Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Dopo il G8 dell'AquilaLa rivoluzione italiana »

PerchŔ Ŕ in "Sinistra e LibertÓ" il futuro della tradizione socialista

Post n°242 pubblicato il 22 Luglio 2009 da socialismoesinistra

 

 

 

 

Il risultato delle elezioni europee ci indica con chiarezza che il tentativo di condurre il sistema politico italiano sui binari di un bipartitismo forzato è fallito.

Il PDL perde il 3% rispetto alle politiche dello scorso anno ed il PD oltre il 7%. Berlusconi fallisce nel tentativo di ottenere il plebiscito che avrebbe definitivamente portato l’Italia nell’orbita ideale di una “repubblica delle banane” (o meglio “delle puttane”), il PD vede confermato il pieno fallimento del proprio progetto politico.

Sul piano europeo si registra una sconfitta delle sinistre, sia di quella socialdemocratica che di quella galassia eterogenea della sinistra radicale. Ma sarebbe sbagliato e fuorviante mettere sullo stesso piano la situazione europea con quella italiana. Sia perché il risultato europeo è condizionato da una altissima astensione (alle elezioni politiche nazionali ci potrebbero essere delle differenze significative), sia perché comunque, nel resto d’Europa, abbiamo partiti che mantengono un significativo e robusto radicamento elettorale (il PSE resta il secondo partito europeo – i socialisti spagnoli ottengono il 38,5%) mentre in Italia abbiamo il PD che non si definisce di sinistra (e non lo è) – e le forze esplicitamente di sinistra arrivano sommate al 6,5%. E’ comunque fuori discussione che anche in Europa vi sia una crisi delle sinistre (sia pur di dimensioni e qualità diverse da quella italiana) di cui parleremo oltre.

In condizioni politiche normali giudicare positivo un risultato del 3,1% come quello di “Sinistra e Libertà” può apparire quantomeno azzardato. Ma le condizioni specifiche in cui si è svolta la campagna ci possono far considerare il 3% come un buon risultato ed una utile base di partenza sempre che si sia in grado di trasformare la lista in un progetto politico compiuto.

Perché dico questo. In una campagna elettorale in cui ci si è presentati con un simbolo completamente nuovo, con un oscuramento mediatico totale, con evidenti difficoltà organizzative, con SeL obbiettivo di una campagna di demonizzazione da parte della lista comunista di Ferrero e Diliberto, nonché del terrorismo psicologico da parte del PD e della stessa lista comunista in nome del “voto utile”. In una campagna elettorale in cui non si è assolutamente parlato di politica e dei gravi problemi che il paese vive, ma delle depravazioni del premier e di tutto lo squallore morale che vi è intorno, insomma con tutta queste condizioni di contorno ottenere circa un milione di voti rappresenta una impresa tutt’altro che facile.

Certo SeL è l’inizio di un percorso politico non breve ed irto di difficoltà; un percorso volto a costruire la sinistra possibile in Italia nel quadro di una profonda regressione politica e culturale di cui Berlusconi è solo la punta dell’Iceberg.

Ma è l’unico progetto in grado di fondare una solida forza collocata nettamente a sinistra del PD, in competizione ma non in antagonismo con esso, in grado di raccogliere il meglio delle tradizioni politiche della sinistra italiana e proiettarle verso il futuro.

In Italia dopo la fine dei partiti storici della sinistra non siamo stati in grado di costruire un partito organicamente legato al socialismo europeo ed in grado di svolgerne le funzioni. I Ds avrebbero potuto farlo. Ma non lo hanno voluto. Hanno perseguito invece la strada della costruzione di un soggetto senza identità e che di fatto ha cancellato la sinistra di governo dal panorama italiano.

La risposta a sinistra al progetto del PD è stata debolissima. L’Arcobaleno è stata una pura e semplice aggregazione elettorale fallimentare che non poteva preludere a nessun progetto politico (oggi tutti lo riconoscono). La Costituente Socialista è stata un fatto penoso perché tutta protesa a ricostruire un assurdo recinto identitario fuori dalla storia in cui si è dato rifugio anche a transfughi del centrodestra.

Ben altra cosa sarebbe stata una Costituente Socialista vera in grado di incrociare il percorso politico di Sinistra Democratica. Ma è ovvio che SD non avrebbe potuto accettare di costruire un soggetto politico con gente come De Michelis! In realtà il gruppo dirigente dello SDI ha visto nella Costituente l’ennesima trovata tattica per salvaguardare il sedere di un ceto politico marginale in attesa dell’evoluzione del progetto PD.

SD ha commesso invece l’errore di eclissare la propria identità ed originalità nell’Arcobaleno.

Il Progetto di SeL, invece rianima l’ispirazione originaria di SD ed offre un importante riferimento a quei settori dell’area socialista che non vogliono confluire nel PD, né riesumare esperienze fallimentari e sbagliate come la “Rosa nel Pugno”, ma contribuire in prima persona alla fondazione di una nuova sinistra. Non dobbiamo dimenticare che l’adesione del PS a SeL è anche il frutto dell’azione di circoli di cultura politica socialista.

Questo fermento si è ulteriormente incontrato con il processo revisionistico serio e sofferto sviluppatosi in Rifondazione grazie a Nichi Vendola, Gennaro Migliore, Piero Sansonetti. Processo che ha segnato una importantissima evoluzione politica e culturale interne alla sinistra radicale nel segno dell’abbandono del minoritarismo e dell’antagonismo a favore di una sinistra costruttiva a vocazione maggioritaria ed in grado di essere punto di sintesi e convergenza di una pluralità di culture politiche.

Nel progetto di SeL si ritrovano il socialismo democratico, il comunismo libertario, l’ecologia sociale, la cultura della laicità e dei diritti civili. Lo stesso nome “Sinistra e Libertà” definisce benissimo il progetto politico. Inscindibilità tra socialismo e libertà, sintesi tra diritti sociali e diritti civili, centralità del valore sociale del lavoro e centralità della libertà e dignità della persona. Insomma è in questa sintesi che si ritrova il meglio della tradizione del socialismo italiano da Rosselli a Nenni a Lombardi. Non certo nel PD che è contraddittorio o balbettante sia sui diritti sociali che sui temi della laicità. E non in una alleanza con i radicali che sui temi sociali e del lavoro hanno una impostazione iper-liberista.

Il discorso aperto resta la collocazione europea. SD e PS hanno come riferimento il PSE, Vendola la GUE (sinistra europea unita).

Ma se esaminiamo con attenzione il momento difficile che vivono tutte le sinistre in Europa ci rendiamo conto di come la stessa dimensione europea potrebbe subire evoluzioni interessanti nei prossimi anni.

Come abbiamo già detto, la crisi delle sinistre in Europa non è minimamente paragonabile alla debacle della sinistra italiana.

Abbiamo visto che i risultati elettorali europei sono stati condizionati dalla bassa affluenza, non sono dati omogenei (in Gran Bretagna i laburisti sono al 18% - con una affluenza del 30%; in Spagna il PSOE è al 38% e via discorrendo); e comunque il PSE resta la seconda forza politica europea. I partiti ad esso affiliati sono comunque partiti che mantengono una solida base di consenso (nonostante l’indubbio spostamento a destra dell’elettorato). E non facciamo paragoni tra i partiti socialisti ed il PD. Quest’ultimo non si definisce partito di sinistra (ma di centrosinistra – che non significa niente – un po’ così, un po’ colà), non aderisce al PSE ma si federa con esso nel gruppo, ostentando anzi la propria autonomia politica e culturale (quale?) rispetto al socialismo democratico.

E comunque (ed evidenziando ancora una volta la profonda differenza tra situazione europea e quella italiana) non possiamo non constatare le difficoltà che sta vivendo il socialismo europeo, insieme alle altre forze di sinistra.

Gli inizi del nuovo secolo si aprono con uno scenario che ha visto il fallimento epocale del comunismo, ma anche l’esaurirsi progressivo di un virtuoso compromesso socialdemocratico.

E’ ovvio la che fine del comunismo e la crisi delle socialdemocrazie non possono essere messe sullo stesso piano, perché il comunismo nella sua esperienza storica concreta ha di fatto segnato la piena negazione dei valori di liberazione umana del socialismo (oltre che della totale soppressione della libertà umana) mentre la socialdemocrazia, pur non oltrepassando l’orizzonte del capitalismo ha costruito i modelli sociali più avanzati al mondo, oltre ad aver ampliato notevolmente gli spazi di democrazia e libertà in Europa.

Ma una esperienza politica non può vivere di rendita sui successi del passato: deve costantemente rinnovare il suo pensiero e la sua azione per dare risposte confacenti ad i suoi ideali.

L’avvio della globalizzazione neoliberista, basata sul predominio del capitale finanziario transnazionale quale motore della stessa economia reale, ha spiazzato gran parte della socialdemocrazia europea, che ha visto corrodersi le basi su cui si erano fondate  le sue importantissime conquiste. Essa non è stato in grado di costruire ed indicare un progetto di società alternativo a quello liberista ma ha piuttosto puntato a limitare il danno. In parte c’è riuscita perché nonostante tutto l’Europa ha il modello di Welfare più forte al mondo, ma ciò  non è stato certo sufficiente a contrastare l’egemonia della destra. Anzi nella parte più moderata della socialdemocrazia sono sorte tendenze che in parte hanno cavalcato i processi di modernizzazione liberista (Blair, Schroeder, D’Alema) e fondato pseudo-teorie : “terza via” in Inghilterra, “nuovo centro” in Germania, “ulivismo” in Italia che di fatto nascondevano la totale assenza di una cultura critica verso il nuovo capitalismo.

In questi vent’anni si sono registrati due eventi-sinbolo di portata epocale: il crollo del muro di Berlino e la crisi grave e di sistema del capitalismo liberista.

Il comunismo occidentale è stato letteralmente travolto dal primo, perché ad esso è mancata la reale comprensione della profonda ed irreversibile crisi a cui era esposto il socialismo reale; ed è mancata una critica profonda delle radici di quel  totalitarismo.

La socialdemocrazia si è trovata tra le braccia la crisi del capitalismo senza avere elaborato collettivamente una proposta alternativa organica.

Anche per questo, la crisi del liberismo segna uno spostamento a destra dell’elettorato europea. Ma non tanto verso la destra moderata, ma verso quella xenofoba, sciovinista, euroscettica. Le crisi generano paure ed insicurezze. In un primo momento è il populismo di destra che ne approfitta perché finisce per intercettare proprio i voti popolari.

E’ chiaro che di fronte a tale scenario occorre una vera e propria rifondazione del socialismo europeo, perché esso ha bisogno di segnare una netta linea di discontinuità, rispetto alle esperienze degli ultimi quindici anni.

Non credo che una alternativa alle socialdemocrazie la si possa trovare nelle forze che fanno riferimento alla GUE. Esse sono profondamente disomogenee perché vi troviamo socialisti di sinistra (la parte occidentale della Linke ed i socialisti olandesi), ecosocialisti libertari (del nord europa), neocomunisti e residui archeologici dello stalinismo (comunisti greci, portoghesi e Diliberto). Inoltre queste forze si sono limitate ad una pura azione di protesta senza proposta e non sono stati in grado di intercettare i voti in uscita dalle socialdemocrazie (che talvolta sono andate verso il populismo di destra).

Credo comunque che nel suo processo di rifondazione il PSE debba coinvolgere la parte più avanzata della GUE (i socialisti di sinistra, gli ecosocialisti, Vendola). E li può coinvolgere sul progetto di un socialismo del XXI secolo che parta dalla constatazione del fallimento del comunismo storico e del superamento del limiti della socialdemocrazia.

SeL, senza voler evidentemente enfatizzare più di tanto può anticipare scelte europee se sarà in grado di trasformarsi in un soggetto politico organico.

 

 

Giuseppe Giudice

Sinistra e Libertà

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra