Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Stato, Chiesa , Massoner...Non una somma di etichet... »

Sulle teorie del valore

Post n°133 pubblicato il 07 Aprile 2009 da socialismoesinistra

 

 

 

 

Perché una cosa vale quello che vale? E come fa una cosa ad aumentare di valore? A queste domande hanno cercato di rispondere gli economisti con diverse teorie, fondamentalmente due: quella del “valore-lavoro” e quella del “valore di mercato”.

 

            Adam Smith, Ricardo e Marx

            Questi economisti classici hanno elaborato la teoria del valore-lavoro secondo la quale il valore di un bene è pari al lavoro che a detto bene è stato applicato direttamente ovvero indirettamente utilizzando altri beni o macchine.

            Adam Smith è il primo che arriva a questo risultato attraverso una serie di passaggi logici, a volte soltanto impliciti, in cui ogni merce prodotta è collegata alla quantità di lavoro direttamente necessaria a produrla e ad un insieme di merci utilizzate nella sua produzione; queste ultime sono a loro volta ridotte a quantità di lavoro e ad un insieme di quantità fisiche di mezzi di produzione. L’operazione è ripetuta diminuendo a ciascun passaggio il residuo di mezzi di produzione prodotti. In questo modo il sistema economico è visto come un insieme di settori che collegano i fattori originari ai beni di consumo finali.

            Ricardo si chiede tuttavia del perché se ogni componente immesso in un prodotto è stato scambiato con un fornitore (di merci, di servizi o di lavoro) pagando un corrispettivo equivalente, la somma dei costi pagati sia inferiore al ricavo ottenuto. Se cioè tutti i componenti di un prodotto (terra, capitale, lavoro) sono stati pagati al loro valore equivalente (ivi compresa la valorizzazione del lavoro dell’imprenditore) non si capisce perché il ricavo, che un altro scambio con equivalenti sia maggiore della somma dei componenti.

            Marx risolve l’interrogativo di Ricardo osservando che Ricardo confonde l’equivalente del lavoro con il salario, mentre se mettesse al posto del salario il valore del lavoro l’equazione tornerebbe; il plusvalore del ricavo sui valori degli equivalenti (valorizzando il lavoro come salaria) è la fonte del differenziale che Ricardo cercava. Poiché L (lavoro) è pari a s (salario) più p plusvalore (prodotto dal lavoratore ma di cui si appropria il capitale) nella formula ricardiana:

   1. 0   t (terra) + c (capitale) + s (salari) < r (ricavo)

basta sostituire a s il valore di L ovvero aggiungere il valore di s per risolvere l’equazione:

1.      1  t + c + L = t + c + s + p = r

La teoria del lavoro-valore è quindi la teoria classica che si oppone al valore quale “valore di mercato”. Si noti che secondo questa teoria un bene, un prodotto, non può cambiare di valore; gli addendi sono quelli e la somma è immutabile

Attenzione tuttavia al fatto che il valore lavoro incorporato in un bene non è quello effettivamente incorporato ma quello socialmente necessario, determinato dal livello tecnologico in essere. Ecco che un bene prodotto con vecchie tecnologie può perdere valore a causa di una minor quantità di lavoro socialmente necessaria inclusa nel valore del bene.

Il valore di mercato

Già Marx, nei suoi studi aveva distinto il valore d’uso dal valore di scambio, quel valore cioè che si generava nell’economia di scambio, dove invece il valore era dato dall’incontro tra domanda e offerta. Certo l’offerta non avrebbe mai accettato un valore di scambio inferiore al “valore-lavoro” ma la prevalenza della domanda sull’offerta può portare ad un valore di scambio superiore al valore-lavoro.

Quindi secondo questa teoria un bene, un prodotto può cambiare di valore a seconda dell’intensità dei rapporti tra domanda e offerta. Secondo i marginalisti all’aumentare del prezzo i venditori sono disponibili a offrire maggiori quantità di beni (anche i fornitori meno efficienti possono trovare conveniente vendere a prezzi più alti); al diminuire del prezzo aumentano i consumatori con potere d’acquisto inferiore e quindi aumenta la domanda. L’incontro tra le due curve, una discendente ed una in salita individuerà il punto di equilibrio rappresentato dal “valore di mercato”.

  Secondo questo assunto il “vero” valore è il  valore di mercato, mutabile nel tempo e determinato dalla libera concorrenza tra produttori e consumatori. (Ci sono “eccellenti eccezioni”, ad esempio Alitalia ha ceduto i suoi assets a Cai a valori di mercato. Peccato che il successivo articolo di legge definisse come “valori di mercato” quelli determinati dalla stima di una banca, tra l’altro posseduta, in parte, dal compratore).

L’ossimoro del valore di mercato

Quando si parla di bolla speculativa ci scontriamo con un ossimoro di impossibile soluzione filosofica.

Se il vero valore è per definizione “il valore di mercato”

Se la definizione di bolla speculativa è quella per la quale il valore di un bene è eccessivamente sopravvalutato rispetto al “valore vero”

Allora per sostituzione si afferma che “in presenza di bolla speculativa il valore di mercato (che è il valore vero) di un bene è eccessivamente sopravvalutato rispetto al “valore vero” (che è il valore di mercato”. La contraddizione è evidente.

Riportiamo dall’ultimo libro di Padoa Schioppa quanto l’autore afferma al proposito a pagina 50.

“Nella finanza la forza del vero può essere temporaneamente soverchiata dall’inverarsi del falso, cioè dell’opinione prevalente. Ciò accade, del resto, anche in altri campi della vita sociale, in particolare della politica , dove la manipolazione è di casa. La bolla si esaurisce quando la forza del reale si è imposta alla prepotenza del virtuale, quando il rapporto tra il vero e ciò che – a torto- è ritenuto vero si è finalmente rovesciato. A un certo punto ciò che è vero prende il sopravvento su ciò che si ritiene vero: la realtà piega l’opinione fallace”.

Si sarà capito che il falso, ciò che non è vero è il valore di mercato e che ciò che è intimamente vero – la realtà- non si sa cosa sia. Qual è quel valore vero più vero del valore di mercato?

La domanda resta senza risposta, o Padoa Schioppa pensa al valore-lavoro?

La filosofia contabile

La filosofia contabile statunitense, responsabile tra l’altro della crisi del 2007, è talmente convinta del “valore di mercato” che ha stabilito, a suo tempo, che i titoli finanziari debbono essere valutati al loro valore di mercato del momento in cui si redige un bilancio. E’ il principio “mark to market”. Per la legge italiana invece i titoli finanziari vanno valutati al loro costo di acquisto e svalutati al minor valore di mercato in presenza di permanente perdita di valore.

Non vi è dubbio che in momenti di crescita delle borse (11 anni consecutivi fino al 2007) chi adotta il “mark to market” come criterio contabile realizza plusvalenze che, come dicono quelli i cui bonuses dipendono dal valore dei titoli, “creano valore per l’azienda”. Un concetto strano quello della “creazione del valore”, degno di un paese che si oppone a Darwin in favore al creazionismo. Chi invece adotta il codice civile italiano (e i criteri europei) non può realizzare plusvalenze ma prudenzialmente deve registrare perdite in caso di svalutazioni permanenti.

Oggi in tempo di crisi, gli accountants statunitensi prendono atto che le aziende che avevano a loro tempo rivalutato i titoli al loro “fair value” sono costrette a registrare enormi perdite per allinearsi al nuovo, catastrofico “mark to market”. Ma, pragmatici come sono, si sono inventati una nuova regola e cioè che se per almeno il 51% non è intenzione del possessore di vendere i titoli svalutati, la minor valutazione,  sarà imputata ai “retained earnings” (ovvero agli utili degli anni precedenti) fino all’importo della rivalutazione allora fatta e a conto economico per l’eventuale ulteriore svalutazione. Un trucchetto, cui gli europei si oppongono, ma non Tremonti, per fare apparire la questione un po’ meno peggio di quanto sia.

Il fatto è che in questi giorni lo Sfas (Standard financial accounting statement) 115 permette alle aziende americane di non portare a conto economico ciò che l’europeo Ias (International accounting standard) 39 obbliga invece di fare.

Le considerazioni finali

Dopo che Pigou ha introdotto la psicologia nell’economia, una rivoluzione simile a quella in cui la statistica è diventata parte essenziale della fisica quantistica, l’economia ha perso le sue certezze ottocentesche.

Pare comunque che il capitalismo non abbia alla sua base categorie ben definite; anzi con la categoria “valore” evidenzia una contraddizione a quanto pare insanabile.

Non è che con ciò abbiamo superato il capitalismo e nel nostro piccolo fatto la nostra rivoluzione. Ma i soloni del liberismo dovrebbero fare una riflessione sulla fragilità della loro dottrina.

 

Renato Gatti

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra