Creato da: sagredo58 il 03/01/2011
fibrillazioni, tentazioni, emozioni, provocazioni, sensazioni, cazzeggi, per celebrare parola, significato e conoscenza

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 89
 

Ultime visite al Blog

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Monogamia – Ragione Prag...Monogamia - Sesso Giocos... »

Monogamia - Sesso Monogamo nella fase Patriarcale

Post n°8576 pubblicato il 08 Marzo 2018 da sagredo58
 

 

Solo successivamente, quindi meno di 15.000 anni fa, gli uomini, fino a quell'epoca, dominati nell'accoppiamento dalle donne matriarche, prendono coscienza dell'indispensabilità maschile per generare la prole.

 

Per questo gli uomini iniziano ad esercitare autorità sulle donne, sottomettendole, non solo ai fini sessuali, è finito il matriarcato, inizia il patriarcato preistorico.

 

Molte immagini rupestri risalenti a questo periodo patriarcale rappresentano l'unione sessuale:

  • con la donna di dimensioni proporzionate all'uomo;
  • con la donna posta, a gambe divaricate, sotto all'uomo;
  • ancora nella posizione faccia a faccia, ventro-ventrale, oggi la chiameremmo posizione alla "missionaria", praticata anche da qualche scimmia, come i gorilla;
  • con l'uomo che introduce nella vagina della donna un enorme pene eretto di forma conica.

 

Tutte queste immagini rupestri non sono pornografia preistorica, non suscitano eccitamento in chi le guarda, né lo scopo di chi le realizza è erotizzare.

Le immagini ingigantite dell'organo maschile eretto:

  • simboleggiano la potenza creatrice;
  • rappresentano buoni auspici, ad esse si attribuiscono virtù propiziatorie;
  • esprimono potere apotropaico, che serve ad allontanare o annullare influssi magici e maligni.

 

Il persistere della sottomissione sessuale della donna al potere maschile, in pieno patriarcato ormai storico, è documentata dalle raffigurazioni artistiche, prodotte tra il VI sec. a. C. ed il I sec. d.C. in cui:

  • ricompare nuovamente con notevole frequenza la posizione d'accoppiamento alla "pecorina", dorso-ventrale;
  • non più come rappresentazione dell'accoppiamento istintivo;
  • bensì per rappresentare l'asservimento femminile al soddisfacimento erotico maschile.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog