Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« La Corte dei ContiQuando il cielo si sposa... »

“SINISTRA E LIBERTA’’ il futuro del Socialismo italiano

Post n°180 pubblicato il 04 Giugno 2009 da socialismoesinistra

 

.

.

I compagni di SocialismoeSinistra hanno ribadito con forza,nel loro documento sul congresso della federazione di ROMA, la tesi che "SINISTRA E LIBERTA'" rappresenta il progetto costituente di una nuova forza della sinistra italiana,attraverso il quale diverrà possibile salvare le esperienze,la cultura,i valori, e le ragioni storiche ,del Socialismo italiano da un destino di assorbimento, più o meno consensuale, nel Partito Democratico.

Questo progetto politico rappresenta quindi,in modo chiaro e diretto ,la strada per la risoluzione definitiva delle ragioni costitutive del partito, garantendo l'esistenza delle condizioni politiche per la costruzione delle conseguenti nuove soluzioni organizzative attraverso cui assicurare un futuro autonomo al Socialismo italiano.

Per i Socialisti assumono rilevanza decisiva per la adesione a questa prospettiva unitaria alcune convinzioni di fondo, su questioni fondamentali quali il giudizio sulle responsabilità del Partito Democratico nella distruzione della sinistra italiana,la valutazione della natura strutturale della crisi economica e sociale,e la necessità di contrastare l'involuzione della democrazia italiana attraverso la riproposizione su un terreno rigorosamente riformista delle ragioni di una alternativa ai modelli economici, sociali,e culturali,esistenti.

Su questi temi le forze coinvolte nel processo costituente hanno dimostrato una omogeneità di giudizio, per ora sufficiente a dar vita ad una semplice alleanza elettorale,che dopo le elezioni europee dovrà divenire il patrimonio comune di un nuovo soggetto politico unitario ,in grado di fondare le proprie ragioni costitutive su una valutazione convergente delle vicende che hanno condotto la sinistra italiana nel vicolo cieco nel quale è andata progressivamente a cacciarsi per le sue gravi e mai risolte contraddizioni,e su una totale unità di intenti attorno alla necessita di avviare una sua profonda ristrutturazione.

Possiamo dire con certezza,in questo senso,che le forze politiche protagoniste del progetto di "SINISTRA E LIBERTA'" hanno tutte maturato un processo di rilettura degli ultimi quindici anni della storia politica del paese, e del rispettivo ruolo da esse assunto nella vicenda politica ,che ha modificato molti dei vecchi assiomi su cui ciascuna di esse ha fondato la propria esperienza politica.

In ragione di questa evoluzione di giudizio esse hanno tutte consumato una qualche rilevante rottura politica con la rispettiva storia di provenienza per approdare ad un comune ragionamento.

"SINISTRA E LIBERTA'" imposta quindi la sua ipotesi di lavoro su una comune interpretazione di questioni che rappresentano le premesse per un corretto approccio conoscitivo della realtà odierna, a cominciare da una analisi più approfondita delle cause effettive del crollo della prima repubblica ,oggi maturata alla luce dei condizionamenti subiti dai successivi governi dell'ulivo ,che porta ad evidenziare la rilevanza decisiva assunta nella vicenda dal ruolo giocato da un sistema integrato a livello sovranazionale dei rapporti economici e finanziari,parte essenziale e determinante degli orientamenti complessivi del mondo occidentale,interessato a rimuovere un sistema politico incompatibile con il processo di mondializzazione delle economie successivo alla riunificazione nell'89/91 dei mercati globali,troppo incidente e sovrano sui rapporti economici, in cui il debito pubblico costituiva un fattore primario di coesione sociale ed il propellente del suo strutturale interventismo nel sistema economico.

Questa corretta interpretazione, su cui dobbiamo in particolare riflettere noi SOCIALISTI per superare ogni risentimento a sinistra e misurare le vere ragioni di una sconfitta, riconsidera tutta una fase storica della esperienza di governo del Socialismo Italiano ,ridimensionando la valutazione del ruolo dell'attacco giudiziario di "Mani Pulite" a semplice strumento occasionale di uno sfondamento istituzionale ,avvenuto in contemporanea ad un altrettanto massiccio attacco esterno, portato dalla speculazione finanziaria internazionale nel 92/93 all'equilibrio monetario del paese, che ha azzerato definitivamente i margini di spesa pubblica e gli stumenti di politica economica dei governi della prima Repubblica, minandone alla radice le stesse ragioni della utilità sociale e politica della sua continuità.

La considerazione delle ragioni strutturali della fine di quel sistema politico,che aiuta a comprendere le ragioni della  sostanziale continuità delle politiche economiche di tutti i governi della seconda repubblica,implica necessariamente Un riesame critico delle responsabilità del PDS nell'aver garantito un consenso di massa alla liquidazione dei partiti di governo nella speranza di realizzare un naturale spostamento a sinistra dei successivi equilibri politici e sociali.

Appare oggi evidente come lo smantellamento di quel quadro politico avrebbe costituito solo la premessa di un definitivo e completo indebolimento di tutto il sistema politico nei suoi futuri rapporti con il sistema economico e finanziario,condizione necessaria, e quasi-sufficiente, per l'affermazione dei processi di privatizzazione necessari a smantellare il sistema della economia pubblica italiana ,e riallineare i rapporti economici e sociali del paese al resto delle realtà più sviluppate dell'occidente protagoniste di quei processi di finanziarizzazione della economia, solo oggi rimessi in discussione, e come quel passaggio abbia segnato l'inizio di un progressivo distacco della coscienza collettiva dai valori sociali,di cui era espressione la stessa costituzione materiale del paese ,rappresentati fino a quel momento dai grandi partiti di massa posti forzatamente in liquidazione.

"SINISTRA E LIBERTA'" afferma oggi le proprie ragioni di esistenza nella piena consapevolezza della esistenza,per la prima volta nella storia unitaria del paese, di una egemonia liberista e conservatrice ,che tende a considerare la critica sociale un artificio privo di oggettività,e la perdita di ruolo della politica come momento superiore della sintesi delle scelte direzionali della società una naturale conseguenza della modernità,ritenendo la sottrazione alla sovranità dei governi della gestione delle politiche economiche una necessità diretta a preservare una presunta neutra obiettività tecnica degli operatori economici, e non il frutto di uno stringente condizionamento dei poteri e degli interessi delle classi dirigenti finanziarie che interagiscono a livello sovranazionale decidendo in quasi totale autonomia gli indirizzi globali dello sviluppo del mondo occidentale.


Il rovesciamento della precedente cultura, fondativa del patto costituzionale, di netto segno progressista, che aveva accompagnato comunque la storia politica di tutta la prima repubblica a partire dalla lotta di liberazione,rischia quindi di costituire la premessa del consolidamento di una nuova coscienza sociale , suscettibile di gravare nel lungo periodo sulla società italiana con i suoi modelli culturali e sociali di riferimento a fronte del permanere delle carenze di una sinistra,rappresentata essenzialmente dal Partito Democratico, incapace di leggere la realtà in mutamento preservando un filo di coerenza nei propri valori di riferimento, prigioniera della propria incapacità di costruire una prospettiva maggioritaria nel paese,pronta a qualsiasi evoluzione,anche la più spregiudicata e confusa, alla ricerca di legittimazioni esterne alle proprie aree sociali di riferimento,o addirittura pronta a suggerire al centro-destra qualsiasi forzatura maggioritaria del sistema elettorale utile a difendere un consenso non altrimenti raggiungibile.

"SINISTRA E LIBERTA'" nasce per invertire questo piano inclinato, riscoprendo una concezione del Riformismo Socialista nuovamente orientata a realizzare una trasformazione democratica dei rapporti economici e sociali, che traduca la consapevolezza sulla natura strutturale della attuale crisi del modello dei rapporti economici e finanziari consolidatosi a livello globale negli anni successivi al crollo del muro di Berlino,ed affermatosi in Italia sulle ceneri del grande compromesso sociale realizzato nella prima Repubblica,in una occasione per ricostruire un progetto di governo della sinistra, ricollegando i fili di un rinnovato rapporto di rappresentanza sociale ad una nuova capacità di ideare i lineamenti di un progetto alternativo di società, attraverso una reinterpretazione dei bisogni, delle domande, e delle aspettative della grande maggioranza della popolazione estranea agli interessi dei poteri economici e finanziari.

Questa ipotesi di lavoro,naturalmente propria di una grande forza Socialista e Democratica, deve necessariamente ripartire da una riflessione critica sulle ragioni della debolezza politica manifestata dalle forze del socialismo europeo,compreso il nostro ulivo, di fronte ai processi di finanziarizzazione delle economie oggi entrati in crisi.

Le Sinistre di governo dei paesi più sviluppati hanno infatti mostrato una sostanziale subalternità alle conseguenze sociali di questi processi ,subendo passivamente dalle classi dirigenti economiche e finanziarie un ricatto pesantissimo sul terreno della redistribuzione del reddito ,accettando la destrutturazione delle politiche pubbliche di intervento ,welfare, e controllo del mercato del lavoro,vittime della loro incapacità di ragionare attorno ad un diverso modello di sviluppo quale unica possibile alternativa riformista ai rischi di esaurimento dei fattori di crescita delle economie sviluppate sotto la pressione dei nuovi produttori emergenti.

La riscoperta dello stato e della spesa pubblica come elemento di governo e riequilibrio delle economie di fronte al disastro causato da un sistema economico che ha preteso di sostituire il debito finanziario alla creazione ed alla redistribuzione della ricchezza realmente prodotta,oggi invocata dalle stesse classi dirigenti economiche e finanziarie in difficoltà,deve quindi rappresentare per "SINISTRA E LIBERTA'" l'occasione per assumere in toto nel suo albero genealogico gli elementi delle politiche della Socialdemocrazia europea,quale asse di riferimento di una possibile azione di governo, ma contemporaneamente può costituire un momento di riflessione su una concezione riduttiva del riformismo, esclusivamente inteso come processo tutto istituzionale e governativo, che tende a trascurare il confronto sociale ed il dibattito culturale quali momenti essenziali della costruzione nella società di un consenso diffuso ad una politica di trasformazione democratica delle società sviluppate.


Su questo terreno risulta di grande rilevanza il contributo dei compagni che aderiscono al progetto riformista di "SINISTRA E LIBERTA'" provenendo dalla esperienza di una sinistra radicale di formazione movimentista, in i quali vengono naturalmente a rappresentare una concezione della aggregazione del consenso politico fondata su un rapporto di rappresentanza diretta della espressione dei bisogni sociali ,anche attraverso la gestione del momento della conflittualità,che alcune impostazioni della Socialismo Europeo hanno teso spesso a sottovalutare in nome di un dirigismo programmatico che ne ha spesso costituito un elemento di indebolimento del suo rapporto con i movimenti spontanei della società.


Da queste considerazioni generali emerge chiaramente come su "SINISTRA E LIBERTA'"ognuna delle forze confluentistia sacrificando quelle parti del proprio DNA politico e culturale ormai divenute inservibili,e come al tempo stesso questo percorso di rigenerazione reciproca costituisca una ulteriore certezza della solidità politica del progetto indipendentemente dai risultati delle elezioni europee.


Noi SOCIALISTI, in particolare, abbandoniamo finalmente quella idea di autosufficienza mista di presunzione e di risentimento a sinistra, vissuta in un succedersi di espedienti tattici privi di spessore ,che è divenuta uno dei limiti principali, oltre alla debolezza dei gruppi dirigenti, delle nostre possibilità di recuperare un ruolo politico, nonostante la incapacità del centro-sinistra di colmare il vuoto politico lasciato dalla dissoluzione del PSI.

Quel che più conta, arriviamo finalmente ad abbracciare la convinzione che il futuro del SOCIALISMO ITALIANO si identifica con la ricostruzione di una nuova Sinistra politica e sociale ,capace di lavorare ad un progetto di cambiamento democratico in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche,ritenendo maturo il superamento di divisioni storiche a sinistra che non hanno più ragione rispetto alla profondità della crisi del sistema economico ed ai pericoli che corre la democrazia nel nostro paese


I compagni di SINISTRA DEMOCRATICA, che già condividono con noi la appartenenza al PARTITO SOCIALISTA EUROPEO ,hanno da parte loro elaborato definitivamente il distacco politico ed ideale dalla esperienza di una forza politica ,il PDS,che porta con sè la gran parte delle responsabilità del fallimento politico della sinistra nella seconda repubblica.


La loro rottura politica è maturata nel momento in cui quel partito, di fronte alla incapacità di trasformarsi in una grande forza SOCIALISTA in grado di organizzare per vocazione naturale un consenso maggioritario attorno ad una proposta di governo,ha scelto"per saltum" un approdo estraneo al Socialismo Europeo, mandando al macero una intera cultura politica della Sinistra riformista, e decidendo deliberatamente di proteggere la fragilità della nuova ibrida creatura politica attraverso forzature maggioritarie dei sistemi di voto.


La decisione di lavorare ad un nuovo soggetto della sinistra riformista nasce quindi dalla amara constatazione che il processo politico avviato dal PD finisce inevitabilmente a causa delle sue contraddizioni per facilitare quel processo involutivo della democrazia italiana, favorito dalla particolare configurazione del centro-destra, insito nella affermazione di un sistema dei rapporti economici che intende autoregolarsi fuori da ogni condizionamento delle opzioni politiche espresse nelle sedi istituzionali della espressione della sovranità popolare.


I compagni che hanno abbandonato RIFONDAZIONE COMUNISTA e i COMUNISTI ITALIANI, al tempo stesso compiono il passo più rilevante e generoso, uscendo definitivamente da una appartenenza politica che finora hanno tentato di rigenerare con spirito critico.

Questi compagni, con grandissima onestà intellettuale, prendendo definitivamente atto della inutilità di proseguire in quel disegno rispetto, alla possibilità ed alla necessità della costruzione di un progetto reale di cambiamento a sinistra del governo del paese, e rifiutando di ripercorrere le contraddizioni che hanno afflitto l’esperienza delle maggioranze dei governi dell’Ulivo, completano definitivamente un percorso di revisione storica arrivando a condividere senza riserve un sostanziale approdo al SOCIALISMO EUROPEO, pur richiamando doverosamente la necessità che una politica riformista non si riduca ad una mera gestione dell'esistente sociale ed economico.


Franco Bartolomei

Direzione Nazionale del Partito Socialista

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/socialismo/trackback.php?msg=7175578

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
maurizio il 05/06/09 alle 12:08 via WEB
Un buon intervento ed analisi, io la penso in maniera diversa, più moderata e di stampo liberalsocialista, ma pronto a dialogare e confrontarci se queste saranno le basi. Al socialismo europeo sono approdati ex PDS o comunisti? mi sta bene! Ma ci sono tanti cittadini dell'area moderata di centro e centrosinistra che guardano con favore ad un nuovo... Visualizza altro socialismo europeo , per coinvolgerli occorre un altro movimento socialista più liberal, non si può pretendere che di colpo entrino in SeL, che io stesso attualmente vedo troppo sbilanciata a sinistra e con un peso socialista lievissimo. Con la riappropriazione del simbolo del garofano nella giusta area politica , e non a servizio di Berlusconi, si è iniziato questo percorso.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
pietro il 05/06/09 alle 16:37 via WEB
finalmente la consapevoezza che la parola socialista e' agli antipodi del termine moderato,finalmenta l'ingresso nel socialismo europeo come prospettiva politica ed anti globalizzatrice,finalmente l'idea di un riformismo vero al servizio degli uomini e non dell'economia
 
cittadinolaico
cittadinolaico il 05/06/09 alle 19:42 via WEB
Ha ragione il compagno Franco Bartolmei: dobbiamo credere e fare crescere il nuovo soggetto Sinistra e Libertà per aprire una nuova fase della politica in Italia. La Sinistra deve essere unita, proiettata in avanti ed ancorata alla concretezza del presente. Deve saper ripartire dai bisogni reali dei lavoratori, dalle loro difficoltà quotidiane, dal loro essere classe di sfruttati che vuole un progetto alternativo di società. La Sinistra qui ed ora deve fare questo, lo deve fare in questa coalizione fatta di storie socialiste e di storie comuniste, lo deve fare convinta e con lo sguardo rivolto al futuro. Lo deve fare per portare le istanze dei lavoratori al centro del dibattito reale e spostare finalmente gli equilibri di potere della politica italiana e adesso le politiche sociali del Parlamento europeo. Lo dobbiamo fare noi che siamo socialisti, perché lo abbiamo fatto quando abbiamo voluto un rapporto con le classi lavoratrici per incidere concretamente nella politica sociale. Questo è l’unico modo che esiste per fare delle riforme, questo è l’unico posto dei socialisti, la coalizione c’è già perché la abbiamo costruita insieme: si chiama Sinistra e Libertà. Marco Zanier
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
RENATO GATTI il 06/06/09 alle 10:07 via WEB
Per tornare ad una concezione della politica sobria, non ideologica ma neppure imbelle di fronte all'esistente, occorrono valori e soggetti. I valori nascono dall'analisi dell'esistente e tendono a cambiarlo verso una maggior dignità sociale nella libertà. I soggetti sono quelli che, rivedendo propri atteggiamenti, tornano disponibili a questi obiettivi. I soggetti che aderiscono a SeL, ciascuno nella sua storia, hanno fatto questa revisione e condiviso questo progetto. L'analisi di Franco è esauriente. L'unica correzione che suggerisco è di aggiungere al rischio di essere fagocitati dal Pd, "l'ambizione di costituire un riferimento certo per il Pd stesso in questa fase di profonda crisi".
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Marco il 09/06/09 alle 17:50 via WEB
Interessante l'analisi di Franco e per certi aspetti condivisibile, ma mi rimane qualche perplessità: cosa significa aderire oggi al Socialismo europeo dopo il risultato delle elezioni? In Francia i Socialisti sono stati devastati e non sanno più chi sono, in Germania lo stesso dopo le politiche anti-welfare di Schroeder, in Gran Bretagna il New Labour è estinto (e comunque dopo la cura Giddens-Blair non è certo quello del '900). Non sarebbe forse invece il caso di andare oltre il pensiero socialdemocratico, che è stato fondamentale per la costruzione dell'Europa monetarista e neoliberista? Di quel contesto sociale della precarietà del lavoro e delle esistenze di milioni di donne e uomini?
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
massimo il 10/06/09 alle 08:20 via WEB
Come si può costruire insieme una sinistra che aspiri ad esere egemone? Oggi prevale un'egemonia di destra, alimentata dalle paure della crisi, del diverso, di chi può toglierci qualcosa di quello che abbiamo (e che è sempre di meno). Cambiare questa visione è un processo lungo (almeno4-5 anni). I punti base sono: una discussione aperta con tutte le forze che mettono l'individuo, i suoi diritti (ma anche i suoi doveri) al centro degli obiettibvi politici; una nuova classe politica (non con la verità in tasca); una visione internazionale delle problematiche (c'è la globalizzazione); un'allenza in europa e nel mondo diretta allo sviluppo. Le risorse (si è scoperto nuovamente) sono scarse, vanno fatte crescere e distribuite specie nelle aree più povere (difendendo nel contempo i beni ambientali). E' un impegno che richiede la partecipazione di tutti, il coinvolgimento dei giovani per i quali va costruito un avvenire che non vedono. A parte va ricostruita la fiducia nella "Politica" non come un mestiere ma come obiettivo di crescita di tutti (specie le fasce più deboli).
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
gianfranco cocchi il 25/06/09 alle 12:48 via WEB
condivido l'analisi politica, perplessità nei rapporti con la Francescato dopo il fallimento del quorum; su ciò che dobbiamo fare da grandi, occorrerebbe un serio dibattito politico per imprimere un'accelerazione su una posizione condivisa, anche se non sono molto convinto. Il motivo è dovuto alle scelte fatte nei trascorsi, ciao da Gianfranco
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra