato di espellere Turati e i riformisti, fu l’ala di sinistra che si ritirò per fondare il partito comunista.
Fu un disastro. Da quel momento ogni azione d’insieme divenne impossibile per il proletariato. Centomila compagni scoraggiati non rinnovarono la tessera, rifiutandosi di scegliere tra socialisti e comunisti. La lotta tra i due partiti operai prese un carattere di violenza inaudita, e si vide lo spettacolo, forse unico, di una classe che si dilacera proprio nel momento in cui è attaccata da un nemico spietato ed implacabile.
Dal gennaio del 1921 il partito socialista passò di crisi in crisi, senza del resto che dal suo interno disfacimento potesse trarre profitto il nuovo partito comunista che aveva la caratteristica di una setta faziosa. Le incertezze di cui il partito aveva dato prova nel formulare le prospettive della rivoluzione, si aggravarono quando fu inchiodato su posizioni difensive per la tutela delle libertà pubbliche, e quando dovette risolvere il problema di un’eventuale coalizione parlamentare o di governo..”

Quella che avete letto dunque non è altro che la cronaca della morte annunciata, non solo di tutta la sinistra italiana, che allora era solo il partito socialista, ma della stessa libertà degli italiani, dato che le fratture insanabili e perdurate per oltre mezzo secolo, hanno solo impedito, prima la costruzione di un valido argine allo straripare del fascismo e della dittatura nel nostro Paese, e poi, sino ad oggi, la possibilità di avere una solida democrazia dell’alternanza. Sul modello di tante, già affermate da decenni in Europa, in cui dei partiti laburisti o socialisti moderni, democratici ed europei, si alternano al governo dei vari Stati, senza che ciò possa costituire minimamente un problema, e nel pieno rispetto della democrazia e del pluralismo.
Noi abbiamo invece, ancora oggi, una sorta di “monopartitismo” imperfetto, perché nessuna forza autenticamente di sinistra e solidamente socialista al suo interno, ha ancora dimostrato di potere autonomamente governare.
Oggi Sinistra e Libertà nasce anche per cercare di sanare questo antico vulnus, per rimarginare definitivamente una ferita che ogni tanto si riapre e non smette mai di sanguinare. E’ un progetto molto ambizioso quasi da “spes contra spem” e forse illusorio, ma solo per chi è ancora legato al passato prossimo o remoto, ed è incapace di misurarsi con i grandi passaggi epocali, quelli con i quali la storia abbatte inesorabilmente i muri, non solo ideologici ma anche psicologici.
Ci sono infatti ancora alcuni che non capiscono o non vogliono capire che la strada imboccata, per ridare respiro e dignità ad una democrazia profondamente malata di clientelismo, immobilismo e corruttele di ogni genere, è senza ritorno. E’ infatti inevitabilmente segnata, per una Sinistra che vuole essere contemporaneamente libera e forte al suo interno. Non si può dunque fare cartello solo per passare tre mesi, sperando di evitare l’agonia e la morte. Perché questo, cari compagni, è solo accanimento terapeutico.
Si deve invece pensare in grande, in termini nuovi e perfettibili. Si può migliorare tutto, a partire anche dal simbolo, il nome no, credo sia perfetto. Ma non ci si può illudere di tornare al proprio “cantuccio”, né in sede nazionale e nemmeno in sede locale. Perché quelli che interpretano il socialismo solo come forza locale, in grado di spostare qualche piccolo equilibrio di potere ed ottenere qualche vantaggio nella infinita rete delle mafie e dei clientelismi locali, dei vassalli, valvassini o valvassori nell’infinito medioevo in cui la stessa civiltà italiana sta miseramente sprofondando, trascinando con sé tutti gli italiani verso la barbarie, beh quelli, cari compagni, sono solo i becchini del socialismo, quelli che si arricchiscono col suo funerale e fanno di ciò la loro professione.
Noi invece dobbiamo ricostruire la sinistra che fu, era e sarà sempre una sinistra libera e anche socialista, senza fossilizzarci sui nomi o sulla difesa ad oltranza della identità o delle etichette, ma sapendo piuttosto far risaltare la cultura ed i valori delle persone, le sole che contano, con il loro coraggio, la loro coerenza e la loro onestà, per segnare finalmente la differenza rispetto al passato, e saper incarnare e costruire un Paese più libero e più progredito.
Per questo Sinistra e Libertà deve avere un futuro, perché il suo futuro è anche quello di un’Italia migliore, è soprattutto quello di tanti italiani che agiscono, e non si immobilizzano sulle sterili discussioni o sulla difesa ad oltranza del loro piccolo feudo.
Sono quegli italiani che vogliono attuare la rivoluzione silenziosa, pacifica, tenace ma inesorabile delle coscienze, per restituire all’Italia la sua grandezza e la sua dignità, per dare luce e sbocco alla risorgiva di un fiume carsico che non si è mai esaurito, ma attende solo di essere scoperto e di sgorgare da ciascuno di noi.

C.Felici

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra