Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Lotta all'evasione fisc...La partecipazione agli u... »

Di fronte alla crisi mondiale, tre sfide per la socialdemocrazia

Post n°276 pubblicato il 06 Settembre 2009 da socialismoesinistra

 

Pubblichiamo di seguito un discorso del Primo Ministro australiano Kevin Rudd che indica una strrada da percorrere per uscire dalla crisi economica mondiale, sicuri che possa fornire uno stimolo alla riflessione sul tema.

Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

 



Kevin Rudd


La storia dell’umanità è a volte attraversata da avvenimenti percepiti come dei veri cataclismi, quando un’ortodossia viene rovesciata e poi sostituita da un’altra. Oggi, l’ampiezza della crisi finanziaria mondiale esige che noi riconsideriamo la filosofia e la politica economica che ci hanno condotto fin qui. George Soros ha dichiarato che “l’aspetto fondamentale della crisi finanziaria attuale é che essa non proviene da uno shock esterno, ma é stata generata dal sistema stesso”. George Soros ha ragione. La crisi attuale è il punto culminante di trent’anni di politica economica dominata dall’ideologia del libero mercato, a volta a volta chiamata neoliberalismo, liberalismo economico o fondamentalismo economico. L’idea di base di questa ideologia è che l’attività del governo dovrebbe essere limitata, per essere alla fine sostituita dalle forze del mercato. Nel corso dell’anno passato, abbiamo potuto constatare che le forze del mercato non controllate avevano condotto il capitalismo sull’orlo del precipizio. Invece di distribuire i rischi attraverso il mondo, il sistema finanziario mondiale li ha intensificati. L’ortodossia neoliberale sosteneva che i mercati finanziari mondiali avrebbero finito per autocorreggersi, che la mano invisibile che guida le forze del mercato lasciate a se stesse sarebbe stata eventualmente in procinto di aiutarle a trovare il loro equilibrio. Tuttavia, come ha osservato l’economista Joseph Stiglitz con tono piuttosto caustico: “La ragione per cui abbiamo l’impressione che questa mano invisibile è così spesso invisibile, è che essa non esiste.” Franklin Delano Roosevelt ha dovuto ricostruire il capitalismo americano dopo la Grande Depressione. I democratici americani, fortemente influenzati da John Maynard Keynes, hanno dovuto ripristinare la domanda interna dopo la guerra, e concepire il piano Marshall, per ricostruire l’Europa e mettere in funzione il sistema di Bretton Woods per gestire gli impegni economici internazionali. Spetta ormai a una nuova generazione riflettere e prendere l’iniziativa della ricostruzione dei sistemi economici nazionali e internazionali. Se i governi progressisti vogliono salvare il capitalismo, devono affrontare tre scommesse. La prima è di passare attraverso l’intermediazione dello Stato per ricostituire mercati ben regolati e ripristinare la domanda interna e mondiale. Con la fine del neoliberalismo, è stato riconosciuto una volta di più che lo Stato ha un ruolo fondamentale quando si è trattato di rispondere a tre elementi ben definiti riguardanti la crisi attuale: ha, infatti, evitato al sistema finanziario privato di crollare, ha dato un impulso diretto all’economia reale in ragione del crollo della domanda privata, ed ha definito un regime regolamentare, allo stesso tempo nazionale e mondiale, in cui il governo ha la responsabilità suprema di fissare e imporre le regole del sistema. La seconda scommessa, di fronte a cui si trovano i socialdemocratici, è di non buttare il bambino con l’acqua sporca. Mentre la crisi finanziaria mondiale persiste, e le famiglie in tutto il mondo subiscono il suo pesante impatto sul mercato del lavoro, sarà difficile resistere alle pressioni per un ritorno a un modello di Stato - provvidenza e non abbandonare interamente la causa dei mercati aperti e competitivi all’interno del paese, come all’estero. Abbiamo già risentito dei primi segni del protezionismo, benché sotto una forma più moderata e meno radicale della legge Smooth-Hawley del 1930 sulle tariffe doganali . Che sia moderato o profondo, il protezionismo è il modo infallibile per trasformare la recessione in depressione, perché aggrava il crollo della domanda mondiale. La socialdemocrazia sostiene ancora la filosofia che consiste nel credere che la legittimità del potere politico passa attraverso la sua capacità di bilanciare il privato e il pubblico, i profitti e i salari, i mercati e lo Stato. Questa filosofia mostra bene, e con forza, quali sono le scommesse della nostra epoca. L’altra scommessa di fronte a cui i governi sono posti, nel quadro della gestione della crisi attuale, è la sua dimensione senza precedenti su scala mondiale. I governi devono definire regole finanziarie sul piano mondiale, allo scopo di evitare d’arrivare a una situazione in cui i capitali fuggano verso le regioni dell’economia mondiale che hanno le regole più deboli. Noi dobbiamo mettere in opera norme mondiali più solide in materia di trasparenza per le istituzioni finanziarie d’importanza sistemica. Noi dobbiamo ugualmente costruire ambiti di sorveglianza più forti, allo scopo d’incoraggiare le imprese ad adottare un comportamento più responsabile, compreso il livello della remunerazione dei dirigenti. Il mondo si è volto verso un’azione governativa coordinata attraverso il G20: per mettere liquidità a disposizione immediata del sistema finanziario mondiale, per coordinare un rilancio fiscale sufficiente a permettere di rispondere all’interruzione della crescita dovuta alla recessione mondiale, per ridefinire le norme dell’ ordine mondiale per l’avvenire, per riformare le istituzioni pubbliche esistenti nel mondo, specialmente il FMI, e per dar loro l’autorità e le risorse necessarie per rispondere alle esigenze del XXI secolo. I dispositivi di “governance” del Fondo Monetario Internazionale (FMI) devono essere riformati. E’ ragionevole ammettere che se noi ci attendiamo che economie in rapido sviluppo, come la Cina, contribuiscano più largamente a istituzioni multilaterali come il FMI, bisogna parimenti che esse acquisiscano più peso nelle decisioni prese nel seno di questi “forum”.
La scommessa a più lungo termine per i governi sarà studiare la questione degli squilibri che hanno contribuito a destabilizzare l’economia mondiale nel corso dell’ultimo decennio, specialmente al livello degli squilibri tra le economie a forte eccedenza commerciale come la Cina, il Giappone e i paesi esportatori di petrolio, e le nazioni fortemente indebitate come gli Stati Uniti. L’ampiezza di questa crisi e il suo impatto nel mondo significano che non basterà cambiare leggermente le ortodossie stabilite da molto tempo. Due verità inconfutabili fin d’ora sono state dimostrate: che i mercati finanziari non si correggono o non si regolano da se stessi e che un governo (sul piano nazionale o locale) non può mai rinunciare alla responsabilità di mantenere la stabilità economica. Per i governi, è cruciale non sbagliare, non solo per impedire che il sistema di mercato aperto si autodistrugga, ma anche per ristabilire la fiducia verso mercati ben regolamentati, per evitare che sorgano vive reazioni da parte dell’estrema sinistra o dell’estrema destra. I governi non hanno il diritto all’errore, poiché le scommesse sono troppo grandi: ci sono innanzitutto i costi economici e sociali legati alla disoccupazione a lungo termine, la povertà che getta di nuovo un’ombra sul mondo in via di sviluppo, e l’impatto a lungo termine sull’ordine strategico e politico internazionale attuale. Noi non abbiamo altra scelta che quella di farcela. Troppi elementi si basano sulla nostra capacità di avere la meglio.

Kevin Rudd

Primo Ministro australiano

da “Le Monde” , 11 marzo 2009-  Traduzione di Nicolino Corrado

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra