Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Lettera dall'AquilaIl 20 Settembre e la mem... »

APPUNTAMENTO A PITTSBURGH

Post n°288 pubblicato il 19 Settembre 2009 da socialismoesinistra
 

 

Entro la fine di settembre si riunisce a Pittsburgh il G20 per cercare di varare nuove regole che cerchino di evitare i guasti del turbocapitalismo finanziario nella crisi che stiamo attraversando.

            La battaglia sarà titanica, da una parte la grande speculazione mondiale, le banche che pur salvate con i soldi dei contribuenti pare si ostinino a perseverare nella creatività finanziaria, dall’altra i governi guidati da Obama. Il presidente USA ha recentemente fatto un discorso forte contro speculatori e banche avvertendo loro che se continuano così, a breve si potrebbe ripetere un’altra crisi ma questa volta non ci sarebbero più i 2.500 miliardi di $ dei contribuenti per salvarle dalla catastrofe.

           Tra gli altri indichiamo alcuni argomenti che potrebbero essere trattati a Pittsburgh: la limitazione dei poteri delle banche, una tassazione sulle transazioni finanziarie e la revisione delle regole contabili. 

            Una delle cause della crisi del modello neo-liberista che risale ai 1975 basato sulle teorie economiche di Milton Friedman e attuato dai governi Reagan-Tatcher è stata la riforma delle banche che ritornano private (ad esempio in Italia) ma soprattutto tornano ad essere (come prima del 1929) “universali” cioè possono fare tutto: dal retail al merchant banking. Le banche che meno hanno sofferto sono state le banche locali che si limitavano a raccogliere risparmi e a finanziare le imprese non avventurandosi nei mondi dei derivati, dei futures, delle scommesse finanziarie.  Sembra vedere Maranghi, defenestrato da Mediobanca nel 2003 perché “non faceva valore” perché non voleva sentir parlare di derivati ma al contrario voleva sapere dove andavano a finire i soldi degli altri che egli gestiva e tra l’altro si opponeva alle stock-option.

            Questa liberalizzazione delle regole che le banche dovrebbero seguire ha permesso loro di operare con un rapporto tra debito e capitale  di rischio (l’effetto leva) pari a 30-35:1. Ci si può quindi aspettare un aumento dell’asticella del Core Tier cioè della percentuale di capitale proprio rapportato all’indebitamento. Ciò significa maggior tranquillità per i depositanti ma creerà un maggior costo dei prestiti.  L’opposizione delle banche potrebbe essere pesante, ma non si può permettere loro di affidarsi sul fatto che praticamente non possono fallire perché sono “too big to fail” senza che aumenti il senso della loro responsabilità.

            Un altro elemento è quello di rendere meno conveniente la speculazione finanziaria  internazionale o incrementando la tassazione dei capital gains o introducendo la famosa Tobin tax. Qualcosa si sta movendo se  Adair Turner direttore dell’autorità per i servizi finanziari (Fsa) il principale organo di controllo del settore finanziario del Regno Unito, dichiara di ritenere che una tassa globale sulle transazioni finanziarie. La Tobin tax presenta molti aspetti positivi e poche controindicazioni. L’aliquota potrebbe essere bassissima lo 0.25% applicato a tutte le transazioni finanziarie. Un’imposta così bassa avrebbe tuttavia la capacità di uccidere all’istante il trading intraday ovvero quella valanga di transazioni effettuate in tempo reale per realizzare differenze anche minime tra differenti mercati. Malgrado l’esiguità del tasso il gettito sarebbe enorme: alcune stime degli introiti si aggirano sulle centinaia di miliardi di dollari l’anno. Certo verrebbe reso meno attraente “ una attività finanziaria la cui importanza sociale è dubbia, se non negativa, che tuttavia consuma risorse reali in termini di talenti umani, risorse informatiche e debito. Non ci sarebbe quindi da stracciarsi le vesti se dovessero passare a miglior vita” (Dani Rodrik Il Sole 24 ore 16/9/2009). Una approvazione preventiva dei prodotti finanziari da parte di nuovi o esistenti organismi regolatori sarebbe garanzia contro i titoli tossici che tanta parte hanno avuto nella crisi che stiamo vivendo. Risiede in questo capitolo la scelta da operare sul short-selling, ovvero sulla possibilità di vendite allo scoperto sospese a suo tempo ma a poco a poco reintrodotte nel mercato senza una visione generale e condivisa del problema.

            L’ultimo punto riguarda le regole contabili. Il principio generalmente accettato fino a quando sono entrati in vigore gli IAS, era quello della valutazione al “minore tra costo o mercato”, ovvero una attività (dai titoli finanziari alle rimanenze di magazzino) vanno valutate al costo ed eventualmente svalutate qualora il prezzo di mercato crollasse permanentemente al di sotto del valore di costo. L’euforia finanziaria dell’era della bolla speculativa ha mutato questo criterio passando al criterio del “fair value” ovvero valutare quelle attività al valore di mercato. Ma come noto (ossimoro del valore di mercato) in tempi di bolla è tutt’altro che fair e valutare ad un valore  tutt’altro che fair permette di esaltare otre ogni limite il financial leverage. Una delle cause della crisi giapponese degli anni 80 è stata quella di permettere alle banche di calcolare i prestiti concedibili come un multiplo del capitale cui si poteva aggiungere il valore di mercato di titoli detenuti (attenzione detenuti non venduti) cioè su valori virtuali. La revisione dei principi contabili permetterebbe di diminuire l’arbitrarietà dell’azione rischiosa delle banche.

            Da ultimo c’è l’elemento culturale; ovvero il riconoscimento del crollo di uno dei tre pilastri del modello globale che ha dominato la scena per almeno due decenni. “Il secondo pilastro, legato al convincimento che i mercati finanziari operassero al meglio senza interventi governativi riuscendo a ripartire in modo efficiente il capitale di investimento e il credito  tra i vari agenti economici, si è infranto contro il muro di opacità impenetrabile creato dalla complessità delle operazioni di ingegneria finanziaria che ne permetteva la manipolazione a piacere, ma che ha causato disastri in borsa rimediati a spese del portafoglio pubblico” (Robert Wade Le nuove ragioni del socialismo Settembre 2009).

            Concludiamo tuttavia ricordando che il disastro finanziario è un aspetto patologico della più profonda crisi del turbocapitalismo affetto dalla mala-distribuzione tra profitti e salari. Su questo fronte, purtroppo, da Pittsburgh non possiamo attenderci molto.

 Renato Gatti

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/socialismo/trackback.php?msg=7694031

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
franco bartolomei il 24/09/09 alle 07:32 via WEB
Hai fatto bene a ricordare le vere motivazioni della defenestrazione di MARANGHI da parte dei massimi dirigenti del sistema bancario italiano,PROFUMO,GERONZI,e PASSERA, con l'avvallo di PRODI . MARANGHI ,diretto erede ed interprete del ruolo di garante del nostro sistema finanziario precedentemente ricoperto da CUCCIA attraverso MEDIOBANCA,é stato fatto fuori dal suo ruolo chiave in quell'istituto perchè in quanto continuatore delle funzioni di controllo svolte da MEDIOBANCA rappresentava un serio ostacolo interno al sistema bancario allo sviluppo del nuovo sistema di relazioni finanziarie che hai efficacemente descritto nel tuo articolo.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra